LA BERTINI IN VERSIONE COLOMBA, MILANO CON UNA GIACCA ALLA ZAGNOLI. BONI VORREBBE ESSERE NOMINATO PRIMA DI SCHIANCHI, MA INTANTO LO FA STIZZIRE…

I salotti delle Tv locali parmigiane: serata serena dopo la vittoria sul Genoa
MONICA BERTINI BAR SPORT 03 10 2011(gmajo) – Ritardo per ritardo comincerò con una gaffe di Cervi, la più bella di due settimane fa a Bar Sport, che colpevolmente avevo dimenticato nel precedente resoconto, come mi ha rimarcato l’attento Stefano Frigeri, suo malgrado ultimamente assurto agli onori delle cronache sulla stampa locale. Quelli del camper, il Cavallaio e Cavalca, direi una coppia equina, dopo aver abbassato le luci interne del proprio mezzo di trasporto-abitazione leggono un carme inviato da tal Benedetto Daolio. Dallo studio principale irrompe il bell’Antonio: “E’ di Bibbiano”, riferendosi all’indimenticato Fausto (Daolio), in una singolare fusione con il compagno di allora Michelangelo (Bendetto). Inutile sottolineare i momenti di grande ilarità nello studio. Tutto impegnato nella celebrazione di Vanni Zagnoli, cresciuto come animale televisivo, sette giorni fa mi ero scordato di questa chicca, qui riproposta colpevolmente solo ora. A proposito del Re dei Free Lance (sempre Wanny, of course): ieri, in suo onore, Giuseppe Milano ostentava una giacca azzurra da cerimonia, mentre, come hanno detto quei perfidi dalla roulotte la Bertini sembrava una Colomba, chiusa in un castigatissimo scamiciato bianco orientaleggiante (sotto i jeans). A Calcio & Calcio, subito fuoco e fiamme, col Saltimbanco (la miglior difesa è l’attacco, sapendo di essere in ambasce avendo fatto risorgere Colomba dopo la pantomima del boia, è partito in quarta) che ha chiesto ad Angella perché mai sono tre anni che presenta Schianchi prima di lui, quando la B (iniziale del suo cognome Boni), notoriamente, viene prima della S. “Cos’avrà mai Schianchi più di me?”. Già: cosa avrà mai? Continua all’interno

studio bar sport 03 10 2011“Zappando” (che è più bello di “zappingando”) di qua e di là, prima di cambiar canale e genere (non scordando le antiche origine di cronista di nera, mi sono a lungo soffermato sullo speciale in diretta di Rete 4 dedicato al ribaltamento della sentenza per l’omicidio di Meredith Kercher) ho fatto in tempo a cogliere qualche spunto. Verso fine pezzo saccheggerò gli abbondanti appunti mandatemi dal valoroso Lorenzo Fava, presidente del Boni Fan Club su Facebook, ieri ancora una volta tra gli ospiti della trasmissione di Teleducato. Su Tv Parma il tifoso ospite era Stefano Ramenzoni, guido schittone bar sportse non ricordo male di professione edicolante, già in passato frequentatore del Porta a Porta in salsa parmigian-calcistica. Egli nutre una non nascosta profonda avversione per Alberto Malesani. Se il buon Guido Schittone (appannaggio di Zagnoli, amante dei tabellini, gli dirò che il resto della formazione era: Giandebiaggi, Frigeri, Cervi, Piovani, Gallerani, oltre ad una poltrona vuota. Che aspettassero qualche tesserato del Parma? Dall’inizio della stagione è intervenuto dal vivo il solo Leonardi. A TD, invece, oltre ai soliti Boni, Schianchi e Caselli è tornata Chiara Andreoli, assente da un paio di turni e secondo quanto affermato da Angella, qualcuno avrebbe tentato di sottrargliela e il giornalista di parma.repubblica.it Francesco Nani, in questi giorni autore di servizi anche sul cartaceo nazionale sulle note vicende di Palazzo) ha tentato di sdoganare il poco amato tecnico delle tre bar sport 03 10 2011coppe, Ramenzoni, invece non ci è andato giù leggero, palesando senza remore tutta la propria idiosincrasia per lui. Il mio pensiero al riguardo l’ho già espresso più volte: dunque sottoscrivo quanto sostenuto da Schittone, una città per bene come la nostra dovrebbe evitare manifestazioni di dissenso smodate come michele gallerani bar sport 03 10 2011quelle riservate domenica al “Malo”. Egli, stando a Ramenzoni, avrebbe la colpa di scaricare sempre le colpe agli altri e non assumersi mai le proprie responsabilità. Gallerani, presente per buona parte del programma, nonostante dovesse essere alle 5.30 a Sky per iniziare il turno (e chi se ne frega), ha acceso ulteriormente la miccia dell’edicolante, chiedendogli: non ti pare che anche in questa conferenza stampa abbia scaricato le colpe sui suoi giocatori? Ma al di là di Malesani non si poteva non parlare di Giovinco e anche dai teleschermi di Tv Parma schittone milano frigeri bar sport 03 10 2011non si è taciuta una piccola polemica (o tiratina d’orecchi, per dirla con Milano) nei confronti dell’ufficio stampa della società per non aver concesso Giovinco agli organi di stampa locali, dopo la super prestazione con il Genoa, avendolo lasciato solo alla satellitare. Al che l’aziendalista Gallerani è intervenuto per chiarire che neppure Sky, al di là della flash interview, ha potuto intrattenersi con la Formica, e così è rimasto un mistero la spiegazione della sua curiosa esultanza. Semmai sarà l’ufficio stampa a farcelo sapere calcio e calcio numero smsper interposta persona, hanno chiosato a Bar Sport. Prima di mettere mano agli appunti di Lorenzo Fava per cerziorarvi sulla serata di Calcio & Calcio, ricordo pubblicamente a Giuseppe Milano che giace ancora insoluto un invito per Enzo Dallai, telespettatore di Tv Parma, nonché lettore di stadiotardini.com : se è stato sorteggiato Ramenzoni (o Marenzoni, come l’hanno chiamato dal Camper, un camper ieri sera desolatamente senza quota rosa) può essere che la Dea Fortuna si ricordi del buon ED. Debbo aggiungere, però, che schianchi andreoli boniRamenzoni-Marenzoni è stato finora l’ospite tifoso più loquace e meno timorato dal mezzo televisivo di quelli transitati da Bar Sport. Ed eccoci a Calcio & Calcio, con uno Schianchi che ieri ha talmente patito l’esuberanza di Boni da sbottare in diretta, (immaginarsi il fuori onda) perché questi aveva osato commentare il suo intervento appena terminato. Lo sai che non gradisco, se non vuoi che faccia scorrere il sangue… Addirittura! Quando la realtà supera la fiction. Debbo anche aggiungere che dopo quello “scazzo” l’atmosfera si è decisamente angella giavarinirasserenata, anche perché Boni, pur essendo un Saltimbanco, ha subito capito che non doveva eccedere. Certo se deve portar fuori qualcuno a cena preferisce la Giavarini che non il Roseo. Ma chi di noi (maschietti) farebbe diversamente? La questione è saltata fuori perché il Saltimbanco ha costruito una metafora per inquadrare Floccari: “Tra una ragazza simpatica e una bona, scusatemi il termine, preferisco quella bona. E ogni riferimento all’Alessandra Giavarini è puramente voluto. Perché la Giavarini è bona. Schianchi, invece, mi è simpatico”. Chiara Andreoli, in versione Calimero, ha chiesto al Profeta: “Comunque, seriamente, io non capisco perché Enrico non vuole venire a cena con me”. E dire che proprio ieri Boni, visto che si sono trovati d’accordo nella definizione (un po’ iperbolica) di Giovinco miglior giocatore d’Europaandreoli calcio e calcio 03 10 2011, l’ha fatta uscire dalla cucina dove l’aveva cacciata diverse trasmissioni fa, perché le donne devono star lì a far degli anolini e non parlar di calcio. A proposito dell’ottimo momento del n.10 crociato Schianchi ha affermato: “Secondo me, almeno una delle due partita, valevoli per la qualificazioni agli Europei, Giovinco la può fare da titolare. Prandelli ha voluto elogiarlo in conferenza stampa per le grandissime cose che sta facendo a Parma, dove ha potuto (ri)costruirsi una carriere e un futuro. Al momento, in Italia, ci sono solo 2 boni 03 10 2011 calcio e calciogiocatori che potresti prendere e portare ad occhi chiusi al Barcellona: Giovinco e Pirlo”. Boni ha sparato la boma (atomica) di mercato: “E’ il migliore giocatore d’Europa ed è sul taccuino di Manchester City, Chelsea e Real Madrid. Bisogna fare nuovamente i complimenti al Direttore e al Presidente che hanno trattenuto a Parma un Fuoriclasse (con la F maiuscola)”. Schianchi non ha avuto remore a definire lorenzo fava negli studi di calcio e calcio 03 10 2011quella di poco fa una “leccata”. Ma Enrico contro tutti è un pungiball… Lorenzo Fava ha provato a sottolineare che le prestazioni del Parma senza la “Formica Atomica” scadono e che il gioco crociato dipende dall’estro del trequartista, ma il prof. Schianchi lo ha frenato chiedendogli se forse il Milan è Ibrahimovic dipendente. Sul tema “Trionfo Parma: è vera gloria?”, il giornalista di Repubblica Nani ha affermato: “Dipende sempre dall’avversario che ti trovi davanti, perché a Torino la Juventus ha praticamente annichilito il Parma. Il Parma dovrà giocare alla morte tutte le domeniche”. lo studio di calcio e calcio 03 10 2011Matteo Caselli, invece: “Era il Parma che ci aspettavamo nelle prima partite: la differenza l’ha fatta lo spirito visto in campo, mancato nelle prime gare”. Il consigliere comunale si è ricreduto su Morrone, autore del temporaneo 3-0. Boni ha aggiunto: “Il capitano è poco appariscente, ma è una colonna portante di questo Parma!” A proposito di centrocampo, altro tema in scaletta era: “Sorpresa Jadid, mistero Galloppa”. Per Schianchi il succo del discorso è “Gioca chi merita e chi è più in forma”, ma ovviamente Boni non la pensava enrico boni nello studio di calcio e calcio 03 10 2011allo stesso modo: “Jadid pur essendo un rappresentante di un Paese, quale il Marocco, che io amo, è un umile giocatore sulla soglia dei 30 anni, mentre Galloppa è un capitale del club”. Lorenzo Fava: “Premetto che la mia non vuole essere una critica alle operazioni mercatali estive: il Parma aveva in mano due registi come Cigarini e D’Agostino che per svariati motivi (probabilmente di natura ANDREA SCHIANCHI NEGLI STUDI DI CALCIO E CALCIO 03 10 2011economica, come Schianchi ha fatto notare) non sono stati acquistati. Ora ci ritroviamo con un buon Jadid, che nel ruolo di regista può dare quelle geometrie e quelle verticalizzazioni che al Parma mancavano. Ma attenzione perché il caso Galloppa potrebbe presentarsi: piuttosto studierei un modulo – vedi centrocampo a 3 – che sia congeniale alle qualità del biondo centrocampista romano”. CHIARA ANDREOLI NEGLI STUDI DI CALCIO E CALCIO 03 10 2011Chiara Andreoli: “Merito a Colomba che ha portato una modifica a centrocampo, e cambiare è segno di intelligenza. Galloppa, che per me è un titolare della squadra, troverà spazio non appena avrà ritrovato la giusta condizione che gli è mancata nelle prime uscite: la qualità del giocatore non è in discussione”. Altro argomento: “Ora la sosta … che peccato!” Enrico Boni ha proposto una studio calcio e calcio 03 10 2011trasferta per una amichevole internazionale o in Albania o in Grecia o in Serbia, per non staccare la spina dal momento che – e la scorsa stagione insegna – il Parma ci ha abituati a dei clamorosi cali di tensione”. L’Enrico Boni Fans Club ha quindi invitato tutti i tifosi a votare nel sondaggio di Tutto Mercato Web, Pietro Leonardi quale migliore DS della serie A. Come ha specificato Fava nonostante Leonardi sia l’Amministratore Delegato del Parma, in pratica è pure il Direttore Sportivo. In studio, oltre ai rappresentanti del Parma Club Millenium, c’era l’arzillo telespettatore Enrico da Noceto, ex  addetto ai lavori della squadra del suo Paese (oggi in 1° categoria), che ha festeggiato in diretta il suo 75° compleanno. Gabriele Majo (ha collaborato Lorenzo Fava)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

9 pensieri riguardo “LA BERTINI IN VERSIONE COLOMBA, MILANO CON UNA GIACCA ALLA ZAGNOLI. BONI VORREBBE ESSERE NOMINATO PRIMA DI SCHIANCHI, MA INTANTO LO FA STIZZIRE…

  • 5 Ottobre 2011 in 11:39
    Permalink

    Buongiorno sig.Majo.
    Sono ben cosciente che questo non sarà un intervento "consueto" ma visto che lei stesso ha introdotto l'argomento "Omicidio Meredith"(molto interessante il link che Lei a postato) volevo chiedere a Lei un parere.
    Secondo me, al di là delle prove, una visione "psicologica" dell'accaduto mi pare chiaro che i due "ragazzi" l'abbiano fatta franca.
    D'accordo tutte le perizie, ma a me sembra strano che una persona vada in giro con un coltello di quelle dimensioni così, a caso, e poi si lo fa trovare a casa dagli investigatori.
    Poi: il giorno dopo la morte di una "tua grandissima amica" non vai in centro a fare shopping come se nulla fosse.
    Mah, io rimango allibito di fronte all'incompetenza della giustizia italiana.
    Scusi l'escursione in un campo non calcistico, ma volevo il suo autorevole parere.
    Saluti.

  • 5 Ottobre 2011 in 12:04
    Permalink

    indosso giacche quasi esclusivamente in tv, non amo le scure da televisione, appunto. Nè i vestiti interi e allora le ho colorate: rosso-arancione piacenza, azzurro, azzurrino a righe (in tv quasi bianco); rosa; verdino; nocciola chiaro. non lavorando in redazione, ma a casa, con mia moglie, mentre lavoro non sono mai attento al look

  • 5 Ottobre 2011 in 13:23
    Permalink

    Majo nuovo comandate dei RIS….. (ormai questo blog sta diventando una barzelletta…)

  • 5 Ottobre 2011 in 15:11
    Permalink

    Non sono d'accordo con l'anonimo delle 14.23: evidentemente non avete capito lo spirito e il taglio che viene dato a questo blog.
    E si ricorda che nomi & cognomi sono sempre graditi, soprattutto in caso di critica!
    Gabriele, bel montaggio e bel pezzo!
    Un saluto da Lorenzo Fava (che, se non avesse avuto l'ora buca di latino occupata dalla supplenza di italiano – così giustamente la sua classe si è assorbita tre ore consecutive di Dante e Letteratura conquecentesca -, avebbe scritto dal computer della sua scuola!).

  • 5 Ottobre 2011 in 20:57
    Permalink

    ma zagnoli commenta sempre tutto quel che lo riguarda in stile grande fratello?!?!? si prendesse meno sul serio su. chissenefrega di comedovequandoperchèconchi indossa i suoi abiti

  • 5 Ottobre 2011 in 23:02
    Permalink

    Mi scuso con Roger per il ritardo con cui rispondo alla sua gentile richiesta. Più rapido di me è stato l'anonimo che ha ironizzato definendomi comandante dei Ris, cui ha replicato, preso dal suo entusiasmo giovanile l'ottimo Lorenzo Fava. Non ti curar di queste provocazioni, Lorenzo, lascia correre. L'invidia (non si capisce per altro per cosa) partorisce di questi frutti, ma nuetor tirema in ans. Ed eccomi alla questione Meredith, caro Roger. Faccio mia la considerazione di un collega incontrato ieri mattina in Tribunale, secondo cui la differenza tra il primo e il secondo grado di giudizio sta negli avvocati. L'aver preso degli avvocati di grido (e io mi permetto di aggiungere anche quell'enorme aula di tribunale anomala che è la platea televisiva e dei media) è all'origine del capovolgimento della sentenza con l'assoluzione per non aver commesso il fatto per Amanda Knox e Raffaele Sollecito. L'attento collega, più avvezzo di me alla giudiziaria, sottolineava, poi, l'assurdo per cui l'ivoriano Rudy Guede si era beccato 16 anni per concorso in omicidio. Sì, ma in concorso con chi? E lui si è beccato in pratica un mezzo ergastolo, poiché l'avvocato d'ufficio (evidentemente non poteva permettersi come i due principali accusati di ricorrere a quotati principi del foro) gli aveva consigliato il rito abbreviato per limitare i danni. Che dire? Ho sempre avuto la convinzione che i tribunali potessero accertare la verità processuale, non la verità reale: di qui le differenze anche abissali di giudizio. Cordialmente Gmajo

  • 6 Ottobre 2011 in 10:24
    Permalink

    dopo questo, che ha dell'incredibile e getta un'ombra inquietante sulla personalità del blogger…., ci aspettiamo il suo autorevole parere anche sulla teoria quantistica o sui crop circle o, perchè no, la rivelazione al mondo intero del terzo segreto di Fatima….
    GM santo subito!!
    ps: ma se crede, possiamo accontentarci della sua verità sul delitto Rea o su quello di Avetrana…

  • 6 Ottobre 2011 in 23:41
    Permalink

    Ha dell'incredibile che uno educatamente risponda ad una domanda di un proprio lettore? Dove sta scritto che il sottoscritto non possa avere una opinione anche di argomenti extra sportivi? L'ombra inquietante sul blogger da cosa sarebbe gettata? Boh… Forse è meglio dormici su… Gmajo

  • 7 Ottobre 2011 in 08:30
    Permalink

    Buongiorno sig. Majo.
    Innanzitutto grazie per la risposta, che mi è stata utile per considerare un altro punto di vista sulla vicenda, leggermente diverso dal mio.
    Inoltra vorrei far presente ai provocatori come il sig.Majo ha dato "risalto" alla notizia con sole quattro righe ed un link, all'interno di un articolo inerente il Parma calcio.
    Quindi sig. Majo le volevo dire che per ogni provocatore ci sono quattro o cinque persone(se non di più…)che apprezzano il suo lavoro.
    Quindi, non si curi di loro, ma vada pure avanti così.
    Saluti.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI