35° SPORT CIVILTA’ / LO “JUVENTINO” GHIRARDI HA PREMIATO ANDREA AGNELLI. UNA TARGA ANCHE ALL’ASSENTE JOHN ELKANN

E’ stato il presidente del Parma a consegnare l’ambito riconoscimento, categoria “Sport & Lavoro” al coetaneo collega bianconero, il quale ha motivato il discusso addio a Del Piero (“Siamo una Spa quotata in borsa: era giusto rendergli onore dinnanzi all’Assemblea degli Azionisti”) ricordando tra l’altro una sua tripletta proprio al Parma (“Dopo uno di questi gol invece di esultare personalmente indicò chi gli aveva fatto l’assist”) – LE FOTO DI FRANCO SACCO’ (ARCHIMMAGINE)

Foto-02-DSC_9126(gmajo) – E’ stato il presidente del Parma Tommaso Ghirardi, che non ha mai nascosto il suo giovanile tifo per la Juventus, a consegnare il premio Sport Civiltà, categoria Sport e Lavoro al coetaneo (sono entrambi classe ’75) collega bianconero Andrea Agnelli. “Sono felice – ha detto l’emozionato Tom, non appena salito sul palco del Regiodi poter premiare il rappresentante di una delle famiglie più importanti d’Italia e del mondo. Per me è un onore consegnargli questo riconoscimento ed essere qui al suo fianco”. Pochi istanti prima, di ritorno da Roma, reduce dalla lezione tenuta al decimo Master in Sport Management dell’Università di Tor Vergata, aveva preso posto al suo fianco, in platea, l’AD Pietro Leonardi. Con loro anche il team manager Alessandro Melli e il responsabile delle relazioni esterne ed istituzionali Mirco Levati. Andrea Agnelli, la cui nomination aveva già fatto un po’ storcere il naso a diversi tifosi crociati, nel tessere l’elogio dell’uomo  Del Piero – dopo che il presentatore Massimo De Luca gli aveva offerto l’opportunità di meglio chiarire i termini del discusso preannunciato addio a fine stagione della bandiera bianconera – ha infilato loro un po’ il dito nella piaga, ricordando sì un bel gesto (degno del premio Sport Civiltà…) del fu Pinturicchio, ma effettuato in occasione della sua prima tripletta in carriera, proprio al Parma: “Invece di esultare indicò chi gli aveva dato l’assist. E la cosa la dice lunga su che tipo di campione sia Del Piero”.

Continua la lettura all’interno

Foto-03-DSC_9127La maggiore attenzione dei cronisti, un buon numero dei quali avrebbe lasciato il Regio proprio appena terminata la premiazione di Agnelli (cioè praticamente a inizio serata, dal momento che dopo i due premi giornalistici a Paolo Garimberti, presidente Rai e Alessandro Vocalelli, direttore Corriere dello Sport Stadio, era toccato appunto a lui) è stata catturata dalla questione Del Piero: “Noi eravamo già d’accordo – ha spiegato il numero uno bianoconero – che quello firmato lo scorso anno fosse il suo ultimo contratto con la Juventus e la mia unica volontà era regalargli il miglior tributo possibile. Noi siamo una Spa quotata in borsa ed era giusto rendergli onore dinnanzi all’Assemblea dei Soci”.

Foto-06-DSC_9134Rompendo per la prima volta il proprio cerimoniale dopo 35 anni un premio Sport Civiltà è andato pure ad un assente: John Elkann. Il premio Sport e Lavoro, infatti, era stato assegnato (pare dopo il decisivo suggerimento del Vicepresidente Evelina Christillin, in sede di designazione, nonostante le perplessità di alcuni giurati; la top manager ha premiato come Dirigente Luca Pancalli della CIP) ad entrambi i cugini, ma a ritirarlo era presente solo il presidente della Juventus, ma non quello della Fiat, Foto-07-DSC_9136probabilmente con grande delusione di quel bambino che aveva chiesto di lui a Massimo De Luca, il quale ha raccontato sul palco l’aneddoto: “Di solito ti chiedono di un calciatore, di un atleta, non avrei mai pensato che un ragazzino mi venisse a chiedere di Elkann”. Assente, in una edizione in cui il ciclismo l’ha fatta da padrone (con il cannibale Eddy Merckx seduto allo stesso tavolo con con l’ex compagno di squadra Vittorio Adorni, presidente di Giuria di Sport Civiltà e l’intera dinastia Moser, Aldo, Diego, Francesco, Moreno ed Ignazio, e sul palco due biciclette originali degli atleti) il corridore Mark Cavendish, cui sarebbe stato assegnato un Premio Atleta dell’Anno. Regolarmente consegnati gli altri due alla Nazionale Maschile di Pallanuoto, rappresentata dal gigantesco capitano Stefano Tempesti e a Paolo Pizzo (scherma), capace di sconfiggere un tumore al cervello diagnosticatogli all’età di 13 anni. A proposito di malattie: il premio Sport Solidarietà è andato alla Fondazione Stefano Borgonovo, rappresentata dalla moglie dell’ex attaccante colpito dalla SLA Chantal (non c’era la figlia Alessandra, protagonista di una clip). Toccante, poco prima, l’ascolto dell’audio originale dell’addio di Lou Gehrig allo Yankee Stadium, colpito dalla stessa malattia (almeno così si crede, anche se ultimamente si ipotizza una malattia con sintomi simili quale causa della sua prematura scomparsa). Del mondo del calcio premiato anche Roberto Boninsegna (categoria Ambasciatori dello Sport): a dargli la targa il Vescovo di Parma mons. Enrico Solmi, di fede interista (calcisticamente parlando, si intende), che ha pubblicamente ammesso di essere un suo fan. Il nostrano premio Ercole Negri è stato consegnato al “maniaco” Paolo Bucci, ultramaratona, che dicono si possa incontrare in allenamento non solo nei parchi come la Cittadella, ma anchee nei borghi del centro storico di Parma soprattutto a Luglio con 40°. Chi mi ha colpito di più per la sua vitalità e non solo è stata Celina Seghi (premio Benemerenza Sportiva) che un filmato Luce ci ha mostrato vincitrice di un Mondiale di sci femminile (anche se poi non convalidato poiché a causa della guerra mancavano diverse Nazioni) nel lontano 1941, cioè 70 anni fa. Perché Celina di anni ne ha ben 91, anche se ne dimostra una buona trentina in meno. Tuttora scia, e anche recentemente si è permessa di battere un certo Kristian GhedinaCome ci ha raccontato nella video intervista esclusiva che ci ha rilasciato il nuovo acquisto del premio  Sport Civiltà il regista, anzi io lo definirei direttore artistico, Marco Caronna, Celina si è emozionata per la coreografia a lei dedicata dai Kataklò che ha preceduto il suo ingresso sul palco. Le performance artistiche della vocalist Jenny B e del maestro Davide Carmarino al pianoforte hanno contribuito al successo della edizione n. 35 del prestigioso premio internazionale organizzato dalla sezione di Parma dei Veterani dello Sport, aperta con la gioia di tanti bambini saliti sul palco e chiusa con l’Inno Nazionale eseguito dalla Corale Verdi. Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

6 pensieri riguardo “35° SPORT CIVILTA’ / LO “JUVENTINO” GHIRARDI HA PREMIATO ANDREA AGNELLI. UNA TARGA ANCHE ALL’ASSENTE JOHN ELKANN

  • 16 Novembre 2011 in 08:29
    Permalink

    non vi è molto da commentare, c'è solo da vergognarsi. Un presidente così " leccapiedi" nei confronti della juventus ( ma avrebbe potuto essere anche il Milan o l'Inter) mi fa provare solo vergogna. Caro sig.Majo se può faccia vedere al sig.Ghirardi qualche foto di Ernesto Ceresini e gli spieghi chi era, perchè dubito che lo sappia. Non sarà stato un santo, ma certe figure non le avrebbe mai fatte. Questo sicuramente non è il mio presidente!!!
    Temilaluce

  • 16 Novembre 2011 in 13:22
    Permalink

    Gentile Temilaluce, onestamente il suo sdegno mi pare un po' esagerato: spero di non averla tratta in inganno io col titolo, laddove facevo riferimento alla mai nascosta juventinità di Ghirardi, tuttavia "Tom", come è amabilmente chiamato dai giornalisti più in confidenza con lui, sul palco del Regio non si era mostrato visibilmente emozionato perché stava per premiare il presidente della sua squadra del cuore di quando era ragazzino (e ancora, forse, doveva essere affascinato da Asprilla & C quando era a Parma per gli studi universitari), quanto perché al cospetto di un discendente di una grande famiglia di imprenditori che lui ammira (leggendo il testo all'interno si trova la frase). Un qualcosa del genere lo avevo documentato quando era stato ricevuto, con la famiglia e tutto il Parma Fc a Pedrignano dai Barilla. Non c'entrano nulla, dunque, la fede calcistica, e questo è corretto spiegarlo al fine di attutire la sua invocata vergogna. Lei, poi, dice di spiegargli chi è Ceresini: temo di non essere la persona più giusta, ma in Società c'è chi eventualmente potrà supplire, avendo studiato la storia del Parma e in parte vissuta personalmente. Ma chi sia Ceresini Ghirardi lo sa bene. Per lo meno chi sono i suoi figli. Soprattutto chi aveva avuto anni prima, sia pure per un breve periodo, la stessa carica che sta occupando lui adesso. Cordialmente Gmajo

  • 16 Novembre 2011 in 15:28
    Permalink

    no, sig.Majo sono state le parole da lei riportate a farmi provare vergogna. Onestamente trovo differente la storia dei barilla con quella degli agnelli, ma cosa vuole, io mi posso basare solo su ciò che si legge in giro.
    Così come trovo " ridicolo" questo genere di premi, ma sa io sono un po' anziano e tendo ad essere sclerotico.
    Ora però, mi dica lei, se il Sig.Ghirardi sta facendo bene a Parma. Se ha provato ad integrarsi nella città, a prendere un caffè in piazza con le persone nostrane. Secondo lei, ha cercato di capire cosa vogliono davvero i parmigiani? Io qualche dubbio lo nutro e lei?
    temilaluce

  • 16 Novembre 2011 in 15:48
    Permalink

    Diciamo che io avrei seguito differenti strategie, caro Temilaluce, rispetto a quelle del Pres e dei suoi consiglieri. Ma io non sono mai stato particolarmente altolocato, quanto piuttosto vicino alla base. E nei rapporti (come in tutte le cose) mi piace essere non solo superficiale, ma scendere in profondità, fin quando riesco a respirare in apnea. A me piacerebbe che Ghirardi, che ha di recente definito il Tardini quale il miglior stadio d'Italia dopo il New Delle Alpi, facesse un giro al di fuori degli spazi dell'Upper Class che sono indubbiamente ben curati. Mi piacerebbe visitasse la "povera" TCE e ogni tanto scendesse anche nei meandri della Nord, così per valutare bene di persona, con il suo occhio, certe situazioni. Per contro, però, diventa difficile che possa capire cosa vogliano davvero i parmigiani, perché è difficile sintetizzarlo in opere ed azioni che vadano in effetti bene a tutti. Certo Guidolin aveva saputo approcciarsi a questa realtà molto bene, nonostante un carattere molto meno solare rispetto a quello di Ghirardi (o di Leonardi). Cordialmente Gmajo

  • 16 Novembre 2011 in 16:50
    Permalink

    guardi basterebbe poco secondo me:
    Trasparenza verso i tifosi, meno proclami altisonanti e la squadra più vicina alla gente. Lei ha citato Guidolin, il quale in un momento di difficoltà, ha portato la squadra a riallenarsi in cittadella, cosa mai andata giù alla dirigenza. Quando il presidente parla del parma di scala, dovrebbe valutare queste cose. Non dico che bisogna andare a fare allenamento li, ma magari una volta ogni tanto in primavera… così come le amichevoli del giovedì a mio parere andrebbero fatte nei campi di provincia, per avvicinare le persone al parma ( o viceversa?)
    La ringrazio per la cortesia delle sue risposte e non le rubo ulteriore spazio
    Temilaluce

  • 16 Novembre 2011 in 17:51
    Permalink

    Gentile Temiluce, non si preoccupi per lo spazio perché non è certo rubato, sia per il suo modo garbato di esprimersi, sia per le argomentazioni che adduce meritevoli di riflessione.
    Io credo che il Vecchio Parma Anni 90 andrebbe lasciato stare, perché si tratta di due epoche del tutto differenti e non andrebbe continuamente tirato a mano. Poi che un certo spirito si possa emulare è anche vero, ma ogni epoca dovrebbe avere una propria caratterizzazione. Allora – come scrisse tempo fa febbredacalcio, se non mi ricordo male – si arrivava dall'entusiasmo di una prima promozione, adesso, invece, siamo nel pieno della decadenza del pallone (parlo in ambito nazionale). Riprovare lo stesso spirito diventa difficile.
    Sui proclami altisonanti sono d'accordo con lei: ad esempio la gestione dell'addio a Guidolin con le fanfare a favore del calcio propositivo si sono rivelate un clamoroso autogol comunicazionale e non solo, dopo il conclamato fallimento di Marino. E dopo la gara con il Milan s'è sviluppato tutto quel can can sulla mentalità che puzzava lontano miglia di delegittimazione dell'attuale allenatore, proprio come dopo Inter-Parma a San Siro del settembre 2009.
    Non so se basti ripetere l'operazione Cittadella per essere più vicini alla gente, specie se non fatto spontaneamente ma ad arte o dietro richiesta.
    Della trasparenza verso i tifosi ho sempre fatto un cavallo di battaglia, da una parte o l'altra della barricata (brutta espressione, poiché sarebbe meglio che di barricate non ce ne fossero), quindi mi trovo pienamente d'accordo con il suo auspicio. Cordialmente Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI