DIVAGAZIONI DOMENICALI / MICHELOTTI, COMMOSSO E ARRABBIATO PER IL SUO OSPEDALE VECCHIO

Il Cor crozè oltretorrentino ieri ha partecipato sotto i portici di vecchia D’Azeglio alla manifestazione spontanea organizzata dall’ “Ambulatorio dell’Ospedale vecchio”

(gmajo) – D’accordo, questo blog quotidiano si chiama stadiotardini.com e non ospedalevecchio.com (magari vedrò di depositarlo…), tuttavia, soprattutto alla domenica, abbiamo abituato i nostri lettori a qualche divagazione culturale o su altri argomenti degni di nota, e così questa domenica abbiamo deciso di occuparci dell’Ospedale Vecchio di Parma, “raro esempio di architettura ospedaliera”, come scrive Wikipedia, “molto amato dalla popolazione cittadina per i servizi umanitari che ha dispensato nei secoli e tuttora per gli enti culturali che ospita, dagli archivi alle biblioteche, ai circoli”. Ancor oggi “simbolo di positive energie politiche, religiose e popolari” quale “sede di numerose istituzioni culturali tra cui l’Archivio di stato, l’Archivio storico comunale, la Biblioteca Civica, la Biblioteca Bizzozero, l’Emeroteca comunale, la Biblioteca Balestrazzi e la Videoteca comunale” e noi aggiungiamo anche il Circolo Aquila Longhi, quello di Corradone Marvasi, dove oggi pomeriggio ci recheremo a seguire la partita Cagliari-Parma. Ieri, infatti, l’“Ambulatorio dell’Ospedale Vecchio” ha dato vita ad una manifestazione spontanea per invitare la cittadinanza a riflettere sul futuro del monumento, offrendo un the ai passanti desiderosi di informarsi o di ascoltare racconti sulla vita nel quartiere di neppure non tanto tempo fa. Storie di vite meravigliose come quella di Alberto Michelotti, oltretorrentino simbolo, che ieri sotto i portici di via D’Azeglio abbiamo visto commosso e arrabbiato.

Continua la lettura all’interno

DSC04562Commosso e arrabbiato perché lui, più che ottuagenario forzatamente autodidatta – come ha detto nel suo intervento che abbiamo filmato e come ci ha spiegato pure nell’intervista che ci ha concesso pochi minuti dopo – aveva appena finito di ascoltare due minorenni, studenti del Liceo Classico Romagnosi, Cecilia Ferrarini ed Emilio Parmigiani della consulta provinciale degli studenti che leggevano un testo in cui rivendicavano assieme al diritto allo studio e alla possibilità di acculturarsi senza che venga favorita la scuola privata a quella pubblica, che “questa struttura venisse conservata, in modo da ridare lustro a uno dei centri della memoria storica più importanti di questa città… Vogliamo ricordare a tutti la necessità di avere un luogo d’incontro sano, che serva di confronto e che oltre ad accoglierci ci fornisca un’ulteriore opportunità per avvicinarci al sapere e alla storia”.  (A fine articolo pubblichiamo la trascrizione integrale del loro intervento)

 

DSC04563Due ragazzi, magari cresciuti con quegli ideali che avevano spinto tanti anni fa Cristina Quintavalla, la Pasionaria, a fare la lenzuolata all’epoca dello scandalo edilizio che fece tremare Parma 35 anni fa, per via di quelle stesse problematiche emerse due decenni dopo a livello nazionale con Tangentopoli. Cristina Quintavalla c’era questa estate con gli “Indignados” sotto i portici del Municipio, alle prime scosse del terremoto che avrebbe abbattuto la Giunta Vignali, e c’era pure ieri a sostegno dell’Ospedale Vecchio.

A coordinare la giornata pro Ospedale Vecchio un Pippo Baudo di noialtri, come si è autodefinito Andrea Mora del movimento “Leggere tra le ruspe”, il quale ci ha spiegato le finalità  e come l’Oltretorrente ha accolto l’iniziativa dell’Ambulatorio dell’Ospedale Vecchio, in collaborazione con “Il Muro”, il “Laboratorio politico per l’alternativa”, e “Linux User Group Parma”.

 

 

Archimmagine -007Non solo il senso civico per la salvaguardia di un’altra storica vestigia del passato (come lo è lo Stadio Tardini, del resto), o la vista delle rabbiose lacrime di Michelotti, o il pensiero di quegli stanzoni dove l’Aquila Longhi di Corradone  tiene alto assieme al nome del Parma quello della parmigianità: perdonatemi la consueta autoreferenzialità, ma all’Ospedale Vecchio sono legato anche da una storia personale datata 1981, 30 anni fa, quando, esattamente sotto quei portici di Via D’Azeglio dove oggi l’Ambulatorio dell’Ospedale Vecchio ha dato vita a questa manifestazione sorta dalla base, al civico 45/L aveva sede la mitica Radio Pilotta-Eco Radio, mitica emittente radiofonica nata dalla pazzia del sottoscritto assecondata da Carlo Drapchind (il primo direttore di Radio Parma, prima radio libera italiana) che accettò non solo di firmare la testata giornalistica necessaria per operare, ma anche di finanziare l’impresa mettendoci DSC04565anche delle risorse economiche e trovandoci, grazie ai buoni uffici con il PSI quelle tre quattro stanze (più che fatiscenti) proprio nel ventre dell’Ospedale Vecchio. Lì con altri terribili adolescenti – Marco Gabbi, Massimo Ferrari e Andrea Campanini (purtroppo scomparso circa dieci anni fa nella tragedia di Linate), Giorgio Fainardi, Stefano Delfini, Giorgio Rocca, Los Tarantellos, Emilia Loiacono, Amelia non ricordo più il cognome ed alcuni altri, oltre ad adulti come l’elettricista Rolando Bersellini e la signora Milly Bay – trovarono libero sfogo le nostre prime velleità giornalistico-radiofoniche-imprenditoriali. Della ristrutturazione, se così la si poteva chiamare, ce ne occupammo proprio noi ragazzi, che cercammo di pulire i locali alla bene meglio arrivando perfino a pitturare le mura, compresa quelle nella parte esterna, proprio lì, dove oggi DSC04570erano state messe le seggiole e dove era stata data vita all’iniziativa pro Ospedale Vecchio. Nella stessa struttura, nel cortile della biblioteca comunale e della emeroteca, aveva sede anche un’altra emittente Radio Bella – vicina al PCI – della quale era una punta di diamante Pietro Adrasto Ferraguti, l’odierno direttore di Teleducato, che all’epoca portava ancora un eskimo addosso. Ricordo che su quelle mura, per una questione di interferenze credo, comparve una minacciosa scritta “MAJO ATTENTO” vergata con spray nero proprio su quelle mura giallo Parma appena ridipinte. La DSC04567pasticceria Cecè, gestita dagli attuali titolari della D’Azeglio, aveva il laboratorio e il punto vendita proprio lì di fronte, e alla sera portavano, per la gioia di chi trasmetteva a quell’ora, le paste invendute. Oggi al suo posto c’è un moderno pub preso d’assalto dai giovani frequentatori della movida che hanno trovato un ulteriore fonte cui abbeverarsi. Quante dirette, quanti giornali radio, quanti programmi sperimentali in diretta uscirono da quelle stanze: ricordo, ad esempio, la nostra simulazione di collegamenti da Roma per DSC04568l’attentato a papa Giovanni Paolo II. Andrea Campanini, che era a casa sua, faceva finta di essere nella capitale e io – perfido – dallo studio lo stuzzicavo con domande che avrebbero potuto metterlo in difficoltà, ma lui ci saltava sempre fuori, creando veramente nell’ascoltatore la sensazione che fosse effettivamente sul posto. Indubbiamente fu una grande palestra professionale: del resto gli storici grandi radio telecronisti della Rai si forgiarono inventando di sana pianta fantasiose descrizioni di parate militari. Storie di 30 anni fa che mi sono tornate in mente, vedendo ieri quel manipolo di persone a difesa di questo “simbolo di positive energie politiche, religiose e popolari”, bisognoso, certo, di essere riqualificato, ma nel pieno rispetto di quella che è stata la sua storia e della sua vocazione rimasta immutata nel tempo. Gabriele Majo

 

INTERVENTO PRO OSPEDALE VECCHIO DI CECILIA FERRARINI ED EMILIO PARMIGIANI (LICEO CLASSICO ROMAGNOSI) DELLA CONSULTA PROVINCIALE DEGLI STUDENTI

DSC04569“Sono entrato per la prima volta in questo edificio in quinta elementare. La mia maestra Leda, particolarmente sensibile e attenta alla nostra formazione di giovani studenti, ci aveva portato in visita a questo archivio per una ricerca sui documenti inerenti la storia della famiglia Farnese a Parma. Di quella visita mi ricordo il mio stupore davanti a quegli scaffali colmi di documenti e la mia curiosità di bambino che per la prima volta partecipava attivamente ad un’attività che ci vedeva protagonisti come piccoli storici tra pergamene antiche, indici e bolle papali.

Oggi, il mio stupore di allora si è mutato prima in disappunto e poi in rifiuto per questa decisione voluta dalla passata amministrazione comunale che vorrebbe trasformare questo edificio storico e pubblico, già Ospedale Vecchio, in una struttura privata perlomeno al 50%. Oltretutto questa scelta capita in un momento storico particolare: noi giovani, privati del nostro futuro e di prospettive di lavoro da una crisi che non abbiamo certamente creato noi, ma da scelte scellerate che non hanno tenuto conto dei nostri diritti e dei nostri bisogni di futuri cittadini, ci vediamo privati anche di quello che per noi rappresenta uno dei valori fondamentali che stanno alla base di una società civile e democratica, la cultura e la storia della nostra città.

DSC04573E’ importante oggi essere qui a testimoniare che l’accesso al sapere e all’istruzione pubblica siano garantiti a tutti e che il sapere non diventi elitario, in una situazione per la scuola e la ricerca già tanto difficile.

Noi consulta provinciale degli studenti crediamo che non sia mai sufficiente ribadirlo e che si debba continuare a far sentire la nostra voce per rivendicare questo nostro diritto. Noi siamo contro la sperequazione nell’accesso alla cultura, non vogliamo che sia favorita la scuola privata a scapito di quella pubblica. Preferiremmo quindi che questa struttura venisse conservata, in modo da ridare lustro a uno dei centri della memoria storica più importanti di questa città. Per quanto riguarda invece la biblioteca civica, vogliamo ricordare a tutti la necessità di avere un luogo d’incontro sano, che serva di confronto e che oltre ad accoglierci ci fornisca un ulteriore opportunità per avvicinarci al sapere e alla storia; noi giovani dobbiamo avere la possiibilità di studiare senza subire discriminazioni da parte di privati o DSC04572amministratori che più che fare l’interesse dei propri cittadini spesso pensano solo a riempire le proprie tasche e a sprecare denaro pubblico. La vecchia amministrazione comunale ha perseguito quel vecchio vizio italiano della cultura dell’evento, spendendo centinaia di migliaia di euro per un festival e per un bar invece di acquistare nuovi volumi o creare migliori opportunità di incontro e approfondimento culturale per noi giovani. Non annientiamo la storia della nostra città, conserviamo questo edificio e la sua destinazione pubblica; la storia non va cancellata, senza conoscere il passato non avremo mai un futuro, la storia è maestra di vita come diceva Erodoto e ci serve per non ripetere gli errori che sono stati fatti. Teatri, scuole, Università, archivi storici, biblioteche comunali… Quale disegno si nasconde dietro il progressivo smantellamento dei luoghi deputati alla conoscenza? Ci stanno togliendo la possibilità di scegliere e questo equivale alla privazione della libertà! Non c’è libertà senza scelte consapevoli. Già nel 1964 Robert DSC04571Kennedy diceva che una nazione non troverà mai una personale soddisfazione nell’ammassare senza un fine beni terreni, nel misurare i suoi successi attraverso l’indice Down Jones o l’aumento del PIL; il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, dei nostri momenti di formazione e di felicità, non comprende la bellezza della nostra poesia o la solidità dei valori familiari, l’intelligenza del nostro dibattere o l’onestà dei nostri pubblici dipendenti. Non tiene conto né della giustizia nei nostri tribunali, né dell’equità nei rapporti fra di noi e soprattutto non tiene conto della nostra istruzione”. Cecilia Ferrarini & Emilio Parmigiani (alunni Liceo Classico Romagnosi e membri della Consulta Provinciale degli studenti)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI