martedì, Febbraio 27, 2024
News

LA TESSERA DEL TIFOSO DICHIARATA ILLEGITTIMA

Il Consiglio di Stato si è pronunciato sul ricorso del Codacons avverso al provvedimento, ora il Tar del Lazio dovrà discutere nel merito l’oggetto del contendere.

eurosport tessera tifoso(da Eurosport) – La battaglia iniziata ormai due anni fa potrebbe essere giunta a una svolta. Il Consiglio di Stato, secondo quanto ha fatto sapere il Codacons, ha accolto l’appello presentato dalla stessa associazione e da Federsupporter. La Tessera del Tifoso è stata quindi considerata “illegittima in quanto può rappresentare una pratica commerciale scorretta”.Nelle scorse settimane, il Tar del Lazio aveva respinto il ricorso presentato contro il provvedimento della Tessera, ma ora il Consiglio di Stato accettando l’appello potrebbe cambiare in modo decisivo lo scenario attuale. Codacons e Federsupporter contestavano il fatto che per ottenere la tessera fossero costretti ad acquisire una carta di credito ricaricabile, circostanza che potrebbe “condizionare le scelte economiche dei tifosi/consumatori”.

Consiglia la lettura all’interno

Il Consiglio di Stato ha quindi motivato la propria decisione ritenendo che “l’abbinamento inscindibile (e quindi non declinabile dall’utente) tra il rilascio della tessera di tifoso e la sottoscrizione di un contratto con un partner bancario per il rilascio di una carta di credito prepagata potrebbe condizionare indebitamente la libertà di scelta del tifoso-utente e potrebbe pertanto assumere i tratti di una pratica commerciale scorretta ai sensi del Codice del consumo”. Ora, il Tar del Lazio dovrà fissare una nuova udienza e discutere nel merito il ricorso presentato da Codacons e Federsupporter, per valutare la sussistenza delle illegittimità denunciate dai due enti. La battaglia non è finita, dunque. Ma oggi potrebbe essere giunta a una svolta.

(da Eurosport)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

6 pensieri riguardo “LA TESSERA DEL TIFOSO DICHIARATA ILLEGITTIMA

  • Anonymous

    Quindi? Da domenica trasferte libere con il tardini di nuovo invaso da orde barbariche di teppisti mascherati da tifosi? Legittima o illegittima se tutti se ne stessero a casa a guardare le partite in TV non avremmo problemi di nessun tipo. Onore a Maroni che ha usato il pugno di ferro, dando un bel giro di vite e sopratutto applicando una tolleranza zero anzi come la farina doppio zero!!! Onore anche a lei majo schierato contro la violenza dei tifosi, quindi a favore della tessera che la violenza l'ha eliminata.

  • Gabriele Majo

    Io sono contro la violenza dei tifosi: ciò non toglie che reputi la Tessera del Tifoso uno strumento inutile per debellarla. Sarebbe bastato, infatti, applicare per bene le leggi precedenti in materia (peraltro tuttora in vigore) per raggiungere gli stessi risultati che si attribuiscono (a mio parere ingiustamente) alla TdT. Io non condivido affatto la guerra ideologica degli Ultrà alla Tessera, ma ho visto con i miei occhi e documentato anche sul blog, quanto la card maroniana non eviti vessazioni agli sportivi "normali" che se ne sono dotati. Vedesi quanto accaduto all'Olimpico di Roma o a Napoli ai tifosi crociati. E mentre ero in viaggio verso l'Olimpico avevo visto chiaramente come i Drughi juventini (regolarmente tesserati) abbiano malmenato un tifoso pisano, solo perché vestito di nerazzurro come l'odiata Inter, e fatto degli "espropri proletari" in un Autogrill, in cui hanno asportato di ogni, indisturbati dalle cassiere timorose di prenderle.
    Mi pare una corbelleria la sua affermazione sul fatto che tutti se ne stiano a casa a vedere la partita in Tv: io la penso diversamente. Mi piacerebbe che la gente normale potesse godere della possibilità del piacere dell'andare in trasferta, per assaggiare specialità locali e guardarsi in santa pace la partita. Altro che Tv. Il calcio per me non è uno sport da pantofole come lo ritiene lei.
    Infine: con la sentenza di ieri per i tifosi crociati non cambia nulla: ho appena pubblicato un articolo in merito che vi invito a leggere.
    E poi se si fosse firmato sarebbe stato gradito. Cordialmente Gmajo

  • Anonymous

    scommetto che l'anonimo delle 09.43 sarà uno di quelli che vorrebbe lo spostamento del tardini….
    certi commenti andrebbero censurati per manifesta ignoranza. Questo signore si basa su quattro frasi lette dai giornali (che non sempre dicono le cose esatte, vedi caso napoli-roma) e vaneggia di stadi vuoti con le persone sedute davanti alla tv.
    Bah!!!
    Saluti
    Temilaluce

  • Gabriele Majo

    Se dovessi censurare i commenti per manifesta ignoranza avrei più lavoro di Catone… Personalmente sono contro la censura, e mi spiace quando a malincuore sono costretto ad attuarla in quei casi in cui è proprio indispensabile.
    Se poi dovessi censurare tutti i commenti diversi da come la penso io farei prima a chiudere baracca e burattini… Io sono favorevole al dialogo e per questo mi trovo spesso ad ospitare (alle volte dando anche ampio risalto nei post) anche opinioni divergenti il mio pensiero: del resto contribuiscono all'arricchimento del dibattito. Molte volte ho lasciato che dal filtro uscissero anche contumelie verso la mia persona, con la speranza che il lettore capisse da solo lo spessore umano di chi le ha vergate.
    Detto questo con l'anonimo delle 9.43 non mi trovo d'accordo pressoché su nulla, proprio a partire dalla sua mancata firma, e via via tutto il resto…
    Cordialmente Gmajo

  • Anonymous

    ovviamente può considerare anche i miei commenti come tali, non ho la presunzione di avere il verbo assoluto…. E se cancellasse i commenti che differiscono dal suo pensiero, sarebbe inutile dare la possibilità di commentare. Magari sarà capitato anche a lei, che leggendo commenti di opinioni differenti dalla sua, abbia alla fine se non cambiato idea, ma almeno preso in considerazione che poteva essersi sbagliato.
    Ma da un commento come quello dell'anonimo c'è poco da ricavare…
    Temilaluce

  • Gabriele Majo

    Comunque ha arricchito il dialogo, se noi siamo qui a parlarne… Ed il dialogo può in effetti contribuire ad aprire la nostra mente a vari orizzonti, anche se tutti quanti siamo molto affezionati alle nostre idee… Bpomeriggio Gmajo

I commenti sono chiusi.