A DONADONI ANDREBBE BENE SE IL PARMA REPLICASSE LA PRESTAZIONE COL CATANIA DELL’ANDATA. FINALE A PARTE…

“Dare spiegazioni sulla partita di un mese fa non posso perché non c’ero, però se il Parma era in vantaggio e aveva la possibilità di vincere la gara vuol dire che qualcosa di positivo lo aveva creato, poi le partite si possono anche stravolgere nel finale per tutta una serie di situazioni però farei indubbiamente la firma se quello fosse ancora l’andamento,poi sulla parte finale ci ragioniamo…”

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

MIRANTE E’ TRA I CONVOCATI DI DONADONI PER CATANIA-PARMA

DONADONI: “INZAGHI? TONI? DA QUANDO SONO QUI NON SE N’E’ MAI PARLATO…”

 

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

2 pensieri riguardo “A DONADONI ANDREBBE BENE SE IL PARMA REPLICASSE LA PRESTAZIONE COL CATANIA DELL’ANDATA. FINALE A PARTE…

  • 28 Gennaio 2012 in 11:53
    Permalink

    Considerazioni a margine della lettura delle probabili formazioni sull'odierna edizione del "Corriere dello Sport". Detto che ascolterò la gara alla radio, l'appunto che sto per muovere alle probabili scelte fatte da Donadoni sarebbe ugualmente arrivato anche se avessi avuto la possibilità di guardare la partita. E l'avrei fatto indipendentemente da quello che sarà il bottino raccolto dal Parma al Cibali. Noi scenderemo in campo con tre difensori e loro con tre attaccanti. Non è un rischio, considerati anche i tantissimi gol subiti dalla nostra difesa in questo torneo, affrontare le bocche di fuoco catanesi in una sistematica condizione di uno contro uno? Forse, a turno uno dei quattro componenti la linea mediana si abbasserà per dar man forte alla difesa, ma dubito che ciò accada col Parma in possesso palla e quindi sbilanciato in avanti. Capisco che si voglia avere superiorità in mezzo al campo e sfruttare l'uomo in più in attacco, con Giovinco, Floccari e Biabiany opposti al duo Spolli-Bellusci. Ma per un Parma che ultimamente va in gol per tante volte nella singola partita e resta completamente a secco in altre circostanze, forse sarebbe stato più opportuno cambiare qualcosina in vista di un avversario che un organico che vale certamente qualcosina in più di una semplice cavalcata verso la permanenza in A.

  • 28 Gennaio 2012 in 12:31
    Permalink

    Salve Luca: Donadoni non è un tecnico alla Guidolin che forgia la propria formazione in base alle "giuste contrarie" (come dicevano i cronisti d'antan); bensì un allenatore "propositivo", che fin dal suo arrivo ha sempre proclamato che i suoi giocatori debbono pensare a se stessi e non agli altri. Per cui abituiamoci al suo 3 4 3, indipendentemente dalle considerazioni da te proposte (che peraltro sottoscrivo). Cordialmente Gmajo

I commenti sono chiusi.