BAR SPORT / I SENATORI SI CHIEDONO SE E’ GIUSTO CONFERMARE PAVARINI CON MIRANTE GUARITO

Il professor Delsignore, ospite in studio, ritiene ormai guarito il titolare: per Cervi “squadra che vince non si cambia. Il dodicesimo, a Bologna, merita la riconferma”, per Piovani “le gerarchie vanno rispettate”…

gian carlo ceci bar sport 16 01 2012(gmajo) – Più che la Camera dei Deputati ieri sera Bar Sport sembrava il Senato della Repubblica: a contribuire ad alzare l’età media della squadra di opinionisti, già abitualmente piuttosto elevata, ha contribuito la defezione del “giovane” (ma pur sempre 40enne…) Michele Gallerani, sostituito dallo “storico” Gian Carlo Ceci, classe 1943 (foto a lato), e dunque (leggermente) più vecchio del Nonno (Bellè), che è del ’45. Non sto qui a cercare la data di nascita di Antonio Cervi, né quella di Guido Schittone: a naso il più giovane del parterre era il quasi cinquantenne Sandro Piovani. Il quale, nei panni del Pierino della situazione, si è lasciato andare ad una battutaccia che ai suoi amici pizzaioli (di sponda campana) sarà piaciuta fino lì (“perché a Napoli si lavora?”) e che magari gliela faranno pagare con un po’ di Guttalax (esiste ancora?) la prossima volta che metterà i piedi sotto il tavolo di uno dei loro locali. Dai retta a me, Sandrone: opta, per qualche tempo, per una pizzeria pugliese…

Continua la lettura all’interno

Con quella uscita un po’ da meridionalofobo l’alegher Piovani è intervenuto su Cervi, il quale si stava lamentando degli orari del calcio moderno: “Stasera è lunedì e si sta giocando Napoli-Bologna…”. Poco prima l’ex terzinaccio dei tempi che furono aveva pure riportato la testimonianza indiretta di un suo amico operaio il quale non potrà assistere a Parma-Juventus, calendarizzato per le 20.45 di martedì 31 gennaio 2012 A.D. (Annus Domini, non amministratore delegato) in quanto quella sera lavora, a meno che non si prenda un giorno di ferie. “Le chiamano ferie”, aveva sancito lo stesso popolare giornalista (volto assieme ai due Balestrazzi dello spot pro-Boys, ieri sera diffuso anche dalla antenna cittadina) in replica a Cervi, il quale stava ragionando sul controsenso di fare una pausa a Natale se poi poco dopo è necessario un turno infrasettimanale. Il salotto avrebbe poi passato in esame il comportamento degli altri campionati europei, citando sia quelli che si fermano come il nostro (Piovani ricordava l’influenza religiosa) sia quelli che non fanno una sosta in concomitanza con questa ricorrenza. A proposito di orari non convenzionali: Bellè approfittava della presenza in studio del prof. Roberto Delsignore, quale responsabile dell’intera struttura sanitaria del Parma FC, per chiedergli se è più deleterio, dal punto di vista del medico, andare in campo a mezzogiorno, come nel derby di domenica prossima al Dall’Ara, oppure notte-tempo come sarà nel big match con i bianconeri di finemese. Indubbiamente, secondo il luminare, i maggiori rischi, dal punto di vista fisico sul campo, potranno essere corsi nel match notturno, mentre la gara dell’ora di pranzo comporta maggiori complessità di preparazione. Magari anche con allenamenti ed abitudini (alimentari) che per l’intera settimana potranno essere modificati. A parere di Piovani è proprio la gara all’innaturale orario del pasto a creare maggiori scocciature agli stessi protagonisti. Oltre a Delsignore era presente il presidente del Coni Gianni Barbieri, il quale ha fatto il sunto di “Parma Città Europea dello Sport 2011”, che ha visto in prima linea organizzativa la struttura periferica da lui guidata, che presto sarà cancellata per via della “famigerata” riforma Petrucci. Cliccando sul presente collegamento ipertestuale si arriva ad un servizio di stadiotardini.com del 9 novembre scorso dal titolo “E il Coni abolisce già le provincie” (la “i” noi la lasciamo, al di là degli ammodernamenti ortografici, poiché fedeli alla Costituzione…) con tutti i video amatoriali della drammatica conferenza stampa in cui lo stesso Barbieri informava stampa e affiliati sulle conseguenze dell’auto-regolamentazione. Concetti, in sintesi, ribaditi pure ieri sera per i telespettatori di Bar Sport, verso la conclusione del programma. Nella parte iniziale, invece, l’esperto dirigente sportivo era stato interrogato dal conduttore Giuseppe Milano sulla questione esonero di Colomba. A suo parere (di Barbieri) “Si cambia allenatore quando c’è qualcosa che non va. Quando con un potenziale buono, efficiente e capace non si ottengono risultati e non c’è il giusto rapporto tra dirigenti, allenatore e giocatori di solito si cerca di cambiare”. Il professor Delsignore, rappresentante ufficiale della Società, poco prima aveva parlato dell’importanza dell’entusiasmo: “C’è bisogno di entusiasmo per raggiungere i risultati che pubblico e società si attendono al di là della posizione mediocre del solo doversi salvare”. Insomma l’ennesima riprova che l’asticella delle aspettative è stata innalzata: come già annunziato da Ghirardi a Pep della GdP nei giorni scorsi il Parma punta (minimo) al 10° posto (e Donadoni l’ha subito centrato alla prima): ovviamente se il Parma, dopo la rivoluzione tecnica, alla fine dovesse malauguratamente piazzarsi nella parte destra della classifica saremo tutti autorizzati a parlare chiaramente di fallimento (della manovra). “Aver vinto – ha proseguito Delsignore – ci ha collocato in una posizione sufficientemente buona: ora si tratta di insistere, con entusiasmo, per raggiungere risultati più importanti”. Milano ha rimarcato: “Con Donadoni, dunque non si pensa solo alla salvezza”. “Strada facendo – gli ha ribadito il Prof – si valuta l’andamento dei risultati, ma adesso è come in estate quando è partito il campionato: l’aspirazione è raggiungere i migliori risultati possibili”. Non avendo la possibilità di avere negli studi direttamente il nuovo allenatore (nonostante la richiesta in diretta formulata più volte la scorsa settimana dai curatori del programma al responsabile delle relazioni esterne Mirco Levati che era stato inviato dal club quale ospite, ma ieri sera, probabilmente, Donadoni aveva da seguire, per evidenti motivi, il match Napoli-Bologna) Milano si è dovuto accontentare di chiedere a Delsignore che persona è: “Ho avuto modo di incontrarlo e salutarlo: è un signore gentile con il quale credo si possa lavorare bene. E’ importante anche con staff tecnico: ci sono le premesse per lavorare bene. E’ la persona giusta per questa società”. Il “nuovo corso” si è distinto, secondo le voci di Bar Sport, per cinismo e fortuna. A proposito: non so se sono stato io a condizionare Bellè con la mia “opinione” pubblicata ieri, fatto sta che anche lui ha fatto ricorso, come me nell’incipit, al rinomato “Culo di Sacchi”, dote, ovviamente, assai gradita, di cui non c’è certo da vergognarsi. Il Nonno, piuttosto, ha espresso dubbi sul nuovo assetto difensivo dei crociati: “Da vecchio scarpone quale sono dico che il Parma non può giocare con tre difensori lenti. Non essendo veloci non riescono a recuperare e vanno in affanno”. Secondo me il problema, a maggior ragione, c’è con la difesa con due soli centrali, ma tant’è. Gian Carlo Ceci ha certificato che – secondo i dati del Parma – Paletta, sui primi metri, è il secondo giocatore più veloce della rosa. Salvo chiosare, che se anche sei veloce ma non sei agile… A porre dubbi sulla nuova sistemazione in attacco (cioè il tridente) è stato Guido Schittone: “Colomba non è uno sprovveduto e Giovinco non ha mai segnato tanto come sotto la gestione di Colomba. Mi sembra che si sia fatto un passo indietro alla gestione Marino con Giovinco sì libero di svariare, ma troppo fuori dal vivo del gioco e sulle fasce. E non sono andati bene neppure Biabiany e Floccari. Nessuno dei tre è una punta vera”. Ceci ha detto che Biabiany finora è stato il migliore del Parma, ma domenica non ha certo interpretato il ruolo nel modo migliore. Lo stesso ex primo radiocronista “integrale” di una emittente radiofonica locale (pensavo che la sua ospitata di ieri sera fosse per celebrare il 36° anniversario da quel mitico Arezzo-Parma dell’11.01.1976, ma non ne è stata fatta menzione, lo scorso anno, invece, più o meno di questi tempi in quegli studi ricordarono il 35° con la contemporanea presenza in studio dell’eterno rivale Pino Colombi, che già qualche mese prima aveva proposto, per primo, dei collegamenti flash dallo stadio; l’ultima radiocronaca di Ceci, per Radio Parma, prima che appendesse il microfono al chiodo, fu quella dello spareggio di Bologna del 2005), di solito per forza di cose piuttosto verboso, ha inquadrato la questione in due parole con una sintetica domanda: “Ma il Parma ha vinto e convinto”. Diciamo che il Parma ha vinto. Ma certo non convinto. Piovani sancisce: “Se di buono qualcosa c’è stato quello è il risultato”. Un altro tema classico che ha animato il dibattito ruotava attorno al motto “Squadra che vince non si cambia”. Ma in questo specifico caso non si parlava di calciatori di movimento, bensì del portiere: Pavarini, dopo la prova più che positiva (a parte il gol preso sul suo palo) di domenica merita la conferma a discapito del titolare Mirante, anche se questi è guarito? Favorevole alla conferma dell’anziano estremo è stato Cervi: “Si è comportato bene, perché togliergli il posto che si è conquistato?” Contrario Piovani: “Diverso sarebbe stato se si fosse trattato di scelta tecnica: ma Pavarini lo ha sostituito per infortunio. In più Pavarini è anziano e a scadenza di contratto, mentre Mirante è un giovane che va valorizzato anche come patrimonio. Le gerarchie vanno rispettate”. Comunque andrà a finire la scelta, stavolta, sarà esclusivamente di carattere tecnico e non medico, giacché il professor Delsignore, pur riservandosi oggi di verificare gli ultimi riscontri clinici lo considera ormai guarito dalla “elongazione all’adduttore della coscia” e dunque pienamente recuperato. Gabriele Majo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

E IL CONI ABOLISCE GIA’ LE PROVINCIE…

L’OPINIONE DI MAJO DOPO PARMA-SIENA 3-1. PAROLA D’ORDINE: “PERDERE LA PAURA DI VINCERE”

AMARCORD / STASERA A BAR SPORT CECI-COLOMBI 35 ANNI DOPO

GIAN CARLO CECI, RADIOCRONACA DELLO SPAREGGIO TRIESTINA-PARMA 18.06.1979

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

5 pensieri riguardo “BAR SPORT / I SENATORI SI CHIEDONO SE E’ GIUSTO CONFERMARE PAVARINI CON MIRANTE GUARITO

  • 17 Gennaio 2012 in 13:44
    Permalink

    senatori è un eufemismo….
    ieri sembrava un reparto di geriatria…

  • 17 Gennaio 2012 in 16:09
    Permalink

    Da bravo giornalista la notizia è in fondo al pezzo…

  • 17 Gennaio 2012 in 16:30
    Permalink

    Rispondo ai due anonimi, pregandoli in futuro di voler siglare almeno con un nick name i propri commenti. Grazie.

    Informo quello delle 13.44 che il prof. Delsignore era primario in Medicina, non in Geriatria… E poi la "linea verde" era rappresentata dai ragazzini alle spalle dei "nonni" e dalla gentil fanciulla salita sul camper. Ovviamente Monichina Bertini a parte, anche se ieri sera non mi è piaciuta quando ha parlato del possibile ritorno di Mariga, argomentando che i tifosi potrebbero avercela con lui, avendo a suo dire, snobbato Parma quando è passato all'Inter. Anche perché parlando così, da quella platea, si rischia di aizzare gli stessi tifosi contro un possibile giocatore "nostro". Tra l'altro a me non risulta affatto che le cose fossero andate in questo modo, essendo testimone diretto delle sue lacrime, visto che non voleva affatto lasciare Parma (anche per questioni affettive) sia pure per passare ai più titolati nerazzurri. Quella cessione, infatti, fece comodo alla società per impellenti esigenze di cassa. Fosse stato per il povero Mac Donald se ne sarebbe rimasto volentieri a Parma. Siccome mi ero scordato di scriverlo prima nella "recensione" ne approfitto per farlo qui. E magari, se dovesse davvero tornare, magari ne riparlerò più diffusamente in un apposito articolo più avanti.
    Quello delle 16.09 dice che da bravo giornalista la notizia è in fondo al pezzo. In realtà la notizia, da bravo giornalista, dovrei metterla al completo delle classiche 5 W nell'incipit e non in cauda. A parte che in questi pezzi di racconto delle trasmissioni Tv non sempre riporto notizie, ma più spesso curiosità, commenti e opinioni, specifico che più da bravo giornalista mi sono comportato da "sadico", titolando sull'ultimo argomento trattato della lunga articolessa. Un modo come un altro per invitare il lettore ad arrivarci in fondo… So bene che su internet dovrebbe trionfare la sintesi, assieme a titoli e brevi, ma io la penso come Gianni Mura: sono per il trionfo dei contenuti e per il dominio della parola scritta… E poi la notizia sarebbe quella della guarigione di Mirante? Sarà notizia se effettivamente Donadoni gli dovesse preferire, per scelta tecnica, Pavarini, dando retta a Cervi, e non ascoltando Piovani, per il quale le gerarchie vanno rispettate…
    Cordialmente Gmajo

  • 18 Gennaio 2012 in 04:25
    Permalink

    Antonio Cervi è nato nel 1943.
    Un bene informato che pretende l'anonimato. mi raccomando

  • 18 Gennaio 2012 in 09:41
    Permalink

    Grazie della "delazione" anonima. Il suo anonimato è rispettato, anche perché non essendosi firmato diventa difficile svelare chi è. Ma a parte questo caso ricordo che sono gradite le firma a corredo dei commenti. Almeno con un nick name. Cordialmente Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI