INTER-PARMA 5-0, DA RADIO RAI IL COMMENTO DI MAZZEO E REPICE

Nell’anticipo della 17/a giornata i nerazzurri partono bene e trovano il gol con Milito (13′) che realizza di esterno destro su cross di Alvarez. Raddoppio di Thiago Motta (18′) che dai 20 m. calcia di sinistro e non lascia scampo a Mirante. Il gialloblù reagiscono e Giovinco spreca di testa, poi al 41′ ancora Milito, lasciato libero, colpisce di testa su cross di Maicon, 3-0. Ripresa, l’Inter controlla e gara sigillata all’11’ con i gol di Pazzini (assist di Milito) e Faraoni (34′). Nel video amatoriale il commento dei radiocronisti di Tutto il calcio minuto per minuto. A fine gara Leonardi ha annunciato che è stata annullata la giornata di riposo prevista per domani ed incontrerà la squadra

 

ALL’INTERNO “SPOGLIATOI PARMA” CON LE VOCI  DI LEONARDI E COLOMBA

SPOGLIATOI PARMA

Franco Colomba: “Abbiamo consentito all’Inter di fare con troppa facilità alcune cose che i nerazzurri dall’alto delle loro capacità hanno sfruttato quello che gli abbiamo concesso.. Noi abbiamo fallito le nostre, mentre loro le hanno trasformate immediatamente. Indubbiamente c’è una differenza di qualità e di valori: siamo stati puniti in maniera esagerata, anche se bisogna onestamente ammettere che l’Inter ha meritato. Stiamo prendendo troppi gol, anche se nelle ultime gare ne avevamo anche fatti: dovremo valutare. Se la squadra mi sta seguendo? Fino ad oggi aveva lavorato bene: venivamo da 4 risultati positivi, anche se i pareggi non lo sono tanto. Dobbiamo cercare più equilibrio, come l’avevamo trovato con il Napoli e in altre occasioni. La mia posizione? “Ho un ottimo rapporto con i miei dirigenti: di sicuro ci confronteremo ancora su cosa si può fare per migliorare la situazione in settimana. Sicuramente l’allenatore ha bisogno di sentire la fiducia della società".

Pietro Leonardi: “Domani non ci sarà giorno di riposo. Siamo molto amareggiati per la prestazione: non avevamo la presunzione di imporci a Milano con una squadra superiore, ma volevamo fare la partita. Siamo delusi e preoccupati per le ripercussioni: queste prestazioni possono avere effetti psicologici non di poco conto, e per questo ci incontreremo domattina, per fare chiarezza sulla situazione e cercare di trovare una soluzione per invertire la rotta. A caldo non mi piace parlare della situazione del tecnico perché c’è troppa tensione e si possono dire cose nocive o controproducenti. Preferiamo pensarci a mente fredda. Io comunque ho sempre dato prova di fiducia nei confronti dei tecnici che si sono succeduti anche perché le responsabilità non sono di una persona quando le cose vanno male. Certamente dobbiamo invertire la rotta. La squadra fuori casa deve necessariamente cambiare atteggiamento e prestazioni. Si vince e si perde tutti quanti insieme, io compreso, per cui dobbiamo assumerci le nostre responsabilità. Vedremo anche il da farsi in sede di mercato: forse abbiamo sopravvalutato qualche calciatore. Dopo la disamina di domani decideremo il da farsi anche sul mercato, visto che abbiamo la fortuna di poter operare per rinforzare la rosa dove ce ne sarà bisogno. Il presidente l’ho sentito al telefono perché è andato via prima della fine della partita. E’ amareggiato, come è giusto che sia”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

3 pensieri riguardo “INTER-PARMA 5-0, DA RADIO RAI IL COMMENTO DI MAZZEO E REPICE

  • 8 Gennaio 2012 in 00:11
    Permalink

    Chissà magari grazie a questa sconfitta capiranno che in rosa abbiamo della gente da serie b. Capiranno che ci serve un centrocampista centrale e che ci servono rinforzi in difesa?? Al momento siamo da piena lotta salvezza (per la quale non credo avremo problemi) e niente di più. È da inizio stagione che dico che la nostra rosa ha dei buchi evidenti, io mi auguro che certe batoste abbiano dei lati positivi. Non ce l'ho con colomba anche se stasera l'atteggiamento della squadra mi ha infastidito. Ma aspetto rinforzi perché non voglio più vedere gente che non sa fare una diagonale o che non sa fare un semplice passaggio in serie a.

    Tino

  • 8 Gennaio 2012 in 17:58
    Permalink

    Egregio Sig.Majo ,

    Ieri sera ho seguito il Parma a S.Siro e la prestazione fornita dalla squadra mi sembra davvero indecorosa non tanto per le proporzioni della sconfitta,che tuttavia mi sembra abbia un solo precedente in serie A ovvero la sconfitta per 5-0 a Torino contro la Juve all'esordio nella massima serie,quanto per un atteggiamento che non ha nulla a che vedere con una squadra che si deve salvare ed è questo che fa più arrabbiare.
    Non è concepibile affrontare le partite in questo modo: la squadra è parsa come al solito timida , slegata , soprattutto poco compatta; se penso alle dichiarazioni, a posteriori ridicole del presidente Ghirardi che voleva fare uno scherzetto all'Inter… c'è poco da dire.

    A proposito a fine primo tempo mi sono avvicinato alla tribuna stampa e ho visto Lei , Sig.Majo, allontanarsi in tutta fretta dalla Sua postazione; avrei voluto scambiare un parere su una partita già ampiamente compromessa dopo 20 minuti.

    Ultima considerazione : quel settore ospiti desolatamente animato da quei pochi ammirevoli tifosi… ieri sera la squadra non se li meritava.
    Sono proprio curioso di vedere quale sarà il teatrino delle giustificazioni e delle messe in scena che la società intenderà adottare.
    E' proprio un film già visto. So benissimo che nella sua rubrica "l'opinione di Majo dopo Inter-Parma" farà le Sue considerazioni sono solo impaziente di avere un'anticipazione da parte sua ….

    Cordiali Saluti ,

    Christian

    dalla provincia di BG

  • 9 Gennaio 2012 in 00:30
    Permalink

    Salve Christian e grazie per la sua "missiva". Non so se domani, anzi, vista ormai l'ora, oggi, lunedì, riuscirò a proporre la mia tradizionale rubrica del lunedì "L'opinione di Majo" sulla partita, in quanto la stessa è ormai superata dagli eventi, cioè la domenica lavorativa, con il giorno di riposo annullato per l'incontro a tre dirigenza-staff tecnico-calciatori, e poi superata soprattutto dalla ridda di voci sulla successione di Colomba, il quale stando all'Ansa (e quindi gran parte dei media) sarebbe appeso ad un filo.
    La mia opinione sulla partita è semplice: è la medesima del post Juve-Parma e del post Fiorentina-Parma, quando invocai il ritorno di quello Psycolomba delle famose sette giornate conclusive dello scorso campionato: lui, allora, seppe infondere determinati valori alla squadra guidandola ad una salvezza insperata. In questo campionato, invece, non sempre le cose hanno funzionato nello stesso modo, e soprattutto a casa delle grandi ci sono stati rovesci gravi che hanno fatto stizzire non poco il presidente cui non piace fare figurette del genere a casa di ospiti come Galliani o Moratti. I parametri vitali del Parma, specie formato esportazione, non sono confortanti, anche se, prima di questa sconfitta, non c'erano certo i numeri per mettere in discussione l'allenatore. Cosa che invece si è fatta, anche con la fuga di notizie su Delneri prima e Gasperini poi, con una palese delegittimazione dell'allenatore. Storia già vissuta anche in passato: purtroppo capita anche che si raccolgano i frutti di quanto seminato. E' per certi versi lo stesso discorso di Crespo: se non lo si considerava più un calciatore perché confermarlo? Se si pensava ad un tecnico di taglia superiore a Colomba perché confermarlo per poi metterlo in croce con 19 punti in classifica e la 12^ posizione in graduatoria? Un'altra pessima costante di questa edizione del Parma è quella del subire coppie gol di gol a distanza di pochi minuti. E' stato così anche sabato sera tra il 12° e il 1/° quando la gara è stata compromessa. A proposito: il primo tempo l'ho seguito nella sala stampa di San Siro da dove stavo caricando le immagini dei tifosi al seguito. 200 al massimo pochini per una gara come questa, e non credo che la causa sia la sola tessera del tifoso con i vari veti annessi. Tra l'altro mi pare che i Danè abbiano tolto il loro striscione prima della fine della partita. All'intervallo, sebbene chiamato anche dalle colleghe giapponesi desiderose di salutarmi (anni fa erano presenze fisse a Collecchio ai tempi di Nakata e abbiamo condiviso tante giornate insieme) sono corso alla postazione di radio Bruno, chiamato dal radiocronista Carlo Chiesa, desideroso di farmi dire la mia sulla gara. Spero di poterla incontrare in un'altra occasione. Balletti di giustificazioni: abbiamo ascoltato Colomba e Leonardi nel post gara. Ma poi l'attenzione è passata alla ridda di voci sulla successione dell'attuale tecnico. Mossa che mi pare al momento avventata. Né credo ciecamente alle voci diffuse nel pomeriggio di ieri di una sorta di passo indietro di Colomba. Non vorrei fosse una sorta di giustificazione costruita a tavolino. Un po' come il desiderio di Guidolin di avvicinarsi a casa, non so se ricorda. A proposito: tempo che il peccato originale degli attuali guai sia sempre lo stesso… Cordialmente Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI