LEONARDI E JONATHAN LE ULTIME PAROLE FAMOSE…

A 30 ore dalla clamorosa bocciatura da parte dell’AD (“I giocatori che pensano più di un giorno di venire nelle squadre che io dirigo non sono giocatori per me”), puntualmente arriva l’annuncio del club dell’arrivo dell’esterno in prestito dai nerazzurr (che sarà presentato domani alle 14.30, in sostituzione della preannunciata conferenza di Musacci)

leonardi boccia jonathan e nega caso crespo(gmajo) – Grazie a Pietro Leonardi possiamo risparmiare l’abbonamento alla Settimana Enigmistica: per la vignetta “Le ultime parole famose” sono sufficienti le sue affermazioni. Tipo quella pronunziata ieri mattina alle ore 11 (abbondanti) alla Camera di Commercio di Parma a margine delle premiazioni di “Natale in Vetrina Crociata”, in cui aveva tuonato: “I giocatori che pensano più di un giorno di venire nelle squadre che io dirigo, non sono fcparma com jonathan prestito intergiocatori per me. Perciò Jonathan, con tutta la stima, sta bene all’Inter”. Infatti Jonathan stava così tanto bene all’Inter che domani pomeriggio, alle ore 14.30 a Collecchio, in luogo della preannunziata conferenza stampa di Musacci, verrà presentato ufficialmente ai giornalisti dallo stesso Leonardi. Il dirigente dal rinomato pedigree aveva già fatto qualcosa di più di una mezza marcia indietro nella giornata di oggi ai microfoni di Sky Sport 24, quando aveva affermato (come ripreso dal sito ufficiale): “Jonathan? voglio guardarlo negli occhi per capire meglio la situazione”. Evidentemente avrà visto negli occhi di Cicero Moreira quelli della tigre. Un po’ come Ghirardi in quelli di Di Carlo qualche anno fa…

Continua la lettura all’interno

Fatto sta che domani l’esterno fino ad oggi nerazzurro (da Schianchi definito ieri sera a Calcio & CalcioParcheggiatore della Pinetina”, poiché sarebbe solito posteggiare le auto dei compagni più famosi tipo Milito che secondo il Roseo gli darebbe regolarmente le chiavi ogni volta che arriva al centro di allenamento) sarà presentato ufficialmente ai giornalisti. A proposito di ultime parole famose: ma non si era detto che il Parma non avrebbe mai più preso giocatori in prestito per non valorizzare patrimoni altrui? Ebbene, come certifica l’organo ufficiale del Parma FC, il difensore classe 1986 arriva a titolo temporaneo. Ma al di là di questo dettaglio (del resto anche Amauri un anno fa giunse in prestito e il club ducale si giovò a suon di gol della sua valorizzazione, salvo poi doverlo restituire al mittente, come nei patti) non si capisce come mai per due giorni di fila (la domenica in diretta su Sky dal Tardini, il lunedì a margine di Natale in Vetrina Crociata) Leonardi abbia chiaramente negato l’interesse per il calciatore che domani, invece, sarà presentato. Di solito queste manfrine sono utili per gettare fumo negli occhi di potenziali concorrenti, o per far abbassare il prezzo della merce. E’ il mercato, bellezza… Ma nel caso specifico, trattandosi di prestito secco, non si capisce il motivo del depistaggio. A meno che non ci siano stati cortocircuiti comunicazionali tra le parti: narra la leggenda, infatti, che fosse stato il manager del nuovo arrivato ad avanzare dubbi sulla destinazione Parma. Al che calzerebbe a pennello la replica piccata dell’AD, secondo la migliore tradizione della “Volpe e l’uva”. Comunque ancora poche ore di pazienza, poi Collodi ci aiuterà a scrivere la parola fine su questo controverso trasferimento. Gabriele Majo

 

IL VIDEO AMATORIALE CON LEONARDI CHE CHIUDEVA LA PORTA IN FACCIA A JONATHAN

(Camera di Commercio, Parma, ore 11 del 16.01.2011, a margine delle premiazioni di “Natale in Vetrina Crociata”)

 

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO CON LA TRASCRIZIONE DELLE PAROLE DI LEONARDI

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

11 pensieri riguardo “LEONARDI E JONATHAN LE ULTIME PAROLE FAMOSE…

  • 17 Gennaio 2012 in 22:59
    Permalink

    Questa notizia non mi stupisce…abbiamo capito che la coerenza non è roba nostra…comunque non voglio far polemiche!forza parma!tutti a bologna!ciao

  • 18 Gennaio 2012 in 01:12
    Permalink

    Cia gabriele,mi chiamo luca ti faccio i complimenti per il tuo blog!
    Una precisazione da quello che dice sky il brasiliano è giunto nel ducato in prestito con diritto di riscatto sulla metà e non in prestitoo secco.
    Volevo poi chiederti una cortesia:so che non sei avvezzo al mercato ma domani potresti chiedere lumi a leonardi su questa mega operazione con l'inter che pare abbia coinvolto anche le metà dei giovani crisetig e galbiati+3,5 miliono di euro per il parma in cambio di tutto obi all'inter
    Ciao gabri sei un grande!
    Buona notte

  • 18 Gennaio 2012 in 01:28
    Permalink

    Su sportitalia hanno detto 3,5 mln per la metà di Obi più la comproprietà di crisetig e galimberti (un centrocampista e un difensore, fiori all'occhiello della primavera dell'Inter) e il prestito di jonathan con diritto di riscatto della metà. I due giovani resteranno in nerazzurro fino a giugno. Sembra una buona operazione, no? Non hanno discusso di Nwanko invece. A questo punto dovrebbe arrivare okaka e penso che sarà ceduto Pellè, ma non so quanto sia conveniente. Faccio anche io i complimenti al sig. Majo per tutto il lavoro che fa e la passione che dedica al nostro Parma! Speriamo di andare a Bologna a fare punti, anche se i rossoblù sono in salute…

    Tino

  • 18 Gennaio 2012 in 06:51
    Permalink

    Stavolta Gabriele mi sa che hai pestato una cacca! Infatti, da quanto ho letto sul sito "Tuttomercatoweb" e ascolato da Sky Sport 24, il giocatore passa in gialloblù con la formula del prestito con diritto di riscatto per la metà. E quindi non è soltanto un prestito secco come invece riporti nel tuo articolo.

    ciao. enzo

  • 18 Gennaio 2012 in 09:37
    Permalink

    Buongiorno. Intanto subito un ringraziamento a Luca, che mi pare sia una new entry e a Tino, che ormai è un veterano dei fedelissimi di stadiotardini.com, per i complimenti che hanno postato con il riconoscimento della passione che ci metto. In effetti stare sempre sul pezzo senza staccare mai è un po' logorante, ma fin che il fisico regge non demordo. La notizia di ieri di Jonathan, ad esempio, è stata composta e caricata tra un boccone e l'altro di una cotoletta che avrei preferito gustare meglio. Ma tant'è. Volendo essere tra i primi ad annunziare la lieta novella (gli specialisti di TMW mi hanno dato 3' di distacco, io sono uscito con il flash alle 21.01, loro alle 20.58) quello era lo scotto da pagare. Ma al di là della libido di arrivare al traguardo in zona medaglie con la notizia, pur in un territorio – il mercato – che ho sempre dichiarato non essere la mia specialità, quello che ieri sera mi interessava comunicare tempestivamente era il repentino cambio di idea sul nuovo arrivato (la considerazione del quale non mi pare elevatissima nel "milanese" Andrea Schianchi, anche se lui segue abitualmente il Milan più che l'Inter, avendolo definito "Parcheggiatore della Pinetina) da parte dell'AD Pietro Leonardi, il quale, dinnanzi alla nostra telecamerina e a quella di Tv Parma, rispondendo al collega di Repubblica 32 (Trentadue, in lettere) se ne era uscito con una frase non certo sobria del tipo che non fanno per lui i giocatori che pensano più di 24 ore prima di decidere se approdare o meno in un club da lui diretto. Che ci stesse ripensando lo si era capito quando, pomeriggio-tempo, il sito ufficiale ci proponeva una frase dell'AD pronunziata al microfono di Sky Tg 24: "Jonathan? Voglio vederlo negli occhi". E nel riportarla a mia volta, avevo battuto nel tempo perfino TMW arrivato solo alle 19.01…
    Dunque l'argomento principe era "Leonardi-Jonathan, le ultime parole famose" non tanto la formula del suo approdo, che era un addentellato, caro Enzo, e non il tema portante. Poi può anche darsi che io abbia pestato una cacca come dici tu, riportandomi come fonte lo stesso Tumttomercatoweb, che a propria volta cita Sky Sport 24, dal momento che loro specificano che trattasi di un prestito con diritto di riscatto della metà (la stessa formula con cui approdò a suo tempo Giovinco): però devi sapere (e il discorso vale anche per Luca e Tino) che la regola che seguo tassativamente (e dovrebbero farlo, deontologicamente, anche gli altri) è che per l'ufficialità mi affido agli organi ufficiali. Ebbene: il sito del Parma Calcio ieri sera riportava testualmente: "Il Parma Fc comunica di aver acquisito a titolo temporaneo dall’Inter il difensore classe 1986 Jonathan Cicero Moreira". A titolo temporaneo, tradotto volgarmente, è in prestito: di addentellati, cioè di presunti diritti di riscatto, interi o a metà, non c'è traccia. Poi può darsi che si siano scordati loro di specificarlo, o che non lo abbiano fatto per scelta (che nel caso non capirei): però le mie fonti (ufficiali) questo hanno certificato, al di là delle Bibbie mercatali che gli appassionati leggono. Vedo che sulla Gazzetta di Parma cartacea hanno seguito la mia stessa metodologia di lavoro, dal momento che neppure lì si parla di eventuali diritti di riscatto della metà del giocatore. Insomma: avrò anche pestato una cacca (ufficialmente lo sapremo solo dopo le 14.30 di oggi, all'atto della presentazione, salvo comunicazioni ufficiali precedenti), ma se l'ho fatto sono in buona compagnia. Sperando, al di là della scocciatura di dover lavare le scarpe, che la m. calpestata porti soldi, come dicono che capiti…
    Continua

  • 18 Gennaio 2012 in 09:37
    Permalink

    (prosegue) Di Lorenzo Crisetig, classe 1993, parla oggi, caro Luca, anche la GdP cartacea, definendolo un promettente centrocampista: personalmente non lo conosco e non ho elementi di giudizio, ma se Leonardi avrà deciso di prenderlo avrà i suoi buoni motivi. Intanto, stando al quotidiano citato, rimarrà in nerazzurro fino a fine stagione. Così non viene ad infoltire la rosa da sfoltire. Di Galbiati non ho al momento informazioni precise. Sempre la GdP ci informa che ora Obi (che era in compartecipazione) è tutto nerazzurro.
    Dunque in conclusione ricordo: l'ufficialità spetta agli organi ufficiali. Le chiacchiere a tutti gli altri siti o altre fonti che volete. TMW, come dicevo, nel proporre l'ufficialità dell'operazione Jonathan al Parma, ha specificato: "Da Sky Sport 24, inoltre, si apprende che il giocatore passa in gialloblù con la formula del prestito con diritto di riscatto per la metà". Da Sky Sport 24, non dal Parma FC, o da fcparma.com. Se poi Leonardi lo ha specificato parlando al microfono della satellitare è un altro discorso: ma il dettaglio, nel caso, manca sulla "carta da bollo" che sancisce l'operazione, alias il comunicato stampa…
    Cordialmente Gmajo

  • 18 Gennaio 2012 in 10:05
    Permalink

    Andrò controcorrente ma non mi sembra un'operazione con cui ci siamo rinforzati. Tutt'altro. L'unica cosa che si è rinforzata sono le casse societarie; non certo le ambizioni sportive della società. Tre anni fa non si era forse detto che a Parma non sarebbero più arrivati giocatori in prestito secco?! Amauri l'anno scorso ne è stata la dimostrazione… Non mi si dica poi che c'è programmazione!! Jonathan arriva in prestito e per di più viene in una realtà che fino a ieri ha osteggiato. Mi chiedo: con che spirito potrà venire a Parma?! Per giunta, solo per alcuni mesi?! Abbiamo inoltre perduto la comproproprietà di Obi e ci sono stati rifilati di due giovani promesse che non vedremo mai in prima squadra e che se avranno davvero i piedi buoni (come si è detto) torneranno alla casa madre senza mai vestire la casacca crociata (proprio come Borini). In definitiva, mi sembra che il Parma stia diventando la succursale dell'Inter, che fa e disfa a suo piacimento. In tutto ciò, niente di male ma che almeno lo si dica… Quanto alle restanti operazioni di mercato ed in particolare all'imminente approdo di Okaka non mi pronuncio perché potrei essere molto sgradevole. Dico solo che tanto valeva rimanere che Pellé (che a questo punto verrà ceduto). E sai bene Gabriele cosa penso di Pellé… Davide.

  • 18 Gennaio 2012 in 10:20
    Permalink

    Ciao Davide,
    queste operazioni non sono tanto motivate dal fatto che il Parma sia o meno una succursale dell'Inter, quanto dal reciproco interesse di far crescere il valore (economico) dei calciatori in questione. E se la rosa (da sfoltire) conta tanti nomi è perché il mercato è sempre più "economico-finanziario" che tecnico. E non solo in casa Parma.
    Aver perso la proprietà di Obi, che di qui è mai passato, non credo sia un danno, ma, viceversa, non so quale vantaggio possa derivare al Parma (tecnicamente, dal punto di vista economico-finanziario credo sia capibile) dalla comproprietà di questi giovani del vivaio nerazzurro che sembrano emergenti. Sempre in attesa che sia il nostro, di vivai, a sfornare prodotti da vendere ad alto livello, ma dal panificio, finora di pagnottine appetibili ne sono fuori uscite ben poche (per non dire nulla).
    Su Jonathan non so, a questo punto, se si tratta di prestito secco come abbiamo scritto noi affidandoci alle fonti ufficiali, o se hanno ragione gli esperti che parlando di diritto di riscatto della metà. Il particolare non è di poco conto nella formulazione del giudizio della operazione. Si pensi che, come ricordavo poco fa, lo stesso Giovinco giunse con il prestito con diritto di riscatto della metà, a prezzo prefissato e ovviamente riscatatto dai crociati che erano riusciti (e lì era stato bravo Leonardi) a mettere una cifra di gran lunga inferiore al reale valore della Formica. Sull'opportunità di avere un giocatore "scontento" che dire? Intanto bisogna vedere quanto "scontento" lo sia davvero: le manfrine del calciomercato portano a dire tutto e il contrario di tutto. Non tutti sanno cogliere con intelligenza (come ha fatto Giovinco) il declassamento come possibilità di rilancio.
    Su Okaka e Pellè potrei essere sostanzialmente d'accordo con le tue valutazioni. L'unica cosa che aggiungo è che nel frattempo, essendo cambiato allenatore, è cambiato, ovviamente, il progetto tecnico del Parma anche in attacco. Sicché non credo più che si focalizzi (come prima) tutto su Giovinco con Floccari e Pellè al suo servizio. Ecco perché l' "incedibile" Pellè della gestione Colomba potrebbe finire sul mercato con Donadoni.
    Ciao Gmajo

  • 18 Gennaio 2012 in 11:33
    Permalink

    Gentile sig. Majo, se controlla ora sul sito del Parma, è segnalato anche il diritto di riscatto per metà cartellino.In questi termini per me è una buona operazione dal punto di vista tecnico-economico.
    Saluti

  • 18 Gennaio 2012 in 11:50
    Permalink

    Grazie per la pronta segnalazione, Roger. Prendiamo quindi atto di questa sorta di "errata corrige" delle fonti ufficiali, alle quali noi tradizionalisti preferiamo abbeverarci appunto quando si tratta di sancire l'ufficialità di una operazione. Il dettaglio, come già rimarcato in precedenza, non è da poco per il giudizio complessivo della operazione perfezionata. Grazie anche a tutti coloro che hanno arricchito il dibattito, facendo sì che venisse apportata l'esatta comunicazione dei termini dell'affare in questione.
    Purtroppo in tempi moderni, con la rapidità di comunicazione che caratterizza l'attuale era, spesso l'ufficialità viene sancita tramite interviste o dichiarazioni di dirigenti: io sono all'antica e sono dunque favorevole al sacro crisma dei comunicati, che dovrebbero essere le uniche certezze tra le tante, troppe chiacchiere. Bene, prendiamo atto della variazione del comunicato, dunque, a beneficio dei vari tifosi interessati. Ulteriori dettagli ce li riferiranno nel primo pomeriggio in sala stampa. Cordialmente Gmajo

  • 18 Gennaio 2012 in 11:59
    Permalink

    Condivido il contenuto della tua risposta, caro Gabriele. Sono curioso di vedere all'opera il "parcheggiatore della Pinetina" anche se l'avvio di campionato non è stato dei più promettenti. Al di là delle scelte tecniche e della bravura di Leonardi sul calciomercato, quel che a me dispiace è che non vedo programmazione in questo Parma. Allo stesso modo, pensando al passato glorioso del nostro club, mi spiace molto vedere il Parma divenire una succursale di altri, con cui fino a qualche anno fa ce la giocavamo alla pari. Lo so, sbaglio io perché quegli anni là non tornano più… ma mi da ugualmente fastidio… Davide.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI