FLOCCARI COME CRESPO / DONADONI NON L’HA PORTATO A ROMA…

In ossequio al turn over l’ex laziale, per scelta tecnica, salta il derby personale con i giallorossi. Ma la decisione sarebbe stata presa di comune accordo tra il tecnico e il calciatore dopo le tante energie spese nelle ultime gare

(gmajo) – Sergio Floccari come Hernan Crespo. Roberto Donadoni come Franco Colomba… Similitudini che ci vengono spontanee dopo aver dato una letta all’elenco dei convocati diramato dal new-coach per la trasferta di Roma che vede la defezione, non obbligata per ragioni di carattere fisico, ma volontaria per scelta tecnica dell’allenatore, dell’ex laziale Sergio Floccari, che così non potrà disputare il proprio derby personale con i giallorossi. Il suo nominativo, infatti, non figura tra quello dei 21 chiamati (come terzo portiere prima volta per il giovanissimo Matteo Ferrari, parmigano, classe 1994, casacca n.31, in luogo di Alberto Gallinetta, impegnato al Viareggio con la Primavera oggi pomeriggio battuta 1-0 dai pari età della Juventus, che ha guadagnato la finalissima di lunedì con la vincente di Fiorentina-Roma: i viola al termine del primo tempo erano in vantaggio per 1-0) che sono poi partiti poco dopo le 17.30 dall’aerostazione Giuseppe Verdi di Parma, nè tra quello di coloro che hanno solto un programma differenziato o personalizzato (gli infortunati Galloppa e Paletta): si tratterebbe, dunque, di pura scelta tecnica, in ossequio al turn over. La scelta, infatti, sarebbe stata concordata tra tecnico e calciatore dopo le tante energie da lui spese nelle ultime gare. Proprio nella penultima conferenza, quella di martedì scorso, infatti, Donadoni aveva citato come esempio di abnegazione proprio Floccari, per spiegare che lui non bada solo al gol, se no non lo avrebbe chiamato già da qualche turno…
All’interno l’elenco dei convocati per Roma-Parma




L’ELENCO DEI CONVOCATI PER ROMA-PARMA

Portieri: Mirante, Pavarini, Ferrari;
Difensori: Brandao, Ferrario, Gobbi, Jonathan, Lucarelli, Santacroce, Zaccardo;
Centrocampisti: Mariga, Modesto, Morrone, Musacci, Pereira, Valiani;
Attaccanti: Biabiany, Giovinco, Okaka, Palladino, Valdes.

Il portiere Matteo  Ferrari (Parma, 05.04.1994) ha come numero di maglia il 31.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

10 pensieri riguardo “FLOCCARI COME CRESPO / DONADONI NON L’HA PORTATO A ROMA…

  • 18 Febbraio 2012 in 18:28
    Permalink

    Ciao Gabriele, mi verrebbe da pensare che abbia voluto dargli un turno di riposo, contro la Juve si è sacrificato molto marcando Pirlo quasi a uomo.
    Sono curiosa di vedere chi giocherà vicino a Giovinco.
    Sperema ben…

    febbredacalcio

  • 18 Febbraio 2012 in 18:57
    Permalink

    potrebbe essere finalmente la grande occasione di palladino,anche perchè secondo me okaka non ha ancora i 90 minuti nelle gambe,e un attacco con rapidi e veloci potrebbe mettere alle corde una difesa statica e incerta come quella giallorossa..
    forza parma
    andrea I.

  • 18 Febbraio 2012 in 19:35
    Permalink

    Piacerebbe anche a me rivedere Palladino, ma è tanto che non gioca e credo che neanche lui abbia i 90' minuti nelle gambe.
    Una domanda per Gabriele : mi spieghi dove vedi l'analogia, io con tutta la buona volontà faccio veramente fatica a trovarla.
    Donadoni ha sempre fatto giocare Floccari e probabilmente lo sta facendo rifiatare, non mi pare che si tratti di bocciatura tecnica, come è stata invece per Crespo con Colomba.

    Febbredacalcio

  • 18 Febbraio 2012 in 20:07
    Permalink

    Per una volta voglio andare contro le mie stesse convinzioni e ragionare al contrario. Come? Nutrendo buone sensazioni in vista della gara di domani (contro un avversario che in casa sua – lo dicono le statistiche degli ultimi tornei – ce le ha sempre suonate per bene). Buone sensazioni che nascono tutte dall'analisi della gara di andata. Allora la Roma era molto più italiana che catalana nella gestione del possesso palla e nei ritmi che riusciva ad imporre al proprio gioco. E sebbene vantasse diverse reti al suo passivo, in difesa era molto più accorta e reattiva di quanto, invece, non lo sia in questo momento del campionato. E sappiamo quanto il Parma, anche in virtù del fatto che Giovinco è l'unico a poter spaccare le partite a nostro favore (e se lui non è in giornata, per noi son dolori) soffra le difese schierate e ben messe in campo. Dopo un intero girone e dopo aver assimilato, una ad una le richieste tattiche di Luis Enrique, la Roma mi sembra potenziata in attacco, quasi come se avesse truccato il suo motore, ma assai vulnerabile in fase difensiva visto che per stazionare stabilmente nella metà campo d'attacco lascia intere praterie a disposizione delle ripartenze degli avversari e, di tanto in tanto, si produce in svarioni degni delle migliori puntate di Paperissima. Se il Parma riuscisse a bissare contro i giallorossi la stessa prestazione difensiva ed offensiva allestita nella seconda parte dell'incontro coi gobbi, quando la difesa non ha mostrato crepe e l'attacco si è insinuato, purtroppo senza trovare il gol, tra le maglie della retroguardia bianconera, potremmo innanzitutto esserne soddisfatti (perchè non più tardi del mese passato ci saremmo sognati di tener botta al cospetto di avversari ben quotati come la Roma in salsa catalana), ma anche coltivare la speranza di uscire dalla battaglia dell'Olimpico con un saldo di uno o tre punti. La Roma almeno una topica, lì dietro, se la lascerà scappare. Dovremo essere noi bravi a saper cogliere l'attimo fuggente. Insomma: carpe diem Parma!

  • 19 Febbraio 2012 in 00:28
    Permalink

    A Luca Russo, nostro prossimo opinionista in pectore, segnalo che un sano ottimismo fa sempre bene, anche se non mi sento di inseguirlo, stavolta, fino in fondo. Comunque se dovesse finire come contro la Juve (lui aveva previsto, sempre con un certo ottimismo, il successo) mi andrebbe più che bene, anche se una vittoria in quell'impianto stregato che è l'Olimpico giallorosso sarebbe davvero una impresa memorabile.
    A Febbredacalcio, invece, debbo una spiegazione circa l'analogia Crespo-Floccari. Posto che ammetto che un titolo ad effetto attira di più i lettori, l'analogia sta nella mancata convocazione. Evento che, come sottolinei Tu, è sporadico, rispetto alla sistematica esclusione dell'Indiano. Il Saltimbanco Boni, il quale da noi era stato ribattezzato Nostradamus per le sue doti divinatorie, avendo predetto che Colomba non avrebbe mangiato le chiacchiere, mi ha oggi chiamato per ricordarmi come lui in trasmissione a Teleducato due puntate fa abbia previsto anche la prossima esclusione di Floccari. Stavolta la giustificazione è stata il turn over (che per altro è toccato solo a lui) con una decisione condivisa tra il calciatore e il difensore. Vedremo dunque se si tratta di una esclusione a tempo determinato o indeterminato…
    Colgo l'occasione per aggiungere una riflessione che ho fatto dopo aver scritto l'articolo sui convocati: con l'esclusione di Floccari mister Donadoni potrebbe rivedere lo schieramento tattico delle ultime settimane (il 3 5 2, che a me piace parecchio) per tornare a proporre il "suo" 3 4 3, magari con un attacco "leggero" Biabiany-Giovinco-Valdes. Oppure con il 3 5 2 accanto alla Formica mi pare più probabile che il tecnico possa puntare su Okaka piuttosto che su Palladino. Ma ovviamente, come tutte le previsioni, sono fatte per essere smentite… Cordialmente Gmajo

  • 19 Febbraio 2012 in 10:39
    Permalink

    Buongiorno Gabriele,
    grazie per la spiegazione, comunque sono convinta che sia solo temporanea.
    Dato che siamo in tema di previsioni, per quel che valgono, sono d'accordo con te, secondo me schiera un tridente con Okaka.
    E mi fermo qui, essendo superstiziosissima, non mi azzardo a fare pronostici di altro tipo.

    Febbredacalcio

  • 19 Febbraio 2012 in 14:35
    Permalink

    Ciao Gabriele,
    la nostra previsione, di formazione, era sbagliata.
    Luca è stato accontentato.
    La Roma gioca con Totti, Borini e Osvaldo…aiuto, non mi sento tanto bene.

    Febbredacalcio

  • 19 Febbraio 2012 in 15:21
    Permalink

    Altro rigore netto non fischiato contro il Parma, il mani di Gobbi contro la Roma. Ma che vi lamentate?

  • 19 Febbraio 2012 in 15:49
    Permalink

    Non ci bastavano i gobbi, adesso ci si mettono pure i romanisti.
    Comunque tranquillo Angelo, voi siete più forti della Juve e vincerete anche senza rigori…

    Febbredacalcio

  • 19 Febbraio 2012 in 22:57
    Permalink

    Romanista cerca di non scendere al livello dei gobbi anche se non ci sei molto lontano,ti sei accorto o no che non ti han dato rigore perche eravate in tre in fuorigioco?

I commenti sono chiusi.