IL FAIR PLAY DI LEONARDI: “COMPLIMENTI A GUIDOLIN PER LA PANCHINA D’ORO”

Il Plenipotenziario (inibito dal Giudice fino al prossimo 5 marzo) è intervenuto su Sky Sport 24 schierandosi dalla parte del sistema arbitrale: “Rappresentiamo una città che ha una storia e un fascino particolare e una tifoseria che anche recentemente è stata premiata per il proprio fair play. Abbiamo uno stile e un’immagine e li tuteliamo”. In mattinata sullo stesso aveva parlato anche Ghirardi dai microfoni napoletani di CRC: “Abbiamo subito la concomitanza di Milan-Juventus e di quanto è successo in questo match si è parlato molto, mentre del nostro poco o niente. Questo amareggia. Non è stata rispettata molto la nostra diplomazia e il nostro stile, ma il calcio è così”

leonardi vicini al sistema arbitrale(gmajo) – Chi si aspettava un Leonardi arrabbiato con Guidolin per il plagio del suo “Vogliamo stupire” – di cui il Plenipotenziario detiene il copyright (come del resto per l’aggettivo “propositivo” – sarà rimasto senza dubbio sorpreso per le parole di elogio che invece questi, in controtendenza, ha oggi riservato all’ex tecnico gialloblù, attualmente all’Udinese, fresco meritato vincitore della Panchina d’Oro, quale migliore allenatore di serie A della passata stagione, secondo la votazione espressa dai colleghi. Intervenuto in diretta su Sky Sport 24 l’Ad Pietro Leonardi, come abbiamo letto nella preziosa trascrizione di fcparma.com, ha fatto i suoi sinceri complimenti al Don a conclusione di un collegamento imperniato soprattutto sulla questione arbitrale. Dopo il grande silenzio del post Genoa-Parma 2-2 – con unica persona autorizzata a parlare l’equilibrato allenatore Roberto Donadoni, uno che non fa fatica a disquisire solo di calcio, lasciando perdere il contorno, perché tanto non porta punti – oggi sul tema hanno parlato sia il presidente Tommaso Ghirardi, ai microfoni della napoletana CRC, che l’amministratore delegato appunto tramite la satellitare. Se in passato a Leonardi in tanti hanno rimproverato delle cadute di stile, ultimamente, invece, sta facendo sfoggio di un invidiabile aplomb

Continua la lettura all’interno

leonardi dopo parma napoli 1 3 Insomma un Pietro Leonardi in perfetto stile Parma (dei tempi antichi), che sembra un lontano parente di quello che proprio dopo la gara con il Napoli della scorsa stagione, formato tsunami si buscò un deferimento per le esternazioni fatte al termine della partita persa 3-1 in casa dai crociati il 13 marzo 2011 ( e condizionata da qualche torto arbitrale: “L’unica volta che abbiamo parlato è stato in occasione di Parma-Napoli l’anno scorso ma non l’avevamo fatto in riferimento alle decisioni arbitrali – ha voluto chiarire Leonardi a Sky sport 24ma per tutto gazzetta di parma leonardiquello che era stato un pre-gara particolarmente pesante, anche in quel caso situazioni che poi sono state chiarite. Anche dopo Genova abbiamo tenuto una condotta controtendenza, vedi le dichiarazioni del nostro mister e poi del nostro presidente, che, ammetto, sarebbe stato bello fosse stata sottolineata maggiormente”. Ma il buonismo, come scrive il nostro affezionato lettore Parmigiano non paga: oggi, infatti, è arrivato lo stop dell’AD fino al 5 marzo, perché se anche le parole non le ha proferite a mezzo stampa, lo ha fatto direttamente con gli interessati al rientro negli spogliatoi. E così il giudice sportivo lo ha punito con l’inibizione, un assaggio di quello che gli potrebbe capitare dopo i multipli deferimenti della scorsa settimana per via di vizi di forma nei moduli di trasferimento dei calciatori. Né il buonismo ghirardi arbitri non commentiamopaga in termini di audience. Io, però, ostinatamente continuo ad inseguire la mia utopia, cercando di offrire il mio modesto contributo per l’auspicabile rinascita di un calcio migliore. E mi fa piacere avere come insperati alleati perfino Leonardi e Ghirardi. Quest’ultimo si è sottilmente lamentato, al microfono della “catena” campana CRC della scarsa attenzione riservata a Genoa-Parma 2-2, oscurata dal big match Milan-Juve, dove pure non sono mancati clamorosi episodi che han fatto discutere e che costeranno la carriera all’assistente Romagnoli. Invocando la par condicio come Conte, non sarebbe giusto, a questo punto, stroncare anche quella dei collaboratori di Romeo (l’unico arbitro che non premetto col classico Signor, per via di quel capitano di merda di Morrone) parimenti poco felici nei loro suggerimenti? Ghirardi, a proposito della sordina alla gara di Marassi ha argomentato: “Abbiamo subito la concomitanza di Milan-Juventus e di quanto è successo in questo match si è parlato molto, mentre del nostro poco o niente. Questo amareggia. Non è stata rispettata molto la nostra diplomazia e il nostro stile, ma il calcio è così. L’importante è che il sistema calcio condivida la teoria di discutere al proprio interno di questioni simili. Per ora non è così, ma noi continuiamo con la nostra linea di credere nello sport e di credere nelle istituzioni”. Sul new old style Parma in materia arbitri e fair play Leonardi ha così argomentato su Sky Sport 24. “In questi tre anni ci siamo imposti una linea di condotta ben precisa sulle questioni arbitrali e la portiamo avanti. Rappresentiamo una città che ha una storia e un fascino particolare e una tifoseria che anche recentemente è stata premiata per il proprio fair play. Abbiamo uno stile e un’immagine e li tuteliamo. Noi siamo vicini al sistema arbitrale. Capitano situazioni che a caldo si possono vivere con enfasi e sofferenza, lo dico anche personalmente per come vivo la partita e credo che sia comprensibile. Ma pubblicamente nel post gara o nei giorni seguente il match non teniamo comportamenti che potrei definire ipocriti che possono creare alibi o avere una strategia mirata”. Più accorata ancora la seconda parte dell’intervento dell’AD, con una proposta iperbolica: “Ripeto siamo vicini agli arbitri. Se altri sono convinti che siano in malafede allora propongano anche la sospensione del campionato. Noi non siamo d’accordo. Tutti devono accettare le critiche che vengono fatte a livello mediatico, noi, gli allenatori, i giocatori e anche gli arbitri, ma che queste vengano utilizzate per danneggiare il sistema non è modo d’agire che ci rispecchia. Ho stima di Braschi. Ho fiducia in lui. All’inizio del suo mandato abbiamo avuto subito un chiarimento e ho avuto riprova della sua competenza e onestà. Sono convinto che come un bravo allenatore, anche lui ogni volta manda in campo la miglior formazione possibile”. A Leonardi è stato chiesto anche un giudizio sull’ammissione di Buffon ("Non ho visto se la palla è entrata, ma non avrei aiutato l’arbitro") che tanto scalpore ha suscitato, inclusa l’ira del designatore Nicchi (che ha anche mandato un avvertimento ai naviganti: “D’ora in poi applicheremo il regolamento alla lettera”): “Penso sia molto più grave quello che ho detto prima in riferimento a determinati comportamenti strategici tenuti nel pre o nel post gara rispetto a quanto riportato da Buffon. Si sta cercando in modo esagerato di dare responsabilità a un giocatore che è un professionista esemplare”. Alla trasmissione “Si gonfia la rete” di Auriemma, invece, il Ghiro ha elogiato Donadoni: “Sono molto contento della scelta che abbiamo fatto perché il mister è molto preparato e bravo, sia come persona che come tecnico. Credo che anche lui abbia trovato in Parma una città e una società che lo sostengono. Insieme potremo raggiungere buoni risultati. Domenica affrontiamo un Napoli che sta giocando benissimo: ha fatto una buona partita con l’Inter e ne ha fatta una splendida contro il Chelsea, facendo divertire non solo i tifosi napoletani ma anche quelli italiani e per questo bisogna ringraziare de Laurentiis e Mazzarri per le soddisfazioni che danno a tutto il movimento calcistico. Sinceramente noi speriamo che i partenopei abbiano la testa un po’ più a Londra che al Tardini. Noi abbiamo i nostri mezzi, che ci hanno permesso di disputare una bella partita a Genova. Lavezzi? Speriamo che tenga i suoi numeri migliori per Londra”. A proposito di ambizioni europee del club crociato il Pres ha un po’ tirato il freno a mano: “Annunciare ambizioni del genere è difficile noi certamente ce lo auguriamo. Abbiamo un recupero con la Fiorentina ancora da giocare. Lavoriamo con serenità e tranquillità, è ovvio che ci piacerebbe ottenere qualcosa di più”. Gabriele Majo

I testi delle dichiarazioni del presidente Ghirardi a Radio CRC e dell’AD Leonardi a Sky Sport 24 sono tratti da trascrizioni pubblicate dal sito ufficiale fcparma.com

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI