CALATHOPOULOS SCENDE IN CAMPO AL FIANCO DEL GHIRO: “NICCHI FORTE CON I DEBOLI”

Il vice direttore di Sport Mediaset, salsese, sul blog del fu Maurizio Mosca, critica il presidente nazionale dell’Associazione Italiana Arbitri per la differenza di trattamento da lui riservata al presidente del Parma (“sono problemi suoi”) rispetto a Galliani dopo il gol fantasma di Muntari (“siamo addolorati”)

sport mediaset(Nicola Calathopoulos, vice direttore di Sport Mediaset) – Avete mai sentito il Signor Nicchi Marcello, dire ad Agnelli, Moratti o Galliani: “Sono problemi suoi” ? Impossibile. Per fare il forte con i forti ci vuole una predisposizione e un coraggio che in pochi hanno. Il Presidente dell’Associazione Italiana Arbitri non ce l’ha. Dopo lo scempio compiuto a San Siro una settimana fa, davanti alle rimostranze del Milan per il gol non visto, Nicchi si è affrettato a dire: “Siamo addolorati, dobbiamo riflettere”. La svista clamorosa dei suoi uomini rischia di decidere la lotta per lo scudetto e di orientare i destini della stagione di due super potenze del nostro calcio. Bene, cosa fa Nicchi? Ammette l’errore, si fa pecorella, si dice addolorato, insomma si scusa. Lo stesso trattamento, penserete, il Presidente dell’Aia Nicchi Marcello, lo riserverà a tutti, è ovvio, è naturale. Non si possono fare figli e figliastri.

Continua la lettura all’interno

Scala Majo Calathopoulos[2]D’altra parte i dirigenti delle società calcistiche e le istituzioni devono essere responsabili, non alimentare le polemiche e aiutare gli arbitri. Ed è proprio quello che fa il Presidente del Parma Tommaso Ghirardi, uno che ha messo nella società una cinquantina di milioni frutto del lavoro suo e della sua famiglia, non soldi virtuali, fotocopiati, uno che il Parma lo ha salvato dal fallimento dandogli un futuro. Cosa fa Ghirardi? Dopo aver subito nelle ultime due partite torti inimmaginabili che avrebbero scatenato una rivoluzione se fossero capitati ad una delle grandi del nostro campionato, dà alla squadra la linea del silenzio per non alimentare polemiche, accetta l’orrore che ha subito sul campo cercando di aiutare le istituzioni, insomma smorza i toni ma si lascia scappare un innocente: “Sono rimasto deluso da Nicchi e Braschi, dopo quello che è successo a Genova mi aspettavo almeno una telefonata.”

Una telefonata in cui Nicchi avrebbe dovuto ringraziare il presidente del Parma per il suo atteggiamento prendendolo ad esempio. Sapete cosa ha risposto oggi il signor Nicchi Marcello al presidente del Parma Ghirardi dopo che ieri arbitro e guardalinee hanno confezionato un delitto perfetto, compiendo una serie di errori clamorosi che hanno regalato al Napoli una vittoria che lo stesso Mazzarri ha definito immeritata? “Ghirardi deluso da Nicchi e Braschi? E’ un problema suo.” Questo ha detto oggi il signor Nicchi Marcello.

Secondo noi è un problema nostro. Nicchi, intendo dire. Nostro. Di noi che il calcio lo seguiamo per lavoro o per passione. La maleducazione e la strafottenza contenuti in quel “è un problema suo” sono la fotografia fedele di quello che non vorremmo che fossero i dirigenti delle istituzioni del nostro calcio. Tutti siamo fallibili, ed eccome se lo sono Nicchi e Braschi, ma almeno avere la decenza dell’autocritica e un atteggiamento di rispetto uguale per tutti è una pretesa che dobbiamo reclamare a gran voce.

Nicchi la prossima volta che Galliani, Agnelli o Moratti si lamenteranno degli arbitri avrà il coraggio di dire: “Siete insoddisfatti del nostro operato? E’ un problema vostro?” Ce lo auguriamo. Intanto che si allena nell’arduo percorso che porta dalla pecorella al lupo, abbia almeno la decenza di tacere. Ghirardi, Percassi, Pozzo, Cellino, Mezzaroma, Campedelli e via via tutti gli altri che non siano Galliani, Moratti e Agnelli sono abituati ad essere cornuti. Ma anche “mazziati” è francamente troppo…

di Nicola Calathopoulos (Vice Direttore Sport Mediaset)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

13 pensieri riguardo “CALATHOPOULOS SCENDE IN CAMPO AL FIANCO DEL GHIRO: “NICCHI FORTE CON I DEBOLI”

  • 6 Marzo 2012 in 08:33
    Permalink

    Buondì Majo, le forze pulite del calcio stanno urlando giustizia e chissà che dall'autogol di Nicchi non parta la nostra rivincita. Evidentemente le dichiarazioni di Ghirardi stanno avendo il loro effetto mediatico e quello che in un primo monento appariva un passo falso sembra che sia stata una mossa vincente. Quello che non si può discutere è l'opportunità di protestare a fronte dei torti subiti. Anche l'ottimo Italo Cucci in apertura di trasmissione ieri a Bar Sport ha giustamente affermato che è da stolti sia urlare sia tacere: in casi come questi bisogna fare sentire civilmente le proprie ragioni e questa è la strategia che da sempre ho indicato come opportuna e vincente. Del resto anche lei ieri sera, di fronte all'arroganza di Cervi che non solo non la lasciava parlare ma addirittura si è permesso di prenderla per i fondelli rimproverandola di aver perso un'ottima occasione per tacere (da che pulpito partiva la predica!), si è giustamente scaldato alzando la voce e facendo sentire le sue ragioni: se fosse stato zitto per un discutibile spirito "buonista" avrebbe fatto la figura del debole e del fesso. Avendo lei dunque vissuto in prima persona il sano istinto di ribellione contro il sopruso per qual motivo vorrebbe che il Parma non reagisse alla stessa maniera? A dire il vero devo ammettere che la dichiarazione di Ghirardi, pacata, civile ma ferma e risoluta abbia avuto una maggiore cassa di risonanza nel contesto del silenzio stampa: anzichè urlare il nostro Presidente ha fatto tacere tutti col risultato di far sentire la propria voce mantenendo quello stile british da lui tanto apprezzato. A posteriori mi devo dunque ricredere e penso che la sua mossa mediatica sia stata veramente geniale e vincente, un esempio cioè per tutti noi. Cordialmente, Parmigiano.

  • 6 Marzo 2012 in 09:23
    Permalink

    Fa piacere constatare che gli unici giornalisti che hanno speso due parole in difesa del Parma siano zazzaroni e calathopoulos..

  • 6 Marzo 2012 in 10:13
    Permalink

    Grazie all'assist dell'anonimo delle ore 9.23 (sarebbe stato stupendo si fosse firmato) ho ripescato quanto Ivan Zazzaroni, sul proprio blog "zazza.blog.deejay.it" ha scritto, simulando di essere il Parma, a proposito dei torti arbitrali subiti nelle ultime due partite. Probabilmente avrebbe meritato un post apposito come quello riservato a Calathopoulos, ma meglio di niente lo trascriviamo qui:
    "Salve, mi chiamo Parma Calcio, sono un club medio-piccolo che ha costi troppo alti (30 milioni in stipendi), porta 10mila persone alla stadio, quando va bene, e fino a quindici giorni fa si sentiva tranquillo, quasi a posto. Salvo. Poi sono bastati due arbitraggi che definirei contrari (un paio di rigori contro che non c’erano, un gol in netto fuorigioco che ho pagato con la sconfitta) e adesso mi scopro di nuovo nei guai. I giornali non si occupano di me, le televisioni mi trascurano, sono una notizia di venti righe o una battuta di 10 secondi. Per Nicchi, il capo degli arbitri, non esisto: non capisco perché abbia chiesto scusa a Milan e Juve e a me no. Se va a avanti così, scendo. Non esisto più". (di Ivan Zazzaroni)

  • 6 Marzo 2012 in 10:36
    Permalink

    Un "bravo" sia a Calathopoulos e Zazzaroni.
    Qualche giornalista che parla chiaro e dice le cose come stanno c'è ancora.
    Bravi davvero.

  • 6 Marzo 2012 in 10:43
    Permalink

    E' facile dire "bravo" a chi dice le cose che si vuol sentir dire.

  • 6 Marzo 2012 in 10:53
    Permalink

    E' facile dire "bravo" a chi dice la VERITA'.
    Ah, dimenticavo…..la verità è solo quella che ha proferito il buon colomba nella sua conferenza stampa pro-panchina per il prossimo anno.
    Saluti.

  • 6 Marzo 2012 in 11:06
    Permalink

    Buondì Parmigiano, mi pare un po' una pia illusione che le "forze pulite del calcio stanno urlando giustizia". Siamo di fronte a "due articoli due" di due amici del Parma, che hanno preso posizione a favore di una squadra che apprezzano o perché l'hanno seguita a lungo professionalmente dal vivo (Zazzaroni, quando era ancora Capo redattore del Corriere dello Sport Stadio) o anche perché oltre averla seguita da giornalista (come testimoniato dalla foto d'antan che ci ritraeva assieme a Scala) la si tifa come il salsese Nicola Calathopoulos. Certo non mancano e non mancheranno neanche altri interventi che possono sembrare a sostegno del Parma, ma che più facilmente potrebbero essere contro Nicchi e la "vil razza dannata" degli arbitri. Io ricordo che quando il Parma venne condannato alla serie B a San Siro contro l'Inter (con un girone d'anticipo su quello che sarebbe stato il verdetto finale del Tardini) un interista rinomato e di peso, come l'allora direttore del Tg 5 Enrico Mentana prese chiara ed evidente posizione a favore del Parma "vessato" durante una sua rubrica radiofonica su un network nazionale. In quella occasione nacque una sorta di simpatia tra l'odierno direttore delle news di La 7 e appunto il "Ghiro". Ghirardi, quella sera, in diretta a Controcampo, seppe davvero fare un intervento accorato e genuino che fece avvicinare molti alla causa del Parma (ma attenzione anche quella volta il competitor era l'arbitro…). Io non mi sono trovato altrettanto d'accordo sull'incontinenza di domenica sera di voler per forza parlare da Varriale. E' vero che sei il padrone o il proprietario e non un dirigente o un tesserato, ma se dai una linea da seguire devi anche dare il buon esempio di seguirla per prima. Se il Parma, per fair play e senso di sportività (che però deve essere "gratuito", non "interessato", cioè finalizzato ad avere dei vantaggi, come piacerebbe a Lei, Parmigiano, che vorrebbe a tal uopo ci fossero migliorie strategie comunicative) vuol star vicino agli arbitri e sostenerli, poi non può il presidente, sia pure in modo garbato ed educato, rimarcare che dei torti da loro li ha subiti, o attendersi chissà quale riconoscenza. Per me quello del Ghiro è stato un autogol: ma quello di Nicchi, che gli ha risposto come gli ha risposto, lo è stato doppio, perché indubbiamente ha confermato, con le sue parole e i suoi atteggiamenti, quanto in tanti insinuano di lui, che sia prono ai poteri forti del calcio. Certo, l'autogol del capo degli arbitri è stato provocato dall'esternazione di Ghirardi, il quale se avesse taciuto non lo avrebbe indotto all'errore, ma ciò non toglie che coerenza avrebbe voluto che se la linea societaria è quella di dare appoggio alla classe arbitrale egli non avrebbe dovuto esternare il suo malcontento da Varriale. Insomma, per me, siamo di fronte a due errori. Così come se fossi stato in Leonardi avrei evitato domenica di passare dalle parti della sala stampa esternando il suo pensiero da tifoso. Perché mettendosi nei panni di Nicchi (ohibò, cercherò di starci il meno possibile…) quella del Parma che dice che non parla di arbitri ma poi lo fa può sembrare una presa per i fondelli, ergo l'uscita sbagliata di ieri.
    Continua

  • 6 Marzo 2012 in 11:24
    Permalink

    Sulla opportunità di protestare a fronte dei torti arbitrali io, come noto, non la penso come lei e come Cucci. La penso come Donadoni, il quale nella famosa lezione di stile a Conte, aveva detto chiaro e tondo: "Se penso reclamando, protestando, avendo atteggiamenti di questo genere che la volta dopo mi avvantaggino in questo modo, credo di aver capito molto poco di questo mondo”. (vedesi link http://www.stadiotardini.com/2012/02/donadoni-lezione-di-stile-conte.html)
    Quella lezione di Donadoni è stata compresa da Ghirardi, il quale, avendo retaggi delle serie inferiori, una volta era molto più "mangiarbitri" di quanto appaia adesso e ben compresa e fatta sua anche da Leonardi, il quale, almeno nelle prediche, continua a perseguire la linea della sportività e del fair play. Linea che a mia volta sostengo da tempi non sospetti. E mi piacerebbe che l'esempio del Parma venisse seguito da un po' tutti i club (anche se le mie sono spesso delle utopie). Però essere i primi, gli unici, a farlo (se ci si crede davvero e non per ipocrisia) è indubbiamente meritorio.
    Cucci dice che è altrettanto stupido protestare che fare il silenzio stampa: non sono affatto d'accordo. Se il silenzio del Parma fosse stato vero, integrale, totale avrebbe potuto essere davvero un segnale. Poi, Parmigiano, Lei pensa sempre alla "ragion di stato", per cui la strategia dovrebbe tradursi in vantaggi: è questo il tasto dolens, l'errore. Se uno fa beneficenza non deve aspettarsi una riconoscenza, né dirlo pubblicamente per farsi dire bravo. Della tua diversità devono essere gli altri ad accorgersene. E qui mi collego alla mia prestazione di ieri sera a Bar Sport. Ebbene: io mi vergogno di me stesso. Tolto che, come al solito, in quell'arena non si riesce a veicolare dei contenuti perché c'è il vizio di parlarsi addosso e di urlare senza ascoltare, io penso di essermi sempre distinto nelle mie apparizioni appunto per lo stile, il bon ton, la sportività. Alzare la voce su un arrogante come Cervi serve solo a fare il gioco di quelli come lui. A me quel tipo di televisione non piace,e lo reputo anche superato, però evidentemente le zuffe in tv continuano a piacere. Non fanno per me. Io vorrei poter dire qualcosa, offrire delle idee, magari anche criticabili, ma parlarne con distensione e voglia di ascoltare, non fare la gara a chi urla di più o a chi ne sa di più. Io ieri sera saltando dietro a Cervi ho tradito me stesso e i miei ideali. Avrei fatto bene a continuare a fare, come stavo facendo, scena muta. E se anche passo per debole e per fesso non me ne impipa niente.
    Infine: torno al Ghiro da Varriale. Ribadisco: non metto in discussione né la forma, né i contenuti usati, ma la contraddizione di ordinare il silenzio agli altri (tra cui un ottimo oratore come Donadoni) e parlare lui.
    Lei, Parmigiano, in questi giorni ha fatto i nomi di Gavazzoli o Montali quali consiglieri di comunicazione per il Parma: il fatto è che anche altri consiglieri senza quel pedigree al servizio della società il proprio punto di vista possono anche averlo esposto; si tratta, poi, di essere ascoltati. Se no è come prendere l'allenatore e pretendere di dettargli la formazione. Ad ognuno il suo…
    Cordialmente Gmajo

  • 6 Marzo 2012 in 11:28
    Permalink

    Roger, bravo a Lei, che sa cos'è la VERITA' (non solo con la V maiuscola). La verità, egregio, ribadisco, non è quello che si vuole ascoltare. E il miglior esercizio è quello di mettersi anche dalla parte opposta e cercare di capire un punto di vista diverso. Ma Lei continui pure così, anche tirando in ballo il povero Colomba che in tutto questo non ci azzecca nulla, ma i suoi argomenti, evidentemente sono questi ed esponendoli si è già qualificato. Saluti Gmajo

  • 6 Marzo 2012 in 12:07
    Permalink

    Egr. Majo, su una cosa siamo perfettamente d'accordo: lo stile che sistematicamente viene proposto a Bar Sport è riprovevole. Sinceramente dopo poco sistematicamente cambio canale perchè quello starnazzare è veramente di bassa lega e insopportabile. A proposito: quando ho tessuto le lodi dello stile della TV Parma di Gavazzoli dimenticavo di considerare la conduzione di Bar Sport, che fa decadere molto lo stile stesso. Dispiace perchè pochi personaggi di dubbio spessore rovinano un parterre veramente di alto livello, che potrebbe offrire settimanalmente un programma di grande approfondimento calcistico. Mi associo dunque a lei nel prendere le distanze dal quel tipo di fare TV che evidentemente suscita tanto successo. Se fossi in lei per quanto riguarda la sua reazione a Cervi non sarei così severo con me stesso, perchè contrastare i prepotenti è segno di coraggio e grande civiltà. Un conto sarebbe se lei fosse solito ad alzare la voce come ha fatto ieri ma essendo un personaggio ben conosciuto dai telespettatori per la sua pacatezza e il suo bon ton genuini quando ha reagito a Cervi ha solamente fatto quello che andava fatto, punto. Spero dunque che il nuovo direttore Molossi confermi lei e non Cervi per la prossima stagione come opinionista a Bar Sport affinchè quello "stile-Parma" che con tanta fatica si sta cercando di delineare diventi un clima diffuso sia nella società che nell'ambiente tutto. Cordialmente, Parmigiano.

  • 6 Marzo 2012 in 12:36
    Permalink

    nichhi con queste dichiarazioni ha autorizzato gli arbitri ad usare due pesi e due misure!! il 6 che ha dato alla prestazione degli arbitri si spiega proprio perchè sono state calpestate le piccole e quindi per l'aia va benissimo così, che rivincita!!!

  • 6 Marzo 2012 in 15:54
    Permalink

    Lei Majo si è già qualificato da molto tempo come giornalista impeccabile e assolutamente super partes. La ringrazio per i passi di vangelo con cui ci illumina ogni giorno. Senza questi non posso stare.
    Saluti.

  • 6 Marzo 2012 in 19:33
    Permalink

    Majo, ma davvero credi nella buona fede di un guardalinee che, ad un metro di distanza e senza nessuno davanti, non segnala un fuorigioco del genere? Dailá… Pazienza il fallo di mano, pazienza il rigore che non c'era, pazienza il rigore su Giovinco non dato…pazienza tutto…ma il gol di Cavani è una ladrata ed è giusto dire le cose come sono e non fare sempre quelli che cascano dal pero. Domenica ce l'hanno rubata, stop. Il perchè non lo sapremo mai ma trattandosi del Napoli e sentendo le parole di Nicchi io un'idea me la sono fatta.

    Il Manno (Francesco Mannella)

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI