E IL COORDINAMENTO ORGANIZZA LA PANOLADA…

Si moltiplicano le iniziative di protesta contro i torti arbitrali della tifoseria organizzata crociata in programma per il recupero con la Fiorentina. Oltre ai Boys che chiedono di portare i fischietti all’Ennio, il CCPC invita a sventolare il fazzoletto bianco prima dell’ingresso in campo delle squadre

PANOLADA(Comunicato stampa del Centro Coordinamento Parma Club) – Fazzoletti bianchi non in segno di resa ma di PROTESTA!  “Sarà una dimostrazione civile e pacata, come quelle che da sempre ci caratterizzano – dice il presidente Angelo ManfrediniSiamo sostenitori del fair play ma dopo l’ennesimo TORTO subito non vogliamo più sopportare tutto questo in silenzio. Intendiamo dare, a modo nostro, un SEGNALE FORTE. Mercoledì sera al Tardini manifesteremo il nostro DISAPPUNTO sventolando dei FAZZOLETTI BIANCHI all’ingresso delle squadre a inizio della gara, INVITIAMO TUTTI A MUNIRSI DI FAZZOLETTI BIANCHI e unirsi a noi, nella speranza che quel che abbiamo visto nelle ultime gare e che ci ha danneggiato pesantemente non debba più RIPETERSI”. Fazzoletti alla mano dunque… e … tutti allo stadio a tifare: FORZA PARMA !!!

www.stadiotardini.com

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

13 pensieri riguardo “E IL COORDINAMENTO ORGANIZZA LA PANOLADA…

  • 6 Marzo 2012 in 09:26
    Permalink

    Majo diciamo con grande chiarezza che questi quì l'idea l'hanno "rubata" da un utente di parmafans e che di loro sponte non sono capaci di fare una cosa che sia una..abbiamo il coordinamento più patetico d'Italia
    Mi auguro verrà pubblicato

    Copione

  • 6 Marzo 2012 in 10:31
    Permalink

    Buongiorno "Copione". Per curiosità sono entrato a dare un'occhiata a parmafans.it, che riconosco essere davvero una fucina di idee (una volta esisteva, non so se c'è ancora, una sezione che si chiamava appunto la fucina di parmafans che sfornava suggerimenti a gogò, dove c'erano degli sproni anche al sottoscritto quando militava con la divisa sociale) e vedere come era nata l'idea della "panolada". Mi è parso di capire, leggendo il "muretto" che la paternità sia di "oxenstierna", il quale chiarisce: " L'idea è mia …ai distinti non se ne era parlato proprio ,ne' all'uscita (te ne avrei accennato PR77) ,ma va benissimo cosi':se il CCPC la fa sua io ne sono contento." PR77, infatti, poco prima gli aveva chiesto se l'idea proposta l'aveva appunto sentita allo stadio. Posto che, scusa la auto-referenzialità, anch'io mi reputo uno che sforna idee a gogò, regalate ad altri (i quali poi si prendono i meriti, anche se non è questo il caso), mi permetto un paio di osservazioni: 1) se proprio vogliamo cercare la primogenitura, la stessa appartiene a quel telespettatore intervenuto a Teleducato nella puntata di Calcio & Calcio della scorsa settimana, dopo Genoa-Parma: ne avevamo parlato anche noi nella nostra recensione http://www.stadiotardini.com/2012/02/calcio-calcio-lallarme-psichedelico-di.html
    Non avevo visto quella puntata, quindi non so se, nel caso specifico, fossero stati presenti, però so che quel programma è frequentato assiduamente da membri del direttivo del CCPC, quindi potrebbero aver preso ispirazione di lì. Anche perché, sinceramente, non li vedo molto "smanettare" su internet.
    2) la panolada, vado a memoria, sarà una novità per il Tardini, però è un classico della protesta per i torti arbitrali subiti: sicché, onestamente, rivendicare in questo modo la paternità di una idea comunque non originale, mi pare un po' esagerato.
    Cordialmente Gmajo

  • 6 Marzo 2012 in 11:33
    Permalink

    Vabbè dai alla fine chissenefrega di chi è la primogenitura, l'importante è che ci sia qualcosa di civile che faccia capire il disappunto dei parmigiani.
    L'unico dubbio è che non so fino a che punto il CCPC sia in grado di gestirla una cosa del genere e soprattutto quanto seguito reale abbia, ma se la stampa, così come mi pare stia facendo, "tira" l'iniziativa la cosa potrebbe riuscire.
    Certo è che in caso contrario il flop sarebbe spiacevole. Intendo dire che quando si lanciano queste cose bisognerebbe avere il polso della situazione ed uno zoccolo duro, come p.e. hanno i Boys che si sbattono per la riuscita. Il CCPC sarà in grado? boh speriamo.

    Chissenefraga giocherà la primavera…

  • 6 Marzo 2012 in 11:53
    Permalink

    Purtroppo il tempo è quello che è: però, ad esempio, sarebbe stato bello se la stessa società o qualcun altro, avesse fatto preparare dei fazzoletti bianco-crociati da distribuire gratuitamente, come le famose cuffie gialle contro gli orari notturni delle partite, strenna natalizia del Ghiro ai tifosi… Se poi qualcuno lo fa si sappia che la primogenitura è mia (machissenefrega…) Cordialmente Gmajo

  • 6 Marzo 2012 in 12:31
    Permalink

    Chi se ne frega della progenitura di un idea d'importazione!Se il CCPC riesce ad organizzarla benissimo,in caso contrario nulla di nuovo.

  • 6 Marzo 2012 in 12:44
    Permalink

    Sig. Majo buongiorno,Sono Pr77 del Forum di Parmafans. Stamane nei miei interventi in bacheca ho infatti chiesto all'utente Oxenstierna se l'idea fosse partita da lui o meno. Alla sua risposta affermativa mi è sorto spontaneo pensare che qualcuno, scevro di idee da parte del Coordinamento, abbia invece attinto a quella che un tempo era la "Fucina" del forum e che ora si presenta in maniera assai più sparuta ma non per questo meno efficace sui vari topic. Apprendo da lei che questa protesta era già stata proposta una settimana fa in tv e ne prendo atto. Mi lasci pensare però, che il fatto di sentirmela nominare in una nota trasmissione sportiva a poche ore dalla discussione nata sul forum,dove si sa benissimo che molte note firme del giornalismo locale e non vanno a sbirciarne le pagine, mi ha fatto sorgere (lecitamente) più di un dubbio… Detto questo la saluto.

    Pr77 (Parmafans)

  • 6 Marzo 2012 in 12:46
    Permalink

    La finta signorilità: Ghirardi urla "Ladri" a De Laurentiis

    Ghirardi ha scaricato la sua rabbia con frasi di disappunto all’indirizzo di De Laurentiis che stava lasciando il suo posto in tribuna: «È uno scandalo, ladri».

    Il Mattino

    Al Parma non resta che chiudersi in un furibondo silenzio. Non prima che Ghirardi affronti il collega De Laurentiis: «È uno scandalo, siete dei ladri», l'accusa del presidente del Parma.

    Sandro Bocchio
    Tuttosport

  • 6 Marzo 2012 in 12:53
    Permalink

    Sono andato a vedere Parmafans ,ma di rivendicazioni sull'idea della panolada ho letto solo un paio di frasi….e la migliore è quella del consigliere della regina che si dice contento se il CCPC la riuscisse ad organizzare..tra l'altro su Parmafans ci sono anche pareri contrari e suggerimenti folcloristici come alternative alla panolada.Va bene che ci sia fermento,una volta tanto;poi al campo,temo, come spesso avviene, non si fara' nulla.

  • 6 Marzo 2012 in 15:11
    Permalink

    ma che palle ma quanti anni avete? gnè gnè gnè lo detto prima io!!!
    Possibile che si faccia un tal sterile polemica?!?!
    L'importante che la buona idea qualcuno l'abbia colta e la porti a compimento! o doveva rimanere solo una buona idea su cui chiacchierare su un forum?
    Noi parmigiani siamo dei campioni quando c'è da rompere le scatole ad altri alzando il ditino…
    Robe da matti, mai che si possa fare una cosa senza che altri si mettano a disposizione per la riuscita ma subito pronti a dar aria alla bocca!
    L'avete detto prima voi? benissimo mettetevi in moto anche voi per far riuscire al meglio questa iniziativa!

    abbonatocrociato

  • 6 Marzo 2012 in 15:43
    Permalink

    Majo probabilmente non ho veicolato bene il mio messaggio, anzi sicuramente
    Il problema non è tanto prendere spunto dalle idee degli altri, la mia era na considerazione di carattere generale ricollegata al caso specifico! È palese come l CCPC sia totalmente privo di iniziativa per ogni genere di attività e non fa niente per incentivare il tifo, nonostante una base numerosissima di tesserati!anzi in alcuni casi, come a lei testimoniato in un precedente post, disincentivano anche il tifo genuino e goliardico come la rimozione dello striscione contro la Juve..
    A questa gente interessa solo fare delle scampagnate in autogrill e mangiare a casa di ghirardi giusto per mantenere la gestione dei bar..
    A proposito di questo tema: ma senza la gestione dei bar questa gente sarebbe ancora allo stadio? E sopratutto:se di passione si tratta, perchè non tifare GRATIS senza alcun tornaconto? Questa è passione disinteressata..senza avere la presunzione di fare da "autore" dei suoi post, auspico un suo approfondimento su questo tema, perchè sarebbe ora che certa gente si faccia da parte lasciando spazio a giovani che magari hanno un filo di entusiasmo in più
    Copione

  • 6 Marzo 2012 in 18:18
    Permalink

    Dai copione, ma cosa ti hanno fatto quelli del CCPC, in fondo sono uno sparuto gruppo di persone anziane che intendono il CCPC come un qualsiasi punto di ritrovo quale potrebbe essere la tombola o un bar a giocare a briscola. Poi il fatto che ne approfittino per unire alla partita anche la visita della città o la beccata in compagnia nel ristorante di turno o i salamini e la torta fritta in autogrill che cosa rappresenta di così scandaloso?
    La gestione dei Bar gli serve appunto anche per poter offrire, a pochi intimi (questo è vero), la possibilità di andare in trasferta a prezzi accessibili, anche in questo caso non ci vedo niente di male.
    Che quasi tutti entrino allo stadio gratis è dettato dal fatto che svolgono, bene o male, un servizio (in questo caso farebbero forse più bella figura a smetterla di fare appelli ad abbonarsi o ad essere tutti presenti, perchè esserci costa e fare gli appelli quando si va a macca in casa e fuori forse è un pò ipocrita).
    Poi se vogliamo entrare nel merito, nella richiesta dei post di approfondimento che chiedi a Majo perchè non ti chiedi anche con quali risorse si possono sostenere trasferte a quei prezzi? Pensi che siano sufficienti le risorse date dal tesseramento? Facciamo un esempio pratico: se un gruppo avesse 200 tesserati a 50 € all'anno accumulerebbe in tutto 10.000 €. Prova ad andare a vedere quanto costa un pulmman e aggiungici il prezzo del biglietto e poi dimmi quante trasferte si potrebbe permettere quel gruppo a prezzi che a volte corrispondono a quello del biglietto di entrata. Se a ciò aggiungiamo i costi derivanti dall'utilizzo di una eventuale sede, dagli striscioni ecc. ecc. ci rendiamo conto che forse qualcosa tocca.
    Quindi smettiamola di fare le pulci al CCPC e cerchiamo tutti di essere più obiettivi.

    Chissenefrega giocherà la primavera…

  • 6 Marzo 2012 in 20:26
    Permalink

    Rispondo all'ultimo utente…a me non hanno fatto niente, ci mancherebbe, però se permetti di gente che va in trasferta e caccia i soldi di tasca sua ce n'è…e soprattutto paga l'abbonamento o i biglietti in casa..e dalla società non ha niente in cambio…se poi voi dirmi che il coordinamento deve stare in piedi per favorire 4 gatti in pensione e magari anche i figli (tipo la stagista al Parma di uno dei più in vista del ccpc) allora ci sto un po' meno..se vuoi tifare tifa…se vuoi stare a casa va bene comunque..ma a fare la parte di quelli sempre presenti ma a sbafo se permetti mi sta un po' lì..
    Comunque spero che questi signori riusciranno a coinvolgere un po' di gente in quest'iniziativa..vediamo
    Copione

  • 7 Marzo 2012 in 11:59
    Permalink

    Intanto la stagista è figlia di un presidente di un club del PETITOT e non del ccpc.
    Poi o le pulci le facciamo a tutti o è meglio lascir lì di criticare chi ci fa comodo.
    Sappiamo tutti che anche il direttivo boys e non solo (visto con i miei occhi varcare i varchi "loro sono con me" senza esibire un tagliando d'ingresso in questo caso omino di servizio cccp complice) entra a macca con biglietto o tessere omaggio e non fanno certo servizio allo stadio, il loro "lavoro" è tifare come gli altri che pagano biglietti o abbonamenti!
    Quindi piantiamo lì dailà!!!!

    firmato

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI