IL COMPASSATO DONADONI: “QUESTA NON E’ SFORTUNA”

La frase pronunziata “fuori onda” è stata riferita da Michele Angella nel suo servizio per la pagina sportiva del Tg di Teleducato delle 12.25: il tecnico ha risposto così a un cronista napoletano che aveva cercato di consolarlo in mix zone. Intanto i tifosi non hanno ancora digerito il fuorigioco di un metro di Lavezzi non segnalato dall’assistente Giordano: per mercoledì starebbero pensando ad una contestazione a sorpresa. Stasera alle 21 l’antenna cittadina propone il consueto salotto “Calcio & Calcio”

(Michele Angella, dal Tg di Teleducato) – Come si fa a giustificare un errore come questo? Fuorigioco di un metro di Lavezzi non segnalato dall’assistente Giordano, piazzato ottimamente. I tifosi del Parma non riescono ancora a digerire la partita dell’ora di pranzo, di ieri al Tardini. Nemmeno il giorno dopo. Nemmeno a mente fredda. E per dopo domani – quando alle 18.30 allo stesso Tardini arriverà la Fiorentina, per il recupero della partita rinviata a causa del maltempo lo scorso 12 Febbraiogli esponenti del tifo organizzato gialloblù stanno pensando a una contestazione a sorpresa.

Continua la lettura all’interno

Il Parma, dal canto suo, ha scelto il silenzio stampa: a parlare è stato il solo Ghirardi, intervenuto in collegamento telefonico su Rai Due ieri pomeriggio, per esprimere tutta la propria amarezza per la situazione. Parma penalizzato nel turno precedente a Marassi contro il Genoa, Parma azzoppato ieri contro il Napoli: solo una casualità? Oppure c’è dell’altro? Perché il dubbio che anima molti supporter gialloblù è che in situazioni particolari siano state tutelate volutamente società più potenti. Oppure c’è il timore che al Parma sia stato voluto far pagare qualcosa. Ma cosa? E perché? Noi preferiamo pensare che si sia trattato di casualità e di incapacità. Non certo di malafede. Però fa specie la frase sfuggita a Donadoni ieri in mix zone quando, rispondendo a un giornalista napoletano che lo salutava e gli manifestava il dispiacere per la sfortuna dei gialloblù, il sempre composto tecnico bergamasco rispondeva: “Non è sfortuna, questa…”

Per tutti i commenti appuntamento da non perdere questa sera a Calcio & Calcio, come sempre in diretta alle ore 21. Con telefoni aperti, e a quanto pare bollenti…

(di Michele Angella – dal Tg di Teleducato delle ore 12.25 del 05.03.2012)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

5 pensieri riguardo “IL COMPASSATO DONADONI: “QUESTA NON E’ SFORTUNA”

  • 5 Marzo 2012 in 14:53
    Permalink

    Per correttezza nei confronti dei colleghi dell'ANSA (ieri era in servizio al Tardini Giampiero Moscato, inviato con il quale abbiamo condiviso tantissime trasferte del Parma in giro per l'Europa, coadiuvato dal corrispondente sportivo Giuseppe Milano) è doveroso da parte mia segnalare che la frase di Donadoni che presta il titolo di questo post era stata riportata anche nel reportage proposto ieri a caldo dall'agenzia, come si può leggere nel copia incolla del lancio sotto riportato. Del resto oggi su alcuni quotidiani era appunto riportata, magari proprio grazie alla preziosa Ansa. Cordialmente Gmajo
    ANSA/CALCIO: MAZZARRI, 'EPISODI FAVOREVOLI, NON MERITAVAMO'
    PARMA FURIOSO IN SILENZIO STAMPA, 'MAI ORGOGLIOSI DEI FURTI'
    PARMA
    (ANSA) – PARMA, 4 MAR – Prendi i tre punti e scappa. Walter Mazzarri, spesso accusato di lamentarsi troppo, oggi cambia registro: "Ci è girato tutto bene, il Parma ha giocato meglio e noi non meritavamo di vincere". Un atto d'onestà che, però, non ha placato la furia del Parma. Già al fischio finale tutti i gialloblù avevano accerchiato Valeri imbufaliti, poi la scelta del silenzio stampa, rotto da due sole frasi. "Io non sono mai orgoglioso dei furti", le uniche parole del dg Pietro Leonardi, mentre Roberto Donadoni, ex poco rimpianto, si è lasciato scappare: "Questa non è stata sfortuna".
    Mazzarri non ha nascosto che al suo Napoli sia andata grassa: "Eravamo stanchi, abulici, poco lucidi. Abbiamo raccolto molto di più di quanto meritassimo". E sugli episodi ha esposto la sua teoria: "Tante volte quest'anno abbiamo giocato meglio e raccolto poco o niente, magari per situazioni negative. Oggi è successo il contrario, non è che sia capitato molte volte da quando sono a Napoli". Colpa anche delle nazionali che hanno tolto a Mazzarri mezza squadra: "Un calo è comprensibile. Nell'unica settimana senza Champions, mezza squadra è partita e l'ho rivista solo venerdì. Praticamente non ci siamo allenati". La quarta vittoria consecutiva (quinta contando la Champions, un record dell'era Mazzarri) rilancia comunque gli azzurri in ottica Champions: "Sono tre punti pesantissimi ma non pensiamo al terzo posto. Dobbiamo continuare come abbiamo fatto sempre, giocare al 120% ogni gara e poi a fine anno tireremo le somme".
    Inevitabile, però, un riferimento al Chelsea che ha esonerato Villas Boas dopo l'ennesimo ko di un'annata disastrosa: "Mi dispiace umanamente, perché è un amico e ci stimiamo. Ma di certo per noi non sarà un vantaggio". In mezzo, però, ci sarebbe venerdì il Cagliari: "Pensare già ora alla Champions non serve a niente, bisogna farlo nel momento giusto per tirare fuori tutte le motivazioni necessarie". Anche perché il Napoli rischia di avere qualche problema di formazione con Dzemaili squalificato e le condizioni degli infortunati Britos e Grava da verificare nelle prossime ore. In casa Parma, invece, solo silenzio e tanta rabbia. La beffa di Lavezzi si aggiunge a quella di Genova, dove Palacio aveva raggiunto il pari al 96' in una gara con episodi contestati.
    Meglio restare zitti, insomma, piuttosto che parlare a caldo: "Profondamente amareggiato", recita un comunicato, il Parma tornerà così ad allenarsi già domani, mercoledì infatti c'é il recupero con la Fiorentina. (ANSA).
    Y8C-Y5C/MR
    S0B QBXB

  • 5 Marzo 2012 in 15:00
    Permalink

    Domanda veloce: ma non era il Parma quello che dopo la partita con la Juve, nettamente avvantaggiato dalle decisioni arbitrali (2 rigori per la Juve di cui uno al 90' non dati), diceva che bisogna saper accettare gli errori, che non bisogna fare polemica, ecc…ecc…??

  • 5 Marzo 2012 in 15:13
    Permalink

    Diventa difficile digerire quanto visto ventiquattro ore fa, anche a mente fredda. Ripeto un concetto già espresso: un conto è perdere per una decisione arbitrale dubbia, al termine di una gara giocata così così. Un altro è perdere, per le stesse ragioni, una partita in cui il Parma ha messo sotto, dal principio alla fine, una squadra che, a scanso di sorprese, entrerà tra le prime otto di Europa. Nei tre momenti chiave dell'incontro, il direttore di gara ha arrecato un danno al Parma, facendo un favore (e che favore!) al Napoli. E stavolta non mi faccio fregare dalla storia dei sei e dei ma: perchè se non ci fossero stati quei tre errori, il Parma avrebbe vinto. Punto.

    Avrei qualcosa da dire anche in relazione alle dichiarazioni di Mazzarri (riporto dalla Gazzetta dello Sport di oggi): "E' vero, ci è girato tutto giusto, gli episodi arbitrali hanno dato ragione a noi e non agli altri, DOVEVA SUCCEDERE PRIMA O POI, visto che spesso (???) è accaduto il contrario, NELLA PARTITA DI ANDATA, per esempio (???)". Non capisco come si possa essere così poco sportivi anche al termine di una contesa in cui l'arbitraggio ha combinato quel che tutti sappiamo. E non capisco a cosa alluda il sig. Mazzarri riferendosi a delle decisioni assunte dall'arbitro della gara d'andata. Quella partita l'ho vista allo stadio, il Parma giunse al San Paolo col chiaro intento di non lasciar giocare il Napoli, vinse in "ripartenza" ma senza rubare nulla. Tra la gara di ieri e quella dell'andata c'è una bella differenza, almeno sul piano arbitrale.

    Detto che gli errori hanno influito sul regolare corso dell'incontro, sarebbe buona pratica che al termine degli incontri di serie A (ma anche di categorie inferiori) i direttori di gara si presentassero alla stampa ed alla tv per commentare in diretta alcune delle decisioni assunte. Che male ci sarebbe ad ammettere pubblicamente la responsabilità degli errori(orrori) commessi? Magari, ma restiamo nel campo delle ipotesi, tutto questo potrebbe contribuire a stemperare i toni di certi infuocatissimi post-partita. Della moviola in campo ormai son stanco di parlare. Però fatico a dimenticare che con questo strumento, nel basket è stato assegnato uno scudetto. E scusatemi se è poco…

  • 5 Marzo 2012 in 16:02
    Permalink

    Caro Anonimo delle ore quindici, non mi pare che in Parma-Juventus ci fossero due rigori per i bianconeri. Se di episodi si vuole discutere, allora è giusto dire che i rigori in dubbio erano sì due, ma uno per parte. E io non sono nemmeno tanto convinto che fosse giusto, in un caso e nell'altro, concedere la massima punizione.

    Poi, permettimi…ma prendere lezioni di stile da uno che proabilmente è tifoso della Juve (ma potevi esserlo anche del Milan, dell'Inter o del Napoli…non opero alcuna distinzione tra i tifosi di quelle piazze che amano scaldarsi quando l'arbitro osa solamente sfiorarle), sarebbe un'offesa alla nostra intelligenza.

  • 5 Marzo 2012 in 16:31
    Permalink

    "prendere lezioni di stile da uno che proabilmente è tifoso della Juve (ma potevi esserlo anche del Milan, dell'Inter o del Napoli…non opero alcuna distinzione tra i tifosi di quelle piazze che amano scaldarsi quando l'arbitro osa solamente sfiorarle), sarebbe un'offesa alla nostra intelligenza"
    Parole sante caro Luca! P.S. Ho sentito come ha replicato il sig. Nicchi (a proposito, è un signore?!) alla delusione di Ghirardi… Conferma di essere un poveretto che è presidente dell'AIA per consentire alle grandi di falsare il campionato… Davide

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI