giovedì, Aprile 18, 2024
News

IL FAIR PLAY DEL PARMA A BENEFICIO DELLA FIORENTINA / QUEL PRECEDENTE DI CONTINI…

Non è la prima volta che i viola si avvalgono di gesti di pura sportività da parte degli atleti crociati: 5 anni fa il difensore gialloblù scagionò l’incolpevole Pazzini da una ingiusta espulsione… Ieri sera la storia si è ripetuta con Giovinco…

ghirardi e marvasi premiano contini foto claudio villa per agenzia grazia neri(gmajo) – Mentre ieri sera ascoltavo il bel racconto – riproposto in tempo reale da stadiotardini.com – del bel gesto di fair play di Donadoni, che avrebbe consigliato il proprio giocatore Sebastian Giovinco a scagionare l’incolpevole Behrami al quale l’arbitro Rizzoli aveva già mostrato il cartellino rosso, ma che poi avrebbe concluso la partita poiché la giacchetta nera sarebbe tornata sui suoi passi ammonendo il vero colpevole Nastasic, mi è tornato alla mente un precedente di 5 anni fa (il 18 aprile 2007), quando, sempre la Fiorentina, venne gratificata da un’altra azione di pura sportività di un calciatore crociato, Matteo Contini, che testimoniò a favore dell’attaccante viola Pazzini, secondo l’arbitro Giannoccaro reo di un fallo su Couto: “Sono stato io a colpire il mio compagno”, disse Contini e Giannoccaro, con cinque anni di anticipo sul Rizzoli di ieri sera, tornò sui propri passi riposizionando il cartellino rosso nel taschino senza annotare il nome del punito sul taccuino. Per quel bel gesto di fair play ricordo che Contini venne premiato sul prato del Tardini dai Veterani dello Sport nella successiva gara interna con il Cagliari (foto a lato: Ghirardi, Contini, Marvasi e Medeghini) e nei mesi a seguire dall’Associazione Ego di Napoli (e proprio io ebbi l’onore di essere l’inviato della società a ritirare il riconoscimento in luogo del calciatore impossibilitato ad essere presente durante l’happening ospitato nella suggestiva cornice del Maschio Angioino).

All’interno alcuni articoli dell’epoca sul fair play di Matteo Contini

IL FAIR PLAY DI CONTINI

calcioblog il fair play di contini(di vieni_127 da calcioblog.it) – Spesso nei campi di calcio assistiamo a brutte scene e subito partono i discorsi sull’esempio che i calciatori dovrebbero dare ai tifosi. Facili sono poi i riferimenti ad altri campionati, come quello inglese, in cui si ricordano gesti di fair-play eclatanti, primo su tutti quello di Di Canio che fermo il gioco quando stava per andare in rete il suo West Ham perché il portiere avversario era a terra.
Ogni tanto però cose del genere succedono anche in Italia, è il caso di ieri sera nel posticipo tra Parma e Fiorentina.

Correva il minuto 33 della ripresa quando la squadra viola, infarcita di attaccanti, andava all’assalto dei gialloblu alla ricerca del pareggio. C’è stata una palla scodellata in area verso la quale sono andati a saltare Pazzini contrastato da Couto e Contini. Il difensore portoghese riceve una gomitata sulla nuca e per l’arbitro Giannoccaro non ci sono dubbi e mostra il rosso all’attaccante viola incredulo.

Per una squadra come il Parma alla ricerca disperata di punti salvezza poteva essere una bella fortuna ma il difensore Contini non se la deve essere sentita di approfittare in questo modo della svista arbitrale. Così si è avvicinato al direttore di gara e ha confessato che l’autore del colpo a Couto era stato lui.
A questo punto bravo anche l’arbitro a ritornare sui suoi passi e a rimettere nel taschino il rosso sostituendolo con un giallo che riguardando la moviola pare davvero essere la scelta giusta visto che anche Pazzini aveva saltato in maniera scomposta.

Nel giorno in cui l’Italia del calcio ha subito l’ennesimo ceffone con la non assegnazione degli Europei 2012 abbiamo dunque visto un gesto che ci fa ben sperare per il futuro, anche se probabilmente resterà isolato.

di vieni_127 da calcioblog.it (19 aprile 2007)

 

tmw continiIL PLAUSO DI RANIERI ALL’EPOCA TECNICO DEI CROCIATI

“Quello di Contini è stato un gesto molto bello, che va evidenziato, perché il calcio deve essere soprattutto questo. Dalla panchina ho pensato positivo, non si deve sempre pensare al risultato, c’è anche il fair play e Contini ha dimostrato che pasta di persona è”.

(estratto da TMW del 18.04.2007)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".