LA LACONICA RISPOSTA DI NICCHI A GHIRARDI: “DELUSO DA ME E BRASCHI? E’ UN PROBLEMA SUO…”

Disarmante anche la sua analisi del rendimento delle giacchette nere nell’ultimo turno: “Ci siamo presi una rivincita”. Come se gli arbitri avessero arbitrato bene…

panorama it sport valeri(gmajo) – Meglio il silenzio della scorsa settimana delle parole di oggi. Marcello Nicchi ha replicato alla delusione di Ghirardi – manifestata ieri a Stadio Sprint su Rai Due, per non aver ricevuto un plauso per la linea di fair play e distensione nei confronti degli arbitri dopo i torti di Genova con una frase che sinceramente avrebbe potuto risparmiarsi, soprattutto considerando i toni di solito ossequiosi da lui riservati ad altri dirigenti della italica pedata: Lui è deluso da me e da Braschi? E’ un problema suo. Noi andiamo in campo per dare il meglio”. Ieri, onestamente, non sembrava proprio… Sul web, e non solo alla nostra latitudine, sono stati in tanti ad esprimere solidarietà al Parma e al suo presidente: all’interno ad esempio potrete trovare due articoli dell’indignato Simone Lorini, di sportsbook24.net e TMW. Subito, invece, proponiamo una sintesi dello scritto di Giovanni Capuano su blog.panorama.it, che dedica una foto con la significativa didascalia “L’arbitro Valeri ammonisce Musacci dopo l’auto-sgambetto di Cavani che vale un rigore”, solo una delle malefatte ai danni del Parma di ieri, e neppure la più evidente: “Quanto pesa il cuore sanguinante di Galliani in confronto alla rabbia sorda di Ghirardi? O la furia di Conte messa a confronto con l’arrabbiatura del Chievo? Pesa molto  – argomenta Capuano  Pesa abbastanza per far valutare quasi sufficiente una giornata disastrosa dal punto di vista arbitrale. E a dirlo non è un osservatore qualsiasi ma il numero uno dei fischietti Nicchi che, dopo la carota di una settimana fa, ha scelto di usare questa volta il bastone. ‘Dare voti agli arbitri in questo momento è complicato ma un 6- si può dare’ ha detto il presidente dell’AIA. Insomma non una sufficienza piena ma quasi nella domenica in cui almeno tre partite sono state falsate da errori grossolani e inaccettabili da parte dei direttori di gara. Un bilancio che evidentemente soddisfa i vertici dell’Aia che scelgono di bacchettare chi protesta”.

Continua all’interno con i due articoli di Simone Lorini

Arbitri, Nicchi addolorato per il Milan e noncurante per il Parma

nicchi sportsbook24di Simone Lorini  per  Sportsbook24

Il potere delle grandi nel calcio non esiste? Beh, chi ha questo pensiero dovrà ricredersi tra 225 parole, la lunghezza di questo articolo. Il presidente dell’AIA, che sarebbe opportuno si dimettese dopo una cotale dimostrazione di arroganza ed incompetenza, Marcello Nicchi, sembra avere le idee abbastanza chiare, seppur diverse, su come trattare con i Presidenti/allenatori/direttori sportivi che si lamentano a seguito degli orrori che la sua squadra di arbitri propina ogni weekend. Questo il suo commento, una settimana fa, a riguardo di Milan-Juventus 1-1, gara chiaramente falsata da un grossolano errore dell’assistente Romagnoli in occasione della rete di Muntari, con la palla entrata di mezzo metro, non abbastanza per gli abili occhi del segnalinee: "Siamo addolorati per quello che è successo. Siamo i primi a dover riflettere, ora rispettate la nostra amarezza". Un contentino che avrà reso meno amaro, sebbene di poco, lo stato di animo dei tifosi milanisti, derubati di una partita. Di tutt’altro avviso invece è il presidente dell’Associazione Italiana Arbitri, dopo le nefandezze del Tardini di ieri, in Parma-Napoli 1-2, costate care ai ducali, a cui ha reso l’onore delle armi persino il tecnico avversario Mazzarri. Queste le parole di Nicchi stamane in proposito: "Ghirardi deluso da Braschi e dal sottoscritto? E’ un problema suo. Noi non ci occupiamo di chi protesta, il nostro dovere è andare in campo e dare il meglio. Poi, l’errore può sempre capitare". Ancora convinti che tutte le squadre siano trattate in maniera equanime?

 

Arbitri, Nicchi shock: "Nel weekend bella rivincita dopo Milan-Juve"

nicchi tmwdi Simone Lorini  per Tuttomercatoweb.com

"Ghirardi deluso da Braschi e dal sottoscritto? E’ un problema suo". Avete mai sentito dichiarazioni di questo tipo riguardo Galliani, Marotta o De Laurentiis? Difficile. E’ in questi termini che si è espresso il presidente dell’Associazione Italia Arbitri Marcello Nicchi, intervistato a margine del seminario sulla legalità nello sport presso la scuola superiore di polizia. "Noi non ci occupiamo di chi protesta, il nostro dovere è andare in campo e dare il meglio. – si legge su repubblica.it – Poi, l’errore può sempre capitare". Addirittura sconcertante è il giudizio che il presidente dell’AIA da riguardo il weekend: "Dare voti agli arbitri in questi giorni è un po’ complicato, ma non bisogna essere distruttivi. Sono capitati anche questo fine settimana alcuni episodi, ma direi che gli arbitri hanno meritato un 6-. Dopo Milan-Juventus, in questo weekend ci siamo presi una bella rivincita. Comunque non bisogna alzare i toni perché altrimenti si rischia di arbitrare senza serenità e sarebbe un problema". Viene da chiedersi che campionato abbiamo visto Nicchi domenica.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

12 pensieri riguardo “LA LACONICA RISPOSTA DI NICCHI A GHIRARDI: “DELUSO DA ME E BRASCHI? E’ UN PROBLEMA SUO…”

  • 5 Marzo 2012 in 17:49
    Permalink

    NICCHI chi?
    Co co co.
    Gurugurugurugurugu qua qua.

    Lo cantava Pippo Franco.

  • 5 Marzo 2012 in 18:23
    Permalink

    io comincerei ad aver paura,guardando la classifica e con Nicchi e la maggior parte dei media che non riconoscono errori da parte di Valeri e company……
    MONTI70

  • 5 Marzo 2012 in 18:26
    Permalink

    Non posso che confermare quanto ho già scritto di Nicchi. La biografia di Wikipedia parla per lui… Arbitro modestissimo, servo dei potenti, dimissionato prima del tempo per averne combinate di cotte e di crude. Questo è il Presidente dell'AIA. Ci dovremmo poi meravigliare dei fischietti di oggi?! Io spero proprio che mercoledì il Tardini sia un catino rovente in cui l'arbitro abbia paura a fischiare anche solo una rimessa laterale a favore dei viola. So che il Tardini ne è capace. Lo ha fatto in passato e spero possa (anzi, voglia) tornare a farlo mercoledì. Alla faccia della protervia e dello squallore di gente come Nicchi. Davide.

  • 5 Marzo 2012 in 18:30
    Permalink

    Ciao Monti e grazie per l'intervento di adesso e quello di ieri. Sul fatto che i media non abbiano riconosciuto gli errori di Valeri non c'è di che preoccuparsi: è normale amministrazione, specie per certa stampa che fa i propri interessi geopolitici (vedi quanto argomentato da Luca Russo nei vari commenti sfogo da lui postati da ieri); diverso il discorso di Nicchi, il quale, però, ha replicato un po' piccato perché tirato per la giacchetta da Ghirardi. Ecco: io avrei lasciato perdere. Un bel tacer non fu mai scritto. Per me Tommaso avrebbe fatto bene a tacere almeno fino a stasera, piuttosto che "piangere" a Stadio Sprint, dando anche soddisfazioni ai suoi supposti carnefici di vederlo soffrire. Posto che il campionato non si gioca con le tv o con i giornali (mica siamo alle elezioni…) a favore… Inoltre: se la linea "buonista" del Parma era onesta, sincera e genuina, il Ghiro non avrebbe dovuto richiedere, in diretta da Varriale, il gradimento di Nicchi. Così si sarebbe evitato la risposta becera di quest'ultimo… Ciao e buonaerata Gm

  • 5 Marzo 2012 in 18:31
    Permalink

    nicchi vergognati sei un buffone maleducato e …rispondere con tale supponenza ad una critica mossa con pacatezza ed educazione da parte del presidente ghirardi….eri ospite alla domenica sportiva dopo juve chievo e rispondevi alle domande che ti venivano poste con lo stesso fare dei politici italiani frasi fatte,e volutamente contorte in modo da non far capire niente……….insomma ci giravi intorno vergogna!!!!!sei un vero maleducato e privo di spina dorsale , bistrattato da galliani conte e marrotta… ..gradasso e veramente inopportuno con ghirardi…..spero in una replica da parte del ghiro ..non mipiacciono le polemico che vanno avanti all infinito ma questa cosa non dec essere lasciata cadere!!…è la riprova certa che viene usato un peso e 2 misure…non mi và!!
    chiedo scusa a gabriele majo se mi sono sfogato un pò ….non è mia abitudine farlo ma questo atteggiamento di nicchi mi ha disturbato davvero tanto
    Filippo1968

  • 5 Marzo 2012 in 18:39
    Permalink

    Si Majo pero' da un giornalista mi aspetto anche parole indignate se si offende la mia squadra e la mia citta'(è anche questo)….se per lei il Parma non è la squadra del cuore e ,magari, non lo è nemmeno la citta' , lo dica:criticare senza se e senza ma Ghirardi ,come ,mi scusi ,ma lo sa anche lei,sta facendo ultimamente non è adatto ad un blog con il nome "stadio tardini".
    E' CHIARO CHE NON SI CHIEDE RUFFIANERIA ,NE' PARTIGIANERIA A COTTIMO, MA NEMMENO IL CONTRARIO.

  • 5 Marzo 2012 in 18:50
    Permalink

    Sergio, prima di rivolgersi in questo modo al sottoscritto cerchi di imparare a memoria il mio CV. Detto questo: Parma è la mia città, il Parma è la squadra della mia città, per la quale mi sono onorato di prestare servizio per ben cinque anni, dando tutto me stesso; però io sono un giornalista che si sforza di esprimere il massimo della obiettività, e che cerca di offrire il massimo del buon senso. Di partigiani ce ne sono anche troppi tra le nostre fila di giornalisti e credo che non siano certo il bene del Parma come credono. Le riflessioni anche impopolari o scomode che vengono fuori da questo sito devono essere di stimolo. Mi scusi ma non rinunzio al mio ruolo (mi creda assai scomodo) di Grillo Parlante. E le mie tesi, giuste o sbagliate che siano, sono supportate da concreti argomenti o da ragionamenti. Se per me Ghirardi ieri ha sbagliato a rompere un silenzio stampa che io ritenevo (caso raro) giusto io lo dico senza se e senza ma.
    Cordialmente Gmajo

  • 5 Marzo 2012 in 18:56
    Permalink

    supponiamo pure che Ghirardi abbia sbagliato ad intervenire da Varriale,ma comunque il metodo e il metro usato da Nicchi nei confronti del nostro presidente è ben diverso da quello usato con Galliani De Laurentis Marotta ecc.,è anche per questo che dico che c'è da preuccuparsi perchè il PARMA non verra mai tutelato….il ghiro l'an gnan caghè!!!!!

  • 5 Marzo 2012 in 18:57
    Permalink

    scusate ho dimenticato la firma MONTI70

  • 5 Marzo 2012 in 19:06
    Permalink

    Appunto: ecco perché dovrebbe evitare di esporsi, lasciando scorrere l'acqua…

  • 5 Marzo 2012 in 19:16
    Permalink

    Resto dell'idea che i poteri forti abbiano senso di esistere quando ci sono categorie più deboli sulle quali possono esercitare il loro peso. Se i Parma, i Siena, i Chievo, i Novara o i Cagliari del caso, decidessero, anche con una presa di posizione assolutamente impopolare, di dar vita ad una lega separata e ad un campionato privo delle cosiddette grandi, gli attuali poteri forti del calcio perderebbero il terreno su cui poggiano i loro piedi. E sarebbero costretti, in qualche modo, ad auto-ri-definirsi. Ed è esattamente questa la questione: facciamo il tocco a chi, con un campionato privo delle piccole da sbeffeggiare una domenica sì e l'altra pure, tra Juventus, Milan, Inter, Napoli, Lazio e Roma deve recitare la parte del potere forte e chi, invece, quella del potere debole? Sai che spasso: perché se una piccola è in linea di massima abituata a vedersi scippare un po' di cose in ogni campionato, una grande non lo è affatto. Ripeto: sai che spasso.

    Naturalmente sono consapevole del fatto che un campionato tra le sole società "provinciali" è un'eventualità più utopica che rara. Per cui le mie restano chiacchiere che hanno la stessa valenza dell'aria fritta.

  • 5 Marzo 2012 in 19:22
    Permalink

    Gentile sig. Majo il Parma io lo seguo(purtroppo) dai tempi di Angeleri ,ho vissuto retrocessioni anche disonorevoli,disastri,gioie e dolori ,sempre con il mio abbonamento in tasca,sono stato mortificato molte volte,altre volte ho goduto di rivincite,ma questa volta si è passato il segno…. e parafrasando un motto che ,ancora purtroppo, non appartiene a noi direi che Ghirardi"rigth or wrong is my president" e se Nicchi lo offende offende anche me…e dopo la sua risposta,sono sicuro, anche lei….perche' qui ,a mio parere il calcio è stato travalicato da un 'arroganza(mi riferisco a Nicchi) che non si puo' passare sotto silenzio.
    Ah Majo io lei la seguo da molto .

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI