PARMA PARTENOPEA, LETTERA APERTA A CROCIATO 63: “INACETTABILI AFFERMAZIONI A SFONDO RAZZISTA”

parmapartenopea lettera crociato ”Atteggiamenti? Prepotenze? A noi risulta un danneggiamento all’esterno dello stadio ad un ciclomotore con stemma del Napoli, un’aggressione ai ragazzi del Napoli Club Lucerna (Svizzera), gli ignobili cori "Schettino portali con te in crociera" (ci siamo dimenticati dei 24 morti??) e "Cannavaro terùn" … e poi tenti di insegnare a noi il concetto di civiltà?

(COMUNICATO STAMPA DI “PARMA PARTENOPEA") – Carissimo "Crociato 63", da tifosi napoletani siamo qui a rispondere ad alcune delle tue domande "gentilmente" pubblicate sulla Gazzetta di Parma del 06 marzo 2012 nella sezione "Pagelle in dialetto parmigiano", ovvero: "Napoletàn zéro : mi sèrt nùmmor, sèrt ategiamént sérti prepoténsi a j à väd soltant cuand a riva al napoli, curva, tribuna, distint, dapartutt, pò cualchidón a continua a dir ch’ l’é un pubblich civil e corét, mo indòvva ? E méj fermäros chi ch’ l’é méj par tutt, par fortón’na che i civil PRAMZAN i fan fénta äd njénta sionò tutt j an’ a gh’ n’ in gniriss ‘na gamba, capì Muollo e Morante ?"

Continua la lettura all’interno

Traduzione per l’Italia non compresa nel Ducato di Parma:
"Napoletani: voto ZERO: certi atteggiamenti, certe prepotenze, le vede solo quando arriva il Napoli, curva, tribuna, distinti, dappertutto, poi qualcuno continua a dire che è un pubblico civile e corretto, ma dove? Ed è meglio fermarsi, che è meglio per tutti, per fortuna che i civili parmigiani hanno fatto finta di niente altrimenti ne sarebbe venuta fuori una gamba, capito Muollo e Morante (rispettivamente Membro coordinamento provinciale PdL ed Ex consigliere di quartiere, ndr.)
1) Atteggiamenti? Prepotenze? A noi risulta un danneggiamento all’esterno dello stadio ad un ciclomotore con stemma del Napoli, un’aggressione ai ragazzi del Napoli Club Lucerna (Svizzera), gli ignobili cori "Schettino portali con te in crociera" (ci siamo dimenticati dei 24 morti??) e "Cannavaro terùn" (considerando anche che i fratelli Cannavaro hanno fatto la vostra fortuna per qualche anno)… e poi tenti di insegnare a noi il concetto di civiltà?
2) Curve, Tribune, Distinti… da quando è diventata una colpa amare così tanto la propria squadra da seguirla ovunque in qualsiasi stadio (sì, proprio così, QUALSIASI… Manchester, Londra, do you understand??) ?? E poi… dove andiamo? Intanto sappiamo dove siamo, semifinale di Coppa Italia, ottavi di Champions League, quinti in classifica a 5 punti dalla zona Champions…
3) Enorme dispiacere per il fatto che la principale testata giornalistica di Parma (Gazzetta di Parma) autorizzi non per la prima volta la pubblicazione di certe affermazioni, a sfondo razzista ed indecorose per qualsiasi popolo che voglia definirsi civile e civilizzato. ti abbracciamo fortemente da popolo cordiale ed affettuoso quale siamo.
Napoli Club "Parma Partenopea"
P.S. caro Crociato 63 (alias Federico Delle Donne)… perché non usare il tuo vero nome sulla Gazzetta di Parma? Qual è il problema?

(Comunicato stampa di Parma Partenopea)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

90 pensieri riguardo “PARMA PARTENOPEA, LETTERA APERTA A CROCIATO 63: “INACETTABILI AFFERMAZIONI A SFONDO RAZZISTA”

  • 7 Marzo 2012 in 10:33
    Permalink

    Imbarazzanti..la controprova l'avremo a Londra. Ah noi ci siamo gia' stati.

  • 7 Marzo 2012 in 10:45
    Permalink

    Continuiamo pure a dare voce agli indesiderati.
    In tutta franchezza che della gente ospite abbia pure da dire mi pare troppo, soprattutto nella forma di cui sopra.
    Buon DNA non mente

  • 7 Marzo 2012 in 10:49
    Permalink

    Bella lettera. Lo sappiamo anche noi dove siete; a Parma.

    Purtroppo…

  • 7 Marzo 2012 in 10:52
    Permalink

    Vedete cari "amici" napoletani, non è il fatto di riempire tribune e distinti che ci può irritare, è il fatto che voi, sistematicamente, facendovi forti perchè lontani da persone che potrebbero darvi due pattone dietro alle orecchie, insultate, sbeffeggiate e irridete i tifosi avversari ad ogni gol della vostra amata compagine, non curandovi di essere in settori frequentati perlopiù da bambini ed anziani. Ecco, questo è il vostro modo di tifare, da napoletani, non c'è dubbio, ma poi non lamentatevi se qualcuno individua le stesse facce fuori e li saluta affettuosamente. In bocca al lupo per la Champion's, la vincerete facilmente.

  • 7 Marzo 2012 in 10:55
    Permalink

    nulla di nuovo da questi personaggi…. Arroganti come da copione.
    IO sto con Crociato63

    Oltretorrentino DOC

  • 7 Marzo 2012 in 10:57
    Permalink

    poi lamentatevi se la citta' che vi OSPITA E VI DA LAVORO vi ripugna…..potete sempre tornarvene a napoli se qua vi sentite indesiderati. Saremo ben lieti di occuparci del vostro viaggio di sola andata.

  • 7 Marzo 2012 in 10:59
    Permalink

    Non voglio certamente fare l'avvocato di Federico, sa già bene come difendersi però non posso tacere che certi atteggiamenti a Parma si vedono solo con i napoletani, solo loro. Ho invece una considerazione ben diversa per altre tifoserie del sud Italia come Lecce o Catania che a Parma si comportano bene.
    Probabilmente "amare tanto la propria squadra" non significa (almeno qui a Parma, Emilia-Romagna) occupare i posti della tribuna ovest degli abbonati locali come l'anno scorso dove tanti tifosi partenopei seguivano addirittura la partita in piedi e gli stewart non riuscivano a gestire la sitauzione, per non dimenticare che qualche tifoso del Napoli lo scorso anno ha abbassato le braghe mostrando "il davanti" ai tifosi della curva nord (mi dicono certi miei amici napoletani tifosi del Parma che è una prassi frequente al San Paolo da esibire ai tifosi ospiti). Domenica inoltre gente in tribuna ovest (non in curva) mandava a quel paese con il gesto dell'ombrello i tifosi del Parma della Petitot. Solo la grandissima civiltà dei parmgiani, che vi ha compatito, ha evitato il peggio perchè se aveste fatto questi numeri all'Olimpico o San Siro forse prima di tornare nelle vostre case sareste passati per l'ospedale a farvi medicare. Invece la civiltà di Parma e della sua gente in tirbuna ha evitato che la situazione degenerasse.
    Tanto per fare un esempio che qualcuno avrà visto sicuramente domenica in tribuna c'era un coppia di napoletani dove sia lei che lui hanno passato quasi tutta la partita a provocare la curva e la tribuna. Ma chi pensate di essere? Ma vedete altre tifoserie che si comportano così? Io no, e allo stadio ci vado sempre perchè sonon abbonato.
    Se pensate perchè siete napoletani (e a voi è sempre tollerato tutto) di fare quello che volte vi siete sbagliati di grosso, magari lo potete fare in altri contesti, ma qui a Parma e in particolar modo allo stadio Tardini no.

    Stefano

  • 7 Marzo 2012 in 11:09
    Permalink

    Sono parmigiano, tifoso del Parma, di curva. Stavolta devo dire che i napoletani si sono comportati bene, cioè si sono comportati tanto come si comportano i parmigiani tifosi del Parma di curva. Colore, arlia, qualche insulto, ma tutto finisce e deve finire lì. Domenica allo stadio c'è stato un bello spettacolo di tifo. Non quello descritto da Federico Delle Donne, alias Crociato 63, davvero mistificatore della realtà. Mi sento di stringere la mano per stile e verità a Parma Partenopea. Il calcio, il tifo del calcio e giornali importanti come la Gazzetta di Parma non possono permettersi per avere un futuro nuovo senza violenza, anche nelle parole, perchè la violenza nasce anche dalle parole, personaggi come Delle Donne.
    Detto da tifoso del Parma, di curva, che lo spirito di Delle Donne ha apprezzato quando non sconfina in violenza verbale.

    Camomilla per tutti

  • 7 Marzo 2012 in 11:16
    Permalink

    Quello che ricordo, con maggior disgusto,di questi gentiluomini è l'esposizione dei loro culi nudi mostrati da alcune decine di "civilissimi maturi" in tribuna laterale nord l'anno scorso, il tutto in mezzo ad un pubblico tranquillo formato da tante donne e bimbi…. potrei citare altre decine d'episodi partendo dal 1° anno di "A" dove l'intera via Verdi venne saccheggiata e le auto distrutte, allora il napoli club PARMA chiese scusa alla città….ora s'atteggia a vittima….solo vergogna per avervi fra noi. Claudio Z.

  • 7 Marzo 2012 in 11:27
    Permalink

    Caro signor Majo,
    Io posso pure capire la sua situazione, se prima il suo naso era all'interno del Parma Calcio, ora il naso ce lo mette quando può.
    Posso pure capire lo stile che pretende seguire: scomodo, critico, da rompiscatole.
    E le assicuro che l'idea mi sembra ottima, però l'idea non basta. Se poi scade come sempre in forzati attacchi personali onestamente dimostra che tutto questo progetto è più che altro una maniera di scaricare il rancore.

    Che senso ha pubblicare questa lettera, contraddistinta da un ottimo senso della puntualità? Io se ho qualche critica verso la gazzetta di parma scrivo al giornale stesso. Pubblicarla così mi sembra più che sospetto, soprattutto considerando l' attacco personale delle ultime righe.

    Del resto, abbiamo capito un po' tutti il senso di questo sito. Altre volte ho apprezzato qualche iniziativa, stavolta, mi spiace, mi sembra tutto molto forzato, come troppo spesso accade.

    LonigoPresente

  • 7 Marzo 2012 in 11:29
    Permalink

    Poveri naples sempre vittime dell'orco nordico.
    Amate il sole? A napoli ce n'è da vendere, andate a riprendervelo.
    Amate il Mare? Idem come sopra e fatevi tanti bei bagnetti, preferibilmente dopo pranzo, in piena digestione.
    RAUS

  • 7 Marzo 2012 in 11:42
    Permalink

    La solita penosa sceneggiata napoletana… Detto questo, devo ammettere che quest'anno i napoletani sono stati meno irritanti di molte altre volte… Io che sono padano fino al midollo, devo anche ammettere che parte della tifoseria napoletana (quella generalmente più istruita) è anche simpatica. Ci si può parlare e scherzare senza problemi. Gli altri sono francamente odiosi ed insopportabili. E lo si dice dappertutto. Non solo qui a Parma. Supponenti, arroganti, senza senso civico e senza educazione. Questo da fastidio, almeno a me… Non certo il fatto che abbiate vinto con un mezzo furtarello. Voglio però dire ai signori (?!) di Parma partenopea che se davvero sono convinti che i parmigiani siano così incivili e prepotenti c'è una sola cosa da fare: alzare le chiappe e andare… Il regno delle due Sicilie vi aspetta a braccia aperte… Davide

  • 7 Marzo 2012 in 11:44
    Permalink

    Caro Lonigo, come vede, il suo messaggio pur impregnato di critiche nei miei confronti, che a me paiono pretestuose e fuorvianti, è regolarmente passato. Audience da Padre Pio Tv, mia bionda Crux? Dio volesse… Ma credo faccia differenze: loro hanno molti più utenti della mia piccola nicchia e anche se conto una mazza con sotto le coppe mi va bene così. Io non mi scelgo amicizie e non mi vendo per una pizza come simpaticamente qualcuno scrive su parmafans.it . Ho ospitato una lettera aperta (e prima di farlo ho anche avvertito Crociato 63 che lo stavo per fare) e gli ho detto che sono a disposizione per eventuali sue repliche.
    Inoltre ho ospitato decine di commenti di cui non condivido i contenuti.
    Cordialmente Gmajo

  • 7 Marzo 2012 in 11:48
    Permalink

    se si pubblicano farneticazioni come quelle degli "educatissimi e simpaticissimi" napoletani ci si espone, per forza di cose, a reazioni più o meno colorite.
    Mi sembra comunque che le reazioni pubblicate restino all'interno della tollerabilità.
    Perchè, se vogliamo dirla tutta, basterebbero 3 parole per rispondere agli sgradevoli ospiti…e non sono SOLE, CUORE, AMORE.

  • 7 Marzo 2012 in 11:57
    Permalink

    che lei non condivida i contenuti ci può stare, ma cosa si aspettava? Che nessuno dicesse niente o che fossimo tutti qui a dar contro a crociato63 ( per cosa poi? per aver detto la verità?)
    Questi "signori" hanno fatto la solita figura del napoletano medio, arrogante e piagnone.
    Peraniforever

  • 7 Marzo 2012 in 11:59
    Permalink

    bisognerebbe mandare i napoletani al tordo…..vedrai che gli passa la voglia di fare i fenomeni e scrivere letterine inutili.

  • 7 Marzo 2012 in 12:03
    Permalink

    mi chiedo cosa sarebbe successo agli eventuali membri di "Napoli Parmigiana" durante e dopo una partita Napoli-Parma da cui i "nostri" (intendo ovviamente i crociati, no perchè a volte uno si chiede….) fossero usciti con una vittoria rubata come accaduto per Parma-Napoli.
    lo chiedo a lei e lo chiedo ai "partenopei" dai quali mi dispiace ma lezioni di civiltà non ne accetto.
    Vecchioalle (utente del forum Parmafans)

  • 7 Marzo 2012 in 12:07
    Permalink

    No non il napoletano medio,ma la feccia di Napoli ,quelli che a Parma (incivile,si sa) vengono in 5.000 a Bergamo o a Verona non si vedono.

  • 7 Marzo 2012 in 12:30
    Permalink

    Ok, scrollata la rabbia cerco di essere costruttivo. Non le sembra, Majo….. Ma poi perchè lo scrivo qui che l'ho già scritto su Parmafans?

  • 7 Marzo 2012 in 12:48
    Permalink

    Senza nessuna dignità chi scrive a Caio facendo pervenire la missiva a Sempronio. Senza nessuna giustificazione l'ottusa visione unilaterale di ciò che è accaduto realmente.
    Detto ciò, credo che il Signor Majo, che ci ospita), nessun errore ha commesso nel pubblicare una lettera fattagli pervenire… l'errore l'ha commesso nel pubblicarla priva di un suo personale commento (in qualunque direzione andasse).
    Ai signori di Parma Partenopea dico di smetterla… ma basta… non se ne può più di gente che, priva di senso civico alcuno, pretenderebbe di fare il padrone in casa d'altri… e basta con i piagnistei, soprattutto quando, come domenica, si porta a casa una vittoria non meritata sul campo e ottenuta FREGANDO L'AVVERSARIO!
    Cordialmente Anzichenò

  • 7 Marzo 2012 in 12:59
    Permalink

    Non accetto che nessun napoletano del mondo mi faccia la morale, basta aprire un giornale o guardare un telegiornale e non ci vogliono spiegazioni. Non parlo del sud ma di NAPOLI

  • 7 Marzo 2012 in 13:13
    Permalink

    ero domenica al tardini e come ogni anno i napoletani hanno dato sfoggio alla loro sportività…in che modo?
    maleducazione invadenza in primo piano!
    tifo provocatorio e incivile.
    Per fortuna gli italiani non sono tutti uguali.
    Immagino la lezione di stile che daranno a Londra…che schifo!

  • 7 Marzo 2012 in 13:16
    Permalink

    Li porto tutti in crociera!
    nella fossa delle marianne!

  • 7 Marzo 2012 in 13:20
    Permalink

    Per fortuna a Parma li ospitiamo solo una volta l'anno gli amici napoletani…

  • 7 Marzo 2012 in 13:32
    Permalink

    Se magari, a Parma e provincia ce ne sono fin troppi che ci vivono…

  • 7 Marzo 2012 in 13:36
    Permalink

    Voi ci chiamate colerosi, intimate al vesuvio di lavarci col fuoco e poi ci venite a parlare di civiltà…ahahahh…rido di voi….siete solo invidiosi perkè metà del vostro stadietto era azzurro, tutto qui…le violenze le abbiamo subite noi fuori allo stadio fino a prova contraria, contro tifosi inermi…da parte nostra solo tifo sano, come anche molti di voi hanno ammesso…un saluto sincero ai tifosi parmigiani (la maggioranza) che onestamente hanno tifato la loro squadra senza accodarsi ai razzisti presenti…

  • 7 Marzo 2012 in 13:46
    Permalink

    Ad ognuno il commento che si merita… peccato, ve lo siete dati già da soli. Quando vi sentirete male ed andrete in ospedale, e vi troverete davanti un medico, un infermiere o un operatore sanitario NAPOLETANO, fateglielo presente tutto il vostro odio per Napoli… sarà l'ennesima dimostrazione della SIGNORILITA' DEL POPOLO NAPOLETANO, senza rancore e senza odio… ma con disgusto verso i vostri ripetuti commenti razzisti!

  • 7 Marzo 2012 in 13:50
    Permalink

    bene, bravo, CIAO

  • 7 Marzo 2012 in 13:53
    Permalink

    troppo facile pagniucolare…tanta gelosia…..

  • 7 Marzo 2012 in 13:57
    Permalink

    In ogni caso sono anche contrario a tutte queste esternazioni sul vesuvio, ecc. Lo trovo una forma becera di rovinare la discussione.

  • 7 Marzo 2012 in 13:57
    Permalink

    Napoletani, voi nel nostro stadio siete solo ospiti!. Vorrei, da parte dei due che hanno scritto qui sopra, se per loro è normale esultare provocando in tribuna Ovest, occupare i posti degli abbonati locali, abbassare le braghe e mostrare i genitali alla curva nord.
    Io queste scene le vedo solo quando venite voi.
    Ripeto, non confondiamo la passione per la propria squadra con l'inciviltà che vi caratterizza ogni volta che venite al Tardini.
    Stefano

  • 7 Marzo 2012 in 14:03
    Permalink

    vi siete dimenticati: VESUVIO SPAJOT!!! sarebbe un bel inceneritore per la vostra immondizia!!!

  • 7 Marzo 2012 in 14:12
    Permalink

    "Cannavaro terùn"??? Cos'è, il dialetto parmigiano rivisto e corretto??? Grun

  • 7 Marzo 2012 in 14:40
    Permalink

    Eccolo quì……….L'aspettavo……L'ampio risalto al comunicato-buffonata-farsa dei "made in vesuvio"…….A cui il vate Majo fa ormai da addetto stampa……
    Crociato 63 sono con te. Hai detto la verità, che hai gentiluomini in questione fa male…..
    Voto 00, come la farina, a Majo.
    Ormai è stadiosanpaolo.com…..Vergognoso!
    E poi Parma non sarà mai partenopea, per fortuna…
    Non confondiamo il tonno con il caviale per favore.

  • 7 Marzo 2012 in 14:41
    Permalink

    Come si dice a NAPOLI… e parole fann sul rumor…NON ASCOLTIAMO QUESTI INSULTI VECCHI DI 50ANNI.. OVUNQUE E DOVUNQUE FORZA NAPOLI!!

  • 7 Marzo 2012 in 14:48
    Permalink

    ero allo stadio e non mi sembra siano successe cose clamorose ne in un senso ne nell altro ma non ho grandi certezze su questo.

    di una cosa sono certo : che delledonne al sia un siochet al la sa tuta Perma. E me dmandi ma chi el li lu par scrivor in simma a la gazeta? Ma chi el?

    come vede per scrivere due stupidate in dialetto non ci vuol tanto. trovare qualcuno un po piu furbo e competente magari, non è un impresa….le scriva bellè cosi almeno non ha tempo d andare in tv e almeno sappiamo gia il voto dell arbitro

    e se si ricorda ho affrontato questo argomento qualche giorno fa in tempi non sospetti, napoli o non napoli

    saluti
    ale

  • 7 Marzo 2012 in 14:49
    Permalink

    il vesuvio lasciamolo perdere che più sta calmo e meglio è. ma lasciamo anche perdere il "chiagni e fotti" che, insieme ad altre caratteristiche non certo tipiche dell'Alta Val Badia, hanno portato l'Italia dov'è adesso.
    napoletani: a parma sarete sempre e solo ospiti, esattamente come i parmigiani (con una sola g, come grattugia, mentre inaccettabili ha due c) a napoli. non dimentichiamocelo mai. e qualcuno risponda alla domanda se per caso i bulletti li fate anche in altri stadietti del nord che sono certo meno civili ed accoglienti del piccolo tardini.
    Vecchioalle

  • 7 Marzo 2012 in 15:00
    Permalink

    Non capisco se le persone nostrane che se la prendono con Crociato63 siano degli inguaribili invidiosi oppure strani personaggi sotto mentite spoglie.
    Insomma, su, lo conoscete, vedetevi e parlatene insieme.

    Che tristezza vedere il nome di Parma associato all'aggettivo partenopea

  • 7 Marzo 2012 in 15:05
    Permalink

    le napoletane fanno delle belle pompe ! ah no?

  • 7 Marzo 2012 in 15:07
    Permalink

    Majo naturalmente tace, orgoglioso che questa "operazione di marketing" aumenti i contatti con il suo sito.
    Nel suo lavoro Majo è veramente impeccabile, glielo devo onestamente riconoscere.
    Mi raccomando, ora mi aspetto l'intervista personalizzata a questi soggetti e anche reportage sulla dettagliato sulla loro attività.
    E pazienza se per chelsea-napoli i biglietti vengono venduti dalla camorra…..
    http://sport.it.msn.com/news/news230869.html

  • 7 Marzo 2012 in 15:09
    Permalink

    buongiorno a tutti
    io ormai la rabbia per il furto l ho smaltita….vediamo di smaltirla un pò tutti e diamoci un taglio, perchè ci stiamo facendo propio tutti una brutta figura ….. indipendentemente dalla fede e dalla provenienza ….
    Filippo1968

  • 7 Marzo 2012 in 15:14
    Permalink

    all'anonimo delle 13.36: se ci capiterà di andare in ospedale, speriamo che il medico di turno non sia napoletano….Prima che lo trovino e che arrivi, potrebbe essere tardi. A differenza dei ragazzi pugliesi che lavorano al maggiore, sempre disponibili e preparati

  • 7 Marzo 2012 in 15:20
    Permalink

    Articolo inspiegabile.
    E mi fermo qui.

  • 7 Marzo 2012 in 15:29
    Permalink

    zecondo io avvette esazzeratto qui ziamo tuti italliani mui evuoi evviva litalia evviva il fottbol !! napùle e perma amici forever!!!

  • 7 Marzo 2012 in 15:31
    Permalink

    Ero combattuto in relazione alla possibilità di intervenire in questa discussione. Soprattutto perché non avendo assistito dal vivo alla partita di domenica scorsa, nulla ne so a riguardo di quanto successo sugli spalti ed all'esterno dello stadio. E se ho deciso di intromettermi nel dibattito è per due ragioni, di cui una, la prima, che mi preme specificare in modo dettagliato: conosco personalmente Crociato63 da qualche anno. Se qualcuno pensa di poterlo catalogare come lo sciocchetto della situazione, io non ci sto. E non ci sto perchè so che è dotato di una qualità che spesso fa difetto a parecchi dei miei concittadini (io sono nativo di Napoli e residente nell'area a nord della mia città, una delle più degradate): l'obiettività. E, ci metto due mani sul fuoco, se si concede il lusso di affermare certe cose, è perché evidentemente ne sa molto oppure abbastanza. Non è un tipo da andare in giro a (s)parlare per "sentito dire". E' ovvio che la sua versione, essendo per l'appunto sua, possa non essere completa. Per cui, se io vedo certe persone prodursi in certi atteggiamenti, mentre mi sfuggono determinati comportamenti di altri individui, è naturale che io abbia qualcosa da dire per i primi e nulla in merito ai secondi. Senza che questo renda più o meno vera la mia esposizione dei fatti. Al limite la rende più o meno completa, ma non mi sembra che qui qualcuno abbia intenzione di andare in giro a diffondere verità inconfutabili. Giusto quindi che anche Parma Partenopea dia la sua di versione. Perché se c'è stata inciviltà anche da parte nostra (sarà assurdo, strano e ai più incomprensibile…ma pur napoletano di nascita, mi sento legato, indissolubilmente, a Parma) è giusto che si venga a sapere. Ma questa è un'altra storia. E' importante che si sappia che Crociato63 è una persona indiscutibilmente oggettiva.

    E vengo alla seconda ragione che mi ha spinto a "mettermi in mezzo": se c'è una cosa che non mi piace dei miei concittadini (di cui parlo con estrema cognizione di causa, visto che li conosco bene) è quella tendenza a farsi vittime soprattutto in circostanze del genere (ma anche quando il contesto non dovrebbe permetterglielo), quando si sentono colpiti da episodi di stampo razzista (o presunti tali). E sapete perchè? Perchè la discriminazione territoriale è una pratica molto in voga anche a Napoli. Diventa difficile, almeno per me, comprendere le ragioni che spingono un ladro a lamentarsi di un furto subito (spero di aver reso bene il concetto). Mi hanno sempre insegnato che non devo fare agli altri ciò che vorrei non fosse fatto a me. E invece lo sapete che io abitante di una zona malfamata della mia città vengo guardato con disprezzo da chi ha la fortuna di risiedere in un quartiere più altolocato di Napoli? Lo sapete che a scuola noi che venivamo da certe zone eravamo definiti, dai nostri concittadini (non gente di Verona, Bolzano o Sondrio), come "quelli che sono di quel quartiere" con dei distinguo che sarebbero risultati evidenti anche ad un cieco? Alle persone che fanno discriminazioni territoriali lamentandosi se loro stessi, poi, ne diventano oggetto, dalle mie parti si dice: vuoi sfottere ma non vuoi essere sfottuto…

    Così non va bene. Perché prima di pretendere rispetto, dovrei essere io ad averne nei riguardi del mio prossimo (senza distinzione di razza, genere e confessione religiosa). Ma, forse, anche questa è un'altra storia.

  • 7 Marzo 2012 in 15:40
    Permalink

    Io ci credo che il comunicato arriva da parma partenopea, c'è un errore grammaticale nel titolo..Ah..il napoli club meta di sorrento (presente domenica) a siena aveva lo striscione "orgogliosi di schettino" quindi che problema c'è…

  • 7 Marzo 2012 in 15:42
    Permalink

    Signor Majo io non sono l'avvocato di Delle Donne, ma ho molti dubbi che la pubblicazione del suo nome sia legalmente corretta (tant'è vero che hanno già cominciato a volare insulti personalizzati). In ogni caso ci penserà lui stesso a difendersi, o il suo avvocato. Lei invece dovrebbe pubblicare al più presto (è già troppo tardi) nomi e cognomi dei responsabili legali di "Parma Partenopea", se no il tutto assume uno spiacevolissimo retrogusto intimidatorio di stampo mafioso…anzi camorristico.
    Facciamo attenzione a certe storie, che cominciano così "alla buona" e poi possono avere conseguenze serie. E soprattutto non facciamo finta di credere che la rete garantisca sempre l'anonimato, perchè sappiamo tutti che non è così.

  • 7 Marzo 2012 in 15:45
    Permalink

    ci avete veramente rotto i coglioni……………..avete in casa vostra l'uomo che ha rovinato l'italia…..che ha "rubato" x davvero non una stupida partita di calcio……..ma nelle tasche di tutti quei lavoratori che dopo anni avevano investito qualche soldo,nelle tasche di poveri pensionati,l'uomo che ha distrutto economicamente una nazione……….e avete il coraggio di chiamarci LADRI…………….ma andate a dar via el cul…………..pezzi di merda

  • 7 Marzo 2012 in 15:47
    Permalink

    "E' importante che si sappia che Crociato63 è una persona indiscutibilmente oggettiva"

    E' arrivato il messia, cristo in terra… guarda che pasqua non è ancora arrivata!!!

    cherìddor

  • 7 Marzo 2012 in 15:48
    Permalink

    Majo, poi un giorno ci spiegherai la storia di quel PS con nome e cognome dell'interessato che nella versione ufficiale del comunicato, nella web di Parma Partenopea, non figura..

    O forse no.

    Un saluto.

  • 7 Marzo 2012 in 15:51
    Permalink

    No no , un pezzi di merda su un sito che, ora ho qualche dubbio, ma parla del Parma è inaccettabile…

    Ma il mandarino di cui sopra lo sa che la sua città di cui non nomino nemmeno il nome è la più indebitata d'italia…
    Ritorni pure nella sua fogna per favore…….

  • 7 Marzo 2012 in 15:56
    Permalink

    Napoli West Side

    Ho la moglie parmigiana e vivo a Salso. Posso dire che l'oddio è circoscritto nell'ambiente ultras dove il poeta c83 trova fans.

  • 7 Marzo 2012 in 15:59
    Permalink

    appunto Lonigo, appunto…facciamo attenzione a certe cose, che non sono scherzi e rischiano di costare molto di più del valore di qualche contatto nuovo…

  • 7 Marzo 2012 in 15:59
    Permalink

    Si scrive odio, con una sola d.
    Terza media?

  • 7 Marzo 2012 in 16:02
    Permalink

    oddio? nel senso di o mio dio?

  • 7 Marzo 2012 in 16:03
    Permalink

    Tra l'oddio e il c83 sono imploso più volte.

    Ah, scusate, pensavo fosse il muretto di Parmafans.

  • 7 Marzo 2012 in 16:06
    Permalink

    FIGA MA IMPARATE A SCRIVERE

  • 7 Marzo 2012 in 16:08
    Permalink

    Io alla partita c'ero e sinceramente a parte i normali e consueti cori da stadio e "insulti"tra avversari non ho percepito particolari fenomeni di "incivilta'"nè da una parte nè dall'altra…
    I cori su Schettino anche se fuori luogo visto la tragedia li ho considerati "goliardici"cosi' come i consueti vaffa tra le due curve…
    Sinceramente credo che dopo una partita in cui, soprattutto per colpa dell'arbitro, gli animi erano esagitati, un articolo dichiaratamente offensivo e' stato profondamente fuori luogo(proprio stavolta non ho notato proprio niente come fenomeni incivili ripeto)

  • 7 Marzo 2012 in 16:09
    Permalink

    NapoliWestSide, ma stai parlando dell'oddio parmigggiano? Tu sei il vero poeta, e lo sai!

  • 7 Marzo 2012 in 16:10
    Permalink

    Gentile Lonigo sto per pubblicare la riproduzione del pdf che ho ricevuto (del resto immagino come tutte le altre persone in indirizzo) da Parma Partenopea su carta intestata e il comunicato si conclude con il "Ps" di cui sopra. Dunque se Parma Partenopea sul proprio sito ha deciso di ometterlo è una scelta loro. Purtroppo sul muretto di parmafans (a proposito: saluto crociatoculano, visto che ci tiene, precisando che crociatoculano non è crociato63) ci sono alcuni dietrologi che mettono in dubbio tutto. Ma che interesse avrei avuto io a fare quella aggiunta? Per cercarmi del freddo per il letto? Ribadisco che prima di pubblicare il comunicato ho avuto la premura di avvertire il diretto interessato, il quale anche pubblicamente mi ha ringraziato di questo. Come sto ospitando una marea di commenti che direi OT rispetto alla linea di bon ton del sito (darei la palma a Roger che aveva iniziato con un certo andiamo anche nei giorni precedenti) e che dunque non condivido affatto, così il fatto di aver ospitato la lettera aperta di Parma Partenopea non significa che ne condivida i contenuti.
    Cordialmente Gmajo

  • 7 Marzo 2012 in 16:16
    Permalink

    Però Majo mi consenta di dirle che tutto questo baccano si sarebbe poututo evitare cestinando la lettera del pianto.
    Non crede?

    Pramzàn

  • 7 Marzo 2012 in 16:18
    Permalink

    Napoli West Side
    Oddio! Ho sbagliato. Scusatemi signorine

  • 7 Marzo 2012 in 16:18
    Permalink

    il disclaimer fatto adesso è un pochetto tardivo…..

  • 7 Marzo 2012 in 16:18
    Permalink

    Strano sig. Majo che di tutti gli insulti volati Lei sottolinea solo il mio…..In ogni caso gli do atto di essere stato trasparente, anche se poteva come minimo cestinare questa cosa….Ma Crociato63 si difenderà da par suo, ne sono convinto.
    Saluti.

  • 7 Marzo 2012 in 16:23
    Permalink

    Come si critica, è giusto pure chiedere scusa.
    Dopo aver capito che il discorso Post Scriptum non è dipeso da Gabriele Majo, chiedo scusa per averlo criticato a riguardo.

    Continuo a sostenere che era meglio accompagnare il tutto da una riflessione personale, e continuo a sospettare che il tutto sia stato fatto per creare una bomba mediatica, più visite, più ascolti; cosa che al giorno d'oggi è assolutamente normale.
    Lo sarebbe stato pure con una riflessione propria, qualsiasi essa fosse, e questo è esattamente ciò che critico.

    In ogni caso ribadisco le mie scuse riguardo il discorso del Post Scriptum, soprattutto dopo aver apostrofato Majo come un Giornalista del cazzo in altre sedi.

    Un saluto.

  • 7 Marzo 2012 in 16:26
    Permalink

    Il problema, caro Majo, non è l'aver pubblicato questo testo, ma di averlo fatto senza un minimo di commento (come se questo sito fosse un'agenzia di stampa). La scelta è giornalisticamente senza senso. E, considerando che stadiotardini.com esiste perché esistono il Parma e i suoi tifosi, la pubblicazione della lettera non può che essere interpretata come una provocazione. Probabilmente perché così qualcuno parli del blog.

  • 7 Marzo 2012 in 16:34
    Permalink

    07 marzo 2012 15:00
    Quolitius Palloide ha detto…
    le napoletane fanno delle belle pompe ! ah no?
    Che grande moderatore Majo, complimenti per il commento

  • 7 Marzo 2012 in 16:49
    Permalink

    rimane il fatto che crociato 63 ha rotto con le pagelle anche se i napoletani rompono di piu che lui e poi il presidente del parma secondo me è napoletano con quel muso li da cinghiale affumicato

  • 7 Marzo 2012 in 16:52
    Permalink

    Posto che abitualmente non sono uno che fa uso e abuso della censura oggi, per mia scelta deliberata, ho deciso di non oscurare i commenti pervenuti: del resto il basso profilo tenuto in gran parte di questi si commenta da sé. La boutade sulle qualità delle napoletane secondo Quolitius Palloide non è meno pesante di altri spunti sul Vesuvio e dintorni. Quindi non vedo perché avrei dovuto fare il braghettone solo con quello, un po' boccaccesco, e lasciare quelli che a Parma Partenopea non esiterebbero a definire razzisti?
    Fedele l'altra sera ha dichiarato di essere un collega giornalista: molto interessante che frequenti il mio blog e commenti. Sono davvero onorato. Anche se mi piacerebbe conoscerlo direttamente e non solo (si fa per dire) via web. Lui, Lonigo ed altro auspicavano due righe di accompagnamento al comunicato stampa. Non avevo ritenuto di farle perché desideravo prima attendere la presa di posizione di Federico, cui l'avevo sollecitata stamani. Egli me l'ha fatta pervenire e come da accordi intercorsi con lui la pubblicherò nella tarda mattinata di domani dopo che sarà apparsa prima (ovviamente vanto lo jus…) sulla Gazzetta di Parma.
    Come ben sa Fedele cronaca e commento possono (anzi dovrebbero…) essere separati. Agenzia di stampa? Manco l'avevo veicolato alla mia mailing list… Dopo 15' ho pubblicato delle vignette in primo piano facendola abbassare, questa era la mia grande voglia di alzare l'audience… A questo proposito ringrazio i tanti che hanno popolato stadiotardini.com, ma non so quanti di loro si trasformeranno in lettori fedeli (tanto per restare in tema) essendo occasionalmente capitati qui per l'occasione. Però di gran parte di coloro – direi la maggioranza – che hanno postato commenti poco costruttivi sinceramente non so che farmene: la linea che ho sempre seguito è quella del dialogo, del fair play, della sportività, non credo da questa pesca miracolosa di riuscire ad avere persone che possano far accrescere la qualità del dibattito, che oggi si è notevolmente abbassata. Insomma la quantità mi serve fino lì: desidero la qualità. E con le offese reciproche si va poco lontano. Cordialmente Gmajo

  • 7 Marzo 2012 in 16:53
    Permalink

    io del pezzo di merda da dei disadattati sottosviluppati non lo accetto. o siamo su stadiosanpaolo.com? che se ne tornino a casa (beh casa…fogna) che noi ne facciamo a meno di questi pezzenti cridoni

  • 7 Marzo 2012 in 16:53
    Permalink

    Io e Gabriele non siamo quasi mai d'accordo, ma stavolta devo dire che è inattaccabile. Gli hanno mandato una comunicato e lui giustamente lo ha pubblicato. Si dice che avrebbe dovuto commentarlo… ma dove sta scritto?! Un giornalista è libero di pubblicare una notizia senza fare commenti di sorta. Anzi, l'unica cosa che imputo a Majo stavolta è l'aver pubblicato numerosi post che sono soltanto offensivi e non fanno onore ad un sito dove fino a ieri si è parlato di calcio ed in particolare del Parma calcio. Condivido in pieno il commento di Luca Russo che evidentemente fa parte di quella Napoli istruita con cui si può tranquillamente parlare (e ciò a prescindere dalla fede calcistica che ci accomuna).

  • 7 Marzo 2012 in 17:08
    Permalink

    Io gli stadi li chiuderei sia ai tifosi del Parma che a quelli del Napoli. Vedo tanta gente che ha un odio dentro che vuole sfogare a tutti i costi e che non c'entra nulla con lo sport. Mi fate pena TUTTI. Mi auguro che un giorno le partite siano vietate e si possano guardare solo in TV così capirete che spettacolo avete perso. Voi di tifosi non ne capite nulla, siete solo dei repressi, a partire da Delle Donne per continuare con i vari Club Napoli Partenopea ed a finire con chi butta benzina sul fuoco per il gusto di offendere. Fatevi una doccia fredda e state a casa che siete tutti bravi a fare i coraggiosi dietro una tastiera, ma vi vorrei vedere tanto in un faccia a faccia. Vi atteggiate a bulletti di quartiere e magari siete con il vostro vestitino giacca e cravatta in ufficio con il vostro fisico da pera impiegata. Che cazzo ne sapete di ultras.

  • 7 Marzo 2012 in 17:08
    Permalink

    ECCO… FINALMENTE UNO SPUNTO DI DISCUSSIONE INTERESSANTE ANCHE SU QUESTO BLOG. CHI LE FA MEGLIO, LE NAPOLETANE O LE PARMIGIANE? IO HO PROVATO ENTRAMBE E POSSO DIRE CHE IL PAREGGIO CI STA TUTTO !!! OLè!

  • 7 Marzo 2012 in 17:29
    Permalink

    secondo me le zinne le hanno piu belle le napoletane e le labra invece le parmigiane i galloni e il culo.

  • 7 Marzo 2012 in 21:52
    Permalink

    BOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOMM!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! (colonna pliniana, cit.)

  • 7 Marzo 2012 in 22:05
    Permalink

    Bella la cagata sugli ultras delle 16:53, e soprattutto pertinentissima. Gli ultras non esistono (quasi) piú, purtroppo. Poi, visto che fai nomi, fai anche il tuo, non ti sembra almeno normale? Per il faccia a faccia dei vecchi tempi, altrimenti si predica bene e si razzola male…

  • 7 Marzo 2012 in 22:23
    Permalink

    Crociato 63 sindaco di Parma!

  • 7 Marzo 2012 in 22:24
    Permalink

    Parma partenopea?
    Per fortuna Parma di partenopeo non ha niente…
    Basta mandarini a piede libero.

  • 7 Marzo 2012 in 22:44
    Permalink

    Napolecani go home!

  • 8 Marzo 2012 in 09:22
    Permalink

    Buongiorno a tutti, so che verrà dato spazio a Crociato63 per replicare e non voglio certo fargli da avvocato difensore, non ne ha bisogno e sono quasi certo che non lo gradirebbe, da parte mia. Conosco di persona Crociato63, che è certamente avvezzo a parlare (sin troppo) senza curarsi delle conseguenze quando ritiene di aver ragione. Proprio per questo motivo ho avuto più di uno scazzo col suddetto, chi frequenta il Forum sul quale entrambi scriviamo lo sa bene, come sa che di certo tra noi non si può dire che regni l'armonia.Però..però, e questo è il punto, MAI E POI MAI mi sognerei di "fargli arrivare" le mie contumelie o i miei insulti in una maniera subdola e velenosa come quella che hanno scelto di utilizzare i nostri concittadini acquisiti di Parma Partenopea. Per quanto ci possiamo stare assai sul cazzo, reciprocamente, io sto dalla parte di Crociato63 in questa sua diatriba coi tifosi Napoletani. Ma dabò. Napoletani di Parma partenopea, così bravi a lamentarsi per un "terùn" che noi certamente non pronunciamo, utilizzando semmai l'accezione Parmigiana "terò" o "tarò" e totalmente sordi e ciechi quando si tratti di registrare e ricordare gli innumerevoli episodi fastidiosi quando non addirittura disgustosi che hanno visto per protagonisti i loro conterranei. Mandare "messaggi in codice" che hanno un disgustoso retrogusto di guapperia e minaccia camorristica è davvero indegno di persone che vogliono definirsi "civili" mentre CON TUTTA EVIDENZA chiudono non uno, ma entrambi gli occhi quando i loro concittadini danno il meglio di sè in occasione delle loro trasferte sul suolo Ducale. Qua a Parma le persone si confrontano CIVILMENTE E DI PERSONA e anche quando ci si detesti non viene meno il rispetto della vita privata altrui e dell'altrui buon nome. Per concludere, se si tira in ballo un Nome e Cognome, bisognerebbe avere la buona grazia di firmarsi con la stessa trasparenza. Meditate, signori miei, meditate.
    p.s. Come Majo sa bene, quando si tratta di apprezzare un suo intervento/articolo come nel caso di Rocco dei Boys sono il primo a complimentarmi. In questo caso specifico, il voto è 0.
    Ci67

  • 8 Marzo 2012 in 12:27
    Permalink

    Magari non interessa a nessuno, ma ci tenevo a farlo presente. Sul sito Parmapartenopea.it, dov'è riportato il comunicato di cui sopra, manca il post scriptum "sibillino" e vagamente minaccioso. In più, nei commenti, un soggetto a loro collegato ha scritto "sai quanti Napoletani abitano a Felino?", un avvertimento poco amichevole, poi cancellato. Hanno anche chiuso i commenti, non sia mai che qualcuno li faccia tornare a ragionare. E si dà spazio a questi soggetti? Mah…

  • 8 Marzo 2012 in 13:22
    Permalink

    Solo una constatazione: qualcuno legge davvero frasi razziste nella pagella di Crociato63? Se si, mi potrebbe indicare quali siano?

    Napoletani come sempre in cerca di visibilità e vittimismo…se poi qualcuno gli da pure spazio e voce è la fine.

    Buona giornata a tutti, ai napoletani un po' meno

  • 8 Marzo 2012 in 14:23
    Permalink

    Dalla parte di Federico senza se e senza ma, chi va allo stadio sa come ci si deve comportare quando si gioca in trasferta, mentre i ragazzi di Parma Partenopea, che trovano tanto spazio su questo sito (forse non è meglio creare una sussursale del sito chiamandola http://www.stadiosanpaolo.com?) non si pongono o agisco come se fossero "ospiti" ma si atteggiano come se per loro è un derby, più o meno come gli Juventini di Parma e/o milanisti ed interisti, con una differenza sostanziale legata agli usi e costumi in atto a Napoli

  • 8 Marzo 2012 in 16:24
    Permalink

    Majo, e la replica dov'è???….Non aveva detto tarda mattinata???…..Con il comunicato buffonata è stato puntualissimo però,eh???….Mah…..
    Senza parole…..

  • 8 Marzo 2012 in 16:47
    Permalink

    Come da accordi con l'interessato sarà pubblicata dopo che l'avrà a propria volta inserita sulle sue pagine la Gazzetta di Parma. Se poi il quotidiano locale non lo farà entro domani ho il benestare di Crociato 63 per pubblicarla lo stesso. Non prima.
    Saluti Gmajo

  • 8 Marzo 2012 in 17:35
    Permalink

    Grazie per la precisazione sig.Majo. Fatto sta che poteva benissimo starsene fuori da questa situazione, invece di dare spazio e credito a certi gentiluomini che sputano nel piatto dove mangiano….
    Incommentabili…….

  • 8 Marzo 2012 in 17:56
    Permalink

    I Napoletani -come del resto tutti i non parmigiani- che abitano e lavorano a Parma fanno sì che ci sia ricchezza e soprattutto che questa ricchezza giri e si trasformi in servizi per la nostra città! o credete che i napoletani vengono qui a prendere solo lo stipendio, non spendono nei negozi e non pagano tasse?? QUINDI MENO IPOCRISIA E LUOGHI COMUNI, thanks!!

  • 8 Marzo 2012 in 18:56
    Permalink

    Già, come tutti i fuoricorso del tacco che girano in via D'Azeglio, come fan girare l'economia loro…!

  • 8 Marzo 2012 in 19:37
    Permalink

    i fuoricorso fanno girare l'economia di locali e baretti!!

  • 8 Marzo 2012 in 19:49
    Permalink

    Io dico solo, che in piu' di 20 anni di serie A di vari Parma vs Napoli hanno raccolto quello che hanno gentilmente seminato……quindi non guardiamo la pagliuzza nell'occhio.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI