PROVIENE DAL VIVAIO DEL PARMA IL PORTIERE RIVELAZIONE DI LEGA PRO 2^ DIVISIONE

Esclusiva stadiotardini.com: Gabriele Majo ha intervistato Matteo Pisseri, parmigiano, cresciuto per 10 anni nel vivaio gialloblù, ed ora in forza al Renate, società diretta da Massimo Crippa, che detiene il 50% del suo cartellino: “Ma io sogno un giorno di difendere, in serie A la porta della squadra della mia città”

(gmajo) – La videointervista a Matteo Pisseriportiere rivelazione di Seconda Divisione di Lega Pro, in forza al Renate (società diretta da Massimo Crippa), che ha acquistato il 50% del suo cartellino dal Parma, dove ha fatto tutta la trafila nel settore giovanile per ben 10 anni – l’abbiamo registrata giovedì scorso, dopo aver letto le sue ottime referenze sui vari siti specializzati che parlano di lui come nuovo talento emergente tra i pali, del resto ha già vestito l’azzurro nella selezione di categoria. Avessimo atteso oggi, per l’interrogazione, avremmo potuto aggiungere una domanda in più, e cioè come ci si sente dopo essere stati trafitti all’ultimo minuto di gioco da un altro guardiano dei pali, Simone Aresti che aveva abbandonato i propri, per concludere a rete tra quelli avversari, sugli sviluppi di un calcio di punizione. Per Aresti, portiere goleador, si tratta della seconda marcatura stagionale, valsa in questo caso il pareggio in extremis 1-1: almeno il nostro Pisseri non è stato il primo a provare l’onta di prender gol da un portiere! Ma nella sua carriera, peraltro ancora agli inizi, dal momento che ha appena 20 anni, ed è al primo campionato da professionista, Matteo Pisseri ha già provato tutt’altro tipo di dispiaceri, di quelli che ti forgiano, però, un grave infortunio ai tendini che gli ha impedito a lungo di giocare nella Primavera del Parma.

Continua la lettura all’interno anche con la trascrizione integrale della videointervista

Scoperto dallo specialista Ermes Fulgoni, lo stesso che lanciò Buffon, la scorsa estate Pisseri avrebbe potuto raggiungerlo al Cesena (visto che lo avrebbe ripreso volentieri sotto le proprie grinfie, tra l’altro a parametro zero…): ma Matteo, parmigiano doc, ha declinato la profferta per rimanere ancora in orbita Parma. Il club ducale gli ha fatto sottoscrivere il rinnovo di contratto che era in scadenza, prima di cederlo in compartecipazione al Renate, dove è letteralmente esploso, facendo dire di sé un gran bene. Come media voto è il miglior portiere della Seconda Divisione e anche mercoledì scorso ha preso 8 in pagella, per lui, ormai una piacevole abitudine. La sua è una storia interessante, che meritava di essere raccontata da lui stesso…

IL VIDEO CON LA SECONDA PARTE DELL’INTERVISTA

LA TRASCRIZIONE INTEGRALE DELL’INTERVISTA ESCLUSIVA DI GABRIELE MAJO A MATTEO PISSERI

maioMatteo Pisseri, 20 anni, è il portiere rivelazione di Lega Pro, 2^ Divisione, in forza al Renate ove è arrivato la scorsa estate, mail suo cartellino è in compartecipazione con il Parma, dove è nato e cresciuto calcisticamente fin dalla più tenera età, visto che ha più o meno dieci anni di maglia crociata sulle spalle. In giro su internet si leggono recensioni interessantissime sul tuo conto, essendo sempre in vetta alla Top 11 di Lega Pro: parlaci un po’ di questa tua esplosione…

“Ho cominciato il primo anno professionistico con il Renate, dopo aver fatto 10 anni di Settore Giovanile al Parma. Il primo impatto con il calcio che conta con i più grandi è stato subito positivo, perché mi sono trovato subito a mio agio, nonostante, rispetto alla Primavera, contasse subito il risultato. Le mie prestazioni sono state subito buone: per cui sono contento di quello che sto facendo e spero di continuare”.

MATTEO PISSERI STADIOTARDINI COMHai mai giocato qui allo stadio Tardini o è un sogno che hai per il futuro?

“Un sogno lo è perché penso che tutti sognino di giocare nella squadra della propria città, poi soprattutto se è in serie A. Sono sempre andato a vedere le partite del Parma, sono sempre stato un grande tifoso, andavo anche in Curva, per cui è un sogno bellissimo che speriamo si realizzi. Io continuo a sognare…”.


Siccome sei stato ceduto in compartecipazione e non a titolo definitivo, potrebbe significare che ci sia fiducia in te da parte della Società…

“Sì. Il Parma mi ha sempre dato fiducia, crede in me: adesso spetta a me dimostrargli quello che valgo per avere la possibilità, un giorno, di giocare col Parma”.

Com’è stata la tua esperienza nella Primavera crociata?

“Ho fatto tre anni in Primavera, però sono stati segnati da un infortunio, una infiammazione al ginocchio che mi ha tenuto fermo un anno e mezzo, dopo di che ho ripreso l’anno scorso con qualche problema, dopo di che, fortunatamente, sono riuscito a ritagliarmi un po’ di visibilità e a farmi vedere da qualche squadra, così mi hanno trovato una sistemazione in serie C che sta dando i suoi frutti”.

Considerato il tuo attuale rendimento sembra proprio che l’infortunio sia ormai solo un triste ricordo…

“Sì, adesso sì: è da un anno e mezzo che ho ricominciato, ed è cominciata una nuova vita, grazie alla mia famiglia che mi ha aiutato ad uscire da questo infortunio e adesso comincia una nuova storia”.

Dici di essere tifoso del Parma e di essere stato spesso in Curva Nord: che pensi del Parma attuale? Lo segui a livello di prima squadra?

“Sì, lo seguo sempre, anche se noi giochiamo alle 3, per cui non riesco più a venire a vedere le partite allo stadio come facevo gli altri anni. Penso stia facendo un buon campionato, rispettando il proprio obiettivo, che è la salvezza: speriamo che la stagione prosegua al meglio”.

Da portiere che pensi del dualismo Mirante-Pavarini che ha fatto tanto discutere la tifoseria e che tutto sommato continua a far discutere?

“Penso che Mirante, comunque, abbia fatto un buon campionato e Pavarini, quando c’è stato bisogno, abbia dato il suo grosso contributo alla squadra. Adesso è tornato Mirante: gli auguro di fare bene e di portare il Parma a una salvezza tranquilla”.

Conosci Gallinetta?

“No”.

Hai seguito questo exploit del Parma Primavera al Torneo di Viareggio, direi inaspettato visti i precedenti stenti in campionato? Hai dato un’occhiata ai tuoi ex compagni?

“Sì, li ho seguiti, ma non ne sono rimasti molti di quelli che c’erano negli scorsi anni, però sono contento per la Società che ci sia stato un così buon risultato. Erano anni che non si arrivava così avanti nel Torneo di Viareggio”.

Ho sentito dire che c’era il Cesena di Fulgoni che voleva mettere le mani su di te, ma poi il Parma ti ha rinnovato il contratto in scadenza prima di fare la compartecipazione con il Renate: corrisponde al vero questa ricostruzione?

“Beh, c’erano voci, perché Ermes Fulgoni è stato il mio primo allenatore: è stato lui che mi ha trasformato da attaccante a portiere, per cui crede molto in me, e quindi c’era la possibilità che mi chiamasse là, ma la trattativa non è andata oltre perché io volevo continuare con il Parma”.

Ricordiamo, appunto, questo passato: Fulgoni è stato il tuo primo ex allenatore, ma come ha fatto ad accorgersi che non eri un attaccante, ma un buon portiere? Come mai questa metamorfosi? Va bene che i migliori poliziotti sono i ladri…

“Diciamo che grazie alla sua grande esperienza l’ha capito… Tra l’altro era stato lui a scegliere Buffon, a prenderlo quando aveva 14 anni, per cui penso che un po’ se ne intenda… Non mi voglio assolutamente paragonare a Buffon, perché alla mia età lui giocava già in serie A, però pian pianino ci sta prendendo…”.

A proposito di caratteristiche: se vuoi fare una tua descrizione per esprimere le tue qualità o quello che dicono di te…

“Come caratteristiche posso assomigliare un po’ a Sorrentino del Chievo, perché non sono fisicamente molto imponente, però sono abbastanza agile”.

Hai fatto riferimento a un portiere normale, non a un Superman. Di solito un giovane quando indica un modello…

“Come portiere mi piace molto Buffon, però a Sorrentino va dato merito: non gioca in una grande squadra, e meriterebbe qualcosa di più”.

Il Renate è una squadra che è anche un po’ parmigiana: so che c’è Valerio che aveva fatto qualche apparizione anche in prima squadra nel Parma, e il direttore sportivo è un certo Massimo Crippa che in tanti ricordano per il suo glorioso passato con la maglia del Parma…

“Io sono proprio in casa con Valerio, che è il mio compagno di casa: lui, purtroppo, non ha grande spazio, ma è un buon giocatore; quando è toccato a lui ha sempre fatto bene. Massimo Crippa è il nostro direttore: ho avuto subito un gran rapporto con lui, perché è uno schietto e sincero, e devo ringraziare anche lui e Mister Mondini se sono lì a Renate”.

Parliamo un po’ della vostra vita di calciatori di serie C, io sono un po’ più anziano rispetto a te, quindi mi prendo questa licenza quando mi riferisco alla Lega Pro: è proprio così dura? Raccontaci un piccolo spaccato di quello che succede nelle serie minori…

“Sì, non è poi così facile, perché gli stipendi non sono quelli di Serie A o di serie B. E poi, magari, non avendo tanto pubblico, si è un po’ più liberi, però bisogna essere bravi a trovarsi le motivazioni dentro di sé , per dare il meglio di sé e andare in categorie superiori. Comunque il livello della serie C è molto buono e ci sono anche giocatori che hanno militato in serie A nelle altre squadre, per cui si vede anche in queste categorie se uno è un giocatore o no”.

TRASCRIZIONE PROSECUZIONE INTERVISTA DAL SECONDO VIDEO AMATORIALE

L’infortunio, dicevamo prima, è una pagina che uno vorrebbe dimenticare, però in questi casi si dice che serve anche a crescere… Tu sei giovane, così hai avuto l’opportunità di crescere ulteriormente, dopo aver già patito una problematica di questo tipo… Cosa ripensi di quei giorni? Come erano andate le cose?

“Mah… E’ stato un anno e mezzo molto duro, però mi ha aiutato molto a crescere come uomo. In quel tempo, in cui ero fuori dal campo, ho avuto modo di riflettere molto, per cui ogni tanto è bene fermarsi, pensare a cosa si sta facendo e a quello che si vuole veramente e io ho capito che quello che volevo era uscire da questo infortunio e continuare il mio sogno, per cui sono ancora più forte di prima. Devo ringraziare molto la mia famiglia, perché mi ha aiutato molto, ha investito su di me, per la mia felicità, per farmi continuare il mio sogno…”

Tu, tra l’altro, sei uno sportivo a tutti gli effetti: sei assieme a tuo fratello campione di beach volley? Ho letto che il tuo soprannome è “L’Aspirapolvere”…

“Beh, mio fratello Nicola ha vinto tre volte il campionato italiano: io sono arrivato solo quinto, perché mi sono allenato di meno…”

Il beach volley serve ad un portiere?

“Secondo me serve molto: io ho fatto sette anni di pallavolo e sono serviti tantissimo, perché ti abitua a prendere i tempi della palla, i riflessi e tante altre cose. Insomma allena a tutto…”.

Tornando al discorso del mondo poco conosciuto e lontano dai riflettori della Lega Pro, soprattutto di Seconda Divisione: dicevi prima che gli stipendi sono un po’ differenti rispetto alla serie A, ma trovi che la Lega Pro abbia fatto un po’ di tutto per favorire voi giovani ponendo anche qualche paletto da dover rispettare alle Società? Come si trova, all’atto pratico, un giovane in queste serie minori?

“Mah: diciamo che in ogni formazione ci sono quasi sempre tre giovani, dal ’91 in giù; io sono uno di questi nella mia squadra, perché così le Società hanno l’opportunità di ricevere i contributi dalla Lega per chi fa giocare i giovani. Non tutte le Società lo rispettano, perché non tutte, evidentemente, hanno bisogno di soldi, però è un grosso aiuto sia alle Società. perché possono usufruire di questi contributi per andare avanti, sia ai giovani che hanno possibilità di mettersi in luce. E molti di questi meritano di giocare, nonostante ci sia l’obbligo di farli giocare per ricevere i contributi”.

E la maglia azzurra?

“Quest’anno m’hanno selezionato con la Nazionale di Lega Pro, con la selezione del mio girone. Adesso ci saranno altre convocazioni: spero di aver fatto buona impressione e che mi possano richiamare”.

Insomma chi dice che dal vivaio del Parma non vengono più fuori dei giocatori parmigiani si sta sbagliando…

“Speriamo. Finora sono all’inizio, spero nel giro di qualche anno di scalare tutte le categorie”.

(Matteo Pisseri, portiere del Renate, Lega Pro 2^ divisione, in comproprietà col Parma FC – Video intervista, riprese amatoriali e trascrizione a cura di Gabriele Majo, direttore responsabile di www.stadiotardini.com)

 

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

INTERVISTA DI PISSERI AL SITO UFFICIALE DEL RENATE

Renate, Pisseri convocato per il Torneo delle Rappresentative di Lega Pro

 

2^ Divisione, la Top 11 di TLP del Girone A

 

2^ Divisione, la Top 11 di TLP del Girone A

 

Aresti, il portiere goleador

 

Beach Volley, Matteo Pisseri: l’Aspirapolvere…

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI