AL PARMA CITY CAMP DELLA PARMA FOOTBALL SCHOOL GLI SCOLARI SCENDONO IN CAMPO AL TARDINI CON LA MUSICA DELLA CHAMPIONS LEAGUE E CON L’INNO NAZIONALE – Video amatoriali

La scuola di Marco Marchi ha compiuto due anni: “Orgoglioso di vedere tanti bambini crescere con la maglia del Parma”. Sono ancora aperte le iscrizioni per la prossima settimana che va dal 25 giugno al 29 giugno, durante la quale i giovani gialloblù potranno divertirsi grazie al lavoro dei 20 istruttori che tengono il corso – GUARDA LE FOTO

ALL’INTERNO ALTRI VIDEO DAL PARMA CITY CAMP “PFS” E LA FOTOGALLERY AMATORIALE

 

CHAMPIONS LEAGUE

INNO DI MAMELI

FOTOGALLERY AMATORIALE

DSC00211

 

 

DSC00232

 

DSC00234

 

DSC00203

 

DSC00204

 

DSC00205

 

DSC00207a

 

DSC00208B

 

DSC00209B

 

DSC00210

 

DSC00211B

 

DSC00212B

 

DSC00214B

 

DSC00215B

 

DSC00216B

 

DSC00218B

 

DSC00220B

 

DSC00221B

 

DSC00222B

 

DSC00224B

 

DSC00226C

 

DSC00227C

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 59 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

2 pensieri riguardo “AL PARMA CITY CAMP DELLA PARMA FOOTBALL SCHOOL GLI SCOLARI SCENDONO IN CAMPO AL TARDINI CON LA MUSICA DELLA CHAMPIONS LEAGUE E CON L’INNO NAZIONALE – Video amatoriali

  • 25 Giugno 2012 in 15:44
    Permalink

    Altra pecca di questa società di calcio distante un abisso dalla sua storia e dalla sua ggggente checchè ne dica l'ad Pietro Il Grande. Perchè? Perchè io mi aspetto che alla festa della Parma Football School risuonino le note e le arie del nostro inno ufficiale e della verdiana Marcia Trionfale dell'Aida così da instillare subito i nostri fondamenti e la nostra cultura, spiegando a questi bambini degli anni Duemila parole e significati dello storico inno sociale e il motivo per cui quando al Tardini scende in campo il Parma riecheggia l'Aida. Così cresciamo nuovi tifosi, mica facendogli sentire la musica della Champions League che nulla ha a che fare con noi. Passi per l'inno nazionale.

    Il Peloso

  • 25 Giugno 2012 in 22:17
    Permalink

    Ringrazio Il Peloso: come ho scritto anche nel post odierno dedicato all'inizio della seconda settimana del City Camp della PFS è condivisibile la proposta di sostituire il brano della Champions League e al limite l'Inno Nazionale, con i "nostri" Forza Parma e Marcia Trionfale dell'Aida. Con la Champions, in effetti, il Parma, purtroppo, non ha più niente a che fare da troppo tempo e quella musica riecheggiata al Tardini per i più piccoli chissà mai se la sentiremo davvero per i più grandi. Se è una PFS – cioè Parma Football School – dovrebbe essere una scuola Parmigiana: dunque all'atto dell'esame, cioè i mini tornei, meglio sarebbe sentire quei brani che al Tardini accompagnano il Parma FC in campo, appunto Aida e Forza Parma. A parte che se si predica – come hanno fatto gli stessi educatori venerdì scorso, alla festa finale del primo turno – di divertirsi e basta senza pensare al risultato (e i genitori di avere in casa dei campioni) è diseducativo farli crescere con la colonna sonora della musichetta Champions…
    Cordialmente
    Gmajo

I commenti sono chiusi.