GAY? IO STO CON CASSANO. E VI SPIEGO IL PERCHE’. INTANTO CECCHI PAONE BOLLA GIOVINCO: “E’ METROSEXUAL”

Gabriele Majo, direttore di stadiotardini.com: “Secondo me offendono gli eterosessuali le dichiarazioni dell’omosessuale Cecchi Paone all’origine della querelle. E non è politicamente corretta la domanda posta a Cassano in conferenza. Un vergognoso caso costruito ad arte”

GABRIELE MAJO Foto Franco Saccò Archimmagine -007(gmajo) – Scrivere di futili argomenti non è il massimo della mia aspirazione, anche se riconosco che qualche volta mi diverto nell’indulgere al cazzeggio (vedesi la creatura di lunedì). Ancor di più farlo mentre tengo in sottofondo la “all news” – quella che di solito mi terrorizza con l’amplificazione dell’effetto terremoto – che ritrasmette dall’aula di Montecitorio il premier Monti che pare stia strologando nuove misure per la crescita, ergo lacrime e sangue per tutti noi. Però sulla questione Cassano – pur non c’entrando nulla apparentemente col Parma, anche se Cecchi Paone ha dato del metrosexual a Giovinco – voglio dire la mia, perché a mio modo di vedere siamo al cospetto dell’ennesimo caso di disinformazione confezionato ad uso e consumo di piazzare qualche copia in più, ovvero mettere insieme qualche spettatore in più, costruendo ad arte dei casi che non esistono. Tante volte seguendo attentamente la “consecutio temporum”, nell’accezione di esatta successione dei fatti, ci si può costruire una più esatta idea dei medesimo Specie se si ha la mente libera, senza essere prevenuti o avere eccessi corporativistici.

Continua la lettura all’interno

Dunque dunque: venerdì scorso – anche se la Gazzetta dello Sport ha ripreso la questione soltanto ieri, martedì 12, sulle proprie colonne – in collegamento con quel farabutto di Giuseppe Cruciani su Radio 24, durante la trasmissione “La Zanzara” il noto omosessuale (in parmigiano “culà”) Alessandro Cecchi Paone ha asserito che nella Nazionale di Cesare Prandelli sono presenti due omosessuali (ieri sera tornando sull’argomento ha pure detto che uno di costoro ha avuto una relazione con lui), un bisessuale e tre metrosexual. “Metro che?”, ha chiesto Cruciani a nome di tutti noi, non informati dei fatti. E’ seguita la dotta spiegazione del divulgatore: «Metrosexual sono quei maschi al momento interessati solo alle donne ma che hanno una cura di se stessi, del corpo e dei particolari più tipica di un bisessuale o di un omosessuale. Il che può far ben sperare per sviluppi futuri». Avete letto bene la frase finale. “Il che può far ben sperare per sviluppi futuri”, cioè che si culanizzino, così lui, Cecchi Paone, è contento (e con lui gli altri omosex eventualmente interessati). E’ proprio per questo che sto con Cassano (non nel senso che ci vado a letto insieme, o a giochicchiare, ma che mi schiero dalla sua parte): lo scienziato (Paone) può esprimere tranquillamente l’auspicio che i “metro” percorrano l’ultimo metro (e si aprano a nuove esperienze), mentre se Cassano, in risposta a un giornalista (caro Ordine, dove sei?), che gli ha formulato la domanda non politically correct, risponde, spiccio, con l’espressione froci, con l’auspicio che non ce ne siano in squadra crea lo scandalo. No, signori: non capovolgiamo i fatti e gli eventi. Il primo che l’ha fatta fuori dal vaso è stato Cecchi Paone. Cassano, semmai, è caduto nel tranello. Ma ce lo hanno fatto cadere – direi assolutamente non in buona fede – i miei colleghi giornalisti in azzurro, in particolare chi, tra i vari risolini degli inviati, ha parlato con Cassano di froci e dintorni. Perché poi mica scrivono della domanda. Scrivono solo Cassano choc con la risposta omofoba, che omofoba non è. Perché come Cecchi Paone è libero di affermare, che gli piacerebbe avere un amplesso con il maggior numero possibile di calciatori dello spogliatoio azzurro, così Cassano è libero – senza che nessuno si scandalizzi – di affermare di sperare di non avere compagni froci. Così come non mi pare ci sia da scandalizzarsi se dice che sono problemi loro. Veramente siamo al cospetto di uno tsunami in un bicchier d’acqua, vieppiù costruito ad arte. Possibile che non ci sia una organizzazione di eterosessuali che parta lancia in resta come le varie associazioni gay contro le dichiarazioni di Cecchi Paone? Io sto con Cassano. Senza se e senza ma. Ed è pure assurdo che la buonista Federazione abbia successivamente vergato a nome e per conto del Resuscitato il comunicato successivo in cui chiede scusa. ma scusa di cosa? Che chiedesse scusa Cecchi Paone per il suo auspicio di conversione dei metrosexual. A proposito: perché se ha svelato i tre nomi di costoro (Giovinco, Montolivo e Abate) non ha avuto i maroni di dire anche chi sono i due gay (specie quello con cui ha avuto la relazione) e il “doppio”? La Formica avrà preso per complimento l’uscita di Paone? E tutti quei colleghi che a vanvera tirano fuori il codice etico azzurro (che andava applicato meglio in sede di convocazioni, evitando le disparità di trattamento) per il povero Cassano perché non fanno auto-critica, visti i risolini (“roba da Medioevo”, ha giustamente affermato, risentito, il giornalista omosessuale Paolo Colombo di La 7 intervistato da sportal.it) e lo spirito da caserma che ha accompagnato la boccaccesca questione nella conferenza del 10 azzurro? Leo Turrini sul QN chiosa che certe domande non vanno fatte ai bambini dell’asilo “perché i bambini dell’asilo, notoriamente, ridono forte e fanno battute cretine sulla cacca e altri misteri corporali”. Per lui il bambino dell’asilo sarebbe Cassano. Giudizio che – nel caso in oggetto  – non condivido. Quanto i compagni di classe… Sono d’accordo con Turrini, invece, quando aggiunge: “La verità, senza appunto discriminazioni di alcun genere, non riguarda le risposte. Bensì le domande”. Ricordando i precedenti specifici (Mundial 82) di ottimo auspicio concludo ribadendo che se Cecchi è libero di sperare che i metro si culanizzino Fantantonio altrettanto può sperare di non condividere lo stanzone con chi non ha gusti come i suoi. Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

18 pensieri riguardo “GAY? IO STO CON CASSANO. E VI SPIEGO IL PERCHE’. INTANTO CECCHI PAONE BOLLA GIOVINCO: “E’ METROSEXUAL”

  • 13 Giugno 2012 in 10:01
    Permalink

    Chi ha sbagliato secondo me sono in due: Cecchi Paone e Cassano.
    Cecchi Paone che per fare notizia e non cadere nel dimenticatoio deve fare gossip (perchè di gossip si tratta). Dall'altra Cassano che si spera che in nazionale non ci siano froci (termine burino, borgataro e da asilo).
    Probabilmente non sa che un suo compagno di squadra in Nazionale, ex juve, lo è. Così come lo è un ex giocatore del Parma che veniva da un paese molto lontano ma di grande talento.
    Che senso ha dire "spero che non ci siano froci in Nazionale". Quello che conta è sapere giocare a calcio. Chi ha sbagliato sono in due, e anche il discorso "Cassano è caduto nel tranello" non regge a mio modo di vedere.

    IndipendenzaXilDucato.

  • 13 Giugno 2012 in 10:12
    Permalink

    Caro Indipendenza,

    io non simpatizzo certo per Cassano, e nelle mie valutazioni cerco sempre di essere equidistante. Ma come scrivevo nel mio intervento – e da giornalista teoricamente dovrei schierarmi con la mia categoria – l'espressione triviale "froci" non l'ha tirata fuori Cassano per prima, ma il giornalista che gli ha posto la domanda per farsi meglio capire da lui (considerandolo un troglodita).
    Per me non è che Cassano è caduto in un tranello. Il suo imbarazzo era evidente nel rispondere, così come la chiosa: "dico questo se no chissà il putiferio che ne viene fuori". Peccato che quello che ha detto è bastato per scatenare il putiferio. Perché le organizzazioni gay non aspettavano altro. Mai nessuno che prima di parlare o scrivere valuti i fatti nell'insieme! Sempre e solo superficialità! Cassano si vedeva lontano un miglio che non voleva offendere i gay. Ma chi gli ha posto la domanda in quei termini – e poi chi in maniera superficiale ha diffuso i fatti, amplificandoli ad arte – ha agito in modo non corretto. Ripeto: io (nel caso specifico) sto con Cassano. E non sto con chi lo ha sfruttato per farsi ingiusta pubblicità. Da Cecchi Paone in giù.
    Ciao
    Gmajo

  • 13 Giugno 2012 in 10:31
    Permalink

    Certo che Majo, il titolo "Gay: io sto con Cassano" è perfetto per il Plin…
    ggg

  • 13 Giugno 2012 in 11:00
    Permalink

    Gianni Vattimo, gay e non certo – intellettualmente parlando – bambino dell'asilo, oggi in prima pagina sul Corriere dello Sport è stato, credo, impeccabile. Soprattutto nelle sue ultime tre righe

  • 13 Giugno 2012 in 11:09
    Permalink

    Caro Gabriele, condivido quanto hai scritto circa il tranello confenzionato ad arte da qualche giornalista. Perché chiedere ad uno come Cassano (che per sua stessa ammissione non sa chi fosse Cristoforo Colombo) cosa ne pensa degli omosessuali in Nazionale, significa voler creare un caso mediatico. E' chiaro che uno come Cassano (ignorante come pochi) non avrebbe potuto fornire una risposta troppo intelligente e così è puntualmente stato. Peraltro, il tentativo di correggere il tiro cui si è assistito successivamente, è stato se possibile ancora più esilarante… Cassano ha detto che "l'omofobia non gli appartiene"… c'è davvero qualcuno disposto a credere che queste siano parole sue?! io credo sia stato imboccato dall'ufficio stampa della nazionale che ha tentato di chiudere sul nascere un caso che rischiava di diventare molto antipatico… quanto agli omosessuali nel calcio, non ci vedo nulla di scandaloso. Ci sono giornalisti omosessuali, scrittori omosessuali, avvocati omosessuali, politici omosessuali… non vedo xké il mondo del calcio dovrebbe esserne immune! Ed in ogni caso credo che ci siano problemi ben più pregnanti nella società e nel calcio italiano che non disquisire sui gusti sessuali dei calciatori!!! Davide.

  • 13 Giugno 2012 in 11:25
    Permalink

    Ringrazio l'anonimo per aver pensato subito a me 😀
    I doppi sensi si sprecherebbero, non c'è dubbio.
    Però ecco, lasciando perdere l'inutilità del caso costruito ad arte, e la pochezza dello stesso (in quanto credo che un omosessuale, dopo un caso del genere, sia ancora più fiero di essere omosessuale e non ignorante… come i 2 due "contendenti di un teatrino di bassa lega"), ecco… non è evidente che… PARLARE DI QUESTO, è un escamotage per PARLARE MOLTO MENO di CALCIO SCOMMESSE o altro?
    Sia mai, lì si parla di delinquenti. Quelli tuteliamoli.
    Meglio prendere di mira i gusti delle persone.

    Mi ha fatto molto spece leggere la Gazzetta dello Sport oggi.
    3 pagine a spiegare cosa sono i froci, i gay, i metrosessuali. (interpellando anche Wikipedia).
    "Cosa fanno, dove vivono, cosa mangiano e come si riproducono.
    E soprattutto quando sono pericolosi per l'uomo."
    (prima che pensiate male, il virgolettato è roba mia, per concludere in battuta. Ma non troppo. Purtroppo)

  • 13 Giugno 2012 in 11:54
    Permalink

    Maio è ….!
    Roberta

  • 13 Giugno 2012 in 12:05
    Permalink

    Majo (con la j, prego…) è cosa? Metro? Culà? Bisex? Ortodosso?

    E per affermarlo, cara Roberta, ha le prove provate?

    Saluti Gm

  • 13 Giugno 2012 in 12:48
    Permalink

    Finalmente un punto di vista sensato, quello del Direttore, sull'argomento. Questa questione me ne ricorda un'altra: se esiste il diritto di non inghiottirsi nuvole e nuvole di fumo passivo, esiste pure quello di fumare. E vanno rispettati entrambi.

  • 13 Giugno 2012 in 13:26
    Permalink

    Uffa i miei post si pubblicano sempre ore dopo!
    Ma lo capisco, che la piattaforma del Blog faccia in automatico molteplici controlli sulle mie baggianate. 😀

  • 13 Giugno 2012 in 13:46
    Permalink

    Ringrazio il prezioso Luca Russo per l'apprezzamento alle mie considerazioni, del resto come Ermete Bottazzi per l'assist circa l'intervento di Vattimo. Direi, a questo punto, di trascrivere quelle ultime tre righe citate
    “(…) se qualche grande calciatore gay (ce ne sono, dunque!) facesse finalmente un outing contribuirebbe alla maturazione della coscienza pubblica italiana molto più di tante prediche. E forse si accorgerebbe che la sua popolarità, invece di diminuire, è addirittura aumentata (Cecchi Paone non sarà ancora famoso soprattutto o esclusivamente per questo?)”.

    Il compagno di ventura LL, in proposito ha osservato: "la consecutio temporum è originale, forse corretta accademicamente parlando, ma un condizionale ci sarebbe stato meglio". E poi ha aggiunto il caso di Anton Hysen: "E' il figlio dell’ex fiorentino Glenn Hysen. Come calciatore, nessuno se lo fila granché, non credo nemmeno sia nella A svedese. E’ gay, ha fatto outing e ora è celebre ed è divenuto un’icona. Vattimo in questo senso non sbaglia…"
    Cordialmente
    Gmajo

  • 13 Giugno 2012 in 15:14
    Permalink

    Mi scuso col Plin, ma purtroppo il problema è che i suoi commenti (non ho ancora capito bene per quale motivo) finiscono sistematicamente nella cartella spam, che controllo di meno rispetto a quelli in arrivo normalmente. Proprio per quello appaiono con colpevole ritardo rispetto a quando vengono composti.
    Ciao grazie
    Gmajo

  • 13 Giugno 2012 in 15:50
    Permalink

    Si vede che hai attivato il filtro-pirla 😀

    Tranquillo, non era in alcun modo una critica, era una segnalazione, nel caso capitasse anche ad altri utenti.
    Ciao!

  • 13 Giugno 2012 in 15:59
    Permalink

    A leggere la Gazzetta di oggi, a momenti mi vien l'orticaria. Non un parere che sia avulso dall'ipocrisia che è tipica degli italiani in certe situazioni.

    Cito testualmente un pezzo dell'opinione di Luigi Garlando, pubblicata sulla Gazzetta dello Sport di oggi: "Dire 'spero che in spogliatoio non ci siano froci' significa intendere l'omosessualità come un qualcosa di sbagliato, da rimuovere".

    Mah, io non sono tanto d'accordo. Così come è comprensibile che Cecchi Paone si augura che in nazionale i tre metrosexual imbocchino la strada dell'omosessualità, è altrettanto comprensibile che si possa sperare il contrario. Ed è per questo che l'opinione di Majo andrebbe stampata e affissa nella camera di ognuno di noi. Basta con l'ipocrisia ed il falso perbenismo…!

  • 13 Giugno 2012 in 16:55
    Permalink

    ciao Gabriele,
    sono d'accordo con te.
    Cassano è caduto nel trappolone ed ha risposto in modo spontaneo e ruspante, come del resto è lui.
    Ascoltando la sua conferenza neanche io ho ravvisato l'intenzione di offendere gli omosessuali, certo il termine che ha usato non è dei più eleganti, ma del resto non mi pare che sia uscito da Oxford.
    Se c'è qualcuno che ha sbagliato è stato Cecchi Paone.
    Sbandierare la sua conquista azzurra è stato fuori luogo durante una competizione europea, oltre che di pessimo gusto, come di pessimo gusto è stata la sua definizione di metrosexual ( metro che ??? ), opinione del tutto personale, attribuita a Giovinco e agli altri due.

    Febbredacalcio

  • 13 Giugno 2012 in 16:57
    Permalink

    Majo ma tu non ti ricordi di nulla!!! mni sento offesa veramente !!!
    Roberta

  • 14 Giugno 2012 in 13:58
    Permalink

    Sei sempre il solito!!!! Non rispondi … dimmi dove posso contattarti direttamente. Ciao
    Roberta

  • 14 Giugno 2012 in 14:04
    Permalink

    Gapao (alias la fantomatica Roberta) il gioco è bello quando è corto…
    Ciao Gmajo
    P.S. Tutti quanti sanno come contattarmi direttamente…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI