lunedì, Luglio 22, 2024
News

PASTICCIACCIO GIOVINCO. CARO DI MARZIO, MA QUALI HACKER… SONO STATI GLI UFO, ANZI I MARZIANI A METTERE ON LINE IL COMUNICATO CHE DOVEVA RIMANERE IN STAND BY…

 

di marzio hacker(gmajo) – Ho sempre un po’ di imbarazzo nel trattare argomenti che riguardano l’ufficio stampa e comunicazione del Parma FC, per via dei miei noti trascorsi lì. Preferirei soprassedere, ma la magagna Giovinco – prima ufficialmente venduto e poi no, prestando fede ai comunicati apparsi on line su fcparma.com – non può passare certo inosservata. Tanto meno da me. Certo, solo chi non fa non sbaglia, però certi errori macroscopici sarebbe bene evitarli, ma una volta che sono stati commessi diventa inutile nascondersi dietro scuse puerili (tipo quella degli Ufo che tanto è piaciuta al mercatologo Sky, buon amico di Ghirardi e Leonardi, Gianluca Di Marzio): è bene assumersi le proprie responsabilità e ammettere la topica. Cosa che il Parma ieri ha fatto con la famosa errata corrige arrivata sul tavolo delle redazioni. Quella dignitosa ammissione – che fa onore a chi, suppongo la responsabile Maria Luisa Rancati, ha deciso di farla – spiega meglio di ogni altra possibile illazione, invenzione, fantasia la successione degli eventi. Ma quale giallo ! E’ stato un errore umano. Caro Di Marzio, ma quali hacker! La prossima volta raccontaci che sono stati gli Ufo, anzi i Marziani, a mettere on line il comunicato che doveva rimanere stand by…

 

Continua la lettura all’interno

 

Dato per scontato che l’operazione nel giro di poco si sarebbe conclusa come da pronostico (il ritorno alla casamatrigna Juve della Formica), la struttura comunicazionale del club si è messa avanti confezionando il comunicato-coccodrillo (del resto anche i coccodrilli propriamente detti sono preparati in anticipo) da mettere on line. Poi in ogni redazione si aggira un diavoletto (così diceva un grande maestro del giornalismo italiano, che mi perdonerà se non ricordo il suo nome, né ho il tempo ora di mettermi a fare una ricerca) e così quel diavoletto ha fatto sì che accidentalmente anziché rileggersi quanto prodotto schiacciando il tasto “anteprima” un incauto operatore ha schiacciato direttamente il “pubblica”, che una volta era il “si stampi”. La differenza, rispetto alla carta stampata, è che su web si può tornare indietro, facendo sparire, come in un gioco di prestigio del Mago Otelma  o del Mago Forest, quanto pubblicato. Sfiga (ma sarà stata proprio sfiga? O gli stessi – anzi lo stesso – erano stati in qualche modo avvertiti?) ha voluto che proprio in quei pochi secondi fossero “sintonizzati” su fcparma.com i corrispondenti (o le redazioni) di Italpress ed Ansa, che avrebbero subito effettuato, rispettivamente alle 18.19 e alle 18.37, due lanci di agenzia, con tanto di ufficializzazione del ritorno a casa Lessy e salutino di commiato, con tanto di preziose cifre della esperienza crociata del Nazionale. Tanto è bastato per scatenare il putiferio nelle redazioni. Certo l’operazione non è in dubbio, però la forma vuole che si segua una certa prassi e, come direbbe Trapattoni, non dire gatto fin che non è nel sacco: insomma prima di ufficializzare una notizia di questa portata un organo ufficiale deve attendere l’ok (da Ghirardi o da Leonardi, riferita al responsabile dell’ufficio stampa, non a un suo incaricato, peraltro esterno). Non basta aver sentito Di Marzio, perché l’equazione se lo dice lui è come se lo dicessero Ghirardi e Leonardi non si può fare. In conclusione, come peraltro già scritto qualche mese fa dopo un simil pasticciaccio in occasione dell’arrivo di Jonathan (con mille rettifiche rettificate da parte di fcparma.com) servirebbe una migliore e meno pasticciata comunicazione interna (il chi fa che cosa), non utilizzare l’ufficio stampa sempre come parafulmine (magari l’ok alla pubblicazione era stato dato e poi rimangiato. Chi può dirlo…); migliore attenzione (confondere i tasti on line ed anteprima su una notizia di questa portata non è roba di poco conto); magari una struttura non esternalizzata (la Eligiro appartiene a Robusti padre e figli) per un settore importantissimo quale è la comunicazione per una società di serie A, che non si può certo permettere disinvolte uscite come questa (quando ha parlato delle due casse-integrate Leonardi ha fatto tutto un gran ragionamento per dire che esternalizzare è meglio che tenere risorse al proprio interno, ma il caso in questione è l’ennesima dimostrazione che, almeno per il settore comunicazione non è proprio così). E i colleghi di fama nazionale non dovrebbero abdicare al buon senso (per tacere della deontologia) e veicolare fantasiose scuse ben peggiori della già grave malefatta. Rientra in questa fattispecie l’ipotesi pronunziata ieri sera in collegamento per Sky Sport 24 dal giornalista dell’emittente satellitare e editorialista di Tuttomercatoweb Gianluca Di Marzio ("Si parla di un possibile hacker che ha generato questo comunicato poi cancellato dopo pochi minuti") pedissequamente ricopiata anche da altri. Ma quale hacker? Sono stati gli Ufo. Anzi i marziani… Più corretta l’altra osservazione dimarziana: “Il comunicato apparso oggi per qualche minuto sul sito della società ducale però ha destato qualche sospetto dato che in queste operazioni la prima a comunicare il tutto generalmente è la società acquistante”. Anche se la cedente doveva appunto salutare non uno qualsiasi, ma l’artefice per oltre il 50% di un campionato da ottavo posto (peraltro, senza di lui, difficilmente migliorabile). Anche noi di stadiotardini.com abbiamo commesso il peccatuccio veniale di ufficializzare una notizia che ufficiale in realtà non era. Leggendo il lancio di agenzia che citava il sito fcparma.com eravamo pressoché certi della veridicità del contenuto, anche se qualche sospetto ci è venuto nel non trovare on line sul sito l’annuncio citato: ho personalmente chiamato il collega Gabriele Balestrazzi di gazzettadiparma.it, uno dei primi a rilanciare la news, il quale mi ha confidato che a propria volta non era riuscito a verificare se la notizia c’era o non c’era poiché il sito fcparma.com era bloccato per via dei tanti accessi. Poi la spiegazione: notizia apparsa per pochi secondi quelli necessari alle agenzie per ricopiare e rilanciare, e Giuseppe Milano, il super-corrispondente, per postarla pure sul proprio profilo di facebook. Tra l’altro con data 20 giugno e non 19… Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

Un pensiero su “PASTICCIACCIO GIOVINCO. CARO DI MARZIO, MA QUALI HACKER… SONO STATI GLI UFO, ANZI I MARZIANI A METTERE ON LINE IL COMUNICATO CHE DOVEVA RIMANERE IN STAND BY…

  • l'ennesima conferma che Di Marzio figlio è un lontanissimo parente di quella gran persona di suo padre: sfacciatamente fazioso e lacché di punta di qualche squadra (quelle che, per inteso, fanno campagna acquisti sui giornali…).
    Per me, definirlo giornalista è un insulto, ma in fondo non è che la rimanenza (a parte casi sporadici) sia poi meglio…
    Questo non parla di calcio, ma di gossip per 365 giorni l'anno, e ne imbrocca una su cento. Inguardabile.

    Airus

I commenti sono chiusi.