L’EX GIOVANE MUSACCI: “AVER GIOCATO CONTRO MILAN, JUVE E NAPOLI MI HA FATTO CRESCERE”

musacci fcparma com(fcparma.com) – Levico Terme, 20 luglio 2012 – Gianluca Musacci è arrivato in punta di piedi poco meno di un anno fa e con il lavoro e la fatica è riuscito a ritagliarsi un posto importante all’interno della rosa. Dopo la riconferma stila un bilancio della sua prima stagione in gialloblu: "Sicuramente il bilancio è positivo, come ho già detto più volte sono arrivato come settimo o ottavo centrocampista e pian piano mi sono ritagliato il mio spazio. Mi sono trovato molto bene e quest’anno cercherò di ripetermi e migliorarmi". Con mister Donadoni hai avuto alti e bassi, con belle prestazioni e con partite dove non hai giocato: "Le volte che sono sceso in campo me le sono meritate in allenamento, ero in forma. Quando non ho giocato è perché altri giocatori, come per esempio Valdes, lo meritavano più di me". Proprio Valdes ha fatto una bella stagione, ma inizia ad avere una certa età. Anche grazie a questo speri di avere le tue occasioni?: "Credo che se darò sempre il 100% anche io avrò le mie carte da giocarmi, a prescindere da quello che faranno gli altri".

Continua la lettura all’interno

Cosa ti ha dato a livello tattico, fisico e tecnico un anno di serie A: "La grossa differenza è a livello fisico, i ritmi sono molto più alti che quelli della serie B. Non nego che in qualche partita sono arrivato nel finale a corto di fiato. Quest’anno dovrò cercare di migliorarmi sulla tenuta di tutti e novanta i minuti con una gamba diversa dall’anno scorso". A che giocatore ti ispiri e a chi vorresti avvicinarti a livello di gioco?: "Nel mio ruolo non posso non citare Pirlo, in questa posizione credo sia il migliore al mondo. E’ un modello difficile da raggiungere ma bisogna sempre ambire in alto". Come trovi per ora il ritiro qui a Levico?: "L’anno scorso ero in ritiro con l’Empoli ma il mister sta facendo molto lavoro in campo, il fondo l’abbiamo fatto in parte in Sardegna e il resto credo lo faremo nei prossimi gironi. E’ una preparazione dove ci stiamo trovando tutti bene". L’anno scorso al tuo arrivo tutti ti chiamavano il ‘giovane’ Musacci, dopo un anno con il Parma cambierà qualcosa?: "Di sicuro non mi chiameranno più ‘giovane’ anche perché quest’anno farò 26 anni – ride il centrocampista toscano -  Dopo l’anno scorso mi sento più esperto, mi trovo bene e mi sento parte integrante di questo gruppo quindi io per primo mi sento meno giovane". C’è qualche aspetto in particolare dove ti senti maturato rispetto al tuo arrivo?: "Sicuramente il fatto di aver giocato molte partite importanti come quelle con Milan, Juve o Napoli ha contribuito alla mia crescita, soprattutto sotto l’aspetto dell’esperienza". Se ti capiterà di segnare sarà una rete importante e con dedica: "Si, tra due mesi nascerà mia figlia quindi il primo gol sarà sicuramente dedicato a lei".

 

Testo a cura di Ufficio Stampa Parma FC, tratto da fcparma.com

PER VEDERE IL VIDEO DELL’INTERVISTA CLICCA QUI

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.