CHISSA’ SE DOPO IL ROVESCIO DI PALERMO GHIRARDI AVRA’ TUONATO SU DONADONI COME GALLIANI SU ALLEGRI DOPO LA BATOSTA DEL MILAN

Angella nel Tg di Teleducato: “Il patron gialloblù quando perde di brutto è aggredito dal mal di stomaco: avrà energicamente tirato le orecchie al suo allenatore dopo il 4-1 di ieri sera?”

(Michele Angella, dal TG di Teleducato) – Dopo la sconfitta 5-1 dal Milan ad opera del Real Madrid nel test disputato a New York qualche giorno fa, Adriano Galliani infuriato aveva tuonato all’indirizzo di mister Allegri: certe figuracce non sono tollerabili, nemmeno in amichevole, così non va, guai a ripetere certe prestazioni. Chissà se il patron gialloblu Tommaso Ghirardi – uno che quando perde é aggredito dal mal di stomaco – dopo il 4-1 subito ieri sera dal suo Parma a Palermo, avrà fatto la stessa cosa con Roberto Donadoni, riservandogli una energica (metaforica per carità) tirata d’orecchi. Perché il nuovo ambiziosissimo Parma – tra le regina del mercato in corso – certe batoste dovrebbe evitarle, anche il 12 di agosto , anche in una sfida senza punti in palio.

Continua la lettura all’interno

Una esibizione quella di di ieri sera che deve fare riflettere, ma sulla quale é bene non fare drammi: in fondo siamo ancora in fase di rodaggio, la condizione atletica non é delle migliori, in questo periodo il livello aerobico delle squadre varia molto a seconda del lavoro svolto. Ci sono formazioni già molto avanti e altre invece più indietro.

Certo é che il Parma, anche a seguito del ko del Barbera, é pronto a riaprire il portafoglio: in difesa vicino il difensore uruguaiano Alexis Rolin, valutato 5 milioni e che potrebbe arrivare grazie all’aiuto dell’Inter. Mentre dopo ferragosto sarà messa la parola fine alla telenovela El Kaddouri: il belga di origini maghrebine sta per firmare un quadriennale.

La squadra si ritroverà intanto a Collecchio mercoledì: oggi e domani Donadoni ha concesso due giorni di riposo e soprattutto di riflessione.

 

(di Michele Angella, dal TG di Teleducato delle ore 12.25 del 13.08.2012)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 59 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

5 pensieri riguardo “CHISSA’ SE DOPO IL ROVESCIO DI PALERMO GHIRARDI AVRA’ TUONATO SU DONADONI COME GALLIANI SU ALLEGRI DOPO LA BATOSTA DEL MILAN

  • 13 Agosto 2012 in 13:11
    Permalink

    angella,vorrei sapere cosa ne pensa lei,come al solito getta il sasso nello stagno e poi nasconde la mano.
    di quello che pensa ghirardi fottesega

    turella

  • 13 Agosto 2012 in 13:38
    Permalink

    Caro Turella, il nostro Sergio Caroli: io penso "fottesega" (per utilizzare il verbo da lei scelto) di quel che pensa Angella, del resto come ognuno di noi può "fottergli sega" di quel che penso io o un altro qualsiasi dei millanta opinionisti più o meno qualificati che affollano la piazza. Ma non si può dire "fottesega" di quello che pensa Ghirardi, perché è esattamente quello che pensa Ghirardi che determina o meno l'andamento delle cose in casa Parma.
    Cordialmente
    Gmajo

  • 13 Agosto 2012 in 17:44
    Permalink

    Ragazzi l'umore di Ghirardi è fondamentale per gli equilibri del Parma: se Donadoni dovesse stentare il Ghiro andrebbe subito in paranoia, altro che. Colomba fino a non molto prima di essere cacciato era considerato dal nostro pres una specie di santone.

  • 14 Agosto 2012 in 12:01
    Permalink

    BUONGIORNO a tutti
    Ci stà di preoccuparsi dopo Palermo,ma gli allarmismi ritengo siano eccessivi credo che dopo la partenza di giovinco…la squadra debba metabolizzare un nuovo modo di giocare, o meglio…di "tessere trame",penso che il parma debba attualmente acquistare maggior autostima perchè quando ti viene a mancare il giocatore che ti fà la differenza..il leader della squadra…ognuno deve assumersi maggiori responsabilità in campo….in soldoni NON C è PIù GIOVINCO,LA PALLA NON Và PIù A LUI MA VA GESTITA IN ALTRO MODO….i giocatori lo sanno e hanno bisogno di tempo per convincersi di ciò,forse anche per questo il mister(nel quale ripongo totale fiducia)stà optando come a palermo per un centrocampo più legggero, ma tecnicamente dimaggior spessore per tentare d imporre la filosofia di gioco propositiva che lo scorso anno ha inculcato alla squadra con successo…(almeno da quanto letto perchè della partita non ho visto nulla,quindi interpreto in questo modo )……..poi siamo solo ad agosto e il cartello WORK IN PROGRESS è ben esposto e leggibile,e probabilmente arriverà ancora qualche rinforzo,se io potessi dare un consiglio…cercherei un giocatore delle stesse caratteristiche di MARIGA…qualità e tanta quantità…si!! secondo me manca un giocatore così in rosa e in campo …intanto fiducia piena a donadoni e al gruppo…..stiamo sereni e aspettiamo a criticare
    Filippo1968

  • 16 Agosto 2012 in 08:52
    Permalink

    Roberto M. ha ragione. La differenza, però, sta nel pedigrée: A Donadoni, sono convinto, verrebbe perdonato qualche errore in più rispetto al più "modesto" Colomba.
    Filippo1968, il work è in progress e drammi non vanno fatti, pur nella considerazione che di campanelli di allarme ne stanno suonando, pericolosamente, da inizio preparazione. Troppi gol subiti (una costante) difficoltà nei tiri in porta. Ma come ci hanno spiegato i grandi ex sulla Gazza di ferragosto non bisogna preoccuparsi per il calcio d'agosto…
    Un giocatore come Mariga c'è ed è Acquah. Non credo manchi autostima, perché Giovinco è andato via: io piuttosto penso che si dovrebbe essere più concreti e meno leggeri. Più tosti e meno propositivi. Il riferimento è al centrocampo dove c'è il trionfo dei piedi buoni. Si, va bene, w il bel gioco, w lo spettacolo, ma serve anche chi come Colombo supportava i Donadoni…
    Cordialmente
    Gmajo

I commenti sono chiusi.