“I METEORismi” di Lorenzo Fava – FERRONETTI, QUANDO LO SWAROVSKI E’ PER SEMPRE…

Quasi ogni stagione non riesce a superare le 15 presenze a causa di infortuni e problemi fisici. E la sua ultima avventura, iniziata a luglio col Torino, si è già conclusa…

347(Lorenzo Fava) – Un noto spot pubblicitario di qualche anno fa sussurrava che il regalo di un diamante vale per tutta la vita; Damiano Ferronetti, ex terzino destro crociato, ne sa qualcosa, dal momento che il diamante in questione è proprio lui. Giocatore di belle speranze, ma eterna incompiuta a causa dei suoi malanni fisici, accusati fin dai primi anni di attività professionistica. Bisogna, però, sottolineare che il ragazzo non ha mai goduto di parecchio fortuna; dopo essere cresciuto nella cantera della Roma (che agli inizi degli anni 2000 aveva sfornato i talenti della mitica annata del 1984 di De Rossi, Aquilani, Pepe, Bovo, Corvia e Scurto), e aver fatto una fugace apparizione nel campionato di A sotto la guida di don Fabio” Capello, l’imberbe terzino, ancora sconosciuto agli ambiti palcoscenici, nel 2003-2004 scende in serie B per farsi le ossa (sempre molto fragili): le 30 presenze accumulate in campionato con la maglia della Triestina lasciano presagire un roseo futuro. Infatti la stagione seguente il club capitolino e il Parma, con pochi mezzi economici perché nel bel mezzo del crack e in amministrazione straordinaria, concordano per la compartecipazione del cartellino del calciatore.

Continua la lettura all’interno

ferronetti (1)Il terzino romano arriva a Parma con la voglia di imparare dai più esperti veterani (Bonera, Cardone) e sapendo di non poter disputare un’annata da protagonista. Riesce comunque a collezionare una decina di partite di serie A e a fare capolino in un match di livello europeo contro il Maribor; l’annata, fino ad allora più che positiva sotto il punto di vista personale, però, non solo si rivela tribolata per i noti problemi societari che condizionano, a loro volta, l’andamento lento nella stagione (il Parma si salverà al glorioso spareggio di ritorno contro il Bologna), ma anche per il giovane Ferronetti, che a metà stagione riporta un gravissimo infortunio che lo costringe a stare lontano dai campi per oltre un anno. Fino al 2007 – anno in cui abbandonerà il club di viale Partigiani d’Italia – le sue stagioni in crociato si caratterizzano per il continuo ballottaggio con l’esperto e roccioso Ferdinand Coly, cursore senegalese (con un passato nel Perugia di ferronettiCosmi… e del buon Gaucci), prelevato nell’estate 2005 per sostituire il convalescente Damiano. Il numero 26 torna a fine febbraio 2006 a calcare l’erba del Tardini, dopo oltre un anno dall’incidente. E pazienza se il match, in cui si festeggia la sua “resurrezione”, vede il Parma sconfitto 3-0 dalla Fiorentina, guidata dai sontuosi Luis Jimenez e Valeri Bojinov (che pochi anni più tardi avrebbero giocato al Tardini non più come avversari). Nel campionato 2006-2007 finalmente Damiano parte con i gradi di titolare e con la consapevolezza di essere un ventiduenne alla ricerca della definitiva consacrazione. Mister Pioli lo fa partire titolare anche nei preliminari di Uefa contro il Rubin Kazan, ma non basta; Ferronetti è di nuovo ai box per guai fisici: Coly ne approfitta e diventa titolare, mentre le presenze per l’ex giallorosso saranno solo 16. Il Parma nell’estate 2007 lo riscatta dal suo club di appartenenza, ma DamianoFerronettisubito dopo ne fa merce di scambio con l’Udinese per arrivare all’altro Damiano della serie A, il più esperto (ma non per questo più acciaccato) Zenoni. Anche in Friuli i problemi fisici non gli danno pace: la prima stagione è una di quelle “così così”, con sole 16 presenze, ma anche un gol, il primo, in serie A; la seconda annata, suo malgrado, è disastrosa, perché lo swarovski si frantuma di nuovo: il 15 febbraio 2009, durante Siena-Udinese, si rompe il legamento crociato del ginocchio destro e saluta con netto anticipo e i compagni e le partite. Torna, dopo quasi tredici mesi, nel campionato 2009-2010 nel quale riesce a collezionare una dozzina di match, ma sapeva che quella stagione era stata compromessa ancor prima che iniziasse. Ci riprova nel 2010-2011, campionato che per lui deve essere quello della svolta: purtroppo in preparazione durante un’amichevole, Ferronetti si accascia di nuovo a terra, tra 162703hp2grida di sofferenze e disperazione: il legamento crociato del ginocchio destro, lo stesso operato a inizio 2009, scricchiola nuovamente. La stagione alle porte per lui non comincerà mai. Fermo ai box per quasi quattordici mesi, “lo swarovski” torna in campo a inizio ottobre 2011. Inoltre, quando non è infortunato, mister Guidolin gli concede qualche chances: lo dimostrano le 14 presenze in campionato (dove segna anche una rete) e gli ottavi di finale di Coppa Uefa imagescontro l’Az Alkmaar, disputati da titolare. L’Udinese non gli rinnova il contratto in scadenza, così il 30 giugno 2012 il fragile Damiano si ritrova svincolato. Anche se non mancano i club della massima serie disposti a garantirsi le sue (poche) prestazioni annuali. Dopo essere stato vicinissimo al Catania, Damiano si accorda il 19 luglio con il Torino e raggiunge i nuovi compagni nel ritiro di Sappada. Finalmente sembra essere arrivata la sua occasione, l’ex terzino di Parma e Triestina ha trovato un club disposto a puntare definitivamente su di lui. Ma l’incubo non è ancora finito: durante l’amichevole che i granata hanno disputato e poi vinto sonoramente per 3-0 contro la Lazio – fino a quel punto era sembrata un’allegra giornata -, già nel corso del primo tempo il ragazzo accusa dolori agli adduttori e chiede mestamente il cambio al coach Giampiero Ventura, il quale non bada alle lamentele del neo-acquisto, lasciandolo in campo. Il tecnico gli ribadisce che, da neoacquisto qual è, C_3_Media_1529270_immagine_ts673_400deve dare tutto per quella maglia. Magnanimo, Ventura esaudisce il desiderio del suo fluidificante di destra con netto ritardo, il calciatore esce dolorante e seccato: tra i due il rapporto è già seriamente compromesso. Perciò, il difensore romano scappa letteralmente, abbandonando il ritiro; qualche giorno più tardi rimbalzano i primi rumors che vogliono il connubio tra le due parti già alla fine e il 30 luglio arriva ufficialmente la rescissione. Il procuratore C_3_Media_1529277_immagine_ts673_400Franco Zavaglia, padrino dei talenti scuola giallorossa, ha protetto il suo assistito dalle accuse che lo incolpavano di aver abbandonato per gli allenamenti troppo rigidi e faticosi: «Non c´è stato nessun litigio, ed il giocatore non ha abbandonato il ritiro. E´ una decisione che il ragazzo prende perché ha qualche incomprensione, ma niente di più. Rinuncia a due anni di contratto, ma preferisce andarsene piuttosto che restare senza sentirsi sicuro. Ha avuto molta C_3_Media_1526975_immagine_ts673_400sfortuna, e qualcuno ha fatto dei danni nei suoi confronti. A volte il "non è niente" diventa un infortunio grave, e lui più di una volta si era lamentato per dei problemi fisici che sono stati sottovalutati. Smentisco che sia venuto via dal Toro per gli allenamenti troppo duri. In questo periodo tutti gli allenamenti sono duri». Un’altra corrente propone che Ventura non avesse mai dato il suo consenso per l’acquisto di Ferronetti, preferendo un altro tipo di terzino. Ora l’ex gialloblù si ritrova per la seconda volta svincolato in questa estate, anche se si dice che Catania, Lazio e Sampdoria siano pronte ad accaparrarselo. Salvo preventivati infortuni e acciacchi, il suo futuro dovrebbe essere, almeno per questa stagione, ancora in serie A. Lorenzo Fava

PUNTATE PRECEDENTI DE “I METEORismi” di Lorenzo Fava

1. “METEORismi di Lorenzo Fava”– OYOLA: CHI L’HA (MAI PIU’) VISTO?

2. “METEORismi” di Lorenzo Fava / L’INFELICE ITALIA DI ZICU

3. “METEORismi” di Lorenzo Fava – VIRGILI E QUELLA FUGACE E FATALE APPARIZIONE IN COPPA ITALIA

4. “METEORismi” di Lorenzo Fava / FONTANELLO, MISTERIOSO PACCO POSTALE…

5. “METEORismi” di Lorenzo Fava / ANTONINO D’AGOSTINO, QUEL TALENTO RICERCATO SOLO NELLE SERIE MINORI

6. “METEORismi” di Lorenzo Fava / FALSINI E QUEL MANCATO FEELING CON IL PUBBLICO DEL TARDINI

7. “METEORismi” di Lorenzo Fava / LEON, JOLLY NEI CALCI DA FERMO ED ESPERTO DI PROMOZIONI, MA LA SERIE A NON E’ PER LUI…

8. “METEORismi” di Lorenzo Fava – REYNALD PEDROS, IL CLONE DI BON JOVI (O DEGLI EUROPE)

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

MARQUES, SEMBRAVA SOLO UNA COTTA ESTIVA…

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI