L’OPINIONE DI MAJO DOPO JUVENTUS-PARMA 2-0 / “E’ COM’E’ BARRIERA D’AZEGLIO, I LAVORI SONO IN CORSO…”

L’editoriale “a freddo” del direttore responsabile di www.stadiotardini.com

GABRIELE MAJO Foto Franco Saccò Archimmagine -007(gmajo) – L’altra sera, quando assieme al collega Jonathan Belletti di Radio Bruno, siamo arrivati a Torino, siamo stati accolti da un fortissimo acquazzone – fossimo stati in mare avremmo potuto definirlo un violento fortunale – che ci ha chiarito – quasi più dei Righeira – che l’estate sta finendo. Proprio in coincidenza con l’avvio del campionato italiano di calcio Serie A la natura ci ha mostrato il suo aggressivo vestito autunnale, rendendo ancor più fuori luogo quei bermuda che avevo scelto di sfoggiare anche al prestigioso New Delle Alpi, tra gli sguardi compassionevoli dei colleghi. Ma  le prime due giornate, a mio modo di vedere, al di là delle bizze del meteo, appartengono ancora al variabile, mutevole, poco significativo calcio d’agosto (o di inizio settembre): la vera serie A inizierà a mostrare i suoi primi valori dopo la sosta, con la terza giornata, quando anche il barometro, salvo ulteriori eccezioni, virerà più verso il maltempo che non al bel tempo. Insomma: il Parma di Donadoni è un po’ come Barriera d’Azeglio: i lavori sono ancora in corso, nonostante tanti concittadini siano tornati dalle vacanze e stanotte io mi sia dovuto alzare, nottetempo, per serrare la finestra dalla quale spiravano aliti di vento più freddo che fresco. Una manna dopo l’arsura di questa torrida estate. Tutto questo per dire che non bisogna – dopo la sconfitta con i bianconeri – tracciare giudizi tranchant  vedendo il Parma già retrocesso o in lotta per mantenere la categoria, ma neppure esagerare con l’ottimismo, sognandolo in corsa per l’Europa.

Continua la lettura all’interno

 

Il lettore sa che mi piace essere sempre piuttosto equilibrato nelle mie considerazioni, il che non significa non prendere posizione, giacché, anzi, mi piace farlo. Però se ci sta che il tifoso si lasci trascinare dal vento dell’ottimismo o del pessimismo: “l’addetto ai lavori” (defìnizione ultimamente un po’ abusata dal vulcanico Turella), invece, deve cercare di essere lucido, freddo, distaccato. Egli – l’addetto ai lavori, nel caso specifico il giornalista – non ha solo il diritto, ma financo pure il dovere di esercitare una critica costruttiva che non deve certo essere di disturbo per i manovratori. Semmai d’aiuto. L’analisi più specificatamente tecnico-tattica della gara, con il senno di poi, l’ho lasciata volentieri a “Il Mister”, il nostro nuovo columnist dal doppio patentino – quello da giornalista professionista, nonché quello da allenatore (sia pure non avendo – ancora – frequentato Coverciano) – il quale si era cimentato pure col senno di prima. Egli aveva benedetto la scelta del suo collega Donadoni di schierare Biabiany fin dal primo minuto a casa Juve, affinché se ne potessero sfruttare le doti di velocità e mettere in crisi la macchinosa difesa juventina, peraltro orfana di Lucio (e un po’ più indietro pure di Buffon). Il nostro mister, però, avrebbe preferito appaiarlo a Belfodil, per un attacco completamente francofono, piuttosto che a Pabòn, da utilizzarsi, semmai dopo, per sparigliare il campo. In effetti la Medicina, quando è entrata – al pari di Ninis – ha fatto bene al malaticcio. Senz’altro meglio della prima scelta colombiana, bocciata in un modo a dir poco dissennato da Massimo Mauro di Sky, secondo cui nella serie B italiana ci sarebbero ben 15 calciatori di pari caratteristiche più forti di lui. Poi vedremo cosa dirà quanto l’erede di Tino inizierà a miracol mostrare. RIbadisco: gli addetti ai lavori dovrebbero essere un po’ più accorti nelle proprie esternazioni, senza lasciarsi andare a quegli eccessi tipici del tifoso, che – lui sì – può permettersi di battezzare, ad esempio, un calciatore professionista di serie A un dilettante di III categoria, espressione, però, che non può certo permettersi di fare chi dovrebbe fare informazione. Va beh che ormai l’informazione è diventata spettacolo. Anzi avan-spettacolo… In quell’oretta in cui è stato in campo Pabòn ha trovato modo di far bestemmiare i suoi nuovi tifosi per quella immediata telefonata in porta a Storari. E meno male che secondo quanto aveva raccontato il parmigiano strajè in Sudamercica Carlo Del Vasto Dorlan questi sarebbe dotato di una "carrocchia" incredibile. Prima che i maligni malignino ricordiamo che la definizione “carrocchia” equivale (grazie a Parmigiano per la traduzione) alle nostrane “sciovana, pavera, ghiga, mina, bordata, cannonata”. Bene: speriamo che quando i lavori a Barriera D’Azeglio saranno terminati (o quando aprirà il Ponte a Nord) il buon Pabon non si mostri Pa-Bon e ci mostri una rispettabile “carrocchia”. Debbo confessare che delle tante promesse estive della Triade Leonardi-Preiti-Imborgia quella che sulla carta mi convinceva di più – non tanto per i video di youtube, per me significativi fino a mezzogiorno, e ora è già l’una passata, quanto per l’invidiabile score alla Libertadores – era per l’appunto Pabòn; quella che mi convinceva di meno Ninis. A metà del guado Belfodil, anche se le parole di stima dei compagni (Amauri in primis) e l’incazzatura di Pioli per il ratto, me lo avevano fatto alzare un po’ più nel livello di considerazione. Dopo la prima l’ordine dei fattori si è invertito: Pabòn è precipitato al terzo posto (ma è solo un “intertempo”, non un riscontro definitivo), Belfodil ha mantenuto il secondo, mentre il greco è asceso in prima posizione. Va detto che quando sono entrati i due ricambi – indubbiamente confortevoli le loro prove – l’inerzia della gara era già cambiata e con essa l’atteggiamento della Juve più facilmente attaccabile rispetto a prima. Ovviamente non abbiamo la controprova per sapere come sarebbe andata se Donadoni avesse dato retta al nostro mister invertendo l’ordine dei fattori tra Pabon e Belfodil, facendo, cioè, partire il francese, per poi avvicendarlo col sudamericano. Sempre in sede di vigilia o prepartita, invece, io mi ero permesso di candidare quale coppia titolare d’attacco, per questa prima occasione, il fisiologico tandem Belfodil-Pabòn, spesso sperimentato nel precampionato dal mister di Ghirardi. La ragione l’avevo spiegata lì e la replico adesso: non era stato lo stesso Donadoni a sancire venerdì scorso che le prime “riserve” di titolari fissi come Amauri o Buffon sanno che hanno ben poco spazio per mostrare il proprio valore e che dunque in quelle poche e rare occasioni sono spronati a dare il massimo? Ebbene, la scommessa Belfodil quanto avrà goduto nel vedersi scavalcare da Biabiany? Io capisco le finezze da mister – Donadoni e il nostro – di valutare che un attacco veloce avrebbe potuto creare più noie alla Juve, però – anche a lunga gittata – la componente psicologica è fondamentale, sicché è bene non iniziare a perdere Belfodil fin dalla prima giornata, posto che lo si sia scelto come primo dei non eletti del reparto d’attacco. Al di là della contingenza che c’era di fronte la Juve, che fiducia avrà sentito su di sé l’attaccante francese? Biabiany attaccante poteva essere un rimedio l’anno scorso quando il reparto era meno assortito, o quando mancava la Formica Atomica. Adesso, per me, è anacronistico. Io non so se il popliteo per Amauri possa trasformarsi in una maledizione, ma nel passato qualche mezzo accidente lo ha sempre avuto: continuo a rimanere dell’idea che difficilmente supererà le 20 presenze da titolare, chi gli sta dietro deve sentire la piena totale fiducia dell’ambiente. Se no diventano guai seri. E l’inizio della gestione di Belfodil, per me, non è stata delle migliori. Sempre il nostro mister ha evidenziato – da par suo – il triplice errore occorso in occasione del primo gol bianconero di  Lichsteiner. Non solo quello più evidente di Rosi – anche qui andiamoci piano, cari loggionisti, a bocciarlo dopo la prima, dicendo che si è capito perché Zeman non lo abbia voluto: credo che contro Asamoah diversi altri boccheggeranno – ma anche quello di Mirante (che ha lasciato sfilare un pallone rasoterra in area piccola restando incollato sulla linea di porta) e del binario sinistro A. Lucarelli-Gobbi che ha replicato lo show negativo della gara Udinese-Parma (gol di Di Natale su assist di Asamoah, nell’occasione autore di una doppietta), l’ultima nella quale i crociati avevano subito un gol su azione, se si tralascia un successivo contropiede interista. Insomma la “bambola complessiva” ci ha fatto tornare un po’ indietro nel tempo, esattamente a prima dell’inizio della famosa serie aurea delle sette vittorie consecutive  donadoniane, alloro sul quale non si deve dormire, per evitare che capitino bruschi risvegli. Colomba docet. Cari miei, le sette vittorie vanno infilate nel cassetto, perché pur essendoci un organico complessivo decisamente migliorato rispetto a un anno fa non è facile ridisegnare una squadra che negli ultimi tre anni ha sempre ruotato attorno ad un elemento di qualità come Giovinco. E il progetto tecnico crociato di un anno fa, come quello delle due stagioni precedenti, verteva, appunto, sulla valorizzazione della Formica. Ora, invece, dovrebbe essere un discorso più complessivo, di squadra: e ci vuole una sacrosanta pazienza – da parte di tutti, a partire da Ghirardi, per proseguire con i tifosi – prima che le cose possano quagliare, o che possa saltar fuori di nuovo quella miracolosa alchimia, grazie alla quale il Parma ha potuto chiudere all’ottavo posto l’ultima annata, fino ad otto giornate decisamente deludente. Alcuni miei colleghi sono decisamente ottimisti, io preferisco rimanere con i piedi per terra e pensare che sì, è vero, esiste la possibilità di arrivare fino ai confini d’Europa e forse varcarli, ma il pericolo principale è che questa squadra non è stata affatto costruita per lottare per non retrocedere come sovente ci raccontano, proteggendosi dietro la coperta di Linus: e dunque non ha in sé quelle caratteristiche tipiche di chi lotta per la sopravvivenza. Insomma, in caso di reiterati passi falsi non nascondo che avrei ataviche paure, dal momento che questa formazione e questo allenatore sono di taglia decisamente superiore rispetto a chi deve fare i conti quotidianamente con la sopravvivenza o vive di espedienti. La famosa autostima crociata, derivante dai sette successi consecutivi, qualcuno pure di prestigio, non può finire sotto i tacchi dopo l’uno-due della Juve: e l’incazzatura per le ingiustizie o supposte tali subite (“Prima ci bastava avere un arbitro a favore per fregarvi, ora ne abbiamo addirittura 6”, mi canzonava un collega di fede bianconera) per mano dei nuovi arbitri di gara, dovrebbero trasformarsi da sterile o nociva isteria collettiva in un ulteriore sprone per tirar fuori gli attributi. Nel finale il Parma, finalmente, era pure arrivato a concludere – complice la rilassatezza dei padroni di casa, paghi del doppio vantaggio – grazie alle forze nuove entrate. Stigmatizzo anch’io, come già Francesco Repice di Tutto il Calcio Minuto per Minuto nella nostra intervista esclusiva, il pernicioso egoismo di Valdes. Quel 10 sulle spalle non vorrei gli facesse male. Così come confermarsi o ripetersi è sempre più difficile che imporsi, specie in un ruolo nuovo.  Gabriele Majo

 

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

 

IL MISTER / I TRE ERRORRACCI DEI GIALLOBLU’ SUL GOL DI LICHSTEINER: NON SOLO ROSI, MA ANCHE MIRANTE E LA COPPIA LUCARELLI-GOBBI DEBBONO RECITARE IL MEA-CULPA
LUCARELLI SUGLI ARBITRI DI AREA: “ESSENDO IN 6 HANNO MENO POSSIBILITA’ DI SBAGLIARE: STASERA NON E’ STATO COSI’, MA DOBBIAMO ACCETTARLO”

BIABIANY: “AVREMMO POTUTO FARE DI PIU’ ”

JUVENTUS-PARMA 2-0, IL COMMENTO DI F.REPICE DI TUTTO IL CALCIO MINUTO PER MINUTO: “L’EGOISMO DI VALDES AVRA’ FATTO ARRABBIARE DONADONI. BIABIANY SEMPRE SUL PEZZO, SIA DA ATTACCANTE CHE DA ESTERNO”
JUVENTUS-PARMA 2-0 – Il video amatoriale dei minuti finali della radiocronaca di Francesco Repice di Radio Rai

LIVE DALLO JUVENTUS STADIUM AL 14’ ST IL RADDOPPIO DEI BIANCONERI CON PIRLO
LIVE DALLO JUVENTUS-STADIUM, LICHSTEINER AL 9’ ST PORTA IN VANTAGGIO I BIANCONERI, SU PASSAGGIO DI ASAMOAH
LIVE DALLO JUVENTUS STADIUM, IL COMMENTO DI GIANNI BALZARINI DI MEDIASET SPORT DOPO IL PRIMO TEMPO (0-0): “SU AZIONE PENALTY LICHTSTEINER ERA IN NETTO FUORIGIOCO”

JUVENTUS-PARMA, LE FORMAZIONI UFFICIALI

JUVE, STIAMO ARRIVANDO… LA PARTENZA DEI 50 DELL’ASSOCIAZIONE PETITOT DEL “MITICO” BARONI – Fotogallery amatoriale

JUVENTUS-PARMA, LE EMOZIONI DI UN NUOVO INIZIO

IL MISTER / L’ASSENZA DI AMAURI POTREBBE RIVELARSI UN VANTAGGIO PER IL PARMA, GRAZIE ALLA VELOCITA’ DI BIABIANY CHE ALL’INIZIO VEDREI MEGLIO IN COPPIA CON BELFODIL. PABON? UN’ARMA DA GIOCARE A GARA IN CORSO…

MACEACHEN, JUVENTINO MANCATO, NON E’ STATO CONVOCATO PER LA SFIDA CONTRO I BIANCONERI, POICHE’ NON E’ STATO ANCORA COMPLETATO IL TESSERAMENTO ESTERO

DONADONI E GLI INTRECCI BIANCONERO-CROCIATI, CON LA PRESENZA DI GIOVINCO E LE ASSENZE DI AMAURI E BUFFON

DONADONI E IL CONTE PUNITO E DIMEZZATO: “SE NON CAMBIASSE NULLA EVITEREMMO DI AVERE GLI ALLENATORI IN PANCHINA… A BORDOCAMPO FINIAMO IL LAVORO PREPARATORIO SETTIMANALE”

DONADONI E’ FAVOREVOLE ALLA PANCHINA LUNGA IN SERIE A: “UNA GRANDE CONQUISTA DI PIETRO LEONARDI CHE SI E’ BATTUTO PER OTTENERLA”

DONADONI PREFERISCE LA GLASNOST ALLA PRIVACY E SOLLECITATO DA STADIOTARDINI.COM SVELA LA NATURA DELL’INFORTUNIO DI AMAURI, COSTRETTO A SALTARE LA GARA CON LA JUVE

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

7 pensieri riguardo “L’OPINIONE DI MAJO DOPO JUVENTUS-PARMA 2-0 / “E’ COM’E’ BARRIERA D’AZEGLIO, I LAVORI SONO IN CORSO…”

  • 27 Agosto 2012 in 13:57
    Permalink

    grande analisi majo ti quoto come sempre …….torno su di un punto che avevo segnalato in precedenza e che anche tu hai rimarcato nel tuo articolo odierno,questa squadra aveva autostima…ma è stata rivoluzionata in tutto il reparto offensivo e in buona parte anche a centrocampo, non solo negli effettivi ma anche nel modo di sviluppare gioco..ora tutti i nuovi devoni acquistare coraggio e autstima e i vecchi devono recuperarla dimenticando al più presto il recente passato della striscia positiva…giovinco era leader e diciamolo anche la panacea di tutti i mali lo scorso campionato…ora bisogna come auspicavo ,che tutti diano quel qualcosa in più in termini d iniziativa…..un cambio di mentalità nello stare e di ragionare in campo per sopperire alla sua partenza…..ma credo che sia un percorso inevitabile e fisiologico a cui sottoporsi quindi..come dici tu ..ci vuole pazienza (ma non il giocatore!eh eh :-))
    saluti
    filippo1968

  • 27 Agosto 2012 in 15:05
    Permalink

    Ciao Gabriele e Filippo, ben ritrovati finalmente a commentare il calcio giocato perchè francamente parlare solo di calciomercato alla lunga diventa noioso per poderosi esperti di calcio come noi. Riguardo alle vostre analisi sono anch'io d'accordo con voi: ora non è certamente il tempo dei processi e bisogna lasciare che certi movimenti diventino automatici in un organico profondamente rinnovato, specie per quanto riguarda l'attacco che io guardo con grande fiducia; Pabón e Belfodil infatti devono ancora ambientarsi totalmente, prova ne è il fatto che devono ancora imparare bene l'italiano e la lingua non è certamente un elemento di poco conto non solo nel potersi inserire in un gruppo, ma soprattutto per cogliere le sfumature negli insegnamenti dell'allenatore, del resto Donadoni può cercare di trasmettere certi concetti ai suoi giocatori solo verbalmente. Quanto fatto vedere in campo non solo a Torino ma anche in tutto il precampionato (in cui anch'io come Majo inserirei la partita di sabato essendo ancora calcio d'agosto) infatti lascia ben sperare noi tifosi che almeno in questo frangente dovremmo essere molto cauti nel bocciare un reparto avanzato che ha tutto il tempo per crescere. Non dimentichiamoci inoltre che contro di noi giocava una squadra i cui meccanismi sono ben oliati da più di un anno e il cui organico non è stato privato di alcun elemento di rilievo ma solamente arricchito nell'ultima sessione di caciomercato. Saremmo dunque troppo inclementi se gettassimo la croce addosso al Parma semplicemente per una sconfitta condizionata tra l'altro da evidenti errori arbitrali. Né farei un dramma per il fatto che Donadoni abbia schierato Biabiany a fianco di Pabón scavalcando cosí Belfodil: vorrà dire che la prossima volta verrà dato più spazio a quest'ultimo e che Biabiany verrà riconsiderato non più come attaccante ma solo come centrocampista con doti offensive. Non vorrei infatti che certe critiche togliessero inconsciamente a Donadoni la serenità di poter scegliere liberamente quali rincalzi schierare dalla panchina quest'anno allungata, qualora un titolare non fosse disponibile. L'importante è capire quanto prima chi sono i titolari e chi le riserve: vorrebbe dire infatti che la fisionomia del nuovo Parma avrebbe preso forma con i conseguenti successi. Buon campionato dunque a tutti gli amici di Stadiotardini.com.

  • 27 Agosto 2012 in 15:26
    Permalink

    ciao parmigiano….ben ritrovato giusto basta polemiche non se ne può più….via con analisi delle partite e delle vicende del parma…giuste o sbagliate ma…chissenefrega parliamo di calcio finalmente!!!
    una cosa volevo aggiungere dalle interviste precedenti alla partita emergeva sempre questo concetto"fare meglio dello scorso anno contro di loro"…concetto poi confermato in alcune interviste del dopopartita e anche sentito da alcuni tifosi in un video della g.d.p…..insomma io ho la convinzione e già lo scritto commentando un articolo precedente a questo su stadiotardini .com che inconsciamente questo "obbiettivo"ha condizionato la squadra ridicendo la partita di sabato a cercare di incassare il meno possibile e che bastasse perdere con ononore….l atteggiamento sul campo sembra confermare questo mio sospetto..io la vedo così magari sbaglio però è il mio punto di vista
    saluti
    Filippo1968

  • 27 Agosto 2012 in 17:39
    Permalink

    Ciao Filippo, sono d'accordo con te: ora dobbiamo cercare di creare il migliore ambiente per la crescita della squadra che indubbiamente ha notevoli potenzialità; del resto si è sempre detto che l'ambiente di Parma è il migliore per i calciotori, a patto però che anche la tifoseria non crei pressioni esagerate attorno alla squadra. Ovviamente quando ci sono colpevoli cali di tensione oppure ancor peggio negligenze da parte dei giocatori è giusto criticarli anche aspramente, ma non mi sembra questo il caso. Sicuramente come dici tu l'aspetto inconscio di un appagamento legato al fatto di uscire dignitosamente dal match al di là del risultato avrà influito sulla prestazione del Parma sabato scorso ed è proprio per questo che rimango perplesso quando sento dire sempre ad inizio stagione, dai dirigenti crociati, che il primo obiettivo è la salvezza: ragionando in questi termini poi è logico che la squadra possa accontentarsi di una sconfitta in casa della prima della classe. Se invece -come si suol dire- si alzasse l'asticella ad inizio campionato forse l'atteggiamento inconscio della squadra sarebbe diverso e risultati clamorosi come quelli che la Sampdoria ha saputo ottenere ieri a Milano, sarebbero alla portata anche del Parma: in ogni modo va benissimo anche così, intendiamoci. Un salutone, Parmigiano.

  • 27 Agosto 2012 in 18:17
    Permalink

    speriamo che non sia come quello della stazione….
    anche se fra gente che arriva e gente che parte gli assomiglia di piu'
    turella

  • 27 Agosto 2012 in 19:19
    Permalink

    Io non sono un poderoso esperto di calcio ma voglio esprimere tutta la mia vicinanza a te, Majo, perchè io oltre i bermuda avevo anche i sandali…ma dopo tnato caldo e sole una bella dacquata l'ho presa volentieri. -Il Manno-

  • 27 Agosto 2012 in 20:36
    Permalink

    Ciao Manno, se oltre ai bermuda avevi anche le infradito non sei poderoso, ma semplicemente il numero 1.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI