PALETTA HA RINNOVATO, MA NON SA SE RESTERA’ CROCIATO. A STADIOTARDINI.COM CHE GLI HA CHIESTO SE SI SENTE DI GARANTIRE AL 100% DI NON ESSERE PROTAGONISTA DI COLPI DI SCENA DI FINE MERCATO HA RISPOSTO: “NON LO SO…”

(gmajo) – Quel filone di Michele Gallerani, lunedì sera a Bar Sport, quando quel sornione di Sandro “Alegher” Piovani si era lasciato sfuggire l’anticipazione – poi pubblicata il giorno successivo in pompa magna dalla Gazzetta di Parma – del rinnovo con conseguente prolungamento del contratto fino al 2017 di Gabriel Paletta, aveva chiosato: “Sì, ma non è mica una bella notizia…”. Egli, infatti, aveva bene a mente quella serie di precedenti specifici (tipo Cannavaro o Mutu) di calciatori ceduti subito dopo il rinnovo. Proprio per questo motivo, oggi, al termine della conferenza stampa con il calciatore argentino, durante la quale aveva ribadito come a Parma stesse bene e come non gli piacesse parlare di mercato, stadiotardini.com gli ha chiesto se si sentiva di garantire al 100% di non essere protagonista di clamorose operazioni di mercato in uscita. La risposta del difensore non è stata una chiusura netta. Anzi, è parso molto incerto. Un “non so” che lascia adito a qualche dubbio. Che quel Profeta del Saltimbanco (a Calcio & Calcio aveva auspicato la sua cessione al fine di recuperare proventi da reinvestire a gennaio in caso di necessità) l’abbia fiutata giusta?

ALL’INTERNO LA TRASCRIZIONE DELLE DICHIARAZIONI DI MERCATO DI GABRIEL PALETTA

 

Michele Angella (Teleducato) – Se non sbaglio hai appena rinnovato sino al 2017 con il Parma. Ti chiedo questo: Paletta è un giocatore che si è affermato nello scorso campionato come uno dei migliori difensori della serie A, lo hanno detto un po’ tutti; poi arriva il mercato e l’Inter compra Silvestre, il Milan compra Acerbi e Zapata… allora è il Parma che chiede troppo per Paletta oppure sono i grandi club che hanno scarsa considerazione nei tuoi confronti?

«Questo non lo so io. Se il Parma chiede, questo tanto non lo so dire. Sicuramente quelli che sono andati all’inter o al Milan hanno fatto un bel campionato. Io sicuramente lavoro sempre per migliorarmi. Non so che dirti perché di mercato non mi piace parlare. So che l’anno scorso ho fatto bene e che quest’anno lo voglio rifare…»

Michele Angella (Teleducato) Però sai, anche dal tuo procuratore, che ti sono arrivate delle offerte importanti… Anche dalla Germania…

«Sì sì, questo sì. Mi fa piacere che il Pres e il Direttore hanno voluto tenermi, questo è un orgoglio per me. Ho rinnovato questa settimana, perché mi hanno chiamato, abbiamo un rapporto buonissimo e ci siamo messi d’accordo subito. Io mi trovo benissimo e so che continuo a lavorare così. Poi in futuro si vedrà»

Michele Angella (Teleducato) – Un’ultima domanda riguarda la Nazionale, perché da tempo si dice che sei seguito da Prandelli e dal suo staff. Poi arriva l’amichevole contro l’Inghilterra a Ferragosto e Paletta non viene convocato, con la sorpresa un po’ di tutti. U ci sei rimasto male? Qualcuno ti ha chiamato e ti ha detto “Guarda, aspetta un po’ perché questa amichevole da poco e ti chiamiamo più avanti” oppure non hai sentito nessuno?

«No, non ho sentito nessuno…»

 

Michele Angella (Teleducato) – Ci sei rimasto male?

«No, neanche. Come ti dicevo, lavoro per migliorare. Poi se mi chiamano in Nazionale è perché faccio bene per quello che devo fare qua a Parma. Ma non lo so in Nazionale…»

 

Alberto Rugolotto (Tv Parma) – Ritorno brevemente al mercato: la società ha voluto tenerti, ma anche da parte tua c’è stata la volontà di rimanere qua. Ti chiedo: dove può arrivare questa squadra quest’anno e dove pensi di arrivare con questa squadra?»

«Mi trovo bene, abbiamo un bel gruppo e possiamo migliorare quello che abbiamo fato l’anno scorso. Anche per questo ho deciso di rimanere. Penso che abbiamo i giocatori giusti per fare ancora meglio di quello che abbiamo fatto l’anno scorso. Sicuramente avevamo iniziato un po’ tardi, adesso dobbiamo cominciare dal girone d’andata»

 

Gabriele Majo (www.stadiotardini.com) – Quindi possiamo escludere al 100% che non ci siano clamorosi colpi di scena nelle ultime ore di mercato che ti possano riguardare?

«Non lo so, non lo so, anche perché non sento nulla di mercato e non mi piace neanche parlarne. Non lo so, penso di no…»

 

(Gabriel Paletta, estratto dalla conferenza stampa del 29.08.2012 al Centro Sportivo di Collecchio – Video registrazione amatoriale a cura di Gabriele Majo, trascrizione a cura di Lorenzo Fava per www.stadiotardini.com)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.