PRIVACY INFORTUNATI E PORTE CHIUSE: “ALEGHER” PIOVANI NON NASCONDE LE SUE RISERVE SULL’ARCHEOLOGIA CALCISTICA. E AMAURI RISCHIA DI SALTARE GIA’ LA PRIMA…

DSC04190(gmajo) – Sul palco l’altra sera, in occasione del vernissage “Sotto le Stelle… in Piazzale della Pace”, il presentatore Sandro “Alegher” Piovani ha accolto con tutti gli onori del caso il professor Roberto Delsignore, supremo vertice della struttura medica crociata, dedicandogli alcuni minuti dell’evento. Del resto il rapporto tra i due è cementato da consolidati rapporti personali di stima anche extra calcio. Ciò non toglie, però, che Sandrone, tornato nelle vesti di giornalista sulla Gazzetta di Parma, stamani si sia lo stesso cavato qualche sassolino a proposito delle informazioni “bulgare” che filtrano dai notiziari quotidiani emessi dalla società Parma FC, attraverso il proprio sito internet, a proposito delle condizioni degli infortunati della squadra, con il paravento della privacy. Il casus belli, come approfondiremo po’ dopo, riguarda Amauri, che rischia di saltare già la prima di campionato, facendo tornar fuori tutti i dubbi sulla sua tenuta fisica paventati fin dal suo ritorno. A proposito di archeologia calcistica – che fa specie in una squadra diretta da Pietro Leonardi e allenata da Roberto Donadoni, due profeti del calcio propositivo – il popolare cronista ha anche rimarcato come da inizio settimana il Parma si alleni a porte chiuse…

Continua la lettura all’interno 

 

ansia amauriEcco dunque cosa scrive Sandro Piovani: “Ma Amauri, domani, ci sarà? La domanda è più che lecita, soprattutto dopo aver letto i notiziari che arrivano dal sito ufficiale del club. Che da giorni parla di «programma differenziato per Amauri». L’attaccante quindi non si allena con il resto della squadra. I motivi sono ignoti visto che il Parma, anche per colpa della privacy in materia di informazioni sanitarie, non specifica né il tipo di problema che ha un giocatore e nemmeno i tempi previsti di recupero. Sono molte le domande che restano così senza risposta. Amauri sta effettuando un programma personalizzato proprio in vista della gara di domani? Oppure si spera che possa allenarsi con il gruppo almeno nella rifinitura di oggi? Avrebbe senso rischiare il giocatore già alla prima di campionato? Senza dimenticare che la squadra effettua allenamenti a porte chiuse sin da inizio settimana. In ogni caso, come (quasi) tutti i misteri, la soluzione arriverà presto. Forse già stasera quando verranno diramati i convocati per la gara di domani con la Juventus oppure domani quando lo speaker dello Juventus Stadium leggerà la formazione delle squadre in campo”. Il tormentone Amauri, va da sé, preoccupa i tifosi più che le porte chiuse, dal momento che solo poche decine di persone salgono abitualmente sulla terrazzina di Collecchio, ma forse proprio per questo si potrebbero lasciare le maglie un po’ più larghe, anziché serrare le fila. Vabbè che così si snellisce il lavoro di Danfio Bianco  Bianchessi, il mito del Saltimbanco, il quale in questi giorni al Centro Sportivo di cui è responsabile deve fare a meno del prezioso apporto di “Tino”, che è una sorta di semaforo umano che regola gli accessi, il quale è in ferie. Si diceva di Amauri: già al suo arrivo c’era chi – tra gli addetti ai lavori – paventava il rischio che potesse disputare la metà delle gare del campionato, saltandone altrettante per le avversità fisiche. L’inizio non è dei più confortanti, vieppiù se si pensa che l’avversario è l’ “odiata” Juventus, come sonoramente ricordato dai tifosi crociati accorsi in P.le della Pace per la presentazione. Per quanto concerne la privacy, sovente tirata a mano per nascondere la reale portata di un infortunio e dei relativi tempi di recupero, io trovo che sia solo una scusa, un paravento, un modo di fare pretattica per non concedere vantaggi agli avversari. Archeologia, certo, ma alla quale non disdegnano di ricorrere anche i profeti della propositivitàGabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

One thought on “PRIVACY INFORTUNATI E PORTE CHIUSE: “ALEGHER” PIOVANI NON NASCONDE LE SUE RISERVE SULL’ARCHEOLOGIA CALCISTICA. E AMAURI RISCHIA DI SALTARE GIA’ LA PRIMA…

  • 24 Agosto 2012 in 08:17
    Permalink

    insomma abbiamo belfodil ! saranno cazzi loro
    poveri gobbi….piutosto mi sarei preoccupato se fosse out uno fra paletta lucarelli e zaccardo.

    ..sto gia' pensando al chievo,ma io posso LORO NO

    turella

I commenti sono chiusi.