CU CU, LA STRIGLIATA DI ROSSI A GHIRARDI SU TUTTOMERCATOWEB.COM NON C’E’ PIU’: L’AUTORE DEL SERVIZIO CALFAPIETRA A STADIOTARDINI.COM: “UNA CENSURA IMMOTIVATA”

“Ma che senso ha togliere un articolo dopo che era stato già letto da oltre 2.000 persone in meno tre ore? Si trattava di un pezzo di cronaca equidistante dalle parti e l’argomento ci stava tutto: non avevamo forse dato spazio anche alla polemica Mourinho-Ramazzotti?”

TMW PAGINA TROVATA(gmajo) – Cu Cu, la strigliata di Giovanni Rossi, segretario generale della FNSI, a Tommaso Ghirardi, presidente del Parma per via della infelice uscita di ieri contro il sottoscritto (“Lei non è una persona gradita, lei è un nemico del Parma”) durante una conferenza stampa, pubblicata dal portale Tuttomercatoweb.com, non c’è più. Puff. Sparita. Dopo meno di tre ore dalla pubblicazione e oltre 2.000 visite ricevute. L’autore del servizio Alessio Calfapietra, che di TMW è attualmente il capo-redattore (fino a poco tempo fa nella gerenza risultava “Vice Direttore”, ma poi, evidentemente, deve essere stato demansionato)  è – giustamente – incavolato quando lo raggiungiamo al telefono per chiedergli spiegazioni sull’accaduto: “E’ un caso di censura vera e propria”. Posso scriverlo? “Puoi? Devi scriverlo”.  Calfapietra immagina che la decisione sia stata presa dall’alto, anche se nessuno gliela ha (ancora)motivata (“né prima, né dopo la cancellazione”). Come potete vedere nella immagine sopra al posto della notizia precedentemente pubblicatae regolarmente ripresa e immortalata da stadiotardini.com ora si legge l’avviso: “Pagina non trovata. Spiacenti, la pagina che state cercando non è disponibile”. Chissà chi o che cosa potrà aver spinto la redazione di TMW ad oscurare la news, peraltro composta da uno dei “graduati”…

Continua la lettura all’interno

BACCHETTATAAl telefono con stadiotardini.com Calfapietra riflette: “Eppure si trattava di un pezzo di fredda cronaca equidistante dalla parti in causa: non avevo preso posizione a favore tuo o contro Ghirardi. Avevo solo riportato i fatti come erano andati senza esprimere giudizi. Tra l’altro l’intervento del segretario generale della FNSI richiamato nel titolo non era uscito solo su stadiotardini.com, ma anche su altri organi di informazione. Io ho postato l’articolo alle 14.15 e c’è rimasto fino a poco fa (erano circa le 17.15, nda): non so chi lo abbia tolto, ma qualcuno mi deve delle spiegazioni molto esaurienti. A me questa cosa non va minimamente giù. L’ordine, di certo, è partito dall’alto, ma non sono stato informato, né preavvisato. Io mi chiedo che senso possa avere al giorno d’oggi togliere un articolo notizie tmw 20 09 2012letto da oltre 2.000 persone in poco meno di tre ore – numeri importanti, se consideriamo che non si tratta di una notizia di mercato e che è un periodo un po’ morto – ma che figura ci fa il portale? E neanche mi potranno venire a dire che è un argomento fuori tema, perché della polemica tra Mourinho e Ramazzotti (giornalista del Corriere dello Sport Stadio, nda) ne parlammo”. Direttore di Tuttomercatoweb.com è il giornalista Michele Criscitiello, 29 anni, dal 2005 volto di Sportitalia, che con la sua agenzia di comunicazione cura l’area comunicativa di Udinese e Novara: “Nel 2009 svela Calfapietra a stadiotardini.comegli mi nota rossi fnsicensurò un pezzo dal titolo l’Uomo di Vitruvio che io avevo dedicato a Pietro Leonardi facendo un volo pindarico con un parallelo a Leonardo Da Vinci. Io avevo fatto l’elogio del mercato del Parma, premiandolo con un otto, ma il direttore, che in quei giorni era in disaccordo con Leonardi perché questi non aveva concesso una intervista a un giornalista di Sportitalia, mi impose di toglierlo e io dovetti riscriverlo eliminando il riferimento a Leonardi e al Parma.  Lui, poi, scrisse un successivo articolo, dando un voto basso al mercato del Parma, che in quel campionato, con Guidolin in panchina, arrivò ottavo. A fine stagione fu costretto a rimangiarsi il basso voto, ammettendo di essersi sbagliato…” Gabriele Majo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

LA BACCHETTATA DI ROSSI (FNSI) A GHIRARDI (“IMPARI A TRATTARE CON I GIORNALISTI”) RIPRESA DA TUTTOMERCATOWEB.COM

 

“IL PRESIDENTE DEL PARMA IMPARI COME CI SI COMPORTA NEL RAPPORTO CON IL MONDO DELL’INFORMAZIONE E COI LAVORATORI”

 

“IL GIORNALISMO SENZA DOMANDE E’ COME GIOCARE A CALCIO SENZA PALLONE. NON C’E’ GUSTO…”

 

GHIRARDI: “MAJO, LEI E’ PERSONA SGRADITA E UN NEMICO DEL PARMA, PERCHE’ HA INTENTATO UNA CAUSA PER ARRICCHIRSI”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

12 pensieri riguardo “CU CU, LA STRIGLIATA DI ROSSI A GHIRARDI SU TUTTOMERCATOWEB.COM NON C’E’ PIU’: L’AUTORE DEL SERVIZIO CALFAPIETRA A STADIOTARDINI.COM: “UNA CENSURA IMMOTIVATA”

  • 20 Settembre 2012 in 16:51
    Permalink

    Ghirardi sei veramente un uomo piccolo piccolo

  • 20 Settembre 2012 in 17:03
    Permalink

    Tuttomercato non è controllato da Michele Criscitiello? E Criscitiello non è amico del nostro Ad Leonardi? Criscitiello e Leonardi non fanno parte della stessa parrocchia visto che sono due creature moggiane?

  • 20 Settembre 2012 in 17:14
    Permalink

    Meraviglioso smascheramento. Mi sta appassionando. Guarda, guarda quali altarini saltano fuori….. cancellare si può ma non sempre senza lasciare traccia! Marco S.

  • 20 Settembre 2012 in 17:47
    Permalink

    sara' stato un hacker della lohacker

  • 20 Settembre 2012 in 20:38
    Permalink

    povero ghirardi(in minuscolo non per niente)quanta merda ti stai tirando addosso……..
    MONTI70

  • 20 Settembre 2012 in 21:16
    Permalink

    Gabriele Majo!! Non ci posso credere:-) sono via da Parma da molti anni e mi ricordo che Majo conduceva un programma radio di dediche e con le mie amiche lo chiamavamo sempre!! Saranno passati piu di 25 anni! che nostalgia!!:-))

  • 21 Settembre 2012 in 06:18
    Permalink

    ••••••••••••••••••LETTERA APERTA A TOMMASO GHIRARDI•••••••••••••••••
    Egregio Presidente, le scrivo per esprimere PUBBLICAMENTE la mia PIÚ TOTALE INDIGNAZIONE in merito alla sua AGGRESSIONE VERBALE nei confronti del nostro
    ECCELSO CONCITTADINO Gabriele Majo avvenuta durante lo svolgimento della sua conferenza stampa del 19/9/2011in occasione della presentazione della collaborazione commerciale tra il Parma F.C. e la ditta Colser. Il tono e le parole del suo intervento sono visibili sul sito STADIOTARDINI.COM, dove in queste ore stanno arrivando NUMEROSI ATTESTATI DI SOLIDARIETÀ nei confronti di Majo e altrettante manifestazioni di INSOFFERENZA per il suo comportamento INOPPORTUNO, ARROGANTE e INDISPONENTE, non solo da parte di SEMPLICI TIFOSI come il sottoscritto ma anche da PUBBLICHE PERSONALITÀ come GIOVANNI ROSSI (Segretario Generale aggiunto e Coordinatore della Commissione Uffici stampa della Federazione Nazionale della stampa italiana), MICHELE ANGELLA (conduttore di Calcio&Calcio su Teleducato) e TARCISIO MAZZEO (noto radiocronista sportivo). La sua presa di posizione, in cui ha definito INDEBITAMENTE il Majo "NEMICO DEL PARMA" é passibile di QUERELA in quanto PALESEMENTE DIFFAMATORIA non solo nei confronti del Majo stesso ma ANCHE E SOPRATTUTTO nei confronti dell'INTERA CITTADINANZA, per cui si ravvisano gli estremi per avanzare una CLASS ACTION nei suoi confronti. Gabriele Majo, infatti, é uno dei MASSIMI ESPONENTI della CULTURA PARMIGIANA declinata, col suo quotidiano e
    PUBBLICO SERVIZIO di giornalista professionista, nei suoi PIÚ NOBILI VALORI quali l'ONESTÁ, la TENACIA e la COSTANTE RICERCA DELLA VERITÁ. L'atteggiamento da lei mostrato, ma soprattutto il comportamento AUTORITARIO da lei dimostrato hanno SVELATO qual é la sua REALE AMBIZIONE, e cioè la GESTIONE PRIVATISTICA di
    BENI PUBBLICI quali la PASSIONE SPORTIVA e il SENSO DI APPARTENENZA a una CITTÁ, ad una STORIA, a una BANDIERA che appartengono a TUTTI I PARMIGIANI. Personalmente ritengo che questa sua PRETESA sia un PREZZO TROPPO ALTO per l'onore della SERIE A, che lei ha RIPETUTAMENTE e SFACCIATAMENTE RINFACCIATO in occasione delle CRITICHE NEI SUOI CONFRONTI da parte della tifoseria, come se il CONSENSO e l'APPREZZAMENTO POPOLARE nei suoi confronti potessero essere COMPRATI con un semplice INVESTIMENTO ECONOMICO. Tutto ciò é PROFONDAMENTE UMILIANTE e NON RENDE RAGIONE alla STORIA DEL NOSTRO POPOLO, che nel secolo scorso ha dimostrato, guidato unicamente da NOBILI VALORI, di saper COMBATTERE OGNI AUTORITARISMO. É per questo che AUSPICO CORDIALMENTE che la sua esperienza IMPRENDITORIALE nella nostra città TERMINI QUANTO PRIMA poiché lei, dall'alto della sua PRESUNZIONE, non ha MAI saputo cogliere lo SPIRITO PROFONDO della nostra COMUNITÀ né ha mai saputo INCARNARE I VALORI E LA SENSIBILITÀ che ci UNISCONO e RAPPRESENTANO. Con il mio più PROFONDO RISENTIMENTO, Parmigiano.

  • 21 Settembre 2012 in 07:58
    Permalink

    e meno male che TMW è sempre stato incensato da Maio….

  • 21 Settembre 2012 in 08:06
    Permalink

    @Anonoimo del 21 settembre 2012 ore 07:18: la sua "lettera aperta a Tommaso Ghirardi" è RIDICOLA! Majo uno dei massimi esponenti della cultura parmigiana???? Class action??? Querela per diffamazione????? stadiotardini.com servizio pubblico????? STORIA DEL NOSTRO POPOLO??????? MA TI RENDI CONTO DI QUELLO CHE HAI SCRITTO???? Majo, guardi che certi "attestati di stima", palesemente oltre le righe, non le fanno certo un favore ma, al contrario, le procurano un danno.

  • 21 Settembre 2012 in 10:21
    Permalink

    ghirardi è solo un falso cortese…davnti alle telecamere si comprta da agnellino,ma in fondo è uno come zamparini….con molti meno soldi
    grande parmigiano ti quoto! e faccio mio il tuo contributo visto che il pensiero è lo stesso
    Filippo1968

  • 21 Settembre 2012 in 11:37
    Permalink

    Grazie Filippo1968 per il tuo sostegno che ovviamente ricambio ai tuoi interventi che hai postato stamattina qui e sulla GdP. All'anonimo delle 9:06 chiedo il rispettomdelle mie idee come io rispetto le sue e di trovare almeno uno straccio di nick, cosa assai gradita su questo sito. Parmigiano.

  • 21 Settembre 2012 in 18:56
    Permalink

    Quoto in toto la lettera aperta di "Parmigiano".
    Ghirardi ha dimostrato di essere un borioso, presuntuoso padre-padrone non dal 19.09.2012 ma dalla prima dichiarazione del primo giorno della sua venuta, dichiarazione che forse i più avranno dimenticato ma non io: Ghirardi disse "io non sono qui per guadagnare col Parma perchè di soldi ne ho già abbastanza"….quell'anno ci salvammo grazie a Giuseppe Rossi e al mercato fatto da Bondi e Angiolini e l'anno dopo, con i "già abbastanza soldi" di Ghirardi e con l'acume del suo amico e uomo-mercato Berta, finimmo dritti dritti in serie B (questo lo dedico anche a tutti coloro che continuano a dire che senza Ghirardi non saremmo in A…con Ghirardi in B ci siamo finiti subito, il primo anno, al primo mercato completo e fino a quest'anno abbiamo pagato la retrocessione o perlomeno così ci han detto fino ad ora).
    Molti hanno anche dimenticato le varie accuse verso noi tifosi mosse da Ghirardi e da Leonardi (e anche da Melli l'anno scorso…che per me non ha colpa ma ha dovuto eseguire il compito).
    per quel che mi riguarda Ghirardi è un grande bambino viziato che continua a girare con la mamma e non ha ancora capito una cosa molto importante: I TIFOSI E ANCHE I GIORNALISTI NON SONO I SUOI DIPENDENTI!
    E la vicinanza verso i tifosi non si dimostra con le foto cartonata o con la maglia con i nomi, queste sono lodevoli iniziative ma quello che non deve MAI mancare sono tre cose: RISPETTO, ATTENZIONE E TRASPARENZA e queste mancano…eccome se mancano.
    Come? Non possiamo nemmeno più sapere la gravità degli infortuni dei nostri giocatori? Ma dove siamo?
    Dite all'imprenditore Ghirardi che l'epoca del padrone e dei servi è finita da un pezzo.
    E chi continua ad incensare Ghirardi e farlo passare per il buon samaritano accorso al capezzale del Parma per salvargli la vita si ricordi che un bresciano che ha sempre tifato juventus difficilmente può aver amato il Parma e difficilmente può essersi buttato sul Parma per amore….o meglio, amore si ma per i soldi!
    Io personalmente preferisco chi critica in modo costruttivo piuttosto che chi dice sempre "si signore" ed è sempre immancabilmente presente ad ogni santo evento del Parma dalla presentazione di un giocatore a quella della squadra (e, per non far nomi ma per far capire, la domenica a bordo campo, sugli spalti e dentro i bar del Tardini). -Il Manno-

I commenti sono chiusi.