CU CU, LA STRIGLIATA DI ROSSI A GHIRARDI SU TUTTOMERCATOWEB.COM NON C’E’ PIU’: L’AUTORE DEL SERVIZIO CALFAPIETRA A STADIOTARDINI.COM: “UNA CENSURA IMMOTIVATA”

“Ma che senso ha togliere un articolo dopo che era stato già letto da oltre 2.000 persone in meno tre ore? Si trattava di un pezzo di cronaca equidistante dalle parti e l’argomento ci stava tutto: non avevamo forse dato spazio anche alla polemica Mourinho-Ramazzotti?”

TMW PAGINA TROVATA(gmajo) – Cu Cu, la strigliata di Giovanni Rossi, segretario generale della FNSI, a Tommaso Ghirardi, presidente del Parma per via della infelice uscita di ieri contro il sottoscritto (“Lei non è una persona gradita, lei è un nemico del Parma”) durante una conferenza stampa, pubblicata dal portale Tuttomercatoweb.com, non c’è più. Puff. Sparita. Dopo meno di tre ore dalla pubblicazione e oltre 2.000 visite ricevute. L’autore del servizio Alessio Calfapietra, che di TMW è attualmente il capo-redattore (fino a poco tempo fa nella gerenza risultava “Vice Direttore”, ma poi, evidentemente, deve essere stato demansionato)  è – giustamente – incavolato quando lo raggiungiamo al telefono per chiedergli spiegazioni sull’accaduto: “E’ un caso di censura vera e propria”. Posso scriverlo? “Puoi? Devi scriverlo”.  Calfapietra immagina che la decisione sia stata presa dall’alto, anche se nessuno gliela ha (ancora)motivata (“né prima, né dopo la cancellazione”). Come potete vedere nella immagine sopra al posto della notizia precedentemente pubblicatae regolarmente ripresa e immortalata da stadiotardini.com ora si legge l’avviso: “Pagina non trovata. Spiacenti, la pagina che state cercando non è disponibile”. Chissà chi o che cosa potrà aver spinto la redazione di TMW ad oscurare la news, peraltro composta da uno dei “graduati”…

Continua la lettura all’interno

BACCHETTATAAl telefono con stadiotardini.com Calfapietra riflette: “Eppure si trattava di un pezzo di fredda cronaca equidistante dalla parti in causa: non avevo preso posizione a favore tuo o contro Ghirardi. Avevo solo riportato i fatti come erano andati senza esprimere giudizi. Tra l’altro l’intervento del segretario generale della FNSI richiamato nel titolo non era uscito solo su stadiotardini.com, ma anche su altri organi di informazione. Io ho postato l’articolo alle 14.15 e c’è rimasto fino a poco fa (erano circa le 17.15, nda): non so chi lo abbia tolto, ma qualcuno mi deve delle spiegazioni molto esaurienti. A me questa cosa non va minimamente giù. L’ordine, di certo, è partito dall’alto, ma non sono stato informato, né preavvisato. Io mi chiedo che senso possa avere al giorno d’oggi togliere un articolo notizie tmw 20 09 2012letto da oltre 2.000 persone in poco meno di tre ore – numeri importanti, se consideriamo che non si tratta di una notizia di mercato e che è un periodo un po’ morto – ma che figura ci fa il portale? E neanche mi potranno venire a dire che è un argomento fuori tema, perché della polemica tra Mourinho e Ramazzotti (giornalista del Corriere dello Sport Stadio, nda) ne parlammo”. Direttore di Tuttomercatoweb.com è il giornalista Michele Criscitiello, 29 anni, dal 2005 volto di Sportitalia, che con la sua agenzia di comunicazione cura l’area comunicativa di Udinese e Novara: “Nel 2009 svela Calfapietra a stadiotardini.comegli mi nota rossi fnsicensurò un pezzo dal titolo l’Uomo di Vitruvio che io avevo dedicato a Pietro Leonardi facendo un volo pindarico con un parallelo a Leonardo Da Vinci. Io avevo fatto l’elogio del mercato del Parma, premiandolo con un otto, ma il direttore, che in quei giorni era in disaccordo con Leonardi perché questi non aveva concesso una intervista a un giornalista di Sportitalia, mi impose di toglierlo e io dovetti riscriverlo eliminando il riferimento a Leonardi e al Parma.  Lui, poi, scrisse un successivo articolo, dando un voto basso al mercato del Parma, che in quel campionato, con Guidolin in panchina, arrivò ottavo. A fine stagione fu costretto a rimangiarsi il basso voto, ammettendo di essersi sbagliato…” Gabriele Majo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

LA BACCHETTATA DI ROSSI (FNSI) A GHIRARDI (“IMPARI A TRATTARE CON I GIORNALISTI”) RIPRESA DA TUTTOMERCATOWEB.COM

 

“IL PRESIDENTE DEL PARMA IMPARI COME CI SI COMPORTA NEL RAPPORTO CON IL MONDO DELL’INFORMAZIONE E COI LAVORATORI”

 

“IL GIORNALISMO SENZA DOMANDE E’ COME GIOCARE A CALCIO SENZA PALLONE. NON C’E’ GUSTO…”

 

GHIRARDI: “MAJO, LEI E’ PERSONA SGRADITA E UN NEMICO DEL PARMA, PERCHE’ HA INTENTATO UNA CAUSA PER ARRICCHIRSI”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

12 pensieri riguardo “CU CU, LA STRIGLIATA DI ROSSI A GHIRARDI SU TUTTOMERCATOWEB.COM NON C’E’ PIU’: L’AUTORE DEL SERVIZIO CALFAPIETRA A STADIOTARDINI.COM: “UNA CENSURA IMMOTIVATA”

  • 20 Settembre 2012 in 16:51
    Permalink

    Ghirardi sei veramente un uomo piccolo piccolo

  • 20 Settembre 2012 in 17:03
    Permalink

    Tuttomercato non è controllato da Michele Criscitiello? E Criscitiello non è amico del nostro Ad Leonardi? Criscitiello e Leonardi non fanno parte della stessa parrocchia visto che sono due creature moggiane?

  • 20 Settembre 2012 in 17:14
    Permalink

    Meraviglioso smascheramento. Mi sta appassionando. Guarda, guarda quali altarini saltano fuori….. cancellare si può ma non sempre senza lasciare traccia! Marco S.

  • 20 Settembre 2012 in 17:47
    Permalink

    sara' stato un hacker della lohacker

  • 20 Settembre 2012 in 20:38
    Permalink

    povero ghirardi(in minuscolo non per niente)quanta merda ti stai tirando addosso……..
    MONTI70

  • 20 Settembre 2012 in 21:16
    Permalink

    Gabriele Majo!! Non ci posso credere:-) sono via da Parma da molti anni e mi ricordo che Majo conduceva un programma radio di dediche e con le mie amiche lo chiamavamo sempre!! Saranno passati piu di 25 anni! che nostalgia!!:-))

  • 21 Settembre 2012 in 06:18
    Permalink

    ••••••••••••••••••LETTERA APERTA A TOMMASO GHIRARDI•••••••••••••••••
    Egregio Presidente, le scrivo per esprimere PUBBLICAMENTE la mia PIÚ TOTALE INDIGNAZIONE in merito alla sua AGGRESSIONE VERBALE nei confronti del nostro
    ECCELSO CONCITTADINO Gabriele Majo avvenuta durante lo svolgimento della sua conferenza stampa del 19/9/2011in occasione della presentazione della collaborazione commerciale tra il Parma F.C. e la ditta Colser. Il tono e le parole del suo intervento sono visibili sul sito STADIOTARDINI.COM, dove in queste ore stanno arrivando NUMEROSI ATTESTATI DI SOLIDARIETÀ nei confronti di Majo e altrettante manifestazioni di INSOFFERENZA per il suo comportamento INOPPORTUNO, ARROGANTE e INDISPONENTE, non solo da parte di SEMPLICI TIFOSI come il sottoscritto ma anche da PUBBLICHE PERSONALITÀ come GIOVANNI ROSSI (Segretario Generale aggiunto e Coordinatore della Commissione Uffici stampa della Federazione Nazionale della stampa italiana), MICHELE ANGELLA (conduttore di Calcio&Calcio su Teleducato) e TARCISIO MAZZEO (noto radiocronista sportivo). La sua presa di posizione, in cui ha definito INDEBITAMENTE il Majo "NEMICO DEL PARMA" é passibile di QUERELA in quanto PALESEMENTE DIFFAMATORIA non solo nei confronti del Majo stesso ma ANCHE E SOPRATTUTTO nei confronti dell'INTERA CITTADINANZA, per cui si ravvisano gli estremi per avanzare una CLASS ACTION nei suoi confronti. Gabriele Majo, infatti, é uno dei MASSIMI ESPONENTI della CULTURA PARMIGIANA declinata, col suo quotidiano e
    PUBBLICO SERVIZIO di giornalista professionista, nei suoi PIÚ NOBILI VALORI quali l'ONESTÁ, la TENACIA e la COSTANTE RICERCA DELLA VERITÁ. L'atteggiamento da lei mostrato, ma soprattutto il comportamento AUTORITARIO da lei dimostrato hanno SVELATO qual é la sua REALE AMBIZIONE, e cioè la GESTIONE PRIVATISTICA di
    BENI PUBBLICI quali la PASSIONE SPORTIVA e il SENSO DI APPARTENENZA a una CITTÁ, ad una STORIA, a una BANDIERA che appartengono a TUTTI I PARMIGIANI. Personalmente ritengo che questa sua PRETESA sia un PREZZO TROPPO ALTO per l'onore della SERIE A, che lei ha RIPETUTAMENTE e SFACCIATAMENTE RINFACCIATO in occasione delle CRITICHE NEI SUOI CONFRONTI da parte della tifoseria, come se il CONSENSO e l'APPREZZAMENTO POPOLARE nei suoi confronti potessero essere COMPRATI con un semplice INVESTIMENTO ECONOMICO. Tutto ciò é PROFONDAMENTE UMILIANTE e NON RENDE RAGIONE alla STORIA DEL NOSTRO POPOLO, che nel secolo scorso ha dimostrato, guidato unicamente da NOBILI VALORI, di saper COMBATTERE OGNI AUTORITARISMO. É per questo che AUSPICO CORDIALMENTE che la sua esperienza IMPRENDITORIALE nella nostra città TERMINI QUANTO PRIMA poiché lei, dall'alto della sua PRESUNZIONE, non ha MAI saputo cogliere lo SPIRITO PROFONDO della nostra COMUNITÀ né ha mai saputo INCARNARE I VALORI E LA SENSIBILITÀ che ci UNISCONO e RAPPRESENTANO. Con il mio più PROFONDO RISENTIMENTO, Parmigiano.

  • 21 Settembre 2012 in 07:58
    Permalink

    e meno male che TMW è sempre stato incensato da Maio….

  • 21 Settembre 2012 in 08:06
    Permalink

    @Anonoimo del 21 settembre 2012 ore 07:18: la sua "lettera aperta a Tommaso Ghirardi" è RIDICOLA! Majo uno dei massimi esponenti della cultura parmigiana???? Class action??? Querela per diffamazione????? stadiotardini.com servizio pubblico????? STORIA DEL NOSTRO POPOLO??????? MA TI RENDI CONTO DI QUELLO CHE HAI SCRITTO???? Majo, guardi che certi "attestati di stima", palesemente oltre le righe, non le fanno certo un favore ma, al contrario, le procurano un danno.

  • 21 Settembre 2012 in 10:21
    Permalink

    ghirardi è solo un falso cortese…davnti alle telecamere si comprta da agnellino,ma in fondo è uno come zamparini….con molti meno soldi
    grande parmigiano ti quoto! e faccio mio il tuo contributo visto che il pensiero è lo stesso
    Filippo1968

  • 21 Settembre 2012 in 11:37
    Permalink

    Grazie Filippo1968 per il tuo sostegno che ovviamente ricambio ai tuoi interventi che hai postato stamattina qui e sulla GdP. All'anonimo delle 9:06 chiedo il rispettomdelle mie idee come io rispetto le sue e di trovare almeno uno straccio di nick, cosa assai gradita su questo sito. Parmigiano.

  • 21 Settembre 2012 in 18:56
    Permalink

    Quoto in toto la lettera aperta di "Parmigiano".
    Ghirardi ha dimostrato di essere un borioso, presuntuoso padre-padrone non dal 19.09.2012 ma dalla prima dichiarazione del primo giorno della sua venuta, dichiarazione che forse i più avranno dimenticato ma non io: Ghirardi disse "io non sono qui per guadagnare col Parma perchè di soldi ne ho già abbastanza"….quell'anno ci salvammo grazie a Giuseppe Rossi e al mercato fatto da Bondi e Angiolini e l'anno dopo, con i "già abbastanza soldi" di Ghirardi e con l'acume del suo amico e uomo-mercato Berta, finimmo dritti dritti in serie B (questo lo dedico anche a tutti coloro che continuano a dire che senza Ghirardi non saremmo in A…con Ghirardi in B ci siamo finiti subito, il primo anno, al primo mercato completo e fino a quest'anno abbiamo pagato la retrocessione o perlomeno così ci han detto fino ad ora).
    Molti hanno anche dimenticato le varie accuse verso noi tifosi mosse da Ghirardi e da Leonardi (e anche da Melli l'anno scorso…che per me non ha colpa ma ha dovuto eseguire il compito).
    per quel che mi riguarda Ghirardi è un grande bambino viziato che continua a girare con la mamma e non ha ancora capito una cosa molto importante: I TIFOSI E ANCHE I GIORNALISTI NON SONO I SUOI DIPENDENTI!
    E la vicinanza verso i tifosi non si dimostra con le foto cartonata o con la maglia con i nomi, queste sono lodevoli iniziative ma quello che non deve MAI mancare sono tre cose: RISPETTO, ATTENZIONE E TRASPARENZA e queste mancano…eccome se mancano.
    Come? Non possiamo nemmeno più sapere la gravità degli infortuni dei nostri giocatori? Ma dove siamo?
    Dite all'imprenditore Ghirardi che l'epoca del padrone e dei servi è finita da un pezzo.
    E chi continua ad incensare Ghirardi e farlo passare per il buon samaritano accorso al capezzale del Parma per salvargli la vita si ricordi che un bresciano che ha sempre tifato juventus difficilmente può aver amato il Parma e difficilmente può essersi buttato sul Parma per amore….o meglio, amore si ma per i soldi!
    Io personalmente preferisco chi critica in modo costruttivo piuttosto che chi dice sempre "si signore" ed è sempre immancabilmente presente ad ogni santo evento del Parma dalla presentazione di un giocatore a quella della squadra (e, per non far nomi ma per far capire, la domenica a bordo campo, sugli spalti e dentro i bar del Tardini). -Il Manno-

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI