GOBBI E LA NAZIONALE 2.0 DI PRANDELLI: “PALETTA MERITA LA CONVOCAZIONE. E’ TRA I PIU’ FORTI CENTRALI DEL CAMPIONATO”

Nella parte conclusiva della odierna conferenza stampa l’esterno crociato ha parlato d’azzurro e del suo compagno italo-argentino: “Io lo vedo anche in allenamento, ma soprattutto la domenica: è cresciuto tantissimo e secondo me ci starebbe bene in Nazionale…”

ALL’INTERNO LA TRASCRIZIONE DELLE RISPOSTE DI GOBBI SUL TEMA NAZIONALE

Jonathan Belletti (Radio Bruno) – Una tua valutazione sulla nuova Nazionale di Prandelli, diciamo così versione 2.0, con molti giovani…

“E’ una Nazionale che dopo l’Europeo si sta pian piano ricostruendo, a partire da quelli che sono i campioni di grande esperienza per arrivare ai giovani di grande talento. E’ ovvio che magari subito non si possano avere dei risultati, anche perché il nostro campionato è appena iniziato. Comunque penso che in prospettiva sarà una gran bella Nazionale, perché ha giovani di grande talento”.

 

Jonathan Belletti (Radio Bruno) – Tu concordi con questa filosofia di lanciare i giovani a discapito di chi è un po’ più anziano…

“Più o meno (sorride, nda) visto che comunque io ho superato i 30 anni e spero che si diano una calmata i giovani… Ovviamente sto scherzando… Però è normale e giusto che il nostro calcio si sia un po’ ridimensionato. E’ ovvio che un giovane abbia dei costi diversi rispetto al grande campione già affermato. Appunto può guadagnarci la Nazionale che ha dei giovani che crescono e che magari attorno ai 25-26 anni saranno campioni…”

 

Gabriele Majo (www.stadiotardini.com) – Ma non è che hai qualche ambizione personale di arrivare in azzurro, visto che hai accennato a questi giovani rampanti…

“In Nazionale chiamano solo i giovani, io compirò 32 anni a ottobre, come faccio a pensarci? E’ un po’ difficile…”

 

Gabriele Majo (www.stadiotardini.com) – Si parlava, prima degli Europei, di una possibile convocazione di Paletta, ma che poi non si è concretizzata. Cosa può esser successo? Lo vedresti bene in azzurro?

“Cosa sia successo non lo so, ma secondo me Gabriel è uno dei difensori centrali più forti del nostro campionato. Non lo dico perché è un mio compagno o perché siamo amici, ma per quello che dimostra in campo. Io lo vedo anche in allenamento, ma soprattutto la domenica: è cresciuto tantissimo e secondo me ci starebbe bene in Nazionale…”

 

(Massimo Gobbi, estratto dalla conferenza stampa del 12.09.2012 al Centro Sportivo di Collecchio. Video registrazione amatoriale e trascrizione a cura di Gabriele Majo per www.stadiotardini.com)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.