“IL MISTER” CERCA DI ENTRARE NELLA TESTA DI DONADONI PER CAPIRE COME SIA MEGLIO RIMPIAZZARE AMAURI, ASSENTE PER LA SECONDA GARA CONSECUTIVA

La mia sensazione è che il tecnico opti per Biabiany-Belfodil: nell’ultima mezzora a Torino i due si erano cercati e trovati discretamente. Potrebbe essere una coppia naturale (rapido l’ex interista, centravanti vero l’ex bolognese) e Pabòn, entrando dalla panchina, potrebbe spaccare in due una partita, specie contro una retroguardia stanca…
DSC04130(Il Mister) – Il dubbio della vigilia è lo stesso di una settimana fa. A cambiare, però, è tutto il resto. Perché se a Torino il Parma poteva “permettersi” di non portare a casa il bottino pieno, lo stesso non si può dire della sfida interna contro il Chievo. Una partita da vincere a tutti i costi, calcolando che il calendario proporrà partite ad altissimo rischio nelle prossime giornate. Dunque, meglio risolvere quel dubbio e farlo nel modo giusto. L’assenza di Amauri, ancora bloccato dal muscolo popliteo, impone una scelta cruciale in attacco. Da chi verrà costituita la coppia d’attacco? Allo Juventus Stadium avevano iniziato dal primo minuto Pabòn e Biabiany, con Belfodil utilizzato soltanto nella ripresa. Questa volta l’impressione è che cambierà qualcosa. In settimana, Roberto Donadoni ha mescolato parecchio le carte, provando anche Palladino, finalmente tornato a disposizione del tecnico gialloblù. Ma le possibilità dell’ex genoano sono ridottissime, anche perché il tecnico, in conferenza stampa, ha detto che sarà al 100% delle condizioni solo alla ripresa dopo la sosta. Il vero dubbio riguarda il ballottaggio tra Pabòn e Belfodil. Partirà titolare il colombiano, il francese o forse entrambi? Non resta che provare a entrare nella testa di Donadoni e calcolare i pro e i contro di ogni scelta…
Continua la lettura all’interno

DSC04131Partiamo dalla prima ipotesi, la conferma del duo Biabiany-Pabòn. Con questa coppia, il Parma cambierebbe soltanto un undicesimo rispetto alla formazione vista una settimana fa a Torino: Galloppa al posto di Acquah con Parolo (o Ninis se l’ex cesenate non avrà de tutto risolto i problemi al collo) interno destro. I pro sono nella grandissima agilità della coppia d’attacco, che potrebbe essere letale contro un duo non molto rapido come quello composto da Dainelli e Cesar. I contro stanno tutti nei dubbi sulle condizioni di Pabòn – l’inserimento del quale procede a DSC04135rilento, come si è potuto osservare negli allenamenti di questa settimana e nel match di una settimana fa – e nelle qualità stesse della coppia. Agilità sì, potenzialità di sfondamento no. E, calcolando quanto il Chievo è abile a chiudersi, non è il massimo della vita. Proprio per questo Donadoni non opterà per questa via. Allora procediamo con la seconda strada, quella che vedrebbe Biabiany partire in attacco con Belfodil. I pro sono nell’ultima mezz’ora di Torino – quando i due si sono cercati e trovati discretamente – nelle potenzialità future di una coppia donadoni coppia attacconaturale (rapido l’ex interista, centravanti vero l’ex bolognese) e nel fatto che Pabòn entrando dalla panchina può spaccare in due una partita, specie contro una retroguardia stanca. I contro sono tutti nei dubbi che possono gravitare su Belfodil, un giocatore di 20 anni che è partito titolare soltanto una volta in Serie A (Catania-Bologna 0-1, 2 maggio 2012). La nostra sensazione? Donadoni opterà per questa coppia. La vera alternativa, infatti, sarebbe quella del duo Pabòn-Belfodil. Una possibilità che sommerebbe ai “contro” già espressi sui due giocatori in questione anche la presenza del solo Palladino in panchina come cambio offensivo per scardinare la difesa clivense, dato che Biabiany partirebbe titolare sulla sinistra di centrocampo al posto di Gobbi. Idea affascinante e molto offensiva, ma troppo rischiosa per una partita da vincere a tutti i costi. Il dubbio c’è ancora? Sì, ma forse è soltanto apparente…

I PRECEDENTI ARTICOLI DE “IL MISTER” PER STADIOTARDINI.COM

IL MISTER / COME VOLEVASI DIMOSTRARE PER DONADONI MIRANTE NON E’ STATO IL MIGLIORE IN CAMPO CONTRO LA JUVE…

IL MISTER / I TRE ERRORRACCI DEI GIALLOBLU’ SUL GOL DI LICHSTEINER: NON SOLO ROSI, MA ANCHE MIRANTE E LA COPPIA LUCARELLI-GOBBI DEBBONO RECITARE IL MEA-CULPA
 
IL MISTER / L’ASSENZA DI AMAURI POTREBBE RIVELARSI UN VANTAGGIO PER IL PARMA, GRAZIE ALLA VELOCITA’ DI BIABIANY CHE ALL’INIZIO VEDREI MEGLIO IN COPPIA CON BELFODIL. PABON? UN’ARMA DA GIOCARE A GARA IN CORSO…

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

DONADONI VIRA SU UNA COPPIA D’ATTACCO DI LINGUA FRANCESE? CHE SEGUA IL SUGGERIMENTO DEL “MISTER” DI STADIOTARDINI.COM CHE CONTRO LA JUVE AVEVA PROPOSTO BELFODIL-BIABIANY?

DONADONI PREFERISCE LA GLASNOST ALLA PRIVACY E SOLLECITATO DA STADIOTARDINI.COM SVELA LA NATURA DELL’INFORTUNIO DI AMAURI, COSTRETTO A SALTARE LA GARA CON LA JUVE

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

15 pensieri riguardo ““IL MISTER” CERCA DI ENTRARE NELLA TESTA DI DONADONI PER CAPIRE COME SIA MEGLIO RIMPIAZZARE AMAURI, ASSENTE PER LA SECONDA GARA CONSECUTIVA

  • 2 Settembre 2012 in 08:09
    Permalink

    Ciao Mister, volevo darti il benvenuto su Stadiotardini.com e farti i complimenti perché il tuo commento antecedente a Juve-Parma si è poi dimostrato veramente lungimirante e se solo fosse stato poi messo in pratica da Donadoni probabilmente avremmo passato una settimana di festeggiamenti: quoto perciò in pieno la tua analisi odierna, che mi sembra razionale e che dimostra ottime conoscenze tecniche. I miei complimenti vanno inoltre soprattutto al Presidente della nostra squadra, alias Gabriele Majo, che avendo portato avanti una campagna acquisti in silenzio è riuscito a piazzare questo colpaccio. Vorrei infine fare un paio di considerazioni: 1) Ieri Donadoni ha detto che il Parma deve ancora trovare l'assetto ottimale: visto che il mercato del Parma si è praticamente chiuso prima dell'inizio del ritiro proprio per iniziare il campionato con l'assetto ottimale, una dichiarazione del genere alla vogilia della seconda di campionato suona ai miei orecchi alquanto inquietante; 2) Belfodil a detta di tutti è sicuramente un elemento interessante ma sicuramente -come ama dire Leonardi- "di prospettiva" e questo concetto ritorna anche nell'articolo del Mister di oggi: poichè dunque "la Medicina" è di fatto una delle scelte obbligate di Donadoni in caso di indisponibilità di Amauri (che penso non dovrà fare i conti solo con il popliteo da qui in avanti) e considerando che Pabón, al di là dell'innegabile "carrocchia" di cui è dotato, deve ancora dimostrare tutto il suo valore nel nostro campionato, mi sembra che in attacco siamo attualmente messi veramente male dal momento che per rimanere in serie A i gol bisogna farli e non solo "prospettarli". Stasera comunque ne sapremo di più.

  • 2 Settembre 2012 in 09:57
    Permalink

    poi pero' qualcuno spieghera' a ghirardi come mai si tengono in panchina 5 milioni di euro.

    a meno che non se ne trovino 15 meglio in serie b a

    molto meno

    turella

  • 2 Settembre 2012 in 11:18
    Permalink

    troppo vero per essere pubblicato eh ?

    turella

  • 2 Settembre 2012 in 11:24
    Permalink

    A mio avviso ora come ora, assente Amauri e nelle necessità di mettere in cascina quei goal fino a Maggio garantiti da Giovinco, penso che si possa rimettere in auge qualche schema dell' era Colomba e che prevedeva l'inserimento in zona area di centrocampisti a cui , aperti gli spazi, era delegato l' onere di concludere in porta. allora era Morrone, che faceva bene il movimento ama difettava in qualità di azione e tiro, ora abbiamo Parolo, Galloppa ed ancora di più Ninis, che mi ha positivamente impressionato sabato scorso a Torino. A mi avviso possiede tempi e movimenti per agire da interno, una tecnica di palleggio ottima ed un buon tiro…forse più che giocare sulla coppia di attacco, lasciando Pabon e Belfodil, io giocherei a cambiare magari Galloppa o Parolo con Ninis….

  • 2 Settembre 2012 in 13:24
    Permalink

    ..belfodil-biabiany! pabon non puó giocare in serie A, visto che in B ce ne sono 15 migliori…luca

  • 2 Settembre 2012 in 13:42
    Permalink

    In risposta a Parmigiano:
    1) Secondo me non è inquietante ma naturale. Tieni conto che la formazione titolare ha cambiato attacco (via Giovinco e Floccari, dentro Amauri e Pabòn) e sta provando a lavorare di più sugli inserimenti dei centrocampisti per valorizzare Parolo e Ninis. E poi c'è l'infortunio di Amauri che cambia ancora di più i piani dell'allenatore.
    2) Il problema vero è questo: chi è più pronto all'uso tra Pabòn e Belfodil? A giudicare dagli allenamenti direi il secondo, che è più a suo agio anche fuori dal campo. Pabòn sarà da giudicare per il girone di ritorno più che per le sue prime comparsate e credo che sia indispensabile non bruciarlo. Se Belfodil crescerà e Pabòn esploderà, il Parma avrà un ottimo attacco. Ma concordo, al momento si vive di molti "se" e molti "ma". Le speranze, come detto, vengono dal centrocampo e da Biabiany, che mi è parso decisamente maturato.

  • 2 Settembre 2012 in 14:23
    Permalink

    quindi i 5 milioni in panchina.
    se tu fossi il mio allenatore ti avrei gia' dato il benservito

    zamparini

  • 2 Settembre 2012 in 14:34
    Permalink

    come non quotare tanti esperti… sarà probabilmente serie B

  • 2 Settembre 2012 in 15:30
    Permalink

    Grazie Mister per la risposta: spero che Donadoni segua i tuoi suggerimenti perchè mi sembrano veramente vincenti. Ragazzi, vedo che molti di voi stanno già storcendo il naso a sentire questi discorsi, ma che male ci sarebbe a far partire Pabón dalla panca? Del resto è anch'egli un acquisto di "prospettiva" che va fatto crescere e va valorizzato inserendolo nel momento giusto, ma che soprattutto non va bruciato schierandolo prematuramente. E poi scusate tanto: se bastasse l'entità del prezzo del cartellino di un gioocatore per renderlo titolare sarebbe fin troppo facile fare l'allenatore!

  • 2 Settembre 2012 in 16:23
    Permalink

    ripeto dirlo a ghirardi,anche io se assumo un manager nella mia azienda e lo pago 5 milioni poi pero' il suo lavoro lo faccio fare ad un impiegato perche' lo devo aspettare mi sembra di una logica ciristallina

    ps fedele la tua ironia e' uguale a quella di un'ameba ,sei un esperto di virus

    turella

  • 2 Settembre 2012 in 16:38
    Permalink

    majo fuori il nome di questo mister..siamo curiosi..dopotutto sono solo disquisizioni di natura tattica come tante…che bisogno c'è dell'anonimato? 😉

    delfinocurioso

  • 2 Settembre 2012 in 16:53
    Permalink

    Salve delfino troppo curioso,

    il nome del "mister" non posso rivelarlo per non metterlo in difficoltà col proprietario del suo cartellino. Trattasi, infatti, di un "mister" in attività che ha accettato "di giocare" con noi previo il mantenimento del suo anonimato, anche se lo stesso non è certo dovuto al contenuto dei suoi interventi, peraltro posti con molto garbo e competenza.

    Cordialmente
    Gmajo

  • 2 Settembre 2012 in 17:29
    Permalink

    Ciao Majo, avevo già intuito chi potesse essere il nostro nuovo "Mister", ma dopo la tua dritta sul motivo del suo anonimato ne ho praticamente la certezza; complimenti ancora allora per essere riuscito ad arruolarlo e vorrei lanciare un appello a tutti gli amici di Stadiorardini: ragazzi, ascoltate attentamente le indicazioni del Mister perchè lui ne sa veramente un totale. Ciao a tutti, Parmigiano.

  • 5 Settembre 2012 in 13:24
    Permalink

    beh, curioso che a dire "che bisogno c'è dell'anonimato?" sia tu, "delfinocurioso", che ti firmi in decine di modi diversi qui sopra ("turella", "leonador", "zamparini" eccetera) e altrove ("scarpa & bonci", "joe di maggio" eccetera)…… ci vorrebbe un po' più di serietà.

    Carlo

  • 5 Settembre 2012 in 14:03
    Permalink

    il mio timore è che pabòn sia "costretto"a giocare con continuità a causa delle assenze di Amauri…..il rischio che venga schiacciato dalle responsabilità è grande…(cosa di cui dibattevo qualche giorno fà con l amico PARMIGIANO)come è grande il rischio di dover vedere la coppia belfodil pabòn doversi battere troppo spesso con le difese avversarie…sempre a causa dell assenza del brasiliano….così data lo scarso "mestiere"dei 2 pur promettenti giovani..rischiamo di rimanere al palo in classifica e di non riuscire a valorizzare in modo otimale i nostri investimenti….insomma è meglio per tutti che amauri cominci a star bene con un pò di continuità
    ciao a tutti
    Filippo1968

I commenti sono chiusi.