giovedì, Giugno 13, 2024
News

LA MORTE DI COLOMBI / RICCARDO SCHIROLI RICORDA “ABETE”: “SI DISPONE LA BARRIERA MOLISANA, PARTE BORTOLAZZI: TIRO ED E’ RETE!”

Dal blog di Riccardo Schiroli, dal gennaio 2002 responsabile della comunicazione della FIBS, ma in precedenza radiocronista di Onda Emilia, la confessione delle angherie degli allora ventenni nei confronti del quarantenne Pino: “E’ colpa del testosterone: i maschi, quando diventano adulti, tendono a cercare di prevalere sugli altri maschi, specie quelli più anziani… Pino, con te siamo stati forse un po’ stronzetti. Ma eravamo giovani. E adesso che non ci sei più, lo siamo molto meno…”

schiroli colombi(Riccardo Schiroli) – E’ successo che un altro pezzo della mia gioventù se n’è andato. Chiedo perdono per questo pensiero un po’ egoista, ma è quello che ho provato ieri sera, d’istinto. E trovo giusto condividerlo. Ero al ristorante dell’hotel ‘Haarlem Zuid’, abbastanza soddisfatto perché l’Italia aveva conquistato la finale dell’Europeo di baseball con una giornata di anticipo e stavo amabilmente conversando con il manager Marco Mazzieri. Quando il mio cellulare si è illuminato con questo messaggio “E’ morto Abete”. Il mittente era il collega e amico Gabriele Majo. Sarà stata la stanchezza, ma ho pensato che fosse saltato (non pensavo onestamente alla morte fisica) il presidente della Federcalcio.  Ma mi sono chiesto come mai Majo trovava così urgente avvertirmi solo per un istante, perché poi ho capito. Io e Majo avevamo ribattezzato “Abete” il nostro Giuseppe Colombi, conosciuto da tutti come “Pino”. E’ stato bruttissimo, perché pochi minuti prima avevo rimembrato una delle tante espressioni con le quali siamo cresciuti, professionalmente e come uomini. Il leggendario la sfera cuoiata di Pino.

Continua la lettura all’interno

Quando ho iniziato a fare il radiocronista avevo 21 anni. Pino Colombi era un quarantenne e agli occhi di uno che ha 21 anni, un quarantenne deve stare molto attento, perché il 21ennne sarà spietato con lui. E’ colpa del testosterone: i maschi, quando diventano adulti, tendono a cercare di prevalere sugli altri maschi, specie quelli più anziani. Oltretutto, noi (io, Gabriele Majo, Gian Paolo Pelosi, Gianluigi Calestani) eravamo un gruppo particolarmente impertinente. Roberto Lurisi, Mauro e Alberto Barigazzi ci provavano, a tenerci buoni. Ma presto furono contagiati anche loro. Ugo Ferri e Fabrizio Pallini, che erano una generazione intermedia tra noi e Pino, si dissociavano dai nostri scherzi. Con un sorriso.
Il “benissimo, d’accordo, grazie” di Pino divenne un marchio di fabbrica per ogni intervento da uno stadio in diretta. E imitare la voce di Pino, così radiofonica, era diventato quasi un obbligo. Confesso di aver imitato per anni quel: “si dispone la barriera molisana, parte Bortoloazzi…tiro…ED E’ RETE!” di un Parma (allenato da Arrigo Sacchi) contro Campobasso di serie ‘B’. Io stavo supportando la radiocronaca di Pino con i flash dal campo da rugby e fui colpito dal cambio di intonazione. La voce di Pino divenne roca, profonda. Doveva essersi emozionato sul serio.

Sul suo sito , Gabriele Majo racconta oggi di quel primo intervento in diretta di Colombi (autunno 1975, Majo me lo immagino con il grembiule nero, il fiocco azzurro, visto che frequentava le elementari, e però la barba incolta, la zazzera ricciuta e gli occhiali, senza i quali non può esistere Gabriele Majo) effettuato tramite un captatore telefonico a ventosa. Che chissà cos’è. Ma certamente, è una definizione che Pino avrebbe usato in una radiocronaca. Lo sto provando a dire “captatore telefonico a ventosa”, imitando la voce di Pino. E mi stanno venendo le lacrime agli occhi.

Per recuperare il sorriso, ripenso a Pino con la maglia numero 10 di Radio Onda Emilia, in una delle partite contro la mista Radio TV Parma e Teleducato (noi eravamo talmente numerosi da poter fare una squadra nostra). Lo vedo che ondeggia con le spalle, ricordandosi dei tempi in cui era una promettente ala sinistra della Vogherese (appartiene alla leggenda un suo gol in amichevole contro l’Inter, con Invernizzi che dice ‘lo prendo io’, un giovanissimo Pino che lo evita e insacca sotto l’incrocio dei pali a Lido Vieri). Una finta, 2, un’accelerazione. Poi si accorge di aver fatto il campo in orizzontale, cede palla al compagno più vicino e si toglie la maglia. La porge a Ferri e, sconsolato, dice: “Ugone, vai avanti tu”.

E’ da un po’, che non frequento l’amata tribuna stampa dello stadio “Tardini” di Parma. E non so per quanto tempo non avrò il coraggio di entrarci. Perché faccio fatica a immaginarmela senza un “Ciao, caro” di Pino che mi accoglie.

Pino, con te siamo stati forse un po’ stronzetti. Ma eravamo giovani. E adesso che non ci sei più, lo siamo molto meno.
Riposa in pace, caro.

Riccardo Schiroli

COLOMBI MAJOCLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO DI GABRIELE MAJO, DIRETTORE DI STADIOTARDINI.COM, SULLA MORTE DI PINO COLOMBI

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".