IL MISTER: “LA DIFESA A ZONA SUI CALCI PIAZZATI? E’ UN MODO PER SOPPERIRE ALL’ASSENZA DI SALTATORI ED EVITARE SITUAZIONI DI ‘MISMATCH’…”

“La spiegazione offerta da Donadoni a Paolo Grossi della Gazzetta di Parma (“Un modo per responsabilizzare i calciatori” è senza dubbio interessante, ma prettamente psicologica: noi abbiamo cercato di aggiungere anche una componente  tattica". Sempre a proposito di palle inattive l’allenatore giornalista ingaggiato da stadiotardini.com, poi, punzecchia il suo alter-ego in servizio all’UPI: “Deve essergli sfuggita la castroneria di De Jong in occasione del pareggio di Galloppa: non si era mai visto un giocatore capace di commettere un simile errore (aprire la propria barriera e far infuriare non solo Abbiati ma anche Allegri) arrivare a uno straordinario 8 in pagella…”

DONADONI 02 10 2012(Il Mister)I calci piazzati possono spesso decidere una partita. Anzi, uno studio di qualche anno fa dimostrava come nel nostro campionato arrivassero a incidere in una percentuale davvero elevatissima (non ricordo quale, ma statene certi era considerevole). Basterebbe pensare al mitico Mondiale del 2006, poi, per notare quanto i calci da fermo incisero sulla cavalcata degli uomini di Lippi, che sugli stacchi di Materazzi costruirono gran parte della loro impresa iridata. Tema importante anche dalle parti di Collecchio, dove Donadoni da qualche tempo sta lavorando non solo su una pregevole fase offensiva che l’anno scorso ha portato a colpire più volte Paletta (ergendolo a “top player” dei fantacalcisti) e quest’anno ha già premiato Lucarelli contro il Genoa, ma anche su quella difensiva. Varando una soluzione che spesso ha fatto discutere in quanto sulla carta più rischiosa come quella della difesa a zona. In soldoni, quando il Parma difende, principalmente sui calci d’angolo, decide di non marcare a uomo gli avversari che si presentano in area. Ma, al contrario, di presidiare lo spazio e andare a caccia del pallone in anticipo rispetto all’altra squadra.

Continua la lettura all’interno

Una soluzione che spesso crea problemi perché viene meno il contatto con l’uomo prima dello stacco aereo e soprattutto perché permette a chi attacca di andare a saltare liberamente. Inutile sottolineare, però, che la soluzione stia pagando non poco in questo avvio di stagione nel quale il Parma è già passato dalle forche caudine di Gianni Vio – lo specialista dei calci piazzati che Vincenzo Montella si è portato con sé da Catania a Firenze – arrivando alla sesta giornata senza gol subiti in questo frangente tattico. A sottoporre la questione a Donadoni è stato Paolo Grossi della Gazzetta di Parma nella conferenza stampa della ripresa. E, questa, è stata la risposta del mister gialloblù: “Ci sono arrivato per responsabilizzare un po’ i ragazzi, anche se è molto più semplice decidere di assegnare la marcature di un giocatore a uno soltanto. Con la marcatura a uomo si fa in fretta a vedere chi ha sbagliato e chi no. Però credo che sia anche questo un processo di crescita e un’alternativa perché a volte difendiamo in sette e a volte in dieci. Sono quegli atteggiamenti che dal punto di vista mentale di costringono a restare più concentrati e aiutano il complesso di squadra”. Una spiegazione senza dubbio interessante, quella prettamente psicologica, che però non può non essere corroborata da una componente tattica che proviamo a suggerire noi. Il più delle volte, infatti, un tecnico decide di passare alla marcatura a zona quando capisce di non avere un numero sufficiente di saltatori per poter andare all’uno contro uno con l’avversario con un sufficiente margine di sicurezza. Un passaggio che fu cruciale nel Milan 2004/05, quando gli allora campioni d’Italia passarono dalla marcatura a uomo a quella a zona e finirono per ripiegare per una soluzione mista che grosso modo è arrivata sino alla gestione di Massimiliano Allegri dopo un’interruzione con Leonardo (che preferiva mandare un uomo già in fase offensiva per costringere l’avversario e spedirne uno in meno nell’area rossonera). Ma, fondamentalmente, si tratta di un problema comune a molti e anche a Donadoni. Che ha sì due formidabili saltatori come Paletta e Amauri (190 cm per l’argentino, 186 per l’italobrasiliano) oltre a un Lucarelli dotato di un ottimo timing nonostante i 184 cm di cui dispone. Eppure, nel resto dell’undici titolare di partenza, si trova spesso privo di un buon gruzzolo di saltatori affidabili. Meglio dunque evitare l’uno contro uno generato dalla marcatura a uomo, perché questo potrebbe creare situazioni di “mismatch” ovvero degli uno contro uno nei quali è troppo evidente la superiorità avversaria. Così si arriva alla zona, un procedimento che ricorda molto da vicino quello difensivo del basket, dove si abbandona la marcatura a uomo soltanto quando si capisce che l’avversario ha almeno un paio di giocatori che possono vincere ogni tipo di duello. Questa, in conclusione, è la nostra idea. Vedremo poi sulla Gazzetta di Parma tra poco in edicola cosa avrà da dire in proposito l’allenatore giornalista Grossi. Al quale però, in tema di difesa su calcio piazzato, deve essere sfuggita la castroneria di De Jong in occasione del pareggio di Galloppa. Non si era mai visto un giocatore capace di commettere un simile errore (aprire la propria barriera e far infuriare non solo Abbiati ma anche Allegri) arrivare a uno straordinario 8 in pagella redatta dal cronista amante di tattica del quotidiano Upi

 

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

 

LA CONFERENZA STAMPA DI ROBERTO DONADONI DEL 03.10.2012 (VIDEO)

 

 

I PRECEDENTI ARTICOLI DE “IL MISTER” PER STADIOTARDINI.COM

 

“IL MISTER” / “E SE FOSSE UNA GRANDE OCCASIONE PERSA?”

 

IL MISTER / IL ROMPICAPO: COME RIMPIAZZARE VALDES?

 

“IL MISTER” RINTUZZA IL “PRESIDENTE” MAJO: “I RIGORI DI GENOVA NON SONO UN PRODOTTO INDESIDERATO DEL CALCIO PROPOSITIVO”

 

“IL MISTER” / QUANDO UN PAREGGIO VALE PIU’ DI UNA VITTORIA. E L’1-1 DI MARASSI E’ PIU’ CONSISTENTE DI QUELLO CON I VIOLA…

 

IL MISTER / ACQUAH SULLA FASCIA DESTRA POTREBBE ESSERE IL NOSTRO ASAMOAH…

IL MISTER / “SIAMO SICURI CHE LA MEDIANA PAROLO-VALDES-GALLOPPA STIA RENDENDO ADEGUATAMENTE?”

IL MISTER / “IO METTEREI NINIS AL POSTO DI PAROLO E IN ATTACCO PALLADINO AL FIANCO DI BELFODIL CON PABON ARMA DA GIOCARE A GARA IN CORSO QUANDO GLI AVVERSARI SONO STANCHI…”

 

IL MISTER / “INCOLPARE DEL KO LA SCARSA PROLIFICITA’ DELL’ATTACCO E’ FUORVIANTE. IL PROBLEMA VERO E’ STATO TRA CENTROCAMPO E DIFESA”

IL MISTER / “IN ATTACCO PUNTEREI SULLA NUOVA COPPIA BELFODIL-NINIS, MA…”

 

IL MISTER / “ARTEAGA? LA SUA ENERGIA TORNERA’ UTILE NEI FINALI DI GARA PIU’ CONCITATI, LIBERO DI GRAFFIARE SENZA ESSERE IMBRIGLIATO IN TATTICISMI PER LUI ASTRUSI”

IL MISTER / DOPO PARMA-SAMPDORIA: “BENE LA DIFESA SPERIMENTALE, MALE L’ATTACCO E QUEL MUSACCI ALLA LUNARDINI”

“IL MISTER”: “ECCO IL MIO PARMA SPERIMENTALE”

IL MISTER / BIABIANY, PICCOLO LEADER E ARMA TATTICA DI DONADONI

 

“IL MISTER” CERCA DI ENTRARE NELLA TESTA DI DONADONI PER CAPIRE COME SIA MEGLIO RIMPIAZZARE AMAURI, ASSENTE PER LA SECONDA GARA CONSECUTIVA

IL MISTER / COME VOLEVASI DIMOSTRARE PER DONADONI MIRANTE NON E’ STATO IL MIGLIORE IN CAMPO CONTRO LA JUVE…

IL MISTER / I TRE ERRORRACCI DEI GIALLOBLU’ SUL GOL DI LICHSTEINER: NON SOLO ROSI, MA ANCHE MIRANTE E LA COPPIA LUCARELLI-GOBBI DEBBONO RECITARE IL MEA-CULPA

IL MISTER / L’ASSENZA DI AMAURI POTREBBE RIVELARSI UN VANTAGGIO PER IL PARMA, GRAZIE ALLA VELOCITA’ DI BIABIANY CHE ALL’INIZIO VEDREI MEGLIO IN COPPIA CON BELFODIL. PABON? UN’ARMA DA GIOCARE A GARA IN CORSO…

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

9 pensieri riguardo “IL MISTER: “LA DIFESA A ZONA SUI CALCI PIAZZATI? E’ UN MODO PER SOPPERIRE ALL’ASSENZA DI SALTATORI ED EVITARE SITUAZIONI DI ‘MISMATCH’…”

  • 3 Ottobre 2012 in 05:56
    Permalink

    Buondì Mister, una domanda: considerando l'ottima tecnica di Ninis, perchè non provarlo come seconda punta a fianco di Amauri pur essendo il greco un trequartista? Grazie, Dino.

  • 3 Ottobre 2012 in 09:07
    Permalink

    Si sente la mancanza di Giovinco.
    Anche nei Mismatch lì.

  • 3 Ottobre 2012 in 09:11
    Permalink

    mismatch, dailà, che allenatore da aperitivo…

  • 3 Ottobre 2012 in 09:25
    Permalink

    Del resto si firma "mister" non "allenatore", caro Ermes… Do you understand?

  • 3 Ottobre 2012 in 10:06
    Permalink

    certo se avesse detto a sema "mismel" avremmo capito tutti.

    Turella

  • 3 Ottobre 2012 in 12:46
    Permalink

    Io pero' credo che in fatto di saltatori non siamo messi male; non dimentichiamo Zaccardo che non e' uno sprovveduto di testa;lo stesso Gobbi non e' malaccio

  • 3 Ottobre 2012 in 13:01
    Permalink

    si in effetti non l'ho proprio capita,a meno che il mister non sia lato due metri e per lui son tutti nanerottoli.
    fra l'altro non hai citato paletta e lucarelli i nostri bomber "posteriori"

  • 3 Ottobre 2012 in 13:07
    Permalink

    Il lettore anonimo delle 14.01 è proprio disattento: oltre ad avere omesso la firma (e ricordiamo che secondo il regolamento in vigore dovrebbero essere cancellati dai moderatori tutti gli inserimenti senza almeno uno straccio di nick name, se non il proprio nome e cognome) non ha letto con attenzione il trattato del Mister, il quale ha testualmente scritto che il Parma "ha sì due formidabili saltatori come Paletta e Amauri (190 cm per l’argentino, 186 per l’italobrasiliano) oltre a un Lucarelli dotato di un ottimo timing nonostante i 184 cm di cui dispone". Se poi il riferimento era al commento di Zappavigna, era evidente che questi non li avesse citati, essendo, per l'appunto, già stati inseriti prima dal nostro giornalista-allenatore, autore dell'articolo pubblicato.
    Cordialmente
    gmajo

  • 3 Ottobre 2012 in 13:34
    Permalink

    scusi egregio dottore,era ovvio che fosse il proseguimento del mio discorso,ho visto le citazioni su paletta e lucarelli quindi non fa altro che contraddirsi una volta di piu',abbiamo paletta lucarelli zaccardo gobbi amauri all'occorrenza o belfodil e dobbiamo sopperire alle carenze di saltatori ! questo e' un ossimoro calcistico

    Turella

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI