PIA PROVA IL MICROFONO. IL VICE ADDETTO STAMPA DOMENICA FARA’ LA RADIOCRONACA DI CATANIA-PARMA SU RADIO BRUNO – Fotogallery amatoriale

La radio ufficiale, che più ufficiale non si può, per le prossime lontane trasferte si affiderà alla struttura comunicazionale del club. E così Matteo dopo aver commentato i Crociati si cimenterà con i crociati…

DSC06722(gmajo) – Prova microfono, prova microfono; 1, 2,3 si, sei, prova... Ieri l’obiettivo di stadiotardini.com, prima dell’inizio della conferenza stampa di Marco Parolo, ha immortalato con una serie di scatti a ripetizione (visibili all’interno) il neo vice-addetto stampa del Parma FC Matteo Pia, mentre armeggiava con un microfono. Evidentemente stava prendendo dimestichezza con il suo nuovo strumento di lavoro, giacché sarà proprio lui, domenica, a raccontare in diretta dal radiofonicissimo stadio Cibali (passato alla storia per il famoso “Clamoroso” in Tutto il Calcio Minuto per Minuto) per Radio Bruno, la radio ufficiale che più ufficiale non si può. Eh sì, perché, vuoi per la spending review, vuoi per essere sempre politically correct, da un paio di anni a questa parte la potente antenna di Carpi che da anni si aggiudica i diritti esclusivi per le trasmissioni radiofoniche in ambito locale delle partite del Parma FC, affida il compito di effettuare la radiocronaca diretta delle gare dei crociati nelle trasferte più lontane a un membro della struttura comunicazionale del club.

Continua la lettura all’interno

Nelle scorse stagioni, infatti, sovente capitava di ascoltare, su Radio Bruno, la bella voce di Mario Robusti (seconda, come timbro e intonazione sola a quella del compianto Pino Colombi),  commentare il Parma da casadiDio. Nell’ultimo anno, come nel presente, invece, è invece Carlo Chiesa, prestato da Tv Parma, ad effettuare il radioservizio dal Tardini, e fino all’altro giorno pure in trasferta (o “dal tubo”, come si dice in gergo, giacché per Napoli-Parma non era al San Paolo, ma in uno studio, davanti al video, nonostante l’artifizio del sempre affascinante collegamento telefonico con tanto di effetti sonori, potenza di Sky…). Da Catania-Parma, invece, la linea passa definitivamente a Matteo Pia, che così passa dal commentare i Crociati (quelli con la C maiuscola come nome proprio) ai crociati (con la c minuscola poiché è un aggettivo, anche se la C di crociati, quando ci si riferisce al Parma dovrebbe esser sempre maiuscola): in gioventù – mica che sia vecchio, beninteso ! – infatti l’ex responsabile comunicazione degli Aironi si era cimentato nel racconto delle imprese dell’ex squadra di Noceto, e prima ancora di Collecchio, in diretta su Radio Reggio (la quale fino a un paio di stagioni fa proponeva una sorta di Tutto il Calcio minore minuto per minuto) e poi come spalla nelle telecronache di Luca Romenghi su Tv Parma.

 

DSC06695DSC06696DSC06700DSC06701DSC06702DSC06703DSC06704DSC06705DSC06706DSC06708DSC06709DSC06712DSC06719DSC06722

 

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

 

PARMA, SOGNI D’EUROPA. UN UFFICIO STAMPA DI SAPORE INTERNAZIONALE: INGAGGIATI L’EX AIRONE MATTEO PIA E UNO STAGISTA TEDESCO

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

8 pensieri riguardo “PIA PROVA IL MICROFONO. IL VICE ADDETTO STAMPA DOMENICA FARA’ LA RADIOCRONACA DI CATANIA-PARMA SU RADIO BRUNO – Fotogallery amatoriale

  • 4 Ottobre 2012 in 16:12
    Permalink

    A PARMA A LIVELLO RADIO SIAMO DIVENTATI MOLTO SCARSI!!!! IN CIITTA' ESISTE UNA SOLA RADIO RADIO PARMA E IL PARMA CALCIO NON TROVA ALTRO CHE AFFIDARE LE DIRETTE A UNA RADIO DI CARPI CHE NON C'ENTRA NULLA CON PARMA, RICORDO I BEI TEMPI DI RADIO EMILIA, RADIO ONDA EMILIA, RADIO 12 LE VERE RADIO PARMIGIANE!!!!!

  • 4 Ottobre 2012 in 16:28
    Permalink

    Anch'io, egregio, ho nostalgia delle vecchie radio di Parma (sarà per aver 15 anni in meno o forse 30 o giù di lì come più o meno canterebbe Guccini)ed è per quello che non ho cassato il suo commento benché anonimo.
    Qui vige la regola di firmarsi almeno con un nick name (se non con il proprio nome e cognome): per favore si adegui.
    Detto questo non è certo colpa del Parma Fc se il panorama radiofonico della nostra città è desolante: tra l'altro Ghirardi – che è sempre uno attento al profitto, essendo un imprenditore, il quale pensa che pure altri abbiano la finalità principe di arricchirsi – fa bene a vendere il proprio prodotto a chi meglio glielo remunera dal punto di vista economico. Infatti Prandi (l'editore carpigiano di radio Bruno) non bada a spese in termini di acquisto di diritti. Ma sulla valorizzazione della sua emittente sul territorio – e anche del prodotto radiocronaca – a mio modesto avviso avrebbe potuto fare ben di più. Del resto gli esempi citati proprio dall'anonimo(che peraltro ha dimenticato il pool Radio Elle-Lattemiele) stanno lì a dimostrare come una volta fosse valorizzato quel tipo di prodotto e di conseguenza anche appetito. Si, certo altri tempi e non c'erano le tv: ma mi pare più che altro un alibi.
    Poi se ci sono stati editori senza scrupoli che (magari sempre per il fine del profitto o dell'arricchimento personale, che non è certo quello che muove le mie azioni, al di là delle diffamazioni ghirardiane) si sono privati delle proprie radio vendendo frequenze (che peraltro erano beni statali in concessione e non di proprietà) cavalcando la legge che glielo consentiva è un altro discorso ancora. O forse quell'esperienza era destinata a morire (anche se altrove le cose sono andate leggermente meglio che qui, nella patria della prima emittente libera italiana).
    Ne approfitto per invitare tutti gli amanti della radio ad essere presenti ad un interessantissimo revival che si svolgerà in occasione della Fiera di San Donnino a Fidenza in questo week end (sabato e domenica, quartiere Artigianale La Bionda, Via Dalla Chiesa) con diversi ex dj o programmatori radiofonici delle prime stazioni locali parmigiane, in diretta live, con tanto di trasmittente… Ovviamente ci sarò anch'io…
    Cordialmente
    Gmajo

  • 5 Ottobre 2012 in 11:11
    Permalink

    Nonostante io sia un accanito tifoso del Parma ritengo che una partita commentata dal nostro addetto stampa sia inascoltabile, mi spiego meglio: se facciamo cagare, cosa dirà il dipendente del Parma Fc al microfono di Radio Bruno che tutto sommato non stiamo giocando male e siamo solo sfortunati?

  • 5 Ottobre 2012 in 13:04
    Permalink

    un solo giornale reale, dell'Upi, di cui peraltro fa parte anche il Parma. Le dirette radio dell'addetto stampa. Una tv emanazione della stessa Upi e quantomeno 'vicina' alla società (l'altra più guardabile, ma insomma, potrebbe fare meglio ma forse non ha soldi o non li vuole investire).
    La penso come Roberto M., ma amplio a tutto il panorama informativo-sportivo parmigiano. Da tifoso sentirmi sempre dire che tutto va bene, quando non è così, mi indispone. Poi capisco avere giornalisti di parte, ma i giornalisti amici o a libro paga non faranno mai i giornalisti. Peccato. Non so come sia nelle altre province emiliane, ma qui è triste per un tifoso (e molto tifoso, quale mi ritengo) ma un po' obiettivo

  • 5 Ottobre 2012 in 14:14
    Permalink

    si dirà così altrimenti potrebbe diventare "un nemico del parma…e del suo presidente"
    Filippo1968

  • 5 Ottobre 2012 in 15:05
    Permalink

    Poi se scrivo che il panorama "informativo" o come giustamente, a questo punto, lo definisce Leonardi "comunicativo" è un po' anomalo sono io un visionario. O in malafede. O un nemico del Parma. Dando fiato ai vari Pericle Ferrari o Baggio del caso sempre pronti dal segreto della propria tastiera a scrivere contro il gestore di questo sito di cui usufruiscono…
    Nel caso specifico, però, va fatto qualche distinguo. Se Radio Bruno sceglie deliberatamente (perché nessuno del Parma FC è andato là pistola alla mano, né lì ha convinti con azioni diplomatiche o pressioni) di affidare – quale radio ufficiale, che più ufficiale non si può – il proprio commento a un addetto stampa del club non è certo colpa della società, né del radiocronista, sia questi Mario Robusti, come un anno fa, o Matteo Pia come adesso. Nel pezzo ho fatto riferimento, non a caso, alla spending review, perché la scelta è prima di tutto dettata da motivi di carattere economico, volendo risparmiare le spese di trasferta, giacché quelle per i propri addetti stampa (che siano parte organica o meno della società Parma Fc o di una delle consociate, tipo Parma Brand, come parrebbe nel caso di Pia) li paga il Parma e non certo Gianni Prandi, che è l'editore. Poi che la scelta del cronista "interno" fosse caduta su Carlo Chiesa è senza dubbio perché questi è gradito alla società, certo, ma anche perché vanta un apprezzato passato di radiocronista "indipendente", sia pure un po' pompiere e buonista, anche in servizio per Radio Bruno. Indubbiamente, però, è abbastanza particolare, come scelta editoriale, quella di avvalersi dell'ufficio stampa, al di là della definizione di "radio ufficiale" acquistata, impropriamente, assieme ai diritti di trasmissione. Se fosse un canale tematico, come Lazio Styll Radio, Inter Channel o Milan Channel in effetti sarebbe piuttosto fisiologico trovarsi a che fare con commentatori al soldo del club; ma dato che in questo caso parliamo di una testata giornalistica completamente estranea alla proprietà del Parma FC, in effetti siamo dinnanzi a qualcosa di anomalo. Però, almeno, lo si sa chiaro e tondo che chi parla è un addetto stampa. E' decisamente peggio, invece, quando avviene che magari lo stesso effetto viene sortito da professionisti riconosciuti per tali su testate ancor meno ufficiali – almeno in teoria, ma non certo in pratica – della radio ufficiale.
    Comunque sia piuttosto che ascoltare cronisti satellitari condizionati psicologicamente a favore dei club che vantano più abbonati di quelli del Parma è meglio abbassare l'audio e ascoltare il casalingo Pia. Ed è anche decisamente meglio piuttosto che fare un salto indietro di oltre 25 anni e farsi passare la radiocronaca da emittenti corrispondenti. E tutto sommato anche di ascoltare una finta radiocronaca del sempre entusiasmante chiesa, però contraffatta perché non confezionato in loco, ma dal tubo.
    Cordialmente
    Gmajo

  • 5 Ottobre 2012 in 15:51
    Permalink

    Mi scusi Majo, non pensavo che per "usufruire" del suo sito bisognasse evitare di fare commenti che dissentono da lei. Deve trattarsi di una nuova regola del web. Allarghiamola anche ai forum dei giornali! Facciamo così: chi legge Repubblica.it non deve scrivere commenti contro il giornale o la sua linea editoriale. E così per i blog, le testate online…
    Ah mi scusi per i miei interventi, vorrà dire che non ne farò più se sono antitetici alle sue osservazioni. Oppure non usufruirò più del suo sito. Chiedo scusa!!

  • 5 Ottobre 2012 in 16:26
    Permalink

    Salve Pericle Ferrari,

    no no lei ha diritto di usufruire del sito, ci mancherebbe altro, ma dal momento che non lesina continui attacchi personali al gestore pensavo che la lettura non fosse di suo gradimento.

    Però come lei si permette di attaccarmi, se mi consente io posso altrettanto permettermi di citarla ad esempio.

    Saluti
    Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI