IL TARDINI DEL FUTURO: ENNESIMO RATTOPPO (LA COPERTURA DELLA “NORD”) O RIFACIMENTO TOTALE?

Parma.repubblica.it ha ospitato alcuni commenti di lettori che chiedevano come regalo per il Centenario una struttura di protezione per non bagnarsi più bagnare in Curva, ma da tempo il club avrebbe in animo un progetto di ricostruzione: c’è chi giura di averlo visto e si tratterebbe di un’opera da circa 200 milioni di euro…

REPUBBLICA REGALO CENTENARIO(gmajo) – Parma.repubblica.it ha ospitato in questi giorni alcuni commenti di propri lettori che, all’unisono, chiedevano a Tommaso Ghirardi, come regalo per il Centenario del Parma F.C. la copertura della Curva Nord. Il movimento spontaneo è nato dalla combinazione di due fattori: la pubblicazione da parte del medesimo quotidiano on line di un comunicato (lo stesso che noi abbiamo rilanciato stamani) di Pizzini/Scolari Comunicazione, che cura l’ufficio stampa della neonata Parma Brand, costola del club che tra le altre cose dovrà appunto occuparsi anche delle celebrazioni del tondo genetliaco, in cui si annunziava l’apertura come nuovo luogo di incontro, anche dove sorseggiare un caffè, della ristrutturata storica Palazzina Maria Luigia (quella dove poggia la gabbia della Curva Nord, per intenderci); e le copiose precipitazioni di Parma-Roma che hanno messo a repentaglio la salute di chi, per amore dei Crociati, ha sfidato le intemperie. L’AD Leonardi, poi, alla Festa dei Parma Club Millenium, Intesa, G. Verdi e N° 10 aveva rilanciato promettendo solennemente di voler evitare: “di lasciare la nostra gente, nel 2012, ancora sotto l’acqua, che è una cosa veramente vergognosa… Il nostro prossimo obiettivo, anche a discapito di qualche risultato, sarà quello di sistemare e mettere a posto lo Stadio Tardini”. Già: ma con una semplice copertura della Nord, alias l’ennesimo rattoppo, oppure con il suo totale rifacimento, con un’opera dal valore di oltre 200 milioni di euro?

Continua la lettura all’interno

 

calcio e calcio martino ferrari un anno via dal tardiniMartedì 28 febbraio 2012 stadiotardini.com aveva dato ampio risalto all’ “allarme psichedelico” lanciato la sera precedente dall’allora responsabile marketing e commerciale del Parma F.C., per conto di G Sport, Martino Ferrari (oggi alla Fiorentina): “Se si restaura il Tardini partite lontano da Parma per un anno”. Era stata quella la prima – e finora unica – pubblica ammissione dell’idea in animo di costruire sì un nuovo stadio, ma non a Moletolo, Baganzola o altre amene località periferiche come piaceva a qualche decaduto amministratore comunale e a qualche potente costruttore, bensì proprio nell’area parodia buzzi michigandel Tardini. Una parziale ristrutturazione non richiederebbe, infatti, il trasferimento per una intera stagione in altra località (la più probabile sarebbe Brescia) come nel caso di una demolizione e poi totale ricostruzione. Un importante imprenditore parmigiano, durante una conversazione informale, su tutt’altro argomento, con lo scrivente, ha svelato di aver non solo visto, ma anche esaminato di recente un progetto, appunto dal valore di oltre 200 milioni di euro, riguardante il “New Tardini”, che DSC05047ospiterebbe non solo lo stadio, ma anche un centro commerciale, multisale cinematografiche, palestre, parcheggi etc. etc. Va da sé che per una importante opera di estrema riqualificazione come questa sarebbe necessario l’apporto anche di forze economiche esterne, non solo di quelle interne all’attuale compagine e quindi sarebbe in corso la ricerca di partner interessati al businessLa palazzina Maria Luigia, con tanto di corner caffè e nuovo store per lo shopping, di cui si parla nella nota stampa di Pizzini/Scolari parmastore lavori in corsoComunicazione per il lancio di Parma Brand pubblicata stamani da stadiotardini.com, sarebbe, quindi, solo un piccolo antipasto di quello che potrebbe essere il pranzo di gala del Tardini del futuro. Uno spazio non più riservato solo agli amanti del pallone, ma che coinvolgerebbe, per l’intera settimana e non solo la domenica, anche il resto della cittadinanza. Per capirsi: l’esempio di quello che potrebbe diventare il Tardini Center – campo da gioco a parte – è il vicinissimo Barilla Center, che, ovviamente, potrebbe non ghirardi scienze motoriepoco soffrire per la nascita del fratellino. Proprio pochi giorni prima di questa rivelazione, il presidente del Parma F.C. Tommaso Ghirardi, parlando dinnanzi agli studenti del Corso di Laurea in scienze motorie, aveva espresso una filosofia di pensiero del tutto differente, prendendo le distanze da chi vuol sfruttare i nuovi stadi per fare affari. Ecco una sintesi di quelle sue parole (la trascrizione integrale è disponibile cliccando sul collegamento ipertestuale): In Italia non c’è la cultura dello stadio, perché vorrebbe dire prendere il Tardini, guardare che cosa manca – bisogna coprire le Curve, dare più comodità al parterre, fare gli spogliatoi più grandi, cambiare l’impianto idraulico, fare quello elettrico – non vuol dire che comprare la DSC07948Cittadella o l’asilo, o 50.000 metri per costruire appartamenti di lusso in centro a Parma o palestre. Questa è la cultura italiana: tutti quelli che vogliono costruire gli stadi vogliono fare l’investimento per la vita. Io sento di progetti dove per costruire uno stadio dicono di avere bisogno di un milione di metri cubi: ma quello vuol dire costruire una nuova città. Se uno vuol costruire un centro sportivo che occupa tutta via della Repubblica non vuol dire fare uno stadio, ma ricostruire il centro storico di una città. Io mi accontento di sistemare le DSC07915strutture sportive, ma di questo certi miei colleghi non si accontentano perché vogliono fare operazioni che non sono solamente inerenti l’attività del calcio, ma altro, e perciò di qui la legge sugli stadi non esce mai… Se uno vuol fare lo stadio lo deve fare dove si trova o in una situazione più comoda – per quanto riguarda Parma c’è la volontà anche dei tifosi di lasciarlo dov’è, ma se non fosse lì la condizione ideale sarebbe da un’altra parte, ma sempre con le stesse metrature o magari un po’ più grandi, con dei servizi. Perché sì, ci si può mettere un parma brandnegozio vicino, o una palestra o una boutique, perché magari il marito e il figlio vogliono vedersi la partita e la moglie vuol vedersi due negozi o compare qualcosa. Non deve essere lo stadio l’ultima situazione all’interno di un ambiente che mi copre altri cento spazi totalmente diversi. Cerchiamo di essere anche noi coerenti… In Italia ci sono degli stadi che fanno schifo: facciamo degli stadi nuovi, degli stadi belli. Ma gli stadi! fabio giarelli stadiotardini comNon facciamo la città nuova…” Insomma prestando fede a queste parole Tommaso non godrebbe affatto il “mega progetto” di totale abbattimento e ricostruzione dell’Ennio visionato dall’imprenditore parmigiano che me lo ha rilevato, ma sarebbe più favorevole a dare una sistemata a quanto non va, e dunque l’ormai imprescindibile famosa copertura della Nord, sostanzialmente promessa da Leonardi con quel suo duplice intervento (dopo Parma Roma in sala stampa e poi alla Festa dei Parma Club) in cui ha sottolineato come sia vergognoso disabili g sport promette tettoialasciare i propri tifosi sotto la pioggia nel 2012 (e io aggiungerei pure i diversamente abili, giacché la famosa tettoria promessa per il loro settore da Martino Ferrari a stadiotardini.com, giovedì 28 luglio 2011, dopo la richiesta di attenzioni di Fabio Giarelli, supporter in carrozzina, non è mai stata installata); e gli impianti elettrici, idraulici, o gli spogliatoi menzionati da Ghirardi nel suo intervento. Lo stesso presidente ha fatto riferimento alla Legge sugli stadi di proprietà che non avanza e dunque di fatto blocca ogni tipo di progettualità da parte dei club. Il precedente maquillage del Tardini lo sponsorizzò DSC03944Calisto Tanzi, a fronte di una convenzione con il Comune di Parma, proprietario dello stadio, tuttora in vigore: eventuali nuovi lavori – dalla semplice ristrutturazione basilare con qualche rattoppo alla totale riedificazione – chi se li dovrebbe sobbarcare? La società? Il Comune di Parma? Penso che l’Amministrazione Comunale abbia tutt’altro tipo di priorità al giorno d’oggi: tra l’altro, sempre durante  un colloquio informale con il sottoscritto, il neo assessore comunale allo sport Giovanni Marani, qualche settimana DSC03948fa, rivelava come avesse in animo di chiedere a Ghirardi di farsi carico, attraverso gli steward, del servizio fino ad ora garantito dai Vigili Urbani, per risparmiare sui costi. Dettaglio che la dice lunga che con i tempi che corrono se ci fosse la possibilità di alienare un’area come quella del Tardini per ricavarci dei soldoni per le asfittiche casse comunali, gli amministratori non sarebbero certo frenati a farlo. Ma va da sé che uno sforzo del genere da parte di una società di calcio dovrebbe esser ripagato con nuove entrate DSC04214ragionevolmente ricavabili solo attraverso quei servizi complementari previsti dal famoso “progetto globale”, quello che a parole il presidente Ghirardi, ascoltato al Parma & Congressi lunedì 15 ottobre, è sembrato avversare. Ma l’ennesimo o gli ennesimi rattoppi quanto sono convenienti a fronte di un abbattimento/costruzione ex novo, ovviamente sempre nell’area del Tardini, giacché Leonardi ha ribadito ancora una volta che l’Ennio è imprescindibile? Insomma il dibattito interno ed esterno a Viale Partigiani d’Italia  è ancora aperto leonardi promessa al tardini per sempre(ufficialmente non si è a conoscenza di incontri ravvicinati tra padrone di casa, alias il Comune, e locatario, alias il Parma FC) alla ricerca della migliore soluzione. Ma la richiesta dei tifosi è forte e chiara: la Nord coperta come regalo per il Centenario, e la promessa di Leonardi pure: “Sistemeremo il Tardini, anche a discapito di qualche risultato”. Come dire, un calciatore in meno, un tetto in più…Ma, Maya permettendo, al 2013 mancano meno di due mesi… Gabriele Majo

 

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

 

GHIRARDI A SCIENZE MOTORIE (5): “IL MIO SOGNO E’ RISTRUTTURARE IL TARDINI, UNO DEGLI STADI PIU’ BELLI D’ITALIA”

LEONARDI, LA PROMESSA: “AL TARDINI, PER SEMPRE, INDISCUTIBILMENTE”

PARMA-ROMA 3-2, LEONARDI GONFIA IL PETTO: “STAVOLTA ERAVAMO IN 10 NOI, CI VOLETE DIRE CHE SIAMO STATI BRAVI?”. E DEDICA LA VITTORIA AI TIFOSI…

 

PARMA BRAND SI PRESENTA CON UN GRANDE HAPPENING ALL’AEROPORTO IL 23 NOVEMBRE

 

FABIO E L’UPPER CLASS AL TARDINI PER I DISABILI

 

GIOVANNI PAOLO BENEDICE L’IDEA “G HANDICAP”

 

DISABILI, ALLA TETTOIA CI PENSA G SPORT

 

UNA TETTOIA PER I DISABILI DEL TARDINI / IL SERVIZIO DI TV PARMA

 

CALCIO & CALCIO / L’ALLARME PSICHEDELICO DI MARTINO FERRARI: “SE SI RESTAURA IL TARDINI PARTITE LONTANO DA PARMA PER UN ANNO”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

8 pensieri riguardo “IL TARDINI DEL FUTURO: ENNESIMO RATTOPPO (LA COPERTURA DELLA “NORD”) O RIFACIMENTO TOTALE?

  • 9 Novembre 2012 in 13:07
    Permalink

    200 milioni di euro?
    La metà li mette Vignali?

  • 9 Novembre 2012 in 13:17
    Permalink

    ma voi mettereste una euro in una cosa che non sara' mai vostra ? ,a volte il qualunquismo oltrepassa l'idiozia. bo torno nella mia botte

    DIOGENE

  • 9 Novembre 2012 in 13:35
    Permalink

    Vignali, Alle, non è più in servizio quale primo cittadino.

    Diogene, il fatto è che non è detto che il Tardini (o un altro stadio) non sarà mai del Parma (o di un altro club). La legge sugli stadi è arenata e Ghirardi ne ha spiegato quali, secondo lui, ne siano i motivi, ma prima o poi si arriverà, come probabilmente è giusto che sia, che ogni club abbia il suo impianto che da qualche anno a questa parte non ha più senso sia Comunale come 100 anni fa.

    Per il resto non capisco di chi sia il qualunquismo che oltrepassa l'idiozia. Se potesse spiegarmelo, prima di entrare nella botte? Io di qualunquismo ne vedo poco: Leonardi ha ragione, nel 2012 è una vergogna che piova in testa ai tifosi. Allora mettiamola così: se anche uno non investe nello stadio (che, ripeto, non è detto che non sarà mai di proprietà della società) può investire sui tifosi: probabilmente creando uno stadio più accogliente forse qualche nuovo/vecchio adepto in più lo si fa? O preferiamo farli ammalare tutti?
    Saluti
    Gmajo

  • 9 Novembre 2012 in 13:48
    Permalink

    Majo c'è una cosa che non mi torna: questo imprenditore ha detto di aver visto un progetto che prevede la realizzazione di uno stadio nuovo e centri commerciali, palestre, parcheggi e multisale…questo significa che verrà costruito altrove? perché nell'area di Piazzale Risorgimento spazio non ce n'è…

    ilCostruttore

  • 9 Novembre 2012 in 15:03
    Permalink

    Salve Il Costruttore, ovviamente io non ho la competenza specifica in materia che ha lei, però l'area Tardini (lei se la deve immaginare completamente "tabula rasa", non con gli odierni immobili ed infrastrutture) non è poi così piccola. Se poi la struttura, come mi aveva rivelato l'imprenditore che ha visto il progetto, è sviluppata su più piani, può capire come un centro commerciale, una multisala e una palestra ci possano tranquillamente stare. Un altro interessante aspetto del progetto sarebbe la realizzazione di un ampio parcheggio sotterraneo, che sarebbe, ovviamente, a disposizione della comunità anche fuori dal giorno e dagli orari della partita. Anche se la problematica principale, in questo senso, la si ha nel giorno dell'evento, perché negli altri non mi pare si viva l'emergenza "dove metto la macchina".
    Comunque le posso garantire che l'imprenditore che mi ha informato stava parlando dell'area Tardini: la delocalizzazione direi che è definitivamente scongiurata. In questo Presidente e AD hanno dimostrato una grande sensibilità ai tifosi innamorati dell'Ennio: anche se il motto dei più puristi era: "Il Tardini non si sposta e non si prostituisce", quest'ultimo verbo ovviamente era appunto relativo alla contaminazione di altre attività commerciali da aggiungersi a quella principale della domenica. Loro non credo godranno qualora ci fosse davvero una trasformazione così in grande stile.
    In effetti io stesso penso che la cifra che mi era stata rivelata da quell'imprenditore fosse piuttosto esagerata: nel senso che si potrebbe costruire uno stadio nuovo spendendo molto, ma molto, ma molto di meno. E per questo chiedo l'aiuto del Costruttore che sicuramente conosce il relativo mercato meglio di me.
    Certo mentre l'imprenditore mi parlava di questo mega-progetto mi sono tornate alla mente le parole di Ghirardi ai ragazzi di scienze Motorie: "Prendere il Tardini, guardare che cosa manca – bisogna coprire le Curve, dare più comodità al parterre, fare gli spogliatoi più grandi, cambiare l’impianto idraulico, fare quello elettrico – non vuol dire che comprare la Cittadella o l’asilo, o 50.000 metri per costruire appartamenti di lusso in centro a Parma o palestre". "Comprare la Cittadella o l'asilo": quale, quello devastato dagli Interisti?, la scuola Michele Pezzani? Insomma bisogna vedere che cosa si erano inventati ingegneri ed architetti, anche se la preferenza del Ghiro, almeno a parole, almeno in quella occasione, era di sistemare il sistemabile.
    Cordialmente
    Gmajo

  • 9 Novembre 2012 in 16:52
    Permalink

    a parte che che non sono esperto (mi sembra stia sfottendo un po' il sottoscritto…ma no problem, mi interessa la discussione piuttosto che futili diatribe ;))le dico subito che sono anch'io scettico sulla cifra in questione e anzi, stante questo progetto, la cifra bisogna almeno ridurla del 50%, così a naso…se poi sono compresi oneri di urbanizzazione vari non so (ma quali poi?)
    sulla grandezza dell'area non ci giurerei sia così grande per attività commerciali…anche perché le case sono attaccate…di sicuro su più piani sarebbe una soluzione, ma le attività che lei descriveva comporterebbero la costruzione di grattacieli, o dovremmo scavare sotto il Tardini per km (ovviamente sono iperboli ;))
    quanto alle parole di ghirardi, la prego non sia pretestuoso…sa anche lei a cosa si riferiva ghirardi…un conto è ammodernare uno stadio inserendo attività commerciali, un conto è costruire quartieri interi, come vogliono fare alcuni presidenti per fare una speculazione edilizia.

    detto ciò continui a informarci sulla questione che è di sicuro interesse

    ilCostruttore

  • 9 Novembre 2012 in 17:29
    Permalink

    Ma che fine ha fatto il progetto di ristrutturazione del Tardini che era stato approntato in vista della candidatura italiana ad ospitare gli europei del 2016? Mi sembrava un buon compromesso tra chi voleva mantenere il Tardini solo uno stadio di calcio, curato ed innovativo ma pur sempre uno stadio, e chi invece immaginava progetti ben più ambiziosi! L'importante comunque è che lo stadio non venga delocalizzato e resti lì dov'è da quasi cent'anni! E lo scrive uno che abita nel quartiere della Cittadella e che tutto sto disagio proprio non lo avverte! Davide

  • 9 Novembre 2012 in 17:44
    Permalink

    continuiamo a parlare di aria fritta

    pro loco

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI