VULPIS: “PLAUDO AL LANCIO DI PARMA BRAND, MA SAREBBE INTERESSANTE CONOSCERE GLI ELEMENTI FONDAMENTALI DEL PIANO INDUSTRIALE”

stadiotardini.com ha chiesto un intervento al direttore dell’agenzia Sporteconomy ed economista specializzato in tematiche di sport-business che qualche mese fa, attraverso il nostro quotidiano on line aveva suggerito di non fossilizzarsi solo sulle plusvalenze, ma di trovare altre forme di sostentamento: “Meglio vendere 100 mila maglie repliche tra Italia ed estero, che fare una plusvalenza con un giocatore, perché il ricavato delle maglie finisce nel conto corrente del Parma, la plusvalenza è solo un aspetto di contabilità. Chi vuole intendere, intenda!”

DSC00130(Marcel Vulpis) – Plaudo all’iniziativa del presidente Ghirardi relativamente al lancio di Parma Brand e di tutte le iniziative correlate, dal nuovo store di merchandising (sicuramente più bello e moderno di quello attuale), fino alle attività di valorizzazione degli elementi tipici del territorio parmigiano, come, per esempio, la cultura e l’enogastronomia. Soprattutto questa filiera può diventare un asset interessante per fare brand positioning per quei tifosi che amano seguire il calcio, oltre la loro squadra, e possono essere interessati a vivere un sabato o una domenica in compagnia, sviluppando quello che tipicamente viene definito marketing sport-turistico. Sarebbe però interessante conoscere gli elementi fondamentali del piano industriale…

Continua la lettura all’interno

 

 

marcel_vulpis11Mi spiego meglio: aprire store, lanciare iniziative è tutto molto bello, ma quali sono i numeri da qui a 18 mesi (almeno) che il Parma FC intende raggiungere e che impatto avranno sulle casse del club? Se non abbiamo questi due dati diventa difficile capire se la strategia posta in atto è un’opportunità reale di crescita per il club o meno. Il calcio, e non parlo solo del Parma, deve essere un po’ meno autoreferenziale e spiegare agli addetti ai lavori (parlo soprattutto dei rappresentanti dei media) gli step dei progetti, gli aspetti tecnico economici, ecc. Il nostro ruolo non deve essere quello di fare da megafono di iniziative altrui, ma spiegarle con parole semplici al grande pubblico e dove possibile fare anche un minimo di critica costruttiva. Detto questo ho visitato di recente lo stadio Tardini e mi era piaciuto sia lo store precedente che quello attuale (con una politica di pricing molto contenuta, considerati anche i tempi attuali e la capacità di spesa delle famiglie), sia l’area DSC00039ospitalità completamente nuova, con tanto di ristorante vista stadio e un pool di 8 Sky box. La strada intrapresa dal Parma FC. è quella giusta e mi fa piacere che, anche dopo la mia intervista al vostro portale, si sia iniziato a capire che la plusvalenza in bilancio non è fonte di ricavo. Meglio quindi vendere 100 mila maglie repliche tra Italia ed estero, che fare una plusvalenza con un giocatore. Perché il ricavato delle maglie finisce nel conto corrente del Parma, la plusvalenza è solo un aspetto di contabilità. Chi vuole intendere, intenda!".

di Marcel Vulpis, direttore dell’agenzia Sporteconomy ed economista specializzato in tematiche di sport-business

 

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

 

IL “DECOLLO” DI PARMA BRAND / VOLPI: “E’ UN MODO PER TROVARE DEI RICAVI DIVERSI DALLE PLUSVALENZE PER LA COPERTURA DEI COSTI” – “DA VULPIS A VOLPI”, EDITORIALE DI GABRIELE MAJO

 

LA DILAGANTE MODA DELLE PLUSVALENZE: “I CLUB NON POSSONO ESSERE TRASFORMATI IN CENTRALI DI ACQUISTO. I PRESIDENTI DOVREBBERO PENSARE A MIGLIORARE LO SPETTACOLO SPORTIVO”

 

NON E’ DETTO CHE LE PLUSVALENZE SIANO UN INDICATORE DI BONTA’ DI GESTIONE…

 

GHIRARDI A SCIENZE MOTORIE (1): “E’ UNA FOLLIA CHE IL SISTEMA BANCARIO NON CONSIDERI LE PLUSVALENZE COME RICAVI”

 

INAUGURAZIONE PARMA BRAND / GHIRARDI: “ABBIAMO INIZIATO A METTERE MANO ALLE STRUTTURE DEL TARDINI. IL RESTO DELLA RIQUALIFICAZIONE DIPENDE DA UN MIX DI SITUAZIONI”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.