IO, AL PROVINO DI “QUELLI CHE IL CALCIO”

Gabriele Majo racconta la sua trasferta a Roma per partecipare al casting del programma di Rai DueGUARDA LE FOTO AMATORIALI

DSC00030(gmajo) – Che io sia un po’ vanesio è piuttosto notorio: del resto, se no, non avrei avuto la precoce vocazione ad impugnare un microfono. Se poi c’è da fare la “figurazione” rispondo sempre presente. Il cameo in “Baciato dalla Fortuna” (film peraltro baciato dalla sfiga) nel camice di un medico del Maggiore accidentalmente scontratosi con la focosa Asia Argento, mi valse l’imperituro appellativo di “Dottor Catturo”, di cui vado orgogliosissimo. Successivamente la mia carriera, diciamo così, è proseguita con alcune comparsate nella fiction “La Certosa di Parma”, dove, in versione imberbe ero un ufficiale austriaco, e in quella barbuta un agricolo in rivolta. Così quando una decina di giorni fa sono stato contattato dal casting di “Quelli che” per il provino non ho potuto che dare immediatamente la mia adesione alla partecipazione alla “audizioni” svoltesi nel pomeriggio di ieri, martedì 10 dicembre 2012, negli storici cine-studi Dear – Rai Tv al Nomentano.

Continua la lettura all’interno

DSC00016In realtà qualche scrupolo di coscienza me lo ero fatto: reputandomi un giornalista d’altri tempi, un po’ tutto d’un pezzo, che non apprezza la nouvelle vague (nouvelle fino lì) dei telecronisti urlatori o peggio ancora dei telecronisti-tifosi (alla Crudeli, per capirci), mi chiedevo quanto quello potesse essere il posto giusto per me, o quanto io potessi fare al caso loro. Del resto, però, quando ti capita un’opportunità è stupido rinunziare, e così, più che altro per non avere rimpianti, sono ricorso al prezioso “segretario di redazione” Luca Russo per l’organizzazione della DSC00024trasferta a Roma. Male che vada, mi dicevo, stacco un po’ dalla solita routine e faccio qualcosa di diverso. L’aspetto eno-gastronomico, poi, è sempre fondamentale e al richiamo di un cacio e pepe non so dir di no. Vabbè, su quest’ultimo punto è meglio soprassedere, perché, a cagione del ritardo di Italo (Ntv ha però addossato le responsabilità alla Rfi, cioè la Rete ferroviaria italiana, cui sono appannaggio le infrastrutture) la “beccata” è saltata. Ben mi sta: fin dai tempi delle prime radiocronache del Parma, ai miei collaboratori, cui DSC00040imponevo levate antilucane, predicavo “l’imprevisto è sempre in agguato” ed in effetti, proprio al fine di evitare di tirarmi giù dal letto troppo presto, avevo fatto pianificare un programma un po’ troppo “impiccato” al fido Russo. Mi sarei sfamato solo a operazione conclusa, attorno alle 16,30, quando, nei dintorni della stazione ferroviaria di Tiburtina non era in servizio, ovviamente, alcuna trattoria tipica, ma solo, ahimè, qualche volonterosa tavola calda. Scelta la meno peggio me la sarei cavata con un panozzo al salame piccante + frittata. E al DSC00005posto del mejo Frascati de Roma – che temporibus illis, l’Oste di Ponte Milvio, dal colore giallo da far invidia a un cinese, ci propinava, prima che optassimo come luogo di degustazione Orte – ho dovuto “bevere” una semplice Sprite. Ancor peggio, però, è andata alla giovane Nicole di Noceto, 21 anni, (che già avete conosciuto se avete sbirciato la video intervista pubblicata in mattinata) il cui Italo è rimasto bloccato nella stazione di Firenze SMN, da cui sarebbe ripartita solo ore dopo con un altro analogo vettore. Non solo: prima di questo DSC00033contrattempo anche il mezzo a motore scelto per raggiungere la stazione aveva fatto le bizze. Comunque sia, ha fatto in tempo a raggiungere il Nomentano per il suo anelato provino e per la piccola vacanza romana che si è concessa nell’occasione. A Bologna, mentre aspettavo il mio, di Italo (ero all’esordio con la nuova compagnia ferroviaria), un po’ sadicamente mi sono divertito a documentare (un piccolo reportage è disponibile nella mia pagina personal su youreporter.it, clicca qui per vederlo) le problematiche che erano occorse a chi aveva DSC00012scelto, per percorrere la medesima tratta verso Sud, un Freccia Rossa, orgoglio delle Ferrovie dello Stato, o se preferite Trenitalia, o come accidenti si chiamano le FS in tempi moderni. La carrozza business numero 1, infatti, non ne voleva proprio sapere di chiudersi ermeticamente. I poveri addetti ne hanno provate di tutte, fin quando il portellone ha deciso di combaciare con lo “stipite”, consentendo la ripartenza del convoglio, proprio quando i responsabili avevano già studiato il “contropiede” di un cambio forzato del “materiale”, alias il passaggio su un altro DSC00014Freccia Rossa. Sostanzialmente lo stesso ritardo maturato dai viaggiatori dell’AV9517 (che avrebbe dovuto lasciare la stazione di Bologna Centrale alle ore 10.18, ma che è partito solo alle 10.54) sarebbe stato più o meno lo stesso dell’Italo che mi ospitava. Chiamasi contrappasso. Nonostante fossi dotato di una precisa cartina con indicato l’itinerario con i mezzi pubblici per raggiungere i cine-studi Dear al Nomentano, causa il ritardo, appunto, opto per farmi “dissanguare” (come direbbe Zio Paperone) dal tassametro di un tassista, catturato al DSC00019volo sotto i cavalcavia del Grande Raccordo Anulare in zona Tiburtina FS. Nonostante il proverbiale traffico (a Roma mancano altre piaghe come l’Etna e la siccità) riusciamo ad arrivare in pochi minuti (e al modico prezzo di 10 euro) a destinazione. All’ingresso della struttura una folla enorme. Cazzarola: ma quanta gente partecipa al casting di “Quelli che…”, penso io. Sbagliando. Perché si trattava di figuranti per la trasmissione l’Eredità. io sarei dovuto tornare una ventina di minuti dopo. il tempo per un giro turistico nel quartiere che mi è parso decisamente DSC00194Lazio, sia per la presenza di uno store biancazzurro, sia per il ricordo del Gabbo. In effetti il numero dei candidati per i provini pomeridiani di Quelli che il calcio era ridotto rispetto ai partecipanti al pubblico de l’Eredità. Io ero il numero 27 (immagino che una ventina fossero stati filmati la mattina, quando sapevo che sarebbe stata presente anche una tifosa parmigiana, la cui foto da consegnare al personale l’avevo scattata proprio io la sera della cena benefica del Parma Club Marco Osio), il numero 29, invece, era un altro tifoso crociato, Luca (anche lui l’avete già conosciuto se avete dato un’occhiata alla già richiamata video intervista con Nicole), poi ce n’era anche uno doriano, con cui ho subito fraternizzato (siamo o non siamo gemellati?), uno della Lazio, uno del Siena (anche se a occhio mi sembrava un professionista dei casting) e uno del Toro (sia pure romano, ma quando suo padre lo portò a DSC00027vedere Lazio-Torino e vinsero i granata, gli disse, “questi mi paiono un po mejo”, facendoli diventare la sua squadra del cuore). Prima dell’arrivo della nocetana Nicole. Le prime foto le scatto di nascosto: si sa mai non si possano fare… Ma poi, dopo aver con una certa disinvoltura sostenuto il provino, chiedo alla commissione non solo di mettersi in posa per farsi immortalare, ma anche di scattarmene una di fianco al backdrop “Rai intrattenimento”, dove poco prima ero stato esaminato. Dicevo all’inizio delle mie remore a partecipare alla selezione: farmi prendere in giro da Vicky Vittoria (idolo di Nicole) non lo ritengo il massimo del professionale, però cercare di importare il mio modo di essere anche in quella trasmissione – si sa mai venga scelto, almeno per una puntata – poteva diventare una mission accettabile: e così, anziché portare, come suggerito, una mia foto agghindato di gialloblù con VIGNETTA STADIOTARDINIpeperoncino (il mio portafortuna alle partite, come poi vi spiegherò…), ho optato per consegnare, stampata su carta fotografica, la vignetta di testata di stadiotardini.com . E’ o non è questo quotidiano on line la sublimazione di una vita dedicata al Parma Calcio, dapprima come radiocronista e giornalista al seguito della squadra, e poi come dipendente della stessa, quale responsabile dell’ufficio stampa e comunicazione? Insomma ho cercato di esser me stesso. Sperando di esser DSC00029apprezzato per i miei valori. Il peperoncino… Beh, una volta mi era accidentalmente capitato di aver portato una bacca di una delle piantine da me coltivate sul balcone (no, alla maria non sono ancora arrivato, anche se all’assenzio sì) in tasca al Tardini e quella volta il Parma vinse. Beh, anche in altre occasioni replicai quella sorta di rito, portando il peperoncino allo stadio. E così quando l’incaricata della Rai che mi aveva contattato per la preselezione, mentre mi chiedeva del rito scaramantico, non ho potuto che raccontargli questa storiella (“un DSC00032peperoncino vero, mica uno di quei cornetti plastificati, veh…), finendo per colpirla. Speriamo di sortire lo stesso effetto sulla giuria… Durante il provino mi è stato chiesto se conoscevo personalmente dei calciatori: beh, con l’attività di ufficio stampa non poteva essere diversamente, no? Però ho anche chiarito che, per precisa scelta professionale, una volta smessi quei panni ho evitato cene o uscite con loro, sempre ammesso che avessero voglia di farne, proprio per non aver alcun tipo di complicità. In precedenza, però, ero stato per qualcuno una sorta di DSC00038confessore (più spesso capita ai massaggiatori di avere questo ruolo), e così, senza far nomi, raccontai di quella volta che un difensore venne da me lamentandosi perché il suo nome non figurava negli schemini pubblicati dai giornali. “E’ colpa tua… Devi intervenire…”, insisteva. Ma io gli spiegai che, favorendo lui, avrei danneggiato gli altri suoi compagni, dandogli una piccola lezione di cosa significa il gioco di squadra. Perché il calcio non è uno sport individuale. Terminata la registrazione, scattate le foto, e girata l’intervista con Nicole e Luca era DSC00044arrivato il momento di lasciare gli studi ai quali mi ero già affezionato. Il Torinista-romano, gentilmente, mi ha fatto da guida per il ritorno, convincendomi ad arrivare fino a Rebibbia (dove c’è l’omonima casa circondariale) in autobus, per poi prendere la comoda Metropolitana. Sei fermate e di nuovo a Tiburtina. In largo anticipo sull’orario dell’Italo di ritorno, previsto per le 17.55, ma arrivato una quarantina di minuti dopo. Giusto il tempo di farmi congelare su una panchina della rinnovata stazione di Tiburtina, assorto nella lettura di Branchie. Grazie al cielo anche il regionale che mi avrebbe ricondotto a casa era pure in ritardo, e così, nel modo migliore, si è conclusa la mia giornata speciale. E ora, con l’entusiasmo di un ragazzino, attendo la chiamata. “Quelli che”, non potete fare a meno di me… Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

11 pensieri riguardo “IO, AL PROVINO DI “QUELLI CHE IL CALCIO”

  • 11 Dicembre 2012 in 14:23
    Permalink

    Mi sfuggono due cose…perché per andare a tiburtina da nomentana è finito al capolinea della metro per tornare poi dietro? Era lì a due passi…
    E poi…perché affidarsi a luca russo per l'organizzazione? È così difficile nell' A.D. 2012 organizzare in maniera autonoma un banalissimo viaggio a roma?

    Tom Tom

  • 11 Dicembre 2012 in 14:44
    Permalink

    BACIATO DALLA FORTUNA E' BACIATO DALLA SFIGA SEMPLICEMENTE PERCHE'E'UN FILM IMPROPONIBILE,SEMPLICEMENTE ORRENDO

  • 11 Dicembre 2012 in 14:48
    Permalink

    Salve Tom Tom,

    io, oltre ad essere un giornalista di altri tempi sono un uomo di altri tempi per cui mi trovo poco a mio agio con diavolerie tipo "tom tom" appunto, preferendo muovermi in maniera più tradizionale, con il risultato, magari di perder del tempo. Imprevisti che lo stesso hanno il loro fascino.
    Pur essendomi organizzato miriadi di viaggi da solo per me e per i miei colleghi, da quando ho in squadra Luca Russo che, diciamo così, è un esperto del settore, in modo forse un po' pigro, ho deciso di affidarmi a lui, molto più capace di me nel districarsi nelle migliori offerte dei vari vettori, scegliendo, alla fine, quella che più fa al caso mio.
    Sul fatto di essere finito fino a Rebibbia (anche se non ancora nella locale casa circondariale) spiegherò meglio l'evolversi delle circostanze. Durante i 20' di attesa dall'accesso negli studi degli "eredi" al mio, mi ero studiato ben bene il percorso di ritorno battezzando la giusta fermata dell'autobus (che peraltro mi avrebbe portato a destino, senza bisogno della metro), esattamente dalla parte opposta rispetto a quella poi scelta dal mio accompagnatore, al quale ho fatto presente la cosa. Ma questi, pur dandomi ragione, forse poiché nel frattempo stava giungendo il torpedone, ha deciso lo stesso di salire e farmi fare l'edificante giro turistico nella periferia di Roma, campi rom attrezzati e baraccopoli incluse. Tutto molto diverso dal Colosseo, ma tant'è. Del resto dovendo ammazzare in un qualche modo il tempo in attesa dell'Italo di ritorno, il giro in autobus poteva anche starci…
    Cordialmente
    Gmajo

  • 11 Dicembre 2012 in 14:53
    Permalink

    In effetti penso che chiunque, senza scomodare un Morandini, possa arguire che il film in questione non è proprio di estremo valore artistico. Tuttavia il mio riferimento alla sfiga era, oltre dovuto al gioco di parole con la fortuna richiamata nel titolo, per via delle vicissitudini dell'Amministrazione Comunale poi deposta. Tra le comparse c'erano anche Jacobazzi, Vignali & C. e a lungo si era parlato di film riparatore dell'immagine dei "vopi" dopo il noto caso Bonsu…
    Cordialmente
    Gmajo

  • 11 Dicembre 2012 in 15:24
    Permalink

    Pensa che l'ho mandata anche io la richiesta 😀
    Vabbè, ma se ci sei in gara tu, non scendo nemmeno a Roma!

  • 11 Dicembre 2012 in 15:34
    Permalink

    Grazie Plin, ma è più facile che cerchino dei tifosi non dei giornalisti… Tentar non nuoce. Loro mi avevano parlato di una richiesta che io avrei presentato: io in realtà non ricordo di aver mandato il modulo, per lo meno, sicuramente, non quest'anno… Comunque meglio così. E' un gioco. Partecipa, magari potrai dire di avermi superato 🙂

    Ciao Grazie
    gmajo

  • 11 Dicembre 2012 in 16:10
    Permalink

    ma perchè non sei restato a Roma !!!
    Un caro amico.
    Ciao

  • 12 Dicembre 2012 in 14:52
    Permalink

    Se i testi di Majo fossero delle partite, si potrebbe dire che la gara vera e propria comincia più o meno al minuto 76, dopo una sequenza interminabile di saluti al pubblico, scambi di gagliardetti, strette di mano, saltelli sul posto, stretching, cambi di campo, altre strette di mano, consegna alla panchina dei gagliardetti altrui… Dailà, taglia un poco.
    Poi però, quei 14 minuti di partita, bisogna dire che sono mica male…

  • 12 Dicembre 2012 in 15:11
    Permalink

    il fatto gli è, caro Ermete, che fanno parte della mia partita anche i 76 minuti precedenti, non solo i 14 mica male. Anzi i 14 sono mica male grazie ai 76 precedenti… Sarò un inguaribile romantico, ma anche i preliminari hanno il lor perché non solo l'atto finale…
    Detto questo: grazie per il consiglio, sarò de coccio, come mi dice qualcuno con quell'accento, ma tiro dritto per la mia strada…
    Cordialmente
    Gmajo

  • 12 Dicembre 2012 in 15:19
    Permalink

    Come direbbe qualcuno, Majo, bisogna fare dei punti. E tra i preliminari (1 punto) e l'atto finale (3 punti), c'è differenza.
    Ermete Bottazzi versione Boccaccio

  • 12 Dicembre 2012 in 15:23
    Permalink

    Caro Ermete, versione Cinquini, tre preliminari valgono un atto finale (Majo, versione Colomba)

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI