ALBERTO CERRI, STELLA DEGLI ALLIEVI NAZIONALI, SI PRESENTA A STADIOTARDINI.IT: “LUCARELLI MI DICE CHE DEVO ESSERE PIU’ DETERMINATO…”– Videointervista

(gmajo) – I Veterani dello Sport ci videro lungo fin dal lontano 2010, quando decisero di attribuirgli il Premio Mallozzi, inserito nella cornice del Sant’Ilario per lo Sport: e ieri sera, ad Alberto Cerri è stato consegnato il riconoscimento quale atleta del mese di Settembre 2012, durante la cerimonia di consegna dei Premi Atleta del Mese e Atleta dell’Anno 2012, con la seguente motivazione: “Attaccante degli Allievi Nazionali A del Parma FC, classe 1996, si sta mettendo sempre più in luce sia nella squadra allenata dall’ex bomber Cristiano Lucarelli, dove ha segnato una tripletta sia all’esordio con il Livorno che contro la Juventus. Inoltre, nella Nazionale Under 17 guidata dall’ex centrocampista crociato Daniele Zoratto, Cerri si è distinto per tre reti segnate al torneo di Birmigham e per il gol contro Israele nel Quattro Nazioni”. Ha consegnato il riconoscimento Corrado Cavazzini, presidente UNVS Parma. Al termine della cerimonia lo abbiamo voluto meglio conoscere conversando con lui in questa video intervista in cui ci parla del suo allenatore, Cristiano Lucarelli, che gli chiede di essere più determinato: “E non ha tutti i torti – ci ha confidato – alle volte sono troppo lezioso, ma non è superficialità, perché non sono superficiale, perché io faccio il cucchiaio al portiere con la stessa cattiveria con cui tiro in porta. Certo è più conveniente tirare in porta, perché se anche sbagli hai fatto la cosa giusta, però a me piace provare…”. Cerri è nipote e figlio d’arte (il nonno Ercole Gualazzini ha fatto la storia del ciclismo parmense, mentre il papà Davide ha avuto una lunga carriera nel calcio dilettantistico), e a proposito dell’avo dice: “Come determinazione è peggio di Lucarelli…”. Al Tardini ha già segnato una volta (un anticipo contro la Sampdoria, terminato 1-1), ma sotto la Curva Sud e non vede l’ora di provare l’emozione di far gol sotto la Curva Nord, che ha frequentato anche da semplice tifoso, anche se ora ha l’abbonamento nei distinti…

GUARDA IL VIDEO CON L’INTERVISTA DI MAJO A CERRI

 

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

One thought on “ALBERTO CERRI, STELLA DEGLI ALLIEVI NAZIONALI, SI PRESENTA A STADIOTARDINI.IT: “LUCARELLI MI DICE CHE DEVO ESSERE PIU’ DETERMINATO…”– Videointervista

  • 29 Gennaio 2013 in 12:31
    Permalink

    Lucarelli che e c’e’

I commenti sono chiusi.