L’AFFARE FIDELEFF (COSTATO AL PARMA 18.000 EURO AL MINUTO) EMIGRA IN ISRAELE… – Amarcord: quello striscione e quelle lacrime napoletane a Levico…

fcparma com comunicato fideleff(Luca Russo)Alle 16.26 del 14/07/2012, il Parma rende noto di aver preso dal Napoli, in prestito con diritto di riscatto della metà, il difensore Ignacio Fideleff. Duecentomila euro il costo dell’operazione (come riportato da www.transfermarkt.it) e l’aggiunta di un milione se a fine stagione se ne vorrà acquisire la metà. La notizia viene annunciata con un comunicato di appena due righe e coi toni che si è soliti usare quando c’è da far sapere di aver chiuso una normalissima operazione di mercato e non l’affare del secolo: poca enfasi (del resto non avevamo messo le mani su Sneijder o Giuseppe Rossi!) e quel pizzico di ‘freddezza’ che è 428961_3469936710881_52064363_nlecito faccia da condimento alle contrattazioni di tono minore. La voce si diffonde velocemente sul web, ci si aspetta che i tifosi la incassino senza farci troppo caso o, peggio ancora, con assoluta indifferenza: in fondo non è mica arrivato Puyol o ritornato in Emilia il grande ed insuperabile Thuram. E invece la piazza accoglie l’ingaggio di Fideleff con moderata e insolita gioia. Tutti, grosso modo, ne sono soddisfatti ancor prima di averlo visto all’opera. Fa nulla che il Napoli se ne sia liberato così rapidamente e che nel Napoli e a Napoli non abbia lasciato un ottima impressione di sé (sotto il Vesuvio se lo ricordano soprattutto per un erroraccio commesso durante un Chievo-Napoli dello scorso campionato: da quella papera DSC01106scaturì la rete di Moscardelli e, di fatto, anche la sua bocciatura definitiva): si rifarà qui a Parma, si dice. Di parere diametralmente opposto i tifosi partenopei. Tra i quali, però, c’è ancora qualcuno pronto a scommettere sull’argentino: si tratta di una ‘pattuglia’ di supporters campani che si spingono fino a Levico (sede del ritiro estivo del Parma) per salutare il loro ex beniamino ed augurargli le migliori fortune professionali.Arrivano da Lucrino, piacente frazione di Pozzuoli in cui hanno avuto dimora sia Cavani che Fideleff, e DSC01118viaggiano con uno striscione al seguito. Dedicato allo stopper sudamericano: “Ignacio dovunque andrai sarai sempre nei nostri cuori”. Qualcuno si lascia anche scappare una mezza lacrimuccia: dopo aver metabolizzato, sia pure a fatica, il trasloco di Cavani, finito intanto al Vomero (elegante quartiere collinare di Napoli), quello di Fideleff è un boccone amaro che non vuole saperne di andare giù. Sia per questioni di cuore, non capita tutti i giorni di avere un proprio idolo come vicino di casa, che per principato locrinoragioni di ordine tecnico/tattico. Quei tifosi azzurri apprezzano il difensore argentino e, parafrasando De Gregori, sono convinti che “non è da un solo errore in una sola partita che si giudica un giocatore”. E aggiungono: “Gli auguriamo di ripercorrere le gesta dei fratelli Cannavaro, nati a Napoli, ma diventati grandi a Parma”. Più che un auspicio, a giudicare dall’esperienza maturata a Parma dal difensore argentino, si è trattato di una macumba. Non se ne offendano i ragazzi, peraltro anche un po’ stagionati, del principato di Locrino. Ma coi fratelli Cannavaro Fideleff ha (e continuerà ad avere) in comune una sola cosa: l’aver vestito, come loro, le casacche di Napoli e Parma. Stop. Per carità, reggere il paragone con Fabio era un’impresa, ma non aver degnamente figurato nemmeno in quello 486163_3469884069565_2034896700_ncon Paolo (che al fratello avrebbe tante cose da invidiare)…beh…la dice lunga sul valore del sudamericano. Di cui noi, in tutta onestà, nulla potremmo dire per il semplice fatto che in maglia crociata l’angelo dai capelli biondi (primo piano di trequarti a lato: foto di Angioldo) non è che abbia visto spesso il campo. Anzi, a dirla tutta, non l’ha visto quasi mai. Se non per undici brevissimi minuti (nove regolamentari e due di recupero) nel 4-1 col quale i Crociati hanno regolato il Cagliari poco prima di Natale. Undici minuti che Fideleff non avrebbe mai giocato se in quella circostanza non fosse stato Biabiany, preda della stanchezza, a chiedere il cambio a Donadoni. Tenendo presente la cifra che Ghirardi e 614_3469916190368_1095180624_nLeonardi hanno deciso di investire per ‘strapparlo’ al Napoli, che, lo ricordiamo, se ne è liberato con estrema facilità e pochissimi rimpianti, l’argentino è costato al Parma ben 18.000 euro al minuto! Senza che il Parma abbia potuto ricavarne qualche beneficio in termini di punti, reti o prestazioni di particolare rilievo. Quando si dice: le buone occasioni del mercato. Per avere Belfodil, che invece con le sue sette realizzazioni qualche punticino in classifica l’ha portato, al Lione sono stati corrisposti 2.500.000 DSC00058euro (fonte: transfermarkt.it). In campionato il franco-algerino è stato impiegato per 1196 minuti. I conti son presto fatti: fin qui il Medicinale è costato a Ghirardi ‘appena’ 2.100 euro per ogni giro di lancette che ha trascorso sul rettangolo di giuoco. Ossia decisamente meno rispetto a quanto si è dovuto versare nelle casse di De Laurentiis per avvalersi delle (non) prestazioni di un giocatore che i tifosi crociati non rimpiangeranno quando ne sarà formalizzata la cessione, che, al netto di improbabili ripensamenti dell’ ultim’ora, potrebbe aver luogo a breve: Fideleff, secondo indiscrezioni riportate dalla redazione di Sky Sport e rilanciate da tuttomercatoweb.com, è in procinto di passare al Maccabi Tel Aviv. In Israele ci andrà in prestito oneroso con diritto di riscatto. Una formula che al Parma permetterà di recuperare quei 200.000 euro inceneriti in un caldo pomeriggio d’estate. Luca Russo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

 

IGNACIO, DONDE QUIERA QUE VAYAS SIEMPRE ESTARAS EN NUESTROS CORAZONES (Fotogallery amatoriale)

IL PRINCIPATO DI LOCRINO E LO STRISCIONE PRO-FIDELEFF : “NON E’ DA UN SOLO ERRORE IN UNA SOLA PARTITA CHE SI GIUDICA UN GIOCATORE. GLI AUGURIAMO DI RIPERCORRERE LE GESTA DEI CANNAVARO, NATI A NAPOLI, MA DIVENTATI GRANDI A PARMA”

10 pensieri riguardo “L’AFFARE FIDELEFF (COSTATO AL PARMA 18.000 EURO AL MINUTO) EMIGRA IN ISRAELE… – Amarcord: quello striscione e quelle lacrime napoletane a Levico…

  • 23 Gennaio 2013 in 13:02
    Permalink

    Beh, proviamo a capirci. 24 giocatori erano a disposizione del Don, quasi tutti costati chi poco e chi niente. Pabon pare che valga ancora i 4 milioni, così lo rimandiamo in sudaamerica sian problemi familiari o saudade non ci costa nulla (tolti i sei mesi di stipendio). Fideleff è passato ed andato alla pari anche lui, nessuno l’ha mai invocato. Veniamo alle cose positive. Rosi, benny, Parolo costati chi poco e chi niente stan facendo il loro, giocatori più che discreti e affidabili. I parametro zero Amauri, Sansone e Marchionni possiamo definirli di ottima soddisfazione. Conferme che vengon da lontano anche per Zac, Paletta, Biabia, tutti giocatori fondamentali nello scheletro gialloblu. Io prima di glorificare Belfagor però farei notare che ha fatto sei goal, cinque Amauri, quattro Sansone. Tutti potenzialmente possono andare in doppia cifra. Mica male.

  • 23 Gennaio 2013 in 13:05
    Permalink

    Infatti… eh dai. Mica si può sempre criticare. Si recupereranno quei 200.000 euro. E’ costato tanto… ma anche poco.

    • 23 Gennaio 2013 in 14:19
      Permalink

      Buondì Bardo, e quale Bardo (gialloblù), capisco il suo “Mica si può sempre criticare”. Però mica si può sempe osannare. E allora il giusto mix è osannare e criticare, e sempre con quello stile che ci contraddistingue senza esagerazioni, ma con un pizzico di ironia.
      Detto questo non sono neppure d’accordo con chi critica eccessivamente il giocatore, perché di opportunbità per mettersi in luce, purtroppo per lui non ne ha avute, anche se vale il discorso opposto e cioé che se di opportunità non ne ha avute è perché non non lo meritava.
      Detto questo il nostro Columnist ha anche reso merito alla società di aver speso solo sui 2.000 euro al minuto per le prestazioni di Belfodil, che diciamo essere, fino a questo punto, l’unico investimento programmato che a metà stagione ha reso; Sansone è esploso, ma la sua esplosione non è stata tanto programmata, mentre Pabon e Ninis, sono stati utilizzati con il contagocce. In pratica come Fideleff. Se Russo avesse voluto solo criticare (esercizio che in democrazia dovrebbe essere lecito, anche per le “spine nel fianco”) anziché fare il conto della spesa al minuto confortante del Medicinale avrebbe potuto fare quella più penalizzante circa Pabon. A proposito: pochi giorni fa (sabato 19 gennaio 2013), anche se non ho avuto occasione di chiosare, in un pastone di mercato non firmato la Gazzetta di Parma (edita dall’Upi, consociata del Parma FC), parlando del futuro del colombiano aveva scritto un inciso-punzecchiatura, all’interno del virgolettato del suo procuratore Calleri: “Il ragazzo preferirebbe restare in Europa (in barba ai seri problemi familiari di cui si scrive da due mesi), ma la scelta verrà effettuata in sintonia con il Parma”. Etc Etc… Bene, se si possono permettere punzecchiature i soci, immaginarsi noi che siamo indipendenti (e talora visti, per questo, col fumo negli occhi).
      Cordialmente
      Gmajo

  • 23 Gennaio 2013 in 13:19
    Permalink

    Uno dei giocatori più scarsi che abbiano mai calcato il terreno di gioco del Tardini!
    Il colpo è disfarsene…

  • 23 Gennaio 2013 in 14:38
    Permalink

    Ragionamento pretestuoso come quasi sempre in questo blog. Fideleff ha giocato pochissimo, d’accordo, ma in campo si scende in undici, non in ventiquattro o venticinque. Se avesse avuto un minutaggio maggiore, qualcun altro avrebbe avuto un minutaggio minore e quindi sarebbe costato di più per ogni minuto giocato, no? Il ragionamento potrebbe reggere nella sua capziosità se Fideleff fosse stato caro, ma per meno di 200mila euro chi prendi in serie A? Nessuno.
    Quanto al fatto che “non si può sempre elogiare”, egregio Majo, sono d’accordo. Ma è un pericolo che questo sito non corre certamente

    • 23 Gennaio 2013 in 15:20
      Permalink

      Vede caro Ottavio, la nostra “offerta” fa un po’ specie proprio perché è diversa dalle altre. E noi andiamo orgogliosi della nostra diversità. Il nostro quotidiano on line non suole essere pretestuoso né capzioso, come lei caro Ottavio (o se preferisce Fedele, dal momento che Ottavio è solo un clone del medesimo o unb fake) vorrebbe far credere alla Comunità, ma solo pone ragionamenti e valutazioni che lei – con le sue molteplicità identità – è liberissimo di criticare, ci mancherebbe altro, qualora non si trovasse d’accordo. Poi sfonda una porta aperta quando sostiene che giocando in undici più tre rincalzi, alcuni della rosa finiscono per essere meno utilizzati. E’ pacifico, come direbbe Donadoni, o è matematico. Però, e copio Schianchi, il Suo caro Leonardi fa proprio come il Saltimbanco Boni che ne spara 100, ne azzecca 50 e poi continuare a vantarsi di quelle 50 che ha azzeccato. La politica dell’AD è la stessa (e lo ha dichiarato lui stesso): ne prendo 100 (di giocatori) e tra questi ce ne saranno un tot che esplodono e un tot che implodono. Però se bisogna dirgli bravo per Belfodil (e non ci siamo mai tirati indietro), altrettanto si può essere liberi di poter parlare dei flop. Che non sono pochi. Sia nella presenete stagione, che in quella scorsa.
      Cordialmente Gmajo
      Ps: E scelga di mantenere una singola identità, poiché i cloni o fake vengono automaticamente “sgamati” e “bannati”. Stavolta, manualmente l’ho recuperata per rispetto dalla spazzatura. La prossima volta la lascio lì. Io preferirei, per continuità, che si chiamasse “Fedele”: se opta per Ottavio, però, poi si firmerà sempre come Ottavio.
      Saluti
      Gmajo

  • 23 Gennaio 2013 in 15:43
    Permalink

    uno dei tanti movimenti da mercato “random” di cui sto ancora cercando di capire il significato tecnico ed economico,fortunatamente non ce lo hanno mai propinato in campo salvo l’amichevole con la doria o poco piu’

  • 23 Gennaio 2013 in 22:30
    Permalink

    Scusi Majo i flop di Leonardi quali sono stati ?

    Fideleff non è stato assolutamente un flop, è stato un prendere un difensore a pochissimo prezzo per fargli fare la riserva e così è stato.
    L’unico vero flop di Leonardi è stato Pabon, ma considerato che lo rivende a 5 milioni di euro in messico non fa nenahce minusvalenza.

    San PIetro ha ragione anche quando ha torto

    • 23 Gennaio 2013 in 23:58
      Permalink

      Salve Dents,

      San Pietro avrà ragione anche quando ha torto, ed è difficile parlare di flop con una squadra che veleggia dalla parte sinistra della classifica. Tuttavia il rendimento deficitario dei singoli non riguarda il solo Pabon. Possiamo aggiungere tranquillamente anche Ninis. Fideleff rispetto a Benalouane è stato un flop, considerato lo scarso utilizzo; Santacroce è qui da due anni ma ha avuto più guadi di Palladino.
      In questi anni di meteore ne sono passate a bizzeffe, appunto per il principio (peraltro promulgato dallo stesso Leonardi) che si tratta di fare più scommesse. Qualcuna si vince, qualcuna si perde.
      Su Pabon, poi, non sono così sicuro che vada in Messico (prima dicono che sta qui, poi che va via in prestito, poi ora si dice ceduto a titolo definitivo: insomma tutto e il contrario di tutto), né tanto meno che possa essere mantenuto lo stesso valore di mercato. Capiamoci: vale lo stesso ragionamento dei presunti torti arbitrali, non è che valgono solo quelli a sfavore, vanno conteggiati anche quelli a favore, se no la contabilità non torna; così come il valore di mercato di un giocatore: se Belfodil ha visto quadruplicato il prezzo del suo cartellino in mezza stagione perché ha fatto bene, non si capisce perché quello di Pabon non si dovrebbe essere svalutato, avendo deluso. Insomma lei creda pure che Gesù Cristo è morto per il freddo dei piedi. Io continuo a credere perché è stato crocifisso.
      Cordialmente
      Gmajo
      Gmajo

  • 24 Gennaio 2013 in 01:49
    Permalink

    Se un giocatore esplode oppure floppa non si può dare colpa o merito al DS a mio avviso.Il ds prende i giocatori che servono al mister in base ai soldi a disposizione ed in base al progetto tecnico,ma se poi un Fideleff dopo 6 mesi va via non vedo che colpa ne può avere Leonardi.L’esplosione di un giocatore(o cmq il buon rendimento) dipendo da tanti fattori,non solo se un giocaotre è bravo oppure no,conta la fidcuia del mister,l’impegno del giocatore,l’ambiente,le pressioni etc etc…quanti giocatori in certe piazze hanno fatto cose straordinarie ed in altre hanno fallito miseramente??

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI