giovedì, Aprile 18, 2024
NewsSportello ReclamiVideogallery Amatoriale

SPORTELLO RECLAMI / VIDEO E LETTERA DI UN TIFOSO DEI DISTINTI CHE LAMENTA DISPARITA’ DI TRATTAMENTO DEGLI STEWARD TRA SUPPORTERS DEL PARMA E DELLA JUVE

Dal tifoso crociato Filippo Marchesan riceviamo questo video accompagnato dalla seguente lettera: 

“Buonasera, questo è il video che ho girato con il mio smartphone di come è la situazione allo stadio nella zona dei distinti. Quando ci sono le squadre cosidette BIG, Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma succede sempre che i tifosi ospiti possano fare quello che ne hanno voglia: si accomodano dove non possono e in posti che dovrebbero essere inaccessibili e protetti dagli steward o dagli addetti ma come potete vedere questa cosa non accade. Anzi, uno di loro quello che nel video dico che mi da del cretino, mi fa il gesto di stare zitto e di guardare la partita. Ho chiesto a loro perchè non intervengono e mi è stato detto che loro non posso farci nulla! quando invece con l’Inter mi ero alzato in piedi e mi ero messo ad eslutare sul camminatoio sono stato subito fermato e mi è stato detto di rimettermi seduto! Altri signori che hanno visto che stavo discutendo e facendo il video sono venuti a darmi le loro testimonianze, un signore di una certa età si era messo in quei posti per ripararsi dalla pioggia e mi ha detto che è stato mandato via, idem il figlio di un signore che si era seduto con un amico è stato subito fatto accomodare. Mentre cosa succede quando arrivano gli ospti ? Non li si può toccare perchè come mi è stato detto dal capo steward ci sono due pesi due misure: i tifosi delle squadre avversarie BIG vanno lasciati stare perchè sono tanti ! E per di più non è colpa loro perchè è colpa della società che vende più biglietti dei posti disponibili quindi per loro diventa un problema spostare questa gente quindi cosa fanno? Nulla si guardano la partita e basta! Oltre a questo aggiungo che questi tifosi hanno anche la libertà di “sfotterci” quando segna la loro squadra, si alzano urlano saltano e ti insultano (mi ricordo un tifoso del Milan che al goal del Milan si era alzato girato verso l’alto e aveva iniziato a farci il segno di andare a casa! O quando giocava Ibraimovich… Nessun problema perchè loro possono tifare tranquillamente: se invece lo fa uno del parma invece rischia di venir ripreso dallo steward di turno! Ma che storia è ?! Dovrebbero esserci si due pesi due misure, ma verso noi! Verso i tifosi del Parma che sono abbonati al parma da 10/15/ 20 anni! Chi va nei distinti spende 600 euro ! per venire a vedere la sua squadra! Per la cronaca io vengo allo stadio da quando ho 6 anni e ora ne ho 36 e con me c’è sempre mio nonno che ne ha 96 di anni! Se non siamo noi tifosi del Parma non so chi lo dovrebbe essere ! Dovremmo essere noi quelli rispettati e con qualche privilegio in più rispetto ad un tifoso avversario che viene a vedere una partita ogni anno se va bene!

Cordiali Saluti e comunque sempre FORZA PARMA

Filippo Marchesan

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

3 pensieri riguardo “SPORTELLO RECLAMI / VIDEO E LETTERA DI UN TIFOSO DEI DISTINTI CHE LAMENTA DISPARITA’ DI TRATTAMENTO DEGLI STEWARD TRA SUPPORTERS DEL PARMA E DELLA JUVE

  • Intervengo volentieri sull’argomento, perchè anche a me è successo oggi di essere circondato da tifosi della Juventus. Io però mi sono divertito a leggere la partita coi loro occhi attraverso i loro commenti. Inutile dire che abbiam visto due partite diverse, ma entrambe divertenti. Un bambino teneva nascosta la sua bandiera bianconera e al goal di Pirlo l’ha sventolata felice, col padre ammiccante e di certo mandatario. Sono fotografie del tifo che testimoniano la passione per il calcio che nulla ha a vedere con la violenza premeditata compiuta fuori dai cancelli da alcuni facinorosi mascherati. Chiudo subito la reprimenda perchè lo ritengo un fatto marginale, esecrabile ma marginale, perchè 20 mila persone oggi han visto bel calcio ed ognuna di loro recriminerà la mancata vittoria della squadra del cuore. La salsa verde è piaciuta così come gli anolini e il bollito. Non fischiato un evidente rigore del portiere nazionale impaperato. Ma di questo episodio non parlerà nessuna TV per non indispettire i miei vicini di tribuna che in Italia son maggioranza. Anche questo è calcio. Meglio il brodo di cappone.

  • Benvengano la coraggiosa di segnalazione di Marchesan e un sito che la pubblichi. Certe cose non sono ammissibili. Siamo sempre qui, se non ci fossero i tifosi non avrebbero senso di esistere nè squadre, nè caciatori fenomeni, nè mister, nè AD ,nè Presidenti, pr, uffici stampa…e via via a scendere fino agli steward. Quindi rispettiamo chi merita davvero rispetto e anche riconoscenza perchè legittima i personaggi sopracitati, diversamente di ben poco interesse.

  • Cari ragazzi fate come ho visto fare ieri da alcuni ragazzi dei distinti che anni fa vedevo in curva. Al gol della Juve gli Juventini verso la nord hanno esultato ma uno ha proseguito in modo scomposto e facendo gesti che potete immaginare al che questi di Parma si sono alzati e hanno fatto smettere “con le loro maniere”. Gli steward sono arrivati dopo quando gli Juventini hanno capito che non era il caso di insistere. Fate sentire gli ospiti “ospiti” appunto e se esagerano fate arrivare gli steward…ma dopo, ecco!

I commenti sono chiusi.