AZZURRO RUSSO / IL RITORNO DELLA FILOSOFIA DEI BLOCCHI: E’ UNA NAZIONALE BIANCOROSSONERA. PER FORZA…

cesare prandelli stadiotardini it(Luca Russo) – Chiamatela pure ItalJuve. Ma non scordatevi del Milan. Nazionale a due facce, e tre colori, quella che è appena atterrata ad Amsterdam, dove domani sera sfiderà, in amichevole, l’Olanda del guru  Van Gaal. Biancorossoneri per forza.  Il suggerimento cromatico è dettato, quasi imposto, dal campionato. E tempestivamente accolto dal commissario tecnico Cesare Prandelli. Che, per la verità, non avrebbe potuto fare altro che dar credito ai verdetti fin qui espressi dalla nostra massima serie. La Juventus ha ripreso a frullare gioco ed avversari, e, Napoli permettendo (di quelle che sono ai vertici della classifica, è l’unica che nel 2013 non ha ancora accusato uno scadimento di forma), il tricolore dovrebbe ricucirselo, senza DSC00038problemi, sul petto. Il Milan è in crescita: lo Scudetto, al lume dello strapotere bianconero, resta un miraggio. La Champions League, invece, è un sogno a portata di mano. La Lazio è appena tre punti più su e per due mesi dovrà fare a meno del suo totem Klose: senza il tedesco, il rendimento dei biancocelesti capitolini è quello di una squadra che farebbe fatica pure a salvarsi. E allora che l’Italia prandelliana si colori di bianco, rosso e nero, ci pare la soluzione migliore, ed anche quella più logica, cui il CT potesse ricorrere. Sulla tenuta in nazionale degli juventini, non nutriamo dubbio alcuno. In questo senso, l’ultimo Europeo e le DSC00053prime quattro uscite del girone di qualificazione al Mondiale brasiliano, ce ne hanno già fornite di prove. Buffon e Barzagli (insieme a Chiellini e Bonucci, domani assenti: il primo per infortunio, il secondo per l’applicazione del codice etico, divenuta inderogabile per via della sua partecipazione attiva alla ‘caciara’ scatenatasi a margine dell’infuocato Juventus-Genoa), offrono grande solidità e tanta esperienza non solo al reparto arretrato, ma a tutta la fase difensiva. Con loro, DSC00060dietro non dovremmo correre grossi rischi. In cabina di regia, in attesa della definitiva consacrazione di Monsieur  VerrattiPirlo è insostituibile. Come del resto lo è in bianconero: la sua assenza fa male ai Campioni d’Italia più di quanto gliene faccia la mancanza, in avanti, di un goleador alla Cavani. Con una complicazione in più per Prandelli: alla nazionale manca un Pogba di scorta da gettare nella mischia quando e se dovesse servirci. Senza il regista di origini bresciane la Juventus, e dunque anche l’Italia, perde di inventiva e imprevedibilità. E, per DSC00149quanto Pirlo non sia veloce e dinamico come quel tale che risponde al nome di Usain Bolt, la sua rapidità di pensiero (e di esecuzione) è una dote che fa difetto agli altri mediani nel giro della Nazionale. Ma non è tutto: la presenza dell’ex rossonero schiude spazi invitanti ai centrocampisti che gli fanno da guardie del corpo. Marchisio e Vidal, in bianconero, e De Rossi e lo stesso principino, in azzurro, ne sanno qualcosa. Così come fan gli illusionisti, Pirlo attira su di sé l’attenzione dei rivali, che puntualmente cascano DSC00099nella trappola, e chi gli è vicino può beneficiarne privo come è di qualsiasi marcatura. Il trucco, insomma, c’è, ma Andrea lo nasconde benissimo. Senza il numero 21, la libertà di cui godono in sua presenza, che induce gli avversari a riservargli il triplo delle attenzioni che normalmente vengono dedicate ai giocatori della porta accanto, i vari Marchisio e De Rossi possono tranquillamente dimenticarsela. Della serie: se non c’è il marziano, possiamo curarci anche dei terrestri.

DSC00112Il blocco milanista, rispetto a quello bianconero, dà qualche certezza in meno, ma altrettanto talento. Abate, che a gennaio sembrava pronto a far le valigie per trasferirsi ai russi dello Zenit (allenati dall’italiano Spalletti), salvo poi restare al Milan (con evidente gradimento di Prandelli che in questo modo potrà verificarne personalmente le condizioni ed il rendimento, senza doversi sobbarcare lunghi e faticosi voli continentali), potrebbe definitivamente togliere il posto a Maggio. L’esterno partenopeo è ai box per un infortunio alla mano sinistra, capitatogli proprio DSC00116quando le sue quotazioni erano segnalate in ripresa dopo un inizio di stagione poco promettente. Saprà approfittarne il rossonero che già agli Europei di Polonia ed Ucraina ha dimostrato di meritare il posto fisso? Al momento non ci è dato saperlo. Ma l’essersi guadagnato una casella nell’undici di partenza che domani se la vedrà con gli orange e le condizioni fisiche non eccelse in cui versa il suo competitor Maggio, sono l’ideale trampolino da cui lanciarsi per arrivare in Brasile coi galloni del titolare inamovibile. Montolivo, in azzurro, non è più una novità. Né una sorpresa. Stupisce, piuttosto, che il rendimento offerto con Prandelli, sia sensibilmente più alto di quello garantito alla corte di Allegri. Per il Riccardo nazionale, l’effetto balsamico del clima mite e temperato di Coverciano è più salutare del gelo preso durante certe sgambate in quel di Milanello. DSC00113Ci chiediamo, in proposito, quanto sia stata indovinata la scelta di muoversi da Firenze, dove era e sarebbe rimasto il faro della squadra, per sposare la linea verde del Milan, dove, al contrario, non poteva che aspettarsi d’essere solo uno dei tanti. E veniamo al tormentone di questi giorni. La domanda da cento milioni di dollari a cui nessuno, e quindi nemmeno noi, può sfuggire: Balotelli ed El Shaarawy, oltre che far parte, insieme a Niang, del trio d’attacco del Milan dei prossimi dieci anni, sapranno replicare tanta longevità anche in azzurro? A pelle, diremmo di sì. Segnali di feeling, tra i nostri due gioiellini, li abbiamo già intercettati a Parma, in occasione dell’amichevole persa per 1-2 contro la Francia, e nel corso dell’ultimo posticipo di DSC00118campionato. Al Tardini è stato Balotelli a dare il là all’azione che spedisce in rete il Faraone. Che ha ricambiato il favore nel rocambolesco successo dei rossoneri ai danni dell’Udinese (penalizzata, nella circostanza, da una scellerata chiamata del non sempre preciso Valeri): l’ex attaccante del Padova sfonda a sinistra, arriva sul fondo e la piazza al centro per l’accorrente Balotelli. Sinistro al volo e palla in fondo al sacco. Padelli a stento riesce ad avvertirne il fruscio nei suoi paraggi. Gongola Prandelli. Che ha accolto con piena soddisfazione il rientro in patria del Balo. Per due ragioni. La prima: marcarlo a uomo è più semplice che farlo con la difesa a zona. In altre parole: il DSC00119Balotelli rimpatriato lo si sorveglia con molta più facilità di quello al di là dei nostri confini. In Inghilterra, al netto delle immancabili interferenze dei soliti tabloid britannici, SuperMario ha goduto di ampie praterie in cui, visto che glielo hanno permesso, ha potuto dare libero e ampio sfogo al lato più oscuro di sé stesso. In Italia, sebbene il campionato non riesca più ad esprimere gli stopper dei bei tempi (andati), per la fase difensiva c’è sempre DSC00120un’attenzione particolare. Sfuggire alla marcatura del CT, non sarà semplice nemmeno per il più talentuoso dei nostri centravanti. La seconda: il fatto che Allegri e Prandelli si affidino allo stesso tandem d’attacco, ci sembra un vantaggio soprattutto per Prandelli. In campionato, Balotelli ed El Shaarawy avranno il tempo ed il modo di fiutarsi, prendere confidenza l’un con l’altro e imparare a conoscersi. Per poi trasferire a DSC00094Coverciano ciò che di buono hanno appreso qualche chilometro più a nord. Milanello come laboratorio della Nazionale. Un tempo, era in questo modo che l’Italia costruiva i suoi successi. Con la filosofia del blocco. O, al massimo, dei due blocchi. Non di più. Comunque, nel 4-3-3 che Prandelli opporrà agli  orange  di Van Gaal, c’è spazio anche per altre tonalità. Dal nerazzurro Ranocchia ci aspettiamo una prestazione di spessore. E che ci faccia capire se di tanto in tanto possiamo rinunciare a Bonucci. L’ex nerazzurro Santon dovrà convincerci di aver mantenuto la promessa che era da giovane. E a Diamanti si chiede ‘solamente’ di essere all’altezza dei suoi due fenomenali partner d’attacco. Il mondiale carioca è ancora lontano, ma l’Italia in salsa brasiliana è già pronta. Luca Russo

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI