NEL MERCOLEDI DEL CENTENARIO NASCONO LE TANTE PROPOSTE POPOLARI PER CELEBRARLO: ECCOLE…

DSCF7600(gmajo) – Anche ieri sera, mercoledì 20 febbraio 2013, le diverse componenti della tifoseria organizzata si sono incontrate, attorno alle 18, nella Sala Media del nuovo Centro Direzionale Parma FC di Collecchio per continuare ad alimentare la fucina di idee per celebrare in modo popolare il Centenario. Nelle scuole è già partito un percorso storico (si pensi alla Mostra al Bodoni del Prof. Zannoni o all’incontro di lunedì mattina all’Istituto Comprensivo Ettore Guatelli con ben quattro classi della scuola secondaria di primo grado “Domenico Galaverna” che per una mattina hanno potuto “attraversare” un secolo di Parma ascoltando i racconti di Giampiero Convalle (ex gialloblù anni 50), dell’attuale team manager e indimenticabile bomber Alessandro Melli e del capitano Stefano Morrone e vedere le tante maglie messe a disposizione dal tifoso-collezionista Francesco Frignani), ma alla società (e alla sua emanazione Parma Brand, all’uopo creata) sono stati già illustrati anche altri progetti.

Ad esempio quello della “Notte gialloblu-crociata”, una serata nel centro di Parma, sulla falsariga delle notti bianche, che unisca i 100 anni del Parma Calcio ai 200 di Giuseppe Verdi. Non male, sperando che, per rimanere in tema, ci sia anche il Concerto Verdiano al Tardini, suggerito, attraverso stadiotardini.com, dal presidente della Corale Verdi Andrea Rinaldi. L’Ad Leonardi, alla cena in cui era stato beato tra le donne, aveva accennato al dialogo aperto in merito con il Teatro Regio. Certo andrebbero coinvolte tutte le realtà verdiane, sia nella Notte Gialloblù che nel Concerto al Tardini, anche se la sensazione che ho, a proposito di quest’ultimo evento che mi sta particolarmente a cuore, è che si sia un po’ in ritardo per mettere in piedi qualcosa di alto livello, per capirci che possa essere trasmesso in Mondovisione affinché sia visibile anche in Giappone, non tanto per i nostalgici di Nakata, ma per i tanti melomani locali. Artisti di fama internazionale hanno infatti i calendari fitti ed intasati: difficile far combaciare una data unica. Mi rendo conto che questa proposta non sia poi così popolare, dunque c’è il rischio di finire fuori tema parlandone, anche perché la sensazione che ho, e che ho già espresso in altre occasioni, è che il Parma lasciando alla sua gente campo libero nell’organizzazione poi possa più facilmente lavarsi le mani nel caso le aspettative andassero disattese. La notte gialloblù, secondo le proposte della base, dovrebbe vedere trionfare i colori sociali in giro per la città, con altoparlanti che diffondano la musica di Verdi e mega schermi su cui scorrano le immagini storiche del Parma. Tra le idee c’è anche quella di un concorso per creare il più bell’angolo gialloblu-crociato/verdiano della città (un balcone, un giardino, uno spazio commerciale, un murales, un carro allegorico). Il montepremi dovrebbe avere prodotti “crociati”  oppure abbonamenti alle infrastrutture pubbliche cittadine, come alle linee urbane della Tep oppure ai parcheggi per un monte orario gratuito, per esempio, di 100 ore. La notte gialloblù crociata (nonché verdiana) è ritenuta l’ideale per inaugurare uno spazio espositivo, nel centro cittadino, dedicato alla storia del Parma Calcio, costruito dai ricordi e dalle emozioni della gente e dei tifosi, preparatorio al futuro museo del club. Museo del club che secondo i fautori, all’alba di una idea, avrebbe dovuto avere i Natali nel ventre del Tardini proprio in concomitanza col Centenario: ma evidentemente così non sarà (gli uffici societari sono traslocati a Collecchio: dovrebbe essercene di spazio nel vecchio Ennio, al di là dei tanti dedicati all’Upper Class per le varie hospitality. E quando l’altezza parla di comfort al Tardini forse si riferisce a quello…

Un’altra idea proposta collettivamente dal popolo crociato è l’organizzazione della Coppa Verdi, per ricordare ed onorare l’inizio del calcio nella città di Parma, che avvenne con l’omonimo Torneo in occasione del Centenario della nascita del Grande Maestro. Il torneo, da svolgersi d’estate, dovrebbe coinvolgere le formazioni del settore giovanile di quei club che nell’estate 1913, parteciparono alla Coppa Verdi e cioè Cremonese, Reggiana, Brescia, Bologna e Modena.

Al Parma è stato espresso il desiderio che la La Festa del Centenario propriamente detta sia popolare, alla parmigiana, accorpando in un momento unico le iniziative già esistenti come le presentazioni di maglia e squadra, e le feste di CCPC e Boys, con con vari spazi gestiti dai tifosi e dagli ex calciatori. Location prediletta il Tardini (del resto l’unico desiderata di Leonardi era che l’Ennio fosse l’Epicentro delle Celebrazioni del Secolo), ma al popolo gialloblù andrebbe bene pure l’area Ex Eridania. Le date suggerite sono il 10 luglio, prima della partenza per il ritiro, oppure proprio il 27 luglio, ricorrenza della nascita del Verdi Football Club, prequel del Parma F.C. Particolare interessante: “Non si chiede, per realizzarla, un finanziamento economico, bensì il patrocinio, in particolare del Comune per la concessione gratuita del luogo”. Davvero lodevoli i volontari.

In occasione della sosta della Nazionale di inizio ottobre, si potrebbe calendarizzare una Partita delle Vecchie Glorie, con le due squadre che potrebbero indossare le due maglie storiche, quella del Verdi e la Crociata, con la presenza di giocatori simbolo come Asprilla e Brolin, preceduta da un corteo comunitario che sfili davanti alle sedi storiche del Parma Calcio, con tappa finale il Tardini, per consolidare il rapporto tra calciatori e tifosi alla scoperta delle origini del club.

Il ruolo degli Ex Crociati: in occasione delle gare casalinghe potrebbero sfilare in mezzo al campo per farsi conoscere al pubblico del Tardini, magari con video messaggi trasmessi sul tabellone luminoso. In una logica di marketing potrebbero poi fermarsi allo store per firmare autografi e dialogare con i tifosi. Una commissione storica e ‘tecnica’ dovrebbe selezionare i 100 Crociati più rappresentativi della storia, con un criterio equo tra generazioni, che diventeranno altrettante palline di Natale per l’albero di Piazza Garibaldi realizzate dagli alunni delle scuole primarie. Mutuando il meccanismo della consolidata iniziativa “Natale in Vetrina Crociata”, format dell’Associazione I Nostri Borghi, sarà richiesto il coinvolgimento dell’Ascom-Confcommercio e delle scuole primarie, per far sì che ognuno dei componenti la lista dei 100 Crociati sia abbinato a ognuno dei 100 esercizi commerciali e ognuno dei 100 istituti scolastici. Il 16 dicembre, data del Compleanno del Parma Calcio, dovrebbe compiersi lo spoglio delle schede, l’inaugurazione dell’albero in piazza e la premiazione dei vincitori del concorso. Le palline potranno poi essere messe all’asta, con il ricavato in beneficenza.

E’ stata avanzata anche l’idea di un progetto WikiPerma, alias una sorta di Wikipedia del Parma che raccolga tutti i dati che ne riguardano la storia, stagione per stagione (partite, giocatori e dirigenti, stadio, maglia). Un contenitore aperto, in cui tutti possono contribuire inserendo diversi tipi di documenti (numeri, foto, video, ecc). Un’altra proposta riguarda il nostro caro stadio Ennio Tardini, casa dei tifosi del Parma di cui si vorrebbe ripercorrere la Storia, attraverso l’evoluzione architettonica dal 1923 a oggi affidando l’approfondita ricerca a uno studente di architettura attraverso l’istituzione di una borsa di studio. Infine si tratterà di dare maggiore enfasi all’annuale iniziativa dei Parma Club dell’annullo postale. Il Parma, cui è stata offerta tutta questa pappa pronta, dovrà preoccuparsi soltanto di chiedere alla Lega Serie A, di inserire nel computer che stila i calendari un’opzione affinché sia casalinga la partita nella data più prossima al suo Centesimo compleanno, il 16 Dicembre 2013.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

2 pensieri riguardo “NEL MERCOLEDI DEL CENTENARIO NASCONO LE TANTE PROPOSTE POPOLARI PER CELEBRARLO: ECCOLE…

  • 21 Febbraio 2013 in 02:50
    Permalink

    ci sono novità sul nuovo sito ufficiale del parma calcio?

  • 21 Febbraio 2013 in 23:19
    Permalink

    Marco, come immagino avrà potuto vedere nei nostri servizi odierni, novità ce ne sono, eccome! Grazie per lo sprone a raccogliere info al riguardo…
    Cordialmente
    Gmajo

I commenti sono chiusi.