RADIO PARMA F.C., INTERVISTA DI GABRIELE MAJO A PAOLO ARCIVIERI: “VIVREMO IL CENTENARIO DEL PARMA CALCIO E IL BICENTENARIO DI VERDI”

DSC01644(gmajo) – Da circa tre mesi frequenta con assiduità la nostra città. Terminata l’esperienza di direttore di Radio Manà Manà, Paolo Arcivieri, 47 anni, un passato da ultrà laziale, un presente da manager della radiofonia – on air e on webha accolto la proposta dell’AD del Parma Fc Pietro Leonardi di dare vita ad una emittente radiofonica tematica sul Parma Calcio. Nelle prossime ore – come abbiamo raccontato nel precedente articolo, nel quale per primi vi abbiamo mostrato il logo della nuova creatura – assieme al tecnico Marcello Riotta, sarà al Centro Sportivo di Collecchio, per raccogliere suoni e voci che poi si trasformeranno nella colonna sonora della stazione radio, tra due settimane fruibile dall’intera radio parma fccomunità crociata. Verso sera è previsto un incontro con la tifoseria organizzata e con i Boys, perché il microfono sarà aperto a tutti, senza rete, ma nel rispetto del codice penale ed etico, come ci ha spiegato nella video-chiacchierata che vi proponiamo. Il modello è quello delle talk station romane, anche se sarà adattato al nostro territorio. Territorio che Arcivieri ha iniziato, dopo averlo attentamente studiato, a conoscere nei dettagli, tant’è che come riportato nel titolo, ha affermato: “Vivremo il Centenario del Parma Calcio e il Bicentenario di Verdi”. Che proposta concerto lirico centenario parma bicentenario verdiaccennasse al Secolo di vita del sodalizio crociato era normale, dal momento che il progetto rientra sotto l’ampio cappello di Parma Brand, ma quel riferimento a Verdi 200 era, onestamente inaspettato. In più ci ha svelato che anche quell’idea suggerita – attraverso stadiotardini.com prima e stadiotardini.it poi – dal presidente della Corale Verdi Andrea Rinaldi di un mega concerto al Tardini (che sarebbe pure bello poter trasmettere in diretta attraverso Radio Parma FC) non è escluso possa andare in porto, dal momento che ne ha sentito parlare. E in più sapeva che il primo nome della squadra centenaria era appunto Verdi Football Club: non male per un romano. Romano che però guiderà uno staff di parmigiani doc, così come da disposizione di Pietro Leonardi. “Abbiamo puntato sulla radio, perché la radio è la madre di tutti i mezzi di comunicazione. Dalla radio è nato tutto: da ieri a oggi, all’ultimo mezzo tecnologico che è il telefonino. Senza la radio non ci sarebbe il telefonino, e addirittura neppure la televisione. Dove arriva la radio non arriva nessun altro mezzo di comunicazione”. Gabriele Majo

L’INTERVISTA ESCLUSIVA DI GABRIELE MAJO A PAOLO ARCIVIERI

 

 

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

SU LE ANTENNE, IL CENTENARIO FA ACCENDERE “RADIO PARMA F.C.”, LA WEB STATION CROCIATA

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

4 pensieri riguardo “RADIO PARMA F.C., INTERVISTA DI GABRIELE MAJO A PAOLO ARCIVIERI: “VIVREMO IL CENTENARIO DEL PARMA CALCIO E IL BICENTENARIO DI VERDI”

  • 7 Febbraio 2013 in 09:14
    Permalink

    vabbè, ma allora al Parma lo dicano chiaro e tondo che con il signor Majo è guerra (atomica) aperta: decidono di dar vita ad una radio (seppure web, vabbè, ma sempre radio è) e cosa fanno? anzichè ingaggiare il nostro GM, decano della radiofonia locale, lustri e lustri passati a raccontare le gesta del Parma sulle radio locali (o, come si diceva allora, radio private), chiamano un romano???? ma che c’azzecca???? non ci posso credere…..

    • 7 Febbraio 2013 in 10:25
      Permalink

      La ringrazio per le sue parole, Criscitiello, ma che il Parma Calcio ingaggi Majo, dopo i noti trascorsi, credo sia improponibile. Cioè: io non avrei affatto problemi, ma Ghirardi penso sì…

      Ma non facciamo il processo alle intenzioni: il romano (uomo di fiducia di Leonardi, che conosce da oltre 20 anni: è sempre lui che cura il sito del Plenipotenziario, peraltro già in ristrutturazione e non accessibile) ha già detto nell’intervista che lo staff sarà interamente parmigiano. E il fatto stesso che abbia fatto una chiacchierata col sottoscritto dimostra una certa plausibile apertura di idee. Poi le vie del Signore sono infinite. Qualche Santo permettendo…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 7 Febbraio 2013 in 18:09
    Permalink

    Ciao Majo. Come sai ho una trasmissione ascoltatissima su Radio Malvisi, e vedo nella Radio una grande maestra perchè nella società multimediale (video, social ecc.) la radio usa solo al voce per intrattenere chi la ascolta. Ho quindi una grande passione per la radio, e collego adesso i tuoi quasi 40 anni di tua ESPERIENZA IN ESSA. Francamente dopo il teatro (che ho calcato tante volte) la radio è l’espressione artistica che preferisco. Ma come sui blog la mia parte non è tecnica. Son specializzato in stupidologia applicata, peraltro con vocazione personale e attitudine morale. Se vuoi e se puoi ti invito una sera per parlare 20 minuti di Parma e di pallone (magari in collegamento con Ciotti dal Paradiso). Mai ossequioso ma sempre rispettoso . CHINA65 alias Gallo di Castione alias Maurizio Marchinetti

    • 7 Febbraio 2013 in 23:21
      Permalink

      Ciao China, sarà un piacere e un onore affiancarti al microfono: quando vorrai sarò con te.
      Ciao Gmajo

I commenti sono chiusi.