ALLA FELTRINELLI LA PRESENTAZIONE DE “I SEGRETI DELL’AGENTE DEI CALCIATORI” (video)

DSC02931(gmajo) – Si è svolta a “La Feltrinelli” di Via Farini 17 a Parma la presentazione del volume “I segreti dell’agente dei calciatori”, scritto a quattro mani  dall’avvocato Jean-Christophe Cataliotti, agente FIFA e dal caporedattore di Calciomercato.com Luca Talotta che ha raccolto, attraverso interviste esclusive personalizzate le dirette testimonianze di dieci procuratori di successo (Giuseppe Accardi, Patrick Bastianelli, Giovanni Branchini, Andrea Cattoli, Andrea D’Amico, Davide Lippi, Lionello Manfredonia, Carlo Pallavicino, Federico Pastorello e Claudio Vigorelli), edito da Mursia (prezzo di copertina 15 euro). Il volume, che sarà presentato anche nelle scuole, risponde agli interrogativi dei tanti appassionati di pallone che desiderano avvicinarsi a questa affascinante moderna DSC02936professione, ad esempio: Come si diventa agente dei calciatori? Quali requisiti occorre possedere per sostenere l’esame d’idoneità? Quali sono i diritti e i doveri di un procuratore sportivo? Qual è la durata del mandato stipulato con il calciatore? Nella prima parte il manuale fornisce consigli pratici e utili per superare l’esame d’idoneità all’esercizio dell’attività di procuratore calcistico (non serve essere laureati, è sufficiente il diploma di maturità), svela i segreti del mestiere ed analizza le principali norme di diritto calcistico. Nella seconda parte invece i case histories in cui i dieci affermati manager raccontano la loro esperienza di vita e di lavoro: gli inizi, le prime difficoltà, i primi successi e infine la tanto agognata consacrazione nel mondo del calcio, regalando aneddoti e suggerimenti a chi desidera seguire le loro orme. Cataliotti, durante la serata, ha anche raccontato gli incerti del mestiere: l’ultimo che gli è capitato è un calciatore che pur avendo strappato un ingaggio importante ad una squadra alla fine ha deciso di mollare tutto e tornare nel suo Paese, senza dare alcuna spiegazione, né tantomeno ringraziarlo o pagarlo… L’agente Fifa (che nella vicina Reggio Emilia organizza corsi anche per osservatori, DSC02934info su www.footballworkshop.it) ha pure spiegato che non è mai consigliabile per un professionista affezionarsi a un calciatore perché, in un modo o nell’altro, questi pensa ai suoi interessi e non ricambia. Durante il dibattito, a seguito di una domanda di stadiotardini.it, si è parlato anche dei procuratori che sono passati dall’altra parte della barricata ed anziché assistere i calciatori lavorano direttamente per le società. Capostipite Enrico Fedele, ai tempi di Tanzi, ma anche il citato Antonino Imborgia di oggi…

I VIDEO DELLA PRESENTAZIONE A LA FELTRINELLI DE “I SEGRETI DELL’AGENTE DEI CALCIATORI”

1.

2.

3.

4.

Video amatoriali di www.stadiotardini.it

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.