martedì, Febbraio 27, 2024
NewsVideogallery Amatoriale

DONADONI E L’INCOGNITA OLIMPICO: “LA FISICITA’ E L’IMPATTO SUL TERRENO DI GIOCO DI UNA SQUADRA DI RUGBY E’ DIFFERENTE DAL CALCIO: SPERO DOMANI SIA IN BUONE CONDIZIONI. PER NOI E PER LA ROMA” – Video 2^ parte conferenza

 

(gmajo) – Sulla partita Roma-Parma aveva a lungo pesato l’incognita Conclave, per via della intronizzazione di Papa Francesco, inizialmente prevista per domenica mattina, con la prima messa aperta al pubblico del nuovo Pontefice in San Pietro, dopo quella officiata nella Cappella Sistina per il Collegio Cardinalizio (ma ripresa dalle telecamere), invece domani a mezzogiorno ci sarà “solo” il primo Angelus: motivo per cui la partita non è stata rinviata, come a lungo aveva sembrato potesse accadere per motivi di ordine pubblico, considerato che tutte le forze dell’ordine sono dirottate esclusivamente sull’evento che dovrebbe richiamare nella Capitale oltre un milione di persone e che è stato poi “rischedulato” a martedì 19, ricorrenza di San Giuseppe. L’altro giorno avevamo scherzato titolando: potenza di Roma-Parma che riesce a far spostare l’intronizzazione, rito che noi continuiamo come alcuni altri a chiamare così, sebbene non si tratti più della classica intronizzazione, ma per associazione di idee rende bene il concetto di prima uscita pubblica del Santo padre eletto. Scongiurata, dunque, l’incognita rinvio per motivi vaticani, su Roma-Parma rimane quella dello stadio Olimpico: come sarà il manto dell’impianto del Coni che oggi ospita, nel quadro del Sei Nazioni, la partita Italia – Irlanda? A Donadoni lo ha chiesto il capo servizio sport della  Gazzetta di Parma  Paolo Emilio Pacciani, che al tecnico (il quale, rispondendogli, ha rimarcato la differenza dell’impatto sul terreno di gioco di una partita di rugby rispetto ad una di calcio) ha pure chiesto del successore di papa Benedetto XVI, Francesco, uomo di sport e tifoso. Ma in questo caso l’allenatore del Parma ha dribblato il curioso cronista che voleva sapere se è un credente…

LA TRASCRIZIONE DELLE RISPOSTE DI DONADONI A PACCIANI DELLA GDP

Roberto, due domande un po’ borderline se vogliamo… Una: oggi l’Olimpico ospita una partita di rugby del Sei Nazioni. Temi ripercussioni per il manto erboso?

“Mi sembra che il clima sia buono, che ci siano delle condizioni ottimali: è chiaro che la fisicità e quello che è l’impatto atletico sul terreno di gioco da parte di una squadra di rugby è differente da quello di una squadra di calcio. Spero di no: spero di no perché mi auguro che il campo sia in condizioni buone per poter permettere una buona gara domani sera, sia per noi che per la Roma, però questi sono quei dati di fatto che sono ormai certi e ai quali non possiamo porre rimedio in nessun modo se non confidando nel clima e nel tempo che ci dia una mano e quindi non faccia peggiorare in maniera evidente il terreno di gioco”.

L’altra: domani la partita coincide con il primo Angelus del nuovo Papa. Tu sei credente? E se sì come hai vissuto questo insediamento di un papa che tra l’altro segue il calcio…

“Beh da tifoso, tra virgolette, credo che sia un avvenimento molto particolare, anche se ritengo che spesso e volentieri anche questo tipo di manifestazione la si faccia quasi assomigliare ad una manifestazione sportiva, ma credo non ci sia correlazione tra le due cose. Per cui sono felice che ci sia un nuovo Papa: devo dire che per il primo impatto, e per quello che ho visto in tv, mi dà delle sensazioni estremamente positive. Per cui, per quello che può valere, gli faccio veramente un grande augurio perché è un ruolo di grandissimo spessore, di grandissima rilevanza, di grandissima responsabilità, ed è veramente un peso immenso. E credo che per chi è credente questo abbia veramente un valore assoluto”.

(Roberto Donadoni, estratto dalla conferenza stampa del 16.03.2013 nella sala media del Centro Direzionale Parma FC di Collecchio – Videoregistrazione amatoriale e trascrizione a cura di Gabriele Majo per www.stadiotardini.it)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".