MINOTTI E LA SUA ALFETTA DA COMMISSARIO LO GATTO, APOLLONI IN LACRIME PER UN’AMICIZIA PIU’ FORTE DEL DUALISMO FRATRICIDA NELLA NOTTE DELLA FINALE MONDIALE – I video della intera serata organizzata da Forum Solidarietà

All’Auditorium Toscanini la conversazione di Sandro Piovani con le due bandiere crociate, nel secondo incontro del ciclo «Il calcio parla di volontariato»

1.

 

 

2.

 

 

3.

 

 

4.

 

 

5.

 

 

6.

 

 

7.

 

 

8.

 

 

9.

 

 

10.

 

 

VIDEO AMATORIALI DI WWW.STADIOTARDINI.IT

CLICCA QUI PER VEDERE LA FOTOGALLERY AMATORIALE

IL RACCONTO DELLA SERATA NELLA SINTESI DI GABRIELE MAJO

(gmajo) – Lacrime, emozioni, ricordi e volontariato: ingredienti di una serata magica, per i nostalgici del primo, indimenticato, Parma, ieri sera all’Auditorium Toscanini di Via Cuneo, durante il secondo incontro del ciclo «Il calcio parla di volontariato», organizzato da Forum Solidarietà. Le lacrime erano quelle di Gigi Apolloni, emozionatosi, non poco, nel ricordare come la sorte avesse riservato un dualismo fratricida tra lui e Lorenzo Minotti per la disputa della finale mondiale del 1994, vinta dal Brasile di Taffarel: “C’erano stati alcuni infortuni importanti, tra cui quello di Baresi – ha ricordato il Rosso – e come centrali eravamo rimasti solo io e Lorenzo. Sacchi avrebbe dovuto scegliere uno di noi”. E la notte prima dell’esame: “Lorenzo ha bussato alla porta della mia camera, dicendomi: qualsiasi sia la scelta tu rimarrai per sempre un mio amico”. Campioni. Sul campo e sulla vita. Anche nell’amicizia. Anche il capitano del grande Parma di Scala, sollecitato da un Sandro Piovani in serata di grazia, ha ricordi della finale del mondiale americano da servire: “Solo io e Bucci non disputammo neanche un minuto, però alla fine volli accarezzare la Coppa del Mondo. La portò a casa Taffarel, ma prendemmo il taxi insieme dopo quella partita. A un certo punto stava quasi per toccare a me, essendo l’unico difensore rimasto a disposizione: e tra me e me ho pensato stai a vedere che gioco proprio la finale e tiro un calcio di rigore a Taffa come mille volte in allenamento”. Campioni anche di solidarietà, come emerso tra un aneddoto e l’altro di calcio (imperdibile, gustatelo nei nostri video amatoriali, il racconto di quando “Mino” si presentò per la prima volta al Tardini su una Alfetta a gas simile, come ricordato da Gigi, a quella del Commissario Lo Gatto): Minotti storico testimonial dell’Admo: “Tanti sacrifici furono ripagati quando chiamarono me e la mia famiglia all’udienza di Papa Giovanni Paolo II. E ancora oggi quando mi incontrano negli aeroporti mi fa piacere essere riconosciuto come quello dell’Admo, anche se tante volte mi scambiano per Gigi”. Gigi, invece, era testimonial dell’Aido: “Confesso che ero titubante, perché in questo caso c’è di mezzo la morte. Ma la signora Pina (Pina Lombardo, la mitica “contagiatrice” dell’Aido era presente, pure lei emozionatissima, in sala, nel ricordo dei 9 grandi calciatori crociati che singolarmente hanno prestato la propria immagine, da lei convinti, oltre, adesso, all’intera squadra ducale) mi ha detto di mettermi nei panni di chi gli organi li avrebbe dovuti ricevere, e non darli. Anche perché darli capite bene cosa significhi”. Anche Minotti, prima di accettare il ruolo che poi avrebbe così bene interpretato, si era posto tante domande: perché da atleta voleva sapere cosa avrebbe comportato l’eventuale donazione del midollo osseo. Toccante quando ha ricordato come si chiamasse Lorenzo, proprio come lui, il figlio scomparso del presidente dell’Admo che lo aveva contattato. Un segno del destino.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

5 pensieri riguardo “MINOTTI E LA SUA ALFETTA DA COMMISSARIO LO GATTO, APOLLONI IN LACRIME PER UN’AMICIZIA PIU’ FORTE DEL DUALISMO FRATRICIDA NELLA NOTTE DELLA FINALE MONDIALE – I video della intera serata organizzata da Forum Solidarietà

  • 22 Marzo 2013 in 12:18
    Permalink

    Dato che la carica si è appena liberata, mi piacerebbe che la società decidesse di dare la vicepresidenza a Minotti. Una figura così nell’anno del centenario sarebbe ideale. Ex giocatore simbolo ed ex capitano del primo grande Parma, quello di Wembley. Minotti ha anche un profilo manageriale e potrebbe essere un ambasciatore del Parma in Italia e all’estero.

    • 22 Marzo 2013 in 19:19
      Permalink

      Cari Plin e Vladimiro

      perché non Asprilla o Barbuti allora? Io, sinceramente, sono contrario a questo tipo di idea, perché candidati meritevoli – a mo’ di uomo immagine – ce ne sarebbero più di uno. E fare una scelta potrebbe essere difficile o antipatico.

      A parte che stiamo parlando di una carica da “vice presidente”: diverso sarebbe se ci fosse in gioco una presidenza, come quando all’Inter Moratti fece un passo indietro per Facchetti. Il quale aveva anche compiti operativi.

      Già nel CdA del Parma FC figura Leonardi come non socio, non credo ci possa o ci debba essere lo spazio per qualcun altro. E il tandem Ghirardi-Leonardi credo ricerchi i riflettori, senza bisogno di qualcuno che faccia da cono d’ombra. Diverso era il ragionamento di Boniperti alla Juve, poiché il ruolo lo interpretava davvero e non solo di facciata, poiché la proprietà, sia pure nota, se ne stava alle spalle e non scendeva in campo in prima persona.

      Il Vice Presidente, a mio avviso, dunque, deve essere uno della compagine societaria: e per me deve essere Marco Ferrari, l’unico pramzàn della compagnia.

      Piuttosto si potrebbe riflettere sul ruolo di presidente onorario che al momento risulterebbe ancora essere Alberto Guareschi.

      Cordialmente
      GMajo

  • 22 Marzo 2013 in 15:30
    Permalink

    “Capitano di chi? Capitano di che? Minotti aff… anche te!” cantavamo dopo che il Parma, e il buon Lorenzo (il nostro capitano), FECERO VINCERE LA REGGIANA contro il PARMA.
    Apolloni è OGGI l’allentore della Reggiana.
    Come TIFOSO del Parma (e NON DELLA REGGIANA) certe cose non le dimentico e non le mando giù.

    • 22 Marzo 2013 in 19:01
      Permalink

      Mio buon Marcello, tu che sei un fustigatore degli Ultrà non puoi poi ragionare esattamente come loro. Perché di solito sono gli Ultrà ad avere la memoria lunga. E con la memoria lunga si va poco lontano. Perché ritorsione e vendetta sono pessimi compagni di viaggio.

      Posto che non credo che le responsabilità specifiche fossero di Minotti e Apolloni personalmente ho ritenuto esagerato e fuori luogo che da allora in poi non si facessero più (a parte qualche eccezione) cori personalizzati per i giocatori. E comunque delle bandiere come Minotti e Apolloni non si discutono e non si “infamano”.

      Sul discorso Reggiana, poi, io non sono un talebano come altri (incluso il Piovanone di ieri sera…). Io penso che ci debba essere del campanilismo sano e non becero.

      A parte che Apolloni non è più l’allenatore della Reggiana, poiché è stato di recente esonerato.

      Comunque sia – a parte che Apolloni prima di giocare nel Parma aveva giocato con la Reggiana – se uno di lavoro fa l’allenatore di calcio e gli capita di allenare la Reggiana non vedo perché dovrebbe tirarsi indietro.

      Insomma io sono per il tifo pro e mai per il tifo contro. E per colpa di chi tifa contro il mio sogno di un derby Parma-Reggiana temo che non potrà più essere realizzato, visto che ci sono paure ingiustificate di chissà quali incidenti.

      Parma-Reggiana e non vuole essere una provocazione, avrebbe potuto essere una bella partita da Centenario, visto che nella storia del Parma c’è tanta Reggiana.

      Io ho anche apprezzato Iotti per aver sostenuto Apolloni nella prima partita nello stadio di Reggio. L’amicizia e la riconoscenza va oltre il colore delle maglie.

      Cordialmente
      Gmajo

  • 22 Marzo 2013 in 21:19
    Permalink

    Caro sig. Majo, ovviamente sono contro la violenza degli ultrà (a partire da quelli che ci troviamo in casa NOSTRA) ma non contro la rivalità, l’arlia e il campanilismo. Se togliamo queste cose, togliamo il derby.
    Chi ha venduto un derby (giocatore, presidente, allenatore, ecc.), oltre ad aver dimostrato totale mancanza di professionalità e DISONESTA’ SPORTIVA ha perso il mio rispetto e non lo guadagnerà più.
    Non riconosco come BANDIERA del Parma chi ha scelto di andare alla Reggiana (speice) dopo essere stato considerato (da molti) una bandiera crociata. Posso rispettarli come professionisti, ma di certo NON SONO LA MIA BANDIERA. Il tifo si basa sui sentimenti e io in amore sono così, quando mi tradisci o mi fai le corna, con me hai chiuso. Non ci sono seconde occasioni.
    L’amicizia va oltre il colore delle maglie, e vero, io infatti ho amici/colleghi reggiani e tifosi della Reggiana. Però NON SONO LA MIA BANDIERA. Per dirla tutta rispetto più loro, teste quadre doc, che certi professionisti dal passato gialloblù; loro almeno un derby non lo venderebbero mai, e la maglia dei rivali non la indosserebbero mai.
    I giocatori vogliono essere considerati professionisti e cambiare squadra come più gli conviene? E’ un loro sacrosanto diritto. E’ anche sacrosanto però che il tifoso (che tifa innanzitutto per una squadra e non per loro) se ne disinnamori.
    Ben venga il derby da lei proposto con la Reggiana. Con tutta la rivalità, l’arlia, il tifo e gli sfottò che lo caratterizzano. La violenza è una cosa estranea al tifo. Purtroppo però, se ci si picchia con il Torino….. cosa potrebbe succedere a giocare con la Reggiana? Bisognerebbe chiederlo agli ultrà nostrani.

    Un caro saluto

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI