CALCIO & DISABILI: LA LEZIONE DI CIVILTA’ DEL SIENA. SPERIAMO CHE IL PARMA TROVI UNA SOLUZIONE PER LA PIOGGIA SULLE CARROZZINE ALMENO NELL’ANNO DEL CENTENARIO…

disabili tardini 28 luglio 2011 promessa martino ferrari(gmajo) – Giovedì 28 luglio 2011: in quel giorno pensavamo che la nostra battaglia alla Gabibbo a favore dei diversi abili del Tardini, i quali si buscano sulle loro carrozzine tutte le intemperie da quando sono stati delocalizzati in Tribuna Centrale Est, avesse trovato una definitiva soluzione con la promessa solenne della realizzazione di una tettoia che li proteggesse da parte di Martino Ferrari, in quei tempi il direttore marketing e commerciale del Parma FC per conto della concessionaria esclusiva G Sport (dall’inizio della DSCF8433stagione, assieme a gran parte del suo staff, tra cui Gaia Dallabona, figlia di Ivo,  vice presidente dell’Associazione Petitot è passato alla Fiorentina, importando anche delle importanti aziende del nostro territorio,come la Tecno Vetro di Medesano, di Sandro Squeri, e non a caso anche là sono spuntati G BOX ed Hospitality). Ma ad oggi, 08.04.2013, della famosa tettoia al Tardini non c’è traccia, come ben sanno i diversamente abili, ulteriormente vessati da uno degli fabio giarelli upper class tardiniinverni più piovosi della storia. Del loro caso il nostro prequel stadiotardini.com si era occupato dopo che a Cogollo, in occasione di un’amichevole estiva, aveva raccolto l’educata richiesta-sfogo di Fabio Giarelli che dinnanzi alla nostra telecamera aveva denunciato l’incresciosa situazione. Da paladini delle giuste cause, sperando di ottenere dei risultati, iniziammo a rompere le scatole alla nostra maniera, sentendo le diverse parti interessate (ed assistendo al solito rimpiattino con rimbalzi di responsabilità, giacché la proprietà dello stadio è municipale, cui il club eroga un canone annuale), fino alla succitata promessa solenne di Ferrari rimasta, però, lettera morta. Se oggi, a distanza di DSCF8430diversi mesi tiro di nuovo a mano il problema irrisolto è anche per indicare come in uno stadio piuttosto fatiscente, incastonato tra le mura cittadine, e non certo rispondente ai moderni canoni ideali della Lega Serie A (ma dove i giocatori li riesci ancora a vedere, come una volta, da vicino che quasi puoi toccarli…), siano riusciti a trovare una collocazione decisamente più dignitosa rispetto da quella offerta ancora oggi, nell’anno di grazia 2013, dallo Stadio Ennio Tardini. Nella Montepaschi Arena i diversamente abili vantano un settore dove la DSCF8432tettoia c’è e parrebbe pure efficace. E i posti per gli accompagnatori sono comodi quasi come le poltroncine del Tardini nei tanti settori lusso ed extra comfort riservati all’upper class: la società Parma Fc, infatti, attraverso la concessionaria G Sport, è sempre molto attenta alle richieste di costoro, decisamente meno alle necessità dei meno abbienti, cui continua a piover sul capo sia in Curva Nord, oltre che nella Sud, e, appunto, nel settore dei diversamente abili sotto i distinti dell’Ennio. L’auspicio è che finalmente una soluzione da città civile possa esser finalmente trovata, almeno nell’anno del Centenario!

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

 

FABIO E L’UPPER CLASS AL TARDINI PER I DISABILI

GIOVANNI PAOLO BENEDICE L’IDEA “G HANDICAP”

DISABILI, ALLA TETTOIA CI PENSA G SPORT

ANTONINI E I DISABILI AL TARDINI: “INTEGRAZIONE, NON SOLO COPERTURA”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.