IL COLUMNIST / MENO MALE CHE IL LEO C’E’…

(Luca Russo) – Meno male che Leonardi c’è. E se non ci fosse, bisognerebbe inventarne uno. Ammettiamolo: in un momento della stagione che vede il Parma imprigionato nella pancia della classifica, al riparo dal pericolo di retrocedere, ma anche assai distante dalla possibilità di spingersi oltre il solito e ormai inflazionato campionato tranquillo, le uscite – che, volendo essere clemente, definirei un po’ così – del Plenipotenziario ci offrono quegli spunti che il campo, per le appena citate ragioni di classifica, è incapace di renderci. Leonardi, insomma, s’impossessa dei vuoti che la squadra non è in grado di occupare. E, come è già accaduto in circostanze più o meno recenti, ci dà il destro per riempire giornate in cui altrimenti non avremmo poi tanto di che scrivere. Da questo punto di vista, faccio il tifo affinché il Sommo Dirigente non sia ingaggiato dal Milan né dall’Inter né dal Napoli: una musa ispiratrice del suo livello è incedibile e, soprattutto, insostituibile. Dove potremmo trovarne un’altra che le somigli, fosse anche alla lontana, e che ci ispiri come solo lei pare che sappia fare? Da nessuna parte, credo. E allora resti a Parma, caro Leonardi. Segua il mio invito. Non ci abbandoni per trasferirsi in un grande club o in una grande piazza (le due cose non sempre coincidono). Conviene a noi, vista la grossa mole di lavoro che con una certa frequenza ci serve su un vassoio d’argento. Ma conviene anche a lei. Si fidi. Vuole sapere il perché? Glielo spiego: altrove – e penso a Milano, Roma o Napoli, dove il dissenso è la regola, e non l’eccezione come accade dalle nostre parti, e di megafoni disposti a far propaganda ce ne sono ben pochi – difficilmente le consentirebbero di essere permaloso nelle stesse misure e negli stessi modi in cui lo è a Parma. In una grande piazza le voci fuori dal coro sono molto più numerose e molto più indisciplinate di quelle che alle nostre latitudini cercano, con mezzi abbastanza limitati, di fare un minimo di sana ed onesta opposizione. Più che a occuparsi di mercato (e a partorire plusvalenze in serie), parte del suo prezioso tempo dovrebbe impiegarlo per replicare alle (tantissime) critiche generate dalla stampa non allineata e che spesso non assesta i suoi colpi sopra la cintola e non sotto, come facciamo con un certo fair play noi di stadiotardini.it. Un lavoraccio. Altro che rimettere ordine al bilancio societario. Lo riconosca: sotto questo aspetto il Ducato è il posto ideale per uno come lei che ha il vizietto, e in alcuni casi l’ingiustificata pretesa, di criticare chi della critica fa il suo mestiere. E solo a Parma può permettersi di fare di una conferenza stampa l’uso che ne ha fatto ieri: un uomo solo al comando, si dice nel ciclismo. Un uomo solo al microfono, direi io a proposito di ciò che si è visto, e sentito, poco meno di ventiquattro ore fa. Non che sia mancato il contraddittorio, intendiamoci. Ma, diciamocela tutta, poteva riuscire meglio. Molto meglio. E poteva e doveva coinvolgere, in modo costruttivo, tutti i partecipanti e non solo riservare i suoi strali ai due soliti e arcinoti terroristi. In fondo mi è parso che l’avanspettacolo di ieri le sia servito soprattutto per togliersi dalle scarpe qualche sassolino che lì vi era stato infilato dal redattore ordinario di Teleducato e dal direttore responsabile di questa testata. Impressione mia, per carità. Non è detto che corrisponda alla verità. Angella, comunque, le ha tenuto testa senza arretrare di un centimetro: chapeau. Majo le ha lasciato volontariamente campo libero per scelta (è un burattino senza fili come il Pinocchio di Battiato, e non a caso le ha dato del Mangiafuoco per il teatrino orchestrato): decisione saggia e intelligente. Io avrei fatto lo stesso: sono dell’idea che, se non gli si vuole fare un favore, a certe persone la parola non la si debba togliere, ma, al contrario, concedere ad oltranza, così che si segnalino per quello che sono. ‘O purp adda cocere dint all’acqua soja’, dicono dalle mie parti. Chi vuol capire, capisca. Deludenti, al contrario, gli interventi di Piovani e Boni, che, non se l’abbiano a male, a me son sembrati batterie di mortaretti azionate da Leonardi per far credere a noi altri che a Parma ci sia molta più stampa nemica di quella che in realtà si vede. Discreta, si fa per dire, l’idea, orribile l’esecuzione. Dei Crociati e di calcio giocato, nella conferenza stampa fiume indetta dal Plenipotenziario, non è che se ne sia parlato tantissimo. Il Sommo Dirigente ha preferito intrattenere i presenti, compresi noi che abbiam potuto seguirlo solamente da casa (ma non in diretta streaming come è di moda fare oggi e in modo integrale solo nei video amatoriali di stadiotardini.it: altri hanno preferito, direi giustamente, omettere le parti più imbarazzanti), con altri argomenti. Parecchi dei quali ci hanno fatto venire il dubbio che fosse lì per parlarci dei (presunti) buoni risultati della sua gestione, e illustrarcene fin nei dettagli la (altrettanto presunta) bontà, più che per ascoltare le domande dei cronisti. Argomenti che onestamente mi viene difficile considerare validi o forti visto che per ‘smontarli’ non ho dovuto impiegare troppo tempo o effettuare ricerche particolari. Ma procediamo con ordine:

1. Leonardi prima ha annunciato la conferma in blocco del gruppo dei senatori – ma non eravamo noi quello che dovevano rinnovare? – e poi ci ha snocciolato la lista dei giocatori giovani a suo dire valorizzati dal Parma: Antonelli, Dzemaili, Paloschi, Giovinco, Borini, Mariga, Pelle, Pabon, Biabiany. Valorizzati, sì. Ma di questi oggi solo due sono alle dipendenze del Parma. L’infortunato Mariga e lo spento Biabiany. Ci domandiamo: che senso ha prendere dei giovani se l’unico scopo che perseguiamo è quello di rivenderli per ricavarne qualche soldo? E il tanto decantato Progetto Parma? Che fine ha fatto? Una squadra di calcio che non s’accontenta di vivacchiare in serie A, ma che ha l’ambizione di regalare un sogno (badate bene: soltanto un sogno!) ai propri tifosi, ha bisogno di giocatori di valore e/o di prospettiva. Non di merce da barattare al mercato. Altrimenti il tifoso medio si intristisce e la domenica finirà per passarla al mare o in montagna, come farebbe Schianchi (il gemello cattivo, non quello buono…), piuttosto che allo stadio.

2. Esaurita la questione giovani, Leonardi ci ha fatto sapere che nelle ultime quattro stagioni il Parma ha messo insieme la bellezza di 193 punti. Saremmo noni se il campionato durasse quattro anni. Se, appunto. Chi glielo spiega che qui in Italia abbiamo il vizio di farlo cominciare ad agosto e di farlo finire a maggio dell’anno successivo?

3. Non contento, il Plenipotenziario ci ha messi al corrente di un altro sorprendente rilievo statistico: negli ultimi quattro campionati il Parma ha fatto solo venti in punti in meno rispetto alla tanto celebrata Udinese. Vorremmo gridare al miracolo, ma c’è qualcosa che ci trattiene dal farlo: è che i friulani nelle ultime due stagioni hanno partecipato per ben due volte ai preliminari di Champions, mentre il Parma…il Parma? Cos’è che abbiam fatto nelle ultime due estati? A parte Levico, intendo…

4. Ah sì, noi eravamo impegnati a stupire il calcio italiano. Come? Mettendo a bilancio un attivo di 85.000 euro. Non un trofeo o una partecipazione in Europa League, ma, ripeto, un attivo di 85.000 euro. Il che infiammerebbe il Tardini se la nostra fosse una tifoseria di ragionieri e commercialisti. Ma non la è. In Curva Nord è pieno di gente che ancora si esalta ed esulta per un gol all’incrocio dei pali o in rovesciata. In verità ci hanno provato ad eccitarsi per una plusvalenza o a deprimersi per una minusvalenza: non ci sono riusciti. Che gente ‘sti tifosi del Parma!

5. Non solo Parma nelle parole e nei pensieri di Leonardi. Il Sommo ne ha per tutti: anche per il calcio estero. Dice: se Barcellona e Real Madrid sono ad un passo dall’eliminazione in Champions, è perché giocano in un non campionato, o meglio in un campionato non competitivo nel quale due squadre lottano per il titolo e le altre si spartiscono il nulla. Come se il Bayern non avesse vinto il titolo tedesco con nonsoquante giornate d’anticipo e ben venti, dico venti!, punti di vantaggio sul Borussia secondo…

Devo aggiungere altro? Potrei, ma non serve. Quel che ho appena riportato può bastarvi e bastarci per capire che se queste sono le convinzioni e le certezze, ripeto: tutt’altro che solide, di chi governa la nostra squadra del cuore, non esiste critica (per quanto costruttiva e leale possa essere) che gli faccia fare un passo indietro e ammettere che in fondo negli ultimi anni il Parma non è che abbia compiuto tutti i miracoli che sono venuti a raccontarci. Ma quando e se dovesse farne uno, saremmo i primi a riconoscerlo. Fidatevi. Luca Russo

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI