TRA MEZZORA L’EVENTO MEDIATICO CON LEONARDI, CHE GAZZETTA SPORT E REPUBBLICA HANNO GIA’ SCRITTURATO ALL’INTER

gazza sport(gmajo) – Dicono i bene informati, quelli del Telefono Amico, che tra poco Pietro Leonardi non parlerà dei trafiletti di Gazzetta dello Sport e Repubblica che già lo hanno scritturato per l’Inter prossima ventura. Ieri il Plenipotenziario, quando ha convocato la conferenza stampa, del resto, non poteva ancora aver dato un’occhiata ai giornali – non dei piccoli terroristi, ma due tra le testate da podio nazionale per vendite e numero di lettori – che lo danno per certo (Repubblica persino senza il condizionale) ai massimi livelli dello staff dirigenziale di Moratti. Secondo i bene informati, invece, Leonardi dovrebbe limitarsi ad enumerare un elenco di iniziative, legate al Ventennale di Wembley o al Centenario Popolare Crociato, ed anche spiegare (esercizio inutile, per altro, avendolo già fatto tramite Radio Parma FC, messa in piedi dal fraterno amico Paolo Arcivieri) il perché del silenzio stampa post Inter. Difficile, poi pensare che possa bearsi del paragone con il Borussia Dortmund: modello da seguire, ma al momento piuttosto lontano da emulare…

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.