L’OPINIONE DI MAJO DOPO PARMA-BOLOGNA 0-2: “ERAVAMO DI PIU’ A WEMBLEY…”

GABRIELE MAJO Foto Franco Saccò Archimmagine -007(gmajo) – Sindacalisti e poliziotti sono, notoriamente, più bravi di chiunque, giornalisti inclusi, a calcolare i partecipanti alle manifestazioni, anche se i loro dati spesso divergono. In questo caso, poi, c’è di mezzo la memoria e vent’anni non sono pochi: ma quanti eravamo a Wembley? Fonti non ufficiali parlavano di un esodo di ben 15.000 persone, anche se cronache più recenti hanno ridimensionato il dato a 12.000. Comunque ben di più di circa 10.000 anime, e quindi di più di quelle che, a occhio, hanno seguito l’evento del Ventennale andato in scena ieri, allo stadio Tardini, prima del Derby  vespertino, malamente perso, con il Bologna. Se prestiamo fede alla distinta ufficiale degli spettatori, diffusa dall’ufficio stampa del Parma FC, sono stati 14.700 gli spettatori totali accorsi all’Ennio per l’ultimo appuntamento stagionale, di cui 5.215 DSC08375paganti (incasso relativo euro 29.005,00, media poco più di 5 euro, cad.), 9.102 abbonati e 204 possessori di voucher del girone di ritorno. Secondo il beneinformato “Settore Crociato”  l’effetto Wembley avrebbe portato allo stadio quasi 3.000 tifosi in più: le cifre sciorinate da suddetto portale sono le seguenti: “Sono stati 1.600 (1.000 di Tribuna, tra Petitot ed Est, e 600 di Curva Nord) i biglietti Ridotto Centenario venduti, al prezzo popolare e unico di 5 Euro per ogni settore, a cui vanno aggiunti un migliaio di tagliandi omaggio distribuiti nelle scuole di Parma e provincia e alcune centinaia tra i bambini della Parma Football School e delle loro famiglie e quelli strappati al costo ordinario in biglietteria”. La stessa fonte indicava in circa 500 i sostenitori bolognesi per il Derby dell’Emilia. Il fatto curioso, però, è che l’effetto DSC08134Wembley lo si è registrato soprattutto in occasione della partita (e questa, onestamente, lo meritava mica tanto…) e non del preambolo revival precedente dedicato alla Mitica Notte Londinese, poiché gli spalti, Nord inclusa, risultavano assai meno occupati rispetto al fischio d’inizio della partita alle 18. In effetti ci sarebbe da chiedersi il senso di una coreografia stupenda, come sempre: in Curva ci sono dei veri artisti la cui vena è inesauribile mostrata, però, come da copione abituale, all’ingresso in campo delle squadre per la DSC08299partita vera e non prima, nel clou della Celebrazione. Giacché la coreografia inneggiava la Coppa di Vent’anni fa pare un nonsense  il ritardo con cui è stata esposta. Prima di me, iersera, aveva rimarcato la questione Michele Gallerani di  Sky  in un collegamento in diretta su Tv Parma, durante il quale ha anche riferito che qualcuno dei Leoni c’era rimasto male per l’assenza di una buona porzione di pubblico durante il rito officiato dai Sacerdoti Piovani e Grossi con chierichetto il dj Bassi. Del resto, però, anche qualcuno dalla Curva aveva mandato un SMS al DSCF0498lavandino di Pronto chi Parma? lamentandosi perché la funzione si è svolta con l’altare frontale alla Petitot e con le natiche rivolte alla Curva. Credo che la morfologia del corpo umano sia un po’ diversa, e dunque le terga erano rivolte alla Est (o distinti), ma l’iperbole utilizzata dal telespettatore era un invito rivolto agli organizzatori a considerare, per altre occasioni come queste, i tifosi di tutti i settori e non solo uno. Si potrebbe replicare che di solito i giocatori il tuffo finale lo fanno sotto la Nord e non sotto la Tribuna Centrale, ma forse è meglio di non dirlo oggi, visto che ieri nessuno si è tuffato (dopo il tonfo). A parte i DSCF0602bolognesi sotto la Curva opposta. Quella che aveva proiettato le immagini del 12 maggio 1993, che i nostri attuali portacolori  dovrebbero meglio mandare a memoria. Alla vigilia del match, in conferenza stampa, avevo chiesto a Donadoni quale valore aggiunto avrebbero potuto dare le vecchie glorie ai nostri odierni eroi, ed egli mi aveva risposto che dietro l’angolo c’era il rischio delle distrazioni, e delle brutte figure “e sarebbe un peccato”. Un buon profeta, si vede che è un pastore che conosce bene le sue pecorelle. L’atto di addio dal proprio donadoni pericolo ventennale wembleypubblico è stato in linea con la seconda parte di stagione: assai deludente, dunque. Si è visto anche di peggio, giacché il portierino avversario, reduce dalla scorpacciata di gol (nove nelle due gare precedenti) ieri aveva deciso di mettersi a dieta, parando tutto il parabile. Del resto la nostra consueta vocazione crocerossina non poteva che offrir conforto al guardiano più perforato della settimana, nonostante la croce nera non fosse ieri sulla casacca dei Non Crociati. Troppo pesante la divisa di Wembley da indossare, slide carmina parmadiceva ieri qualcuno, io non scomoderei questo argomento per giustificare l’insipienza degli attuali calciatori, certificata anche in altre occasioni, pur sfoggiando capi d’abbigliamento meno impegnativi, anche se la propria maglia sarebbe da onorare sempre, non solo quando è il Simbolo del momento storico più importante del proprio passato. Come abbiamo rimarcato ieri con stefano tandi il ritornotitolazione e slide di un paio di servizi c’è stato il ritorno sul campo di Stefano Tanzi dopo il crac Parmalat (di cui ricorre il Decennale, tanto per rimanere sulle date tonde…): io ero in sala stampa a caricare, in tempo reale, altri contributi che avevo registrato prima (il Vescovo tra le diavolette-Cheerleaders  che trasforma un penalty e pronunzia imageun’omelia pro fair-play; lo sprone del prof. Zannoni a collaborare alla nascita della Mostra-Museo del Centenario, portando oggetti e cimeli che poi saranno restituiti; e l’arrivo del torpedone del Parma con la discesa dei Leoni con la Coppa delle Coppe ’93, video che documenta inequivocabilmente come, come al solito, c’è stato il modo di rovinare quel momento importante, con la melli coppa delle coppe 93rinunzia al buon senso, per ottemperare a esclusive o regolamenti vari, con la creazione di un po’ di tensione di troppo che stonava con l’atmosfera circostante) per cui mi ero perso, dal vivo, l’attimo: lo avrei rivissuti grazie alla registrazioni di alcuni occasionali collaboratori dello staff di stadiotardini.it (che ringrazio per la preziosa opera gratuitamente e comunitariamente svolta). Mi pare di percepire – pur nella  amatorialità  del documento – applausi e fischi da parte del pubblico: quel mix di sentimenti che da sempre accompagnano i tifosi del Parma, eternamente grati al Cavaliere deposto per l’epopea che ci ha fatto vivere, ben al di sopra delle normali possibilità di una piccola città di provincia (basta vedere la desolazione delle confinanti), ma con la consapevolezza del tanto male che è stato fatto – in solido con altri, beninteso – ai risparmiatori travolti dalla bancarotta del gruppo. Lui, Stefano, mi è parso emozionato, stava quasi per perderla quella maglia bianco latte, prima di raggiungere Mons. Sandrone (Piovani) che lo avrebbe abbracciato, come nei bei tempi andati, e Don  Grossi (Paolo), gli officianti del Rito. Per motivi di sghei, come li chiama la nostra lettrice Squirty (in nome omen, speravamo, prima che scoprissimo che si trattava della stessa persona che abitualmente si firma, nello spazio commenti di stadiotardini.it come Criscitiello, pur non essendo il famoso Michele, il direttore di SportItalia) o di pepas, come un mio vecchio editore, non posso permettermi una  mazzetta degna di questo nome: però non mi risulta che ci siano stati quotidiani che abbiano rimarcato il ritorno sulla scena del Rampollo di Calisto, chiosando in un qualche modo. Eppure, a mio avviso, è una notizia. Specie per quel circo mediatico che dieci anni fa aveva bivaccato, a lungo, a queste latitudini, propinando articoli seriosi o facezie. Sulla GdP il racconto dell’evento è per certi versi autobiografico, avendolo firmato il presentatore Piovani. Egli ha spiegato al colto e all’inclita il perché della presenza di Stefanino: egli, infatti, faceva parte del CdA (presidente lo sarebbe diventato solo dopo la deposizione di Pedraneschi alla fine del ciclo Scala-Pastorello). Appena prima di lui, al microfono, era approdato Fulvio Ceresini, nonostante, come noto, in passato ci fossero stati momenti di tensione tra lui ed alcuni membri dell’entourage di Ghirardi. Direi che sia stato bello che l’attuale proprietà e management non si siano appropriati (pur avendo acquistato anche il Palmares) del trofeo più prestigioso e genuino del Parma Calcio, lasciando che il giusto tributo venisse tributato a tutti i protagonisti di allora, sul campo o dietro la scrivania, senza farsi condizionati dagli eventi successivi, eventi, tuttavia, che fanno però lo stesso riflettere sull’opportunità dell’invito, aprendo il dibattito, si auspica costruttivo. Così come immagino sia legittimo dibattere sul valore dell’anno scolastico arrivato alla sua conclusione: manca solo l’ultima interrogazione sul campo del già bocciato Palermo. L’imperativo è tornare a casa con una vittoria che possa mandare agli annali un decimo posto, strettamente in linea con le aspettative a bocce ferme prima dell’inizio (era obiettivamente difficile migliorare l’ottavo posto di un anno prima, dopo le cessioni di Giovinco e Floccari), ma che avrebbe potuto esser migliorato alla luce di quanto mostrato nel girone d’andata e agli stenti della concorrenza. E’ proprio la classifica attuale a certificare la mediocrità del Parma, ben lontano dai modelli (indicati da Ghirardi) Udinese (onestamene irraggiungibile) e Catania, che si è preso perfino il lusso di scavalcare la moribonda Inter (inutilmente rianimata dal Parma crocerossino qualche settimana addietro): gli attuali 46 punti ci consentono, prima degli ultimi 90’, di esser davanti di due lunghezze sul Chievo (sì, il Chievo Verona, i Mussi Volanti) e sul Cagliari di Pulga (tra i Leoni di Wembley tornati al Tardini ieri c’era pure lui), e di tre sul Bologna di Pioli, il quale si è cavato la gioia di battere il Parma, squadra della sua città e del presidente che lo esonerò dopo appena due turni dal proprio insediamento. Gioia, per altro, ben dissimulata durante la conferenza di ieri quando aveva sottolineato come gli interessasse di più il riscatto del Bologna dopo le ultime due prestazioni indecorose che avevano preceduto il derby. Grande uomo, Pioli, soprattutto quando ha chiarito per l’ennesima volta – dopo domanda in merito del Saltimbanco Boni – che lui delle sirene di mercato se ne impipa, perché ha firmato un contratto col Bologna e lo vuole onorare perché quello è il suo progetto. Parole chiare, limpide, DSC07798Recoaro, per citare una réclame della mia gioventù. Del resto Carosello è tornato di moda… A proposito dell’attuale stagione ho letto, sempre su Settore Crociato, che ha avuto l’onore di assistere al “terzo tempo” o commistione tra il Vecchio e il Nuovo Parma nel ristorante interno al Centro Direzionale Parma FC di Collecchio (segnalo, nel frattempo che la guardiola posizionata da AB GLOBAL SERVICE è stata completata con i previsti cristalli anti-proiettile; era pronta fin da sabato, majo intervista a muraquando ho scattato le foto, ma poi, data l’ampia mole di servizi pubblicati tra Mangia come scrivi – a chi se l’è persa segnalo la mia video chiacchierata con Gianni Mura (disponibile cliccando sul presente collegamento ipertestuale) che aveva definito il Parma l’ultimo esempio positivo della provincia calcistica italiana –, il VDSC07797entennale di Wembley e la partita è finita nel dimenticatoio, ma a proposito dell’azienda di Luca Accorsi, partner green & snow del Parma FC, segnalo la Fiat 500 d’epoca giallo Parma (le foto sotto riportate sono state scattate da Franco Saccò, archimmagine) che ieri faceva bella mostra di sé nell’antistadio del Tardini per stimolare ulteriormente la sensibilità verso il Centenario), che Ghirardi, al di là dell’esser incazzato (loro lo hanno scritto edulcorando in un “arrabbiatissimo”) per il per la “battuta d’arresto mal digerita nel derby dell’Emilia”, ha espresso un “giudizio positivo sull’annata che si sta concludendo”, ricordando ai giocatori “l’importanza dell’ultima partita, a Palermo, per il decimo posto”. Che come direbbe Squirty-Criscitiello sono sghei o pepas che ballano, al di là del prestigio di star dalla parte sinistra della classifica. Sempre Archimmagine-002secondo il portale all’alba di una idea espressione di un gruppo della tifoseria organizzata, il Pres ha ribadito: “la rilevanza di due figure fondamentali per il nostro club, mister Roberto Donadoni e l’amministratore delegato Pietro Leonardi. E’ una fortuna avere le loro professionalità, per una società come la nostra, che ha un bacino d’utenza piccolo, rappresentando un territorio di trecentomila abitanti, di fronte alle nostre avversarie, anche di distretti provinciali più grandi, con introiti maggiori dai diritti televisivi per questo parametro. Archimmagine-001Seguiteli, seguiamoli, come abbiamo fatto finora”. Una volta Pallini, durante la premiazione di Vetrina Crociata, ribattezzò Pietro Leonardi come “il Preside”: ebbene, il Preside con gli scolari un po’ discoli, ieri sera non ha calcato la mano. Anzi, si è complimentato: “Nonostante la sconfitta odierna, volevo fare i complimenti ai nostri ragazzi e al nostro mister per il campionato che hanno sostenuto. Non era facile, quest’anno soprattutto, con i cambiamenti che ci sono stati in organico, con top player ceduti che hanno portato ricavi e giovani innesti su cui investire che erano scommesse, in un contesto generale di crisi economica, mantenere la Serie A con una tranquillità e una serenità come quella che ci avete dato, senza mai essere entrati nel vortice della zona retrocessione. Non è facile, in una piazza di una piccola provincia, rimanere a livelli medio alti costantemente per diverse stagioni. Noi ci stiamo riuscendo. L’obiettivo è consolidarsi. Siamo al decimo posto. Vogliamo finire il campionato in questa prestigiosa posizione per tanti motivi. Per il prestigio e per le risorse maggiori che entreranno. Forza ragazzi, c’è l’ultimo sforzo di domenica a Palermo”. Con i modelli Udinese e Catania distanti anni luce, se per caso si dovesse esser raggiunto o scavalcati perfino dal Chievo – di dimensioni ancor più minuscole e che certo della torta dei diritti tv non è che facciano più indigestione dei nostri – sarebbe un po’ umiliante. E’ vero che il Parma non è mai entrato nel vortice della zona retrocessione, ma l’impresa di salvarsi non può definirsi tale se si considera la scarsa qualità del torneo con iscritte delle penalizzate o squadre palesemente inadatte alla categoria. Pur andando contro gli interessi del Parma ci sarebbe da riflettere, in prospettiva, anche per ridare valore ad una serie A negli ultimi anni svilita, anche, secondo me per colpa della propria Confindustria assai poco lungimirante, sulla proposta di riduzione delle partecipanti, caldeggiata anche da Abete. Se tanto ci si lamenta per l’esiguità delle fette della torta (alias i diritti tv: occhio alla concorrenza delle leghe straniere che potrebbero un domani far sì che la Satellitare non serva più il dolce…) tanto varrebbe ridurre le bocche da sfamare, anche se ciò non basterebbe all’ideale più equa ripartizione desiderata dal GhiLeo. Certo il campionato che sta per passare agli archivi ha dimostrato come la necessità di una riforma sia ormai improcrastinabile. E’ vero che con 18 squadre sarebbe più alto il rischio di esser risucchiati dalle sabbie mobili, ma anche i singoli club, ove la competizione fosse maggiore, ne trarrebbero un maggiore giovamento in termini di interesse e partecipazione. Evitando gironi di ritorno deludenti e di pessima pubblicità per il movimento come quello colpevolmente interpretato dal Parma che ha contribuito ad un ulteriore allontanamento dagli stadi o generale disinnamoramento. Certo, il Sistema Parma non è che abbia ben risposto – anzi ! – al richiamo dei Leoni di Wembley ed è un dato che deve far riflettere su quanto realmente offra il nostro bacino. Lo zoccolo duro, più o meno eroso, è di 10.000 persone, e tale continua a confermarsi, indipendentemente dagli avversari o dagli eventi correlati. C’è un po’ di scollamento, non c’è più quella stupenda simbiosi di allora: altri tempi, certo, ma il rapporto con il territorio, (territorio particolare fin che si vuole, con tanti pregi e difetti, del resto come in ogni parte del mondo) forse, non sempre è stato coltivato nel modo migliore. E i frutti si vedono. Nei giorni scorsi, attraverso lo spazio commenti di stadiotardini.it, il nostro lettore Marcello aveva espresso le sue perplessità su questa iniziativa della memoria: “A mio parere si poteva giocare alle 15, come da programma, e pensare al Bologna, invece che ad un evento di 20 anni fa” (stessa riserva ribadita ed approfondita, nell’intervista esclusiva che ci ha concesso, dall’inviato di Radio Rai Giuseppe Bisantis). Marcello si interrogava: “Mini-tornei di bambini, cheerleaders, performers, coro di voci bianche, ma che c’entrano con Wembley? Il Parma è sicuro che queste cose interessino ai suoi tifosi abituali? Per quanto mi riguarda, no. Andrò allo stadio per la partita”. E, dando un’occhiata agli spalti, tra il momento del revival e l’inizio della partita, si direbbe che in tanti l’abbiano pensata come lui. “Forse – ha aggiunto Marcello –  non sarò troppo sentimentale, ma anche rivedere chi ha giocato a Wembley, adesso (20 anni dopo) non mi interessa. Wembley è nella mia memoria, come altre trasferte europee. Ricordi bellissimi, ok, ma nella memoria, senza bisogno di celebrazioni pubbliche, tradizionalmente estranee al mondo del calcio. Adesso inizieremo a celebrare periodicamente anche le altre coppe? E le promozioni no? Mi sembra questo mondo stia invecchiando, perso tra commemorazioni, musei e celebrazioni. A me interessa prevalentemente il presente, forse perché mi sento molto giovane :-) E nel presente vorrei tornare in Europa, o almeno vedere battere il Bologna domenica”. Opinione opinabile come capita ogni volta che si opina: io dico solo che senza passato non c’è futuro. E l’attuale società, prima, non mi pareva molto sensibile ai valori della storia, della sua storia: poi la è diventata grazie al lavoro ai fianchi di tanti –penso proprio a nostalgici e custodi delle tradizioni come Sandro Piovani o come Giuseppe Squarcia di Settore – anche se ora si tratta di fare un passo più in là ancora, perché non si può naufragare nel mare magnum del solo ricordo, ma costruire giorno per giorno una propria precisa identità, per riproporsi, magari, tra una ventina d’anni come modello per chi ci sarà. Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

One thought on “L’OPINIONE DI MAJO DOPO PARMA-BOLOGNA 0-2: “ERAVAMO DI PIU’ A WEMBLEY…”

  • 13 Maggio 2013 in 20:45
    Permalink

    Dico una cosa a difesa del pubblico di Parma (che potrebbe serenamente farne a meno): tutti sono in grado di riempire uno stadio per il Bayern, il Barcellona o il Real Madrid. È molto più complicato garantire sistematicamente diecimila spettatori anche a fronte di uno spettacolo mediocre come quello cui abbiamo assistito noi quest’anno. Parma è una gran bella piazza: e lo dico non per intercettare consensi o stupidaggini del genere. Il pubblico di Parma non lo cambierei con nessun’altro al mondo: di uno stadio che si riempie solo a comando e solo a certe condizioni, non so che farmene. Ci provassero le altre ad avere dieci undicimila spettatori fissi quando lo spettacolo che propongono è della stessa pasta di quello offerto quest’anno dal Parma.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI