SATELLITE GUBBIO / GLI UMBRI HANNO FRETTA, MA IL PARMA NICCHIA…

stadiotardini it parma sceglie ds e allenatore gubbio(gmajo) – L’affiliazione del Gubbio, candidata squadra satellite del Parma, non si è arenata, ma sta vivendo un momento di stallo. Secondo le indiscrezioni raccolte da  stadiotardini.it  nelle ultime ore, infatti, il club eugubino avrebbe fretta di chiudere l’accordo quanto prima, e cioè prima della assemblea dei soci in programma lunedì prossimo (anche perché c’è da iniziare a programmare la nuova stagione), mentre Leonardi starebbe temporeggiando non avendo la medesima fretta e pare avendo sul tavolo altre proposte di collaborazione di altre squadre della zona interessate ad entrare nell’orbita ducale (si fa il nome del Foligno, ma del Centro Italia piacerebbe anche la Sambenedettese, mentre nel Nord Italia sarebbe il Portogruaro ad essere in vantaggio su tutti, non si hanno elementi, invece, per la corriere dell umbria gubbiosquadra di riferimento nel Sud Italia). Non solo: anche le ultime richieste avanzate nel recente incontro che hanno avuto il Ds Giammarioli e il Plenipotenziario domenica (il Corriere dell’Umbria del 15 maggio, virgolettando proprio Giammarioli, ha parlato di “nuove argomentazioni sui giovani e sulla tutela della gestione inserite dal nostro club”), necessiterebbero di maggiore tempo per essere compiutamente vagliate dall’AD Crociato. Tempo, però, che la società eugubina non può permettersi di avere, ma che invece fa gioco a Leonardi, perché più ne passa e più ha la possibilità di plasmare l’eventuale accordo in maniera più conveniente per la società che amministra. Il “Giornale giornale-dellumbria-settembre-2012dell’Umbria”, che per primo aveva ventilato la possibilità della sinergia Parma-Gubbio, fin dal settembre scorso, mi è parso decisamente più cauto negli ultimi due articoli pubblicati sulla vicenda (persino, per la prima volta, ha paventato l’opzione della “fumata nera”), altro dettaglio che mi fa credere che la fine del tormentone non sarà immediata. Il bene informato giornalista Roberto Barbacci ha lasciato aperto diversi scenari, pur continuando a sostenere che l’accordo col Parma è per il Gubbio “una priorità bella e buona, probabilmente l’unica via per garantire un futuro lontano da preoccupazioni, specie di tipo economico”. Nel suo articolo del 14 maggio scrive: “Marco Fioriti (il presidente del Gubbio, nda) vorrebbe chiudere l’intesa già entro questo fine settimana, così da presentarsi lunedì prossimo all’assemblea dei soci con in mano il contratto firmato e un futuro garantito per il club lungo almeno tanto quanto la durata dell’accordo. In realtà le intenzioni del presidente rischiano di andare disattese, poiché da Parma hanno giornale umbria 14 maggio 2013cominciato a guardarsi intorno e nessuno sembra avere troppa fretta. Sulla scrivania dell’Ad emiliano Pietro Leonardi ci sono numerose proposte giunte più o meno da ogni parte d’Italia e vagliarle tutte con attenzione richiede tempo e pazienza. E’ questa la grande paura che attanaglia il club eugubino: dopo mesi di incontri e valutazioni, oggi più che mai c’è il rischio concreto che l’accordo non venga finalizzato. Scenario che Fioriti nemmeno osa immaginare”.

satellite gubbio tg teleducatoSe alla nostra latitudine il dibattito (basta dare un’occhiata ai commenti che sono stati postati dopo l’aggiornamento di ieri di Michele Angella nel  Tg di Teleducato) ferve sui dubbi della liceità di una operazione di questo tipo (regolarità dei campionati, plusvalenze, etc.), più a sud, invece, ci si domanda quanto sia giusto affidarsi in tutto e per tutto a un club maggiore, rinunziando alla propria identità (la collaborazione Parma-Gubbio è attiva da anni, al punto che negli ultimi tre sarebbero stati movimentati ben 26 calciatori, ma un conto è prestare qualche giocatore, e fare qualche scambio, come è stato giornale-dellumbria-nuovo-allenatore-scelto-con-il-Parma-7-maggio_thumbfino ad ora e un altro, invece, come paventato dal  Giornale dell’Umbria, mandare un’intera squadra e soprattutto scegliere direttore tecnico ed allenatore, prassi indubbiamente inedita e rivoluzionaria, che, appunto, non ha precedenti), pur nella consapevolezza che altrimenti non ci sarebbero i soldi necessari per proseguire. Fatto sta che nell’assemblea di lunedì è facile possano rassegnare le dimissioni i due attuali vice-presidenti (la cosa non sarebbe indolore, poiché sono coloro che garantiscono con le fidejussioni) Giancarlo Brugnoni e Sauro giornale umbria 15 maggio 2013Notari, i quali, peraltro, pare non siano favorevolissimi al proseguimento del rapporto con l’allenatore Andrea Sottil, peraltro legato con ulteriori 12 mesi di contratto. Tra le varie ipotesi formulate da Barbacci ci sarebbe quella (peraltro piuttosto improbabile, azzarderei perfino improponibile), in caso di conferma, del pagamento dell’ingaggio direttamente da parte del Parma. L’allenatore che, pur con qualche turbolenza, ha condotto alla salvezza il club umbro, avrebbe uno stipendio un po’ troppo alto, se non alla media della categoria, a quella che è l’attuale situazione finanziaria della società che lo ha a libro paga: si parla di circa 150.000 euro lordi, che salgono a circa 250.000 se si considera l’intero staff. La soluzione più indolore resterebbe la rescissione gdp-primo-maggioconsensuale. Ma a quali condizioni? E poi, se davvero il Parma dovesse controllare il Gubbio, che interesse avrebbe a mantenere Sottil alla guida tecnica, anziché mandare un proprio uomo? La precedente volta che mi ero occupato di questa vicenda – in Umbria se ne parla parecchio e da parecchio tempo, da noi, invece, a parte un trafiletto il primo maggio sulla Gazzetta di Parma, in cui si accennava all’ipotesi cantera, c’è una sorta di sordina – avevo ipotizzato quale possibile DSC03941allenatore Gigi Apolloni, dal momento che questi, già lo scorso anno, aveva avuto modo di guidarli per nove giornate, pur accompagnandoli, per altro senza colpe, avendo ereditato una situazione già compromessa, alla retrocessione. Io rimango dell’idea che, riciclato come “allenatore di fiducia del Parma”, il Rosso potrebbe tornare sul posto e cavarsi le soddisfazioni negate in passato (l’unica l’aver battuto il Sassuolo: fece in tutto 5 punti, frutto di quella vittoria e altri due pareggi in nove turni). Michele Angella di Teleducato, nel servizio di ieri, ha fatto altri nomi: quello di Fausto Pizzi, ad esempio, suggestiva ipotesi che è piaciuta a Daniele Longo di Parmalive.com, parma live ipotizza pizzi allenatore del gubbioche nelle ultime ore l’ha rilanciata. Pur riconoscendo la validità del teorema (Cristianone Lucarelli, che così bene ha fatto con gli Allievi Nazionali, potrebbe essere promosso, alla Primavera, con la possibilità di proseguire il proficuo lavoro svolto, prendendo il posto del Leone di Wembley che potrebbe cimentarsi su una panchina di adulti e non di post-adolescenti, pur puzzando di un promoveatur ut amoveatur) non so quanto effettivamente possa essere verosimile. Così come non mi convince la pista che ricondurrebbe all’ex tattico di  Mimmo Di Carlo  Luciano Foschi (spesse volte ospite del parterre di Calcio & luciano foschi foto stadiotardini itCalcio) pur avendo questi diversi trascorsi come allenatore in prima di Lega Pro anche in piazze con non pochi problemi economici (vedi la Reggiana). Oltre al nodo all’allenatore – di cui il Parma avrebbe il diritto di scelta, in caso di controllo diretto del Gubbio – rimane da sciogliere anche quello relativo al dirigente di fiducia piazzato da Leonardi che fungerebbe da direttore tecnico o sportivo. L’ipotesi più clamorosa avanzata nel suo ultimo pezzo da Barbacci  de Il Giornale dell’Umbria, è che possa persino restare il grande regista dell’operazione è cioè l’attuale ds Stefano Giammarioli (che ha già in passato collaborato col Plenipotenziario), il quale, fino a poche ora fa veniva dato per certo in partenza per Cremona, per ricongiungersi a Gigi Simoni. In calo, invece, sarebbero le chance di Giuliano Pesce pietro-leonardi-a-calcio-e-calcio (1)(ex Ternana che avrebbe già collaborato, a propria volta, sia pure indirettamente col Parma e con Leonardi), stazionarie quelle di Marco Valentini (lo scorso anno a un passo dal Perugia). Il nome su cui aveva puntato Angella,  nel suo pezzo per il TG di Teleducato di ieri, alias l’attuale coordinatore degli osservatori crociati  Pasquale Lanzillo, ex Fondi, al momento non trova conferma. Insomma, come chiosa Barbacci,è comunque abbastanza arduo azzardare oggi una previsione certa riguardo a quello che sarà l’assetto dell’area tecnica rossoblù”.

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

SATELLITE GUBBIO: NEL TG DI TELEDUCATO ANGELLA FA I NOMI DEI POSSIBILI DS E ALLENATORE SCELTI DAL PARMA (guarda il video)

IL PARMA SCEGLIERA’ DS E ALLENATORE DEL GUBBIO, CHE DIVENTERA’ LA “CANTERA” GIALLOBLU’

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

2 pensieri riguardo “SATELLITE GUBBIO / GLI UMBRI HANNO FRETTA, MA IL PARMA NICCHIA…

  • 17 Maggio 2013 in 01:10
    Permalink

    Nel Mezzogiorno la cantera del Parma potrebbe essere l’Arzanese, cui quest’anno sono stati dati in prestito Elia e Sandomenico. A proposito di Sandomenico, autore di dodici reti nel campionato di Seconda Divisione terminato domenica scorsa, va detto che lascerà l’Arzanese. L’annuncio lo ha dato lo stesso calciatore con un messaggio postato su facebook nei giorni scorsi. Pavarese, ex direttore sportivo di Napoli e Casertana, ha suggerito al Parma di mandare Sandomenico a giocare altrove. Magari sempre in Seconda Divisione, ma lontano dall’ambiente di casa, in cui è cresciuto. Secondo Pavarese il ragazzo è destinato a fare carriera.

    • 17 Maggio 2013 in 13:22
      Permalink

      Mio buon Columnist,

      non possiamo ritenere una “cantera” ogni qualsivoglia club di lega pro che abbia due, dico due, calciatori del Parma in prestito. Il progetto “gubbio” è ben più vasto ed articolato: si parla dell’invio di una intera rosa, con allenatore e referente tecnico scelti dalla casa base.

      Grazie, invece, per le ultime info su Sandomenico.

      Cordialmente

      Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI