“UBI MAJO” – TU COME LI VEDI? IL MAJOMETRO DEI CROCIATI PRIMA DI PALERMO-PARMA

ubi savarese(Luca Savarese) – Buona domenica e benvenuti all’appuntamento con il nostro Ubi Majo…Tu come li vedi? che ci porterà all’ultimo impegno stagionale, quello tra Palermo e Parma.

Gabriele, sembra ieri che ci accomodavamo davanti al nuovo campionato. Era sabato 25 agosto e portavamo allo Juventus Stadium tutte le nostre aspettative per la stagione che andava ad iniziare. Ci siamo tolti qualche sfizio, poi abbiamo dilapidato parecchio e vivacchiato molto. Oggi finiamo. Anche tu, come Gianni Mura, daresti al Parma un 6+?

majo“No. Al massimo, massimo, darei un 6-. E già fatico a salire al 5.5. Poi vedremo stasera l’ultimo atto, ché se ci superasse pure il Chievo sarebbe davvero una iattura… E’ vero che diventava difficile migliorarsi (pur essendo quello quanto inizialmente proclamato come obiettivo, altro che la stracitata salvezza…) nel primo anno del post Giovinco, ma in un campionato mediocre come il presente, con il calo di alcune storiche grandi, era doveroso provarci, specie dopo che ci eravamo fatti la bocca con lo strabiliante (più nei risultati che nel gioco, in verità) girone d’andata. Poi il calo del ritorno, secondo me, non ha solo cause fisiologiche, ma pure qualche peccato originale, che in questa sede non vorrei ulteriormente rimarcare per non diventare antico, visto che ne ho già scritto parecchio”.

Oggi affrontiamo il Palermo che sette giorni fa è andato ufficialmente in B, ma che già era malato da tempo. Zamparini alcuni anni fa azzeccava scelte come puntare sulla guida tecnica di Guidolin per riportare i rosanero in A. Bei campionati, calibri medio-alti, poi però una smaniosa corsa ad un continuo e quasi patologico stravolgere che li ha portati a stupire si, ma in negativo. Cosa pensi a riguardo?

“Fatico ad abbinare a Zamparini il lessema ‘progetto’, e del resto il tira molla con Guidolin lo testimonia. Certo è grazie a lui se il glorioso, ma decaduto, club siciliano era potuto risorgere dopo l’inferno delle serie inferiori. Indubbiamente, però, sull’attuale declassamento pesano anche sue responsabilità dirette, perché, come si suol dire, il pesce puzza dalla testa. Al contrario di chi reputa la retrocessione una iattura che influisce negativamente per diversi esercizi sui conti economici, l’Araba Fenice Zampa, invece, pare sostenga che ogni tanto ripartire dalle proprie ceneri possa anche fare bene… Chissà, magari riesce a partorire un progetto…”.

Barbera e champagne cantava Gaber. Al Renzo Barbera i prossimi mesi non vedranno più lo champagne della massima serie. Però di sera contro di noi hanno spesso brindato loro. Oltre all’amichevole pre-campionato della scorsa estate, quando fummo travolti per 4-1, ci fu un mercoledì sera infrasettimanale, proprio al Barbera, quando nel gennaio 2006, il Parma di Mario Beretta, perse 4-2 in terra palermitana by night. Un tuo ricordo?

“Non è che abbia ricordi vividissimi di quella sera: altre trasferte siciliane, per motivi personali, mi rimasero di più impresse, tipo quella dello scazzo con Di Carlo (di cui già vi parlai tempo fa), o quella di una nostra vittoria sonora ai danni di Guidolin, una delle poche imprese che riuscii a vivere da bordo campo (ero eccezionalmente piazzato in zona fotografi dietro la curva) del resto come l’epico 3-3 di Via Del Mare, quella delle ammonizioni scientifiche di De Santis, oppure, ancora, un Palermo Parma di Coppa Italia di inizio anni ‘90, con il mio debutto da radiocronista integrale unico, cioè senza l’abituale supporto di Gianni Barone con il quale solevo confezionare la diretta a due voci, distintiva dei nostri radioservizi. Fu una diretta, quella, che mi causò non pochi problemi, poiché, senza eccessivi peli sulla lingua, avevo criticato la prova scialba dei nostri portacolori: ricordo che, al ritorno, audio cassetta alla mano, venni invitato ad ascoltare, da personale del club, il commento più accomodante di un collega… Quella notte, tra l’altro, ricordo che stetti male: attribuii il malessere a delle sarde a beccafico consumata in un ristorante vicino all’albergo che ci ospitava (eccezionalmente mi aveva accompagnato in quel viaggio niente di meno che l’editore Marco Gabbi): l’anno successivo il Parma venne di nuovo sorteggiato col Palermo e, nonostante l’indigestione dell’anno prima (sempre ammesso che si trattasse di indigestione, comunque fu un portentoso Voltaren a rimettermi in piedi) era mia intenzione confermare sia la portata che il ristorante. Quando al taxista chiesi di accompagnarci lì, questi iniziò a fare melina (degna di Verona-Empoli di ieri o peggio di Torino-Genoa) tergiversando e suggerendo altri locali. Solo dopo aver insistito a lungo riuscii ad estorcergli la notizia che quel simpatico ristoratore (l’anno prima indossava un costume tipico locale) aveva avuto dei problemi. E cioè, fuori di metafora, era stato assassinato… Sapete bene che, come diceva l’avvocato di Johnny Stecchino, in Sicilia ci sono tre piaghe, il traffico, l’Etna e la siccità… Ma torno alla tua domanda iniziale: di quello specifico Palermo Parma con allenatore Beretta, ricordo la vocazione crocerossina dei nostri che riuscirono a rianimare i siciliani di Del Neri, che tornarono al successo interno dopo che nelle ultime quattro gare avevano raccolto la miseria di un punto. E dire che avevamo chiuso il primo tempo in vantaggio per 2-1: ma le gare durano 90’, e più, e non basta accontentarsi solo di una porzione (come ho spesso ribadito in questa annata all’indirizzo dei donadoniani, che hanno il medesimo vizio. Corsi e ricorsi…”

Visto che siamo all’ultimo giorno di scuola, chi tra gli scolari di mister Donadoni, porta a casa la pagella migliore?

“La mia è una valutazione strettamente personale legata anche alle aspettative: per esempio Amauri e Marchionni hanno fatto decisamente meglio di quanto mi aspettassi, per cui superano il 7. Lo stesso dicasi per Sansone, che all’inizio non figurava neppure tra le scommesse stagionali (gran parte delle quali sono andate perse, vedi Pabon, Ninis, e per certi versi Belfodil. Sugli scudi, of course, anche Paletta. Sufficienza abbastanza larga, nonostante gli errori iniziali, al suo partner Paletta. Insufficiente anche Valdes (benché personalmente non avessi chissà quali aspettative, non avendo smaniato per lui un anno fa). Sufficiente per il rotto della cuffia Parolo, alle volte, però, criticato troppo per i reali demeriti. Lo stesso dicasi per Mirante, anche se mi è parso un po’ troppo buono con lui il buon Bucci, secondo il quale avrebbe sbagliato solo un paio di partite. Comunque il pagellone lo farà Calcio & Calcio domani sera, quindi di anticipazioni ve ne ho già date anche troppe…”

Buona partita e buone ultime emozioni. LUbi Majo… vero e proprio tornerà per la prima del nuovo campionato, quello del Centenario, ma, per questi mesi vacanzieri, stiamo già pensando ad un degno sostituto. Vi stupiremo, nell’attesa, però, speriamo che sia il Parma a farlo tra poco in terra palermitana… Luca Savarese

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI